Comunicati stampa Eurovision song contest Svizzera Variety

EBU – I giganti digitali globali come Google, Amazon e Facebook stanno diventando sempre più “powerful gatekeepers”. E’ tempo di sostenere i media europei

EBU

È TEMPO DI SOSTENERE IL SETTORE DEI MEDIA EUROPEI, AFFERMANO LE EMITTENTI DI SERVIZIO PUBBLICO

I giganti digitali globali come Google, Amazon e Facebook stanno diventando sempre più “powerful gatekeepers” (guardiani/controllori)
per ciò che guardiamo e ascoltiamo.
Senza una maggiore trasparenza e responsabilità per le piattaforme, rischiamo di vedere minati i valori fondamentali dell’Europa come la democrazia e la diversità culturale, avverte il capo dell’alleanza europea dei media di servizio pubblico.

Sono necessarie azioni concertate per rafforzare il settore dei media in Europa e garantire che le persone possano trovare e accedere a “informazioni e programmazione affidabili e di alta qualità” quando accendono i loro televisori o si collegano online”, afferma Noel Curran, direttore generale dell’EBU .

Ha commentato in occasione del 70 ° anniversario dell’EBU, afferma che un ambiente di piattaforme equo e trasparente è fondamentale per consentire alle emittenti di servizio pubblico di continuare a innovare e migliorare ciò che offrono al loro pubblico.

Dato che gli algoritmi delle centrali elettriche della Silicon Valley diventano curatori sempre più dominanti di ciò che il pubblico europeo consuma, specialmente per gli spettatori più giovani, stiamo trovando sempre più difficile rendere i nostri contenuti visibili al nostro pubblico“, scrive.

I media di servizio pubblico stanno investendo molto per garantire che le persone possano vedere i loro contenuti quando accendono i loro schermi e stanno sviluppando alternative digitali alle società statunitensi. Ma le piattaforme statunitensi stanno diventando sempre più potenti controllori di ciò che guardiamo, promuovendo i loro programmi e quelli dei loro partner commerciali“.

Sottolinea come l’assalto della disinformazione stia erodendo la fiducia nella democrazia* e aumenti ulteriormente la necessità di servizi pubblici di alta qualità. ( *Nel 2018, l’83% degli europei ha identificato la disinformazione online come un pericolo per la democrazia – EuroBarometer)

I media di servizio pubblico sono spesso i luoghi in cui le persone si rivolgono per prime a notizie attendibili, accurate e imparziali sul mondo che li circonda, in patria e all’estero“, afferma.È qui che i genitori si sentono a proprio agio a lasciare i propri figli, sicuri nella consapevolezza che non saranno esposti a contenuti dannosi“.

Aggiunge: “E in un mondo sempre più atomizzato, dove la solitudine sta raggiungendo proporzioni epidemiche, la programmazione del servizio pubblico crea momenti di visualizzazioni di programmi che riuniscono le nazioni e provocano conversazioni nazionali, come Blue Planet, le partite di calcio della Coppa del Mondo e l’Eurovision Song Contest evento unico, collaborativo e gioioso che solo le emittenti dei servizi pubblici avrebbero potuto creare.

Noel ha invitato chi è preposto a fare delle regole a difendere il settore dei media europei e l’enorme contributo che dà alle democrazie nazionali e all’identità culturale.

Abbiamo una reale opportunità per garantire che siano messe in atto politiche digitali europee audaci per rafforzare il settore dei media per i prossimi 70 anni“, ha affermato.

L’EBU rappresenta 116 organizzazioni mediatiche in 56 paesi in Europa, Nord Africa e Medio Oriente. Insieme investono quasi 20 miliardi di euro nella creazione di contenuti distintivi che “forniscono un servizio pubblico anziché limitarsi a inseguire rating (percentuali di visite durante un programma)”, raggiungendo un pubblico di oltre un miliardo di persone in tutto il mondo e trasmettendo in oltre 160 lingue.

L’EBU gestisce i servizi Eurovision ed Euroradio. Per l’Italia fa parte la RAI
Foto di copertina: Parabola satellitare presso la sede della EBU a Ginevra, Svizzera.