ESNS Eurosonic Noorderslag Festival Musicali Music Moves Europe Talent Awards Musica Polonia

Perfect Son – è il nuovo progetto musicale del cantante e produttore polacco Tobiasz Bilinski, CAST è il nuovo album che porterà al Music Moves Europe Talent Awards 2020

Perfect Son
è il nuovo progetto musicale del
cantante e produttore polacco Tobiasz Bilinski,
CAST
è il nuovo album che porterà al
Music Moves Europe Talent Awards 2020

Videoclip Promises di Perfect Son

Bilinski aveva bisogno di un un nuovo progetto ed è nato Perfect Son.
Il suo pop radioso e non complesso viene trasmesso in dieci hit perfette nel suo LP CAST.

Il suo album di debutto è stato pubblicato da Sub Pop Records a febbraio 2019. Perfect Son è il primo artista polacco di Sub Pop, il risultato di un ampio interesse per il lavoro di Bilinski e la stessa Polonia dopo che il co-fondatore dell’etichetta Jonathan Poneman ha visto Bilinski esibirsi a South by Southwest come Coldair .

link piattaforme stream http://smarturl.it/PerfectSon-Cast

Biografia, proprio mentre il cantante e produttore polacco Tobiasz Biliński ha iniziato ad avere successo attraverso l’elettropop come Coldair, sapeva che era tempo di un cambiamento radicale.
Le canzoni di The Provider, il secondo album molto lodato dei Coldair, erano state una sorta di esorcismo. Ricco di canzoni su morte precoce, delusione cronica e menti annebbiate, il disco era, come dice ora, il suo più fervido tentativo di “togliere tutta questa vecchia merda“.
Quella missione compiuta, aveva bisogno di qualcosa di nuovo, un riavvio: il pop spudoratamente radioso e complesso di Perfect Son, realizzato in 10 shot perfetti al debutto in Sub Pop di Biliński, Cast.

In passato, la musica di Biliński ha flirtato ed esplorato l’oscurità, prima in una sorta di mostro popolare transatlantico e poi con le rifrazioni gotiche di Coldair. Ma in Cast, Perfect Son entra audacemente nella luce senza perdere peso emotivo o profondità. Con una produzione potente e ampia che ricorda i migliori ritmi pop di Matthew Dear e arcuando melodie che evocano la maestosità di Jonathan Meiburg, Perfect Son anima sensazioni di lussuria, appartenenza e nuova fiducia con arrangiamenti elettronici tumultuanti che minacciano la sicurezza di qualsiasi sistema audio.

Sull’apertura Reel Me, il suo morbido falsetto fluttua attraverso un impulso simile a Steve Reich e sopra una chitarra minacciosa, mentre descrive il sentimento di un’anima persa nel deserto e dubitando della sua stessa umanità. Ma la batteria e il basso lo svegliano, dandogli un senso di vitalità e appartenenza: “I’m finally aware“, confessa, gli occhi illuminati. “And fearing things”. Durante il fragoroso “It’s For Life”, Biliński avvolge la sua voce in un mondo di enormi tamburi, pianoforte martellato e bassi spenti. It’s all right/It’s for life, offre la cantante appena sposata nel coro istantaneo.

Biliński non rinuncia alle cose più pesanti qui. Gli ossessionati Old Desirescombattono demoni latenti, colonna sonora di ululanti sintetizzatori e armonie che sembrano sospesi in lontananza come fantasmi. Il radicale “Almost Mine” è una candida confessione di dolore e un sincero riconoscimento che, un giorno, anche le relazioni che ci danno forza e scopo si sgretoleranno. Biliński canta di cadute in tutto il Cast ma anche di riprendersi, di insistere nonostante o forse a causa dei lividi. Al contempo, viene sollevato dalla musica che sembra spudoratamente motivazionale, costruita per ricordarci che si spera che i tempi migliori vengano.

Perfect Son, va detto, è il primo artista polacco di Sub Pop, il risultato di un ampio interesse per il lavoro di Biliński e il paese stesso dal co-fondatore dell’etichetta Jonathan Poneman.
Diversi anni fa, Biliński fece domanda per suonare a South by Southwest con la sua prima band Kyst, e un amico lo collegò con un polacco nativo che accettò di fargli vedere Austin. La guida si rivelò essere l’ex giornalista radiofonica polacca Lenka Panak, che convinse Poneman a vedere la band. Fu impressionato, alla fine firmano il progetto Coldair di Biliński a un accordo di pubblicazione. “L’ho infastidito per rilasciare costantemente le mie cose“, ammette Biliński con una risata. “E immagino che ammirasse la mia insistenza.”

Quando CAST era finalmente finito, Poneman non aveva più bisogno di essere convinto. Queste canzoni, dopo tutto, sono magnetiche, con le armonie di ricerca e la batteria profonda di “Promesse” e la complessità ritmica e i sintetizzatori seriali di “Cera” che ti avvicinano al primo ascolto e ti tengono lì per il prossimo futuro. Queste canzoni e questa storia parlano del potere della perseveranza umana e della reinvenzione deliberata, del sapere che puoi confrontarti e venire a patti con gli angeli più oscuri del tuo essere. CAST è una testimonianza delle possibilità del futuro, brillantemente mascherato da 10 inni pop grandiosi .

contatti social
Facebook www.facebook.com/perfectsonmusic/
Instagram www.instagram.com/perfectsonmusic/

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: