Comunicati stampa Eventi Culturali Musica Svizzera

EBU TECNOLOGY & INNOVATION – l’industria dei media è la chiave della sovranità digitale europea

Le organizzazioni europee dei media di servizio pubblico sono pronte ad assumere un ruolo più forte di leadership nel tentativo di rafforzare la sovranità digitale in Europa – questo è stato uno dei temi chiave dell’evento “Accelerare l’innovazione dei media europei”, 8 ottobre a Bruxelles, una conferenza congiunta co -organizzato dal consorzio MediaRoad e dall’EBU.

Il settore dei media svolge un ruolo centrale nel rendere l’Europa adatta all’era digitale“, ha affermato Antonio Arcidiacono, direttore della tecnologia e dell’innovazione dell’EBU, nel suo keynote a un pubblico di legislatori dell’UE, membri dell’EBU e relatori di alto livello tra cui l’attuale UE Commissario per l’economia e la società digitali Mariya Gabriel.

L’EBU sta promuovendo un ambiente di innovazione più vivace e collaborativo attraverso programmi come MediaRoad. All’evento a Bruxelles, le parti interessate del consorzio hanno riassunto un impressionante elenco di attività completate durante il biennio del progetto, con Hans Hoffmann, capo dell’unità EBU su Fondamenti dei media e tecnologia di produzione, e Nicola Frank, capo degli affari europei, che presenta nove ” Raccomandazioni per l’innovazione accelerata dei media ” per gli anni a venire.

Uno sforzo collettivo per innovare sarebbe necessario per mantenere un ambiente mediatico sano e sostenere la competitività delle offerte di media europee, ha affermato Arcidiacono. “Abbiamo bisogno di una maggiore attenzione al settore dei media in programmi pertinenti come Horizon Europe e di proseguire i lavori sui quadri normativi per garantire, ad esempio, un ambiente di piattaforma online equo e trasparente“.


LEVERAGING DELL’INNOVAZIONE CON I PARTENARIATI 

MediaRoad è un consorzio di istituti di ricerca (EPFL, IMEC, IRT, RAI CRIT e BBC R&D), produttori indipendenti (CEPI), radio commerciali (AER) e organizzazioni dei media di servizio pubblico. Durante il suo mandato di due anni, il progetto ha creato e collegato 18 acceleratori di innovazione dei media, ridimensionando il programma originale “Sandbox” dell’emittente pubblica fiamminga VRT localizzate in tutta Europa.

Nicola Frank, responsabile degli affari europei dell’EBU, ha dichiarato: “Siamo lontani dalla fine della strada. Sulla base dei risultati e delle lezioni apprese in MediaRoad, abbiamo bisogno di un lavoro continuo per colmare il divario tra tecnologia, innovazione e attori creativi. L’elaborazione intelligente delle politiche dell’UE deve supportare il nostro impegno.

Ospitato nell’ufficio dell’EBU a Bruxelles, MediaRoad ha creato una rete di oltre 50 soggetti interessati ai media, ha organizzato 20 conferenze e seminari tematici e ha sviluppato due documenti di visione sul ” Futuro dell’innovazione dei media ” e sul ” Tecnologie emergenti e future per il settore dei media “. Il progetto, che ha ricevuto finanziamenti dal programma UE Orizzonte 2020, sta sostenendo il proseguimento dei suoi lavori per promuovere l’innovazione europea dei media con le “Raccomandazioni per l’innovazione accelerata dei media”.


CATALIZZARE L’INNOVAZIONE CON GLI SVILUPPI CHIAVE

EBU T&I ha anche presentato una serie di progetti tecnologici che esemplificano sia la necessità di innovazione tecnologica specifica per i media sia il potere della collaborazione:
Next Generation Audio (NGA) per esperienze migliori, servizi di accesso e mobilità dei contenuti; EuroVOX, una piattaforma europea per la gestione delle lingue; UHDTV, uno sforzo collaborativo per specifiche armonizzate per garantire che le TV dei consumatori siano compatibili con i contenuti multimediali futuri di alta qualità; e il 5G Media Action Group (5G-MAG), una nuova organizzazione aperta a tutti gli attori progettata per consentire all’industria dei media di avere la propria voce nel dibattito sul 5G.

I contenuti interessanti non possono raggiungere un pubblico interessato se non sono supportati da infrastrutture innovative e tecnologie correlate“, ha affermato Arcidiacono.

fonte https://tech.ebu.ch

breve nota Horizon Europe: La proposta della Commissione per Orizzonte Europa è un ambizioso programma di ricerca e innovazione da 100 miliardi di euro per il successo di Orizzonte 2020.
Horizon Europe sosterrà i partenariati europei con i paesi dell’UE, nel settore privato, le fondazioni e altre parti interessate. L’obiettivo è quello di far fronte alle sfide globali e alla modernizzazione industriale attraverso sforzi concertati di ricerca e innovazione.
La proposta di Horizon Europe stabilisce le condizioni e i principi per l’istituzione di partenariati europei. Partenariati europei co-programmati, Partenariati europei cofinanziati mediante un’azione cofinanziata dal programma,Partenariati europei istituzionalizzati
Coprirà inoltre l’ampliamento della partecipazione e il rafforzamento dello spazio europeo della ricerca nell’ambito del programma, nonché le attività pertinenti in altri pilastri.

fonte ec.europa.eu/info/horizon-europe-next-research-and-innovation-framework-programme_en

nota EBU L’Unione europea di radiodiffusione (EBU) è la principale alleanza mondiale di media di servizio pubblico (PSM). Abbiamo 116 organizzazioni membri in 56 paesi e altri 34 associati in Asia, Africa, Australasia e nelle Americhe. I nostri membri gestiscono oltre 2.000 canali e servizi televisivi, radiofonici e online e offrono una vasta gamma di contenuti su altre piattaforme. Insieme raggiungono un pubblico di oltre un miliardo di persone in tutto il mondo, trasmettendo in oltre 160 lingue. L’EBU gestisce i servizi Eurovision ed Euroradio.
fonte https://www.ebu.ch

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: