Concerti Italia Musica Sinfonica notizie del giorno su musica est Opera Lirica Variety

Domenica all’opera Le donne di Donizetti – LUCREZIA BORGIA. Rassegna delle maggiori opere liriche nel mese in cui ricorre la Giornata internazionale della donna su RAI5

Domenica all’opera
Le donne di Donizetti

LUCREZIA BORGIA, LUCIA DI LAMMERMOORE, MARIA STUARDA,
”LA FAVORITA” LEONOR DE GUZMÁN,
MARIE ”LA FIGLIA DEL REGGIMENTO

Sono tante le eroine che popolano le opere di Gaetano Donizetti.
Una lunga galleria di personaggi femminili, spesso infelici e tormentati, considerati centrali nel teatro del compositore.

Nel mese in cui ricorre la Giornata internazionale della donna, a Donizetti e alle sue eroine Rai Cultura dedica un ciclo di appuntamenti in onda ogni domenica di marzo alle 10.00 su Rai5.

Si comincia domenica 1 marzo con “Lucrezia Borgia”, proposta nell’edizione andata in scena al Teatro degli Arcimboldi nel 2002 con la regia di Hugo de Ana, che curò anche scene e costumi, e la direzione musicale di Renato Palumbo. Al centro dello spettacolo dalle atmosfere gotiche, la vicenda di Lucrezia Borgia e del suo amore materno maledetto. Nei panni della protagonista Mariella Devia, affiancata da Marcelo Álvarez che interpreta Gennaro. Daniela Barcellona è Maffio Orsini, mentre Michele Pertusi è Alfonso, Duca di Ferrara. Regia televisiva di Carlo Battistoni. 

Nelle domeniche successive, saranno proposti il grand-opéra “La favorite” messo in scena nel 2016 al Teatro La Fenice con Veronica Simeoni nel ruolo della protagonista Leonor de Guzmán (in onda domenica 8 marzo, giorno della ricorrenza);  la “Lucia di Lammermoor” firmata da Graham Vick nel 2003 per il Teatro Carlo Felice di Genova, con Stefania Bonfadelli nel ruolo del titolo (domenica 15 marzo); la “Maria Stuarda” diretta da Pier Luigi Pizzi nel 2008 al Teatro alla Scala con le voci di Anna Caterina Antonacci e Mariella Devia (domenica 22 marzo). L’omaggio a Donizetti e alle sue eroine si concluderà domenica 29 marzo con “La figlia del reggimento”, nella versione messa in scena nel 2008 al Teatro Carlo Felice di Genova con la voce di Patrizia Ciofi.