Hiba Elgizouli – Rival il Sudan attraverso lo sguardo artistico di Hiba e delle sorelle Mai e Sally

Rival è un progetto musicale realizzato a costo zero, dove hanno collaborato le sorelle di Hiba, Mai Elgizouli: regista/direttore della fotografia/produttrice e Sally Elgizouli: Costume Designer con l’aiuto di giovani creativi sudanesi e filmaker.

Il progetto Rival nasce dalla volontà di  affrontare molte questioni come la cultura sudanese, i colori, l’estetica, la bellezza naturale, l’arte contemporanea che è ispirata alla cultura sudanese, i costumi tradizionali sudanesi, l’identità nazionale in Sudan e il potere delle donne.
L’intenzione inoltre è anche quella di ispirare i giovani della comunità e del Paese ad essere più fiduciosi,  seguire i propri sogni e credere in se stessi.
Il motivo per il quale è stato creato il videoclip  a costo zero è per attrarre l’attenzione delle case discografiche e delle case di produzione, per far sapere al mondo che Hiba con le sue sorelle sono pronte a portare avanti un serio progetto musicale e realizzare un Album.

Hiba Elgizouli è una cantautrice, pianista e performer,  con sede a Khartoum -Sudan.  Hiba ha sempre amato miscelare la sua musica con diversi ritmi tradizionali sudanesi provenienti da varie parti del Sudan, ama scrivere canzoni e trasformare i suoi pensieri e idee in musica dall’età di 9 anni.
All’età di 22 anni ha ricevuto dei premi come migliore cantautrice, migliore cantante e migliore interprete.
Dai 17 ai 22 anni si è esibita in molti grandi eventi in Sudan ha partecipato in programmi televisivi internazionali come “Arabs Got Talent” e “Shabab Talk”.

Hiba è anche una delle fondatrici della band Salute Yal Bannoot e componente della Ahfad University Orchestra.  Inoltre, per realizzare i progetti artistici collabora con altri giovani artisti come fotografi, operatori video, produttori e musicisti. FacebookInstagramsoundcloud



-”Hands Of The Above” è il titolo di una canzone che ho scritto nel febbraio 2017 per il libro ”An Olympic Dream – The Story Of  Samia Yusuf Omar” Di Reinhard Kleist, una giovane atleta ambiziosa e piena di sogni, Samia voleva diventare una velocista professionista . Ha ottenuto l’ultimo posto alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, il libro ”An Olympic Dream”  segue il secondo tentativo di Samia di rappresentare la sua nazione la Somalia alle Olimpiadi di Londra, il suo passaggio attraverso il Sudan e la Libia è stato molto duro e purtroppo è morta tentando di attraversare il Mediterraneo per l’ Europa.
(Wiki link) Samia era ed è un’ eroina,  mi sono ispirata al libro per scrivere questa canzone e nel testo mi chiedo come il sacrificio che ha fatto non porterà mai a nulla”

”Grazie a Goethe Institute Sudan per l’opportunità.
Video di Abdelsalam Alhaj.”

 

Per Blastingnews 

 

Ti piace la canzone?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.