Eventi Culturali Italia notizie del giorno su musica est Svizzera Variety

EBU Unione europea di radiodiffusione e l’Università di Pisa hanno concordato di collaborare allo sviluppo di sistemi software come il progetto EuroVOX.

L’Unione europea di radiodiffusione (EBU) e l’Università di Pisa hanno concordato di collaborare allo sviluppo di sistemi software come il progetto EuroVOX, una piattaforma aperta progettata per rendere i contenuti accessibili in tutte le lingue europee.

da sinistra: Rai Chief Technology Officer Stefano Ciccotti, University of Pisa Rector Paolo Mancarella, EBU Director of Technology & Innovation Antonio Arcidiacono, University of Pisa Vice-Rector for Information Technology Paolo Ferragina

La collaborazione è stata annunciata dal direttore della tecnologia e dell’innovazione EBU Antonio Arcidiacono, dal rettore dell’Università degli Studi di Pisa Paolo Mancarella, dal vice-rettore per le tecnologie dell’informazione Paolo Ferragina e dal direttore generale della Tecnologia Rai Stefano Ciccotti, presso il rettorato dell’Università di Pisa.

Il progetto EuroVOX mira a fornire la tecnologia abilitante per uno spazio digitale europeo progettato per ridurre i confini delle lingue. Tale spazio consentirebbe ai cittadini europei di attingere più liberamente a punti di vista e informazioni provenienti da tutte le lingue e culture della regione.

La collaborazione tra l’UER e l’Università di Pisa è anche alla base di un modello di collaborazione che invita le parti interessate di tutti i settori, background e fasce di età a contribuire a una visione comune

Vogliamo creare un nuovo modello di riferimento per l’innovazione di nuove idee e tecnologie in Europa”, ha affermato Antonio Arcidiacono. “Vogliamo mobilitare i migliori cervelli e creare opportunità nei loro paesi di origine, insieme alle loro università, con obiettivi concreti e in prossimità del settore. Ciò andrà a beneficio di tutte le parti, contrastando l’emigrazione di competenze altrove, costruendo la base di competenze europea in settori cruciali come l’intelligenza artificiale e la scienza dei dati e sosterrà la sovranità digitale dell’Europa. “

L’Università di Pisa contribuirà con gli algoritmi di intelligenza artificiale e le tecniche di scienza dei dati a EuroVOX e altri progetti attraverso un programma integrato sviluppato congiuntamente con l’EBU
Nell’ambito del programma, tre borse di ricerca biennali saranno assegnate ai giovani scienziati dell’Università di Pisa. I candidati selezionati lavoreranno in stretto coordinamento con il dipartimento di tecnologia e innovazione dell’EBU e svolgeranno periodici stage presso la sede dell’EBU a Ginevra.

L’importanza di questo progetto è immensa”, ha affermato il rettore dell’Università degli Studi di Pisa Paolo Mancarella. “La diversità linguistica è un patrimonio da proteggere, ma anche una barriera che limita l’accesso a notizie e informazioni. Far parte del gruppo di lavoro che porterà a il suo superamento è un grande onore per la nostra Università e un riconoscimento della nostra eccellenza, a livello internazionale, nella nostra ricerca sugli algoritmi e l’intelligenza artificiale applicata ai testi e all’elaborazione del linguaggio “.

“Le popolari piattaforme digitali di oggi sono spesso commerciali e basate al di fuori dell’Europa, e le loro scelte algoritmiche per raccomandazioni e personalizzazioni possono essere piuttosto opache e guidate dal mercato”, ha affermato il professor Paolo Ferragina dell’Università di Pisa. “I nuovi strumenti europei possono affrontare questo problema e aiutare ad aprire la vasta ricchezza e il patrimonio culturale della regione agli utenti di tutta Europa e oltre.”

Stefano Ciccotti, Chief Technical Officer dell’emittente pubblica italiana RAI, ha appoggiato la nuova collaborazione e ha sottolineato il ruolo dei media di servizio pubblico come

centri di ricerca e sviluppo che apportano stimoli vitali all’economia di un Paese. Le università sono cruciali nel fornire le conoscenze, le abilità e la sostanza necessarie. L’EBU può elevare tale collaborazione intersettoriale a livello europeo e sfruttare e condividere innovazioni, know-how accademico e risorse a beneficio di tutti.

OBIETTIVI

Un toolkit aperto per la trascrizione e la traduzione, che consente ai cittadini un facile accesso ai contenuti nella loro lingua madre.”

Interfacce apertamente standardizzate (API)  a una gamma di venditori di strumenti linguistici commerciali e non commerciali, aumentando la portabilità e stimolando un mercato più competitivo;

Servizi di sintesi vocale  (STT / ASR) , che consentono alle emittenti di creare trascrizioni dei loro contenuti o di generare sottotitoli;

Servizi di traduzione (TTT)  , che consentono alle emittenti di trasformare automaticamente i loro contenuti da una lingua all’altra;

Servizi di sintesi vocale (TTS) , che consentono alle emittenti di generare oratori sintetici in una varietà di lingue per revocare il loro contenuto o fornire descrizioni audio.

PER CHI È?

Giornalisti
Raccogliere e tradurre rapidamente le fonti di notizie in arrivo. Traduci automaticamente le notizie prodotte in più lingue.

Le emittenti
Traduci i contenuti prodotti in nuove lingue, aumentando la copertura e consentendo l’accesso a tutti i cittadini. Trova nuovi mercati linguistici all’estero.

Cittadini
Raccogliere e tradurre rapidamente le fonti di notizie in arrivo. Traduci automaticamente le notizie prodotte in più lingue.