Interviste Italia Musica Yolande D

FABIO MILELLA – intervista sul nuovo album ”In bilico sulle nostre emozioni”

Fabio Milella nasce il 5 settembre 1978 a Bari. Già da piccolissimo mostra una particolare passione per il canto e la musica: a 9 anni, infatti, comincia a suonare il pianoforte studiando le composizioni classiche, che abbandona presto per dedicarsi alla musica leggera e al canto. Frequenta il Liceo Classico “Socrate” di Bari e, ispirato e influenzato dagli studi umanistici, inizia a scrivere musica e testi all’età di 14 anni.

Chi fa da sé fa per treè il suo primo disco di inediti uscito a maggio 2011 e anticipato dal singolo “Dispetto”, che ottiene un buon riscontro radiofonico. Nel 2012 esce il suo secondo album “ElettrOttanta”, che ripropone in chiave elettronica i grandi successi degli anni ’80 e che il cantautore presenta lo stesso anno al pubblico sul palco dell’Alcatraz di Milano.

Dopo sette anni Fabio Milella torna con il suo nuovo album di inediti “In bilico sulle nostre emozioni”, una produzione indipendente che vede la direzione artistica di Tommaso De Vito Francesco.

Hai pubblicato l’album “In bilico sulle nostre emozioni” dopo una pausa di sette anni, i brani raccontano questi anni fuori dalle scene musicali?

i brani raccontano soprattutto gli anni poco prima della pausa e comunque dentro ci sono una serie di ricordi indelebili che mi porterò dietro a vita, ogni tanto fa bene pescare nel mare dei ricordi, specie se devi scrivere una canzone

Quale è stata l’esigenza principale che ti ha portato a comporre nuove canzoni?

il bisogno di scrivere brani per me è continuo, lo faccio ogni giorno nella mia mente, nel mio cuore, sui miei fogli bianchi. mi piace stare molto con me stesso e rifletto e medito tanto e questo mi porta a riflettere e guadare e interrogarmi tanto, motivo per cui poi scrivo anche tanto

Alcuni brani del cd come ‘’In bilico sulle nostre emozioni’’, ‘’Amico Caro’’ sono autobiografici?

sono praticamente quasi tutti autobiografici, certo mi sono permesso di mescolare anche la verità con la fantasia, anche se alle volte il confine è talmente sottile che sembra non esistere

La composizione musicale si ispira al classico cantautorato italiano, ma con elementi strumentali che danno maggiore carica emotiva alle canzoni. Come hai progettato le sonorità dell’album?

il progetto è nato dall’incontro con il direttore artistico dell’album il maestro Tommaso de Vito Francesco con il quale abbiamo una sintonia pazzesca sulla musica. abbiamo deciso insieme di unire le forze e di produrre un album indipendente con sonorità e colori veri, tutto suonato con strumenti veri e poco compresso in studio proprio a fronte di lasciare invariate le dinamiche di strumenti come il violoncello suonato dalla bravissima Paola De Candia e dell’oboe.

Quale primo estratto del cd sceglieresti come colonna sonora di questa estate?

Ti ho mentito per anni”, che uscirà anche come singolo.

https://www.instagram.com/fabiomilella/
https://www.facebook.com/fabiomilella.official