Italia notizie del giorno su musica est Testi Canzoni Variety

RÉCLAME – COSA RESTERÀ? il terzo estratto dal nuovo album VOCI DI CORRIDOIO di prossima uscita

ESCE IL 29 MAGGIO
VOCI DI CORRIDOIO
IL DISCO D’ESORDIO DEI

RÉCLAME

LA BAND FINALISTA A ‘SANREMO GIOVANI 2019
DISPONIBILE DA OGGI 22 MAGGIO

COSA RESTERÀ?

IL TERZO ESTRATTO CHE ANTICIPA IL DISCO

Esce il prossimo 29 maggio “VOCI DI CORRIDOIO” il disco d’esordio dei RÉCLAME, il gruppo nato dall’incontro tra Marco Fiore con i fratelli Edoardo, Gabriele e Riccardo Roia che ha debuttato lo scorso dicembre tra i finalisti a Sanremo Giovani 2019.

In attesa dell’uscita dell’album, la band rilascia oggi, venerdì 22 maggio, “Cosa resterà?”, il terzo estratto che anticipa il disco.

Link all’ascolto del brano “Cosa resterà?” sulle principali piattaforme di streaming:

https://SMI.lnk.to/cosarestera

VOCI DI CORRIDOIO” – IL DISCO

“Voci di corridoio”, prodotto da Daniele Sinigallia, è il primo album di inediti di questa promettente formazione, che si è distinta fin dalle prime ore per la capacità di creare una perfetta sintesi tra la forza poetica della narrazione e l’espressività delle sperimentazioni sonore.

Ispirandosi alla tradizione cantautorale italiana, con una costante attenzione alle sonorità alternative contemporanee, i Réclame rilasciano 8 brani per altrettante storie e personaggi: voci e frammenti di un mosaico dell’esperienza umana.

Il disco, che si apre con “Il viaggio di ritorno”, brano con cui la band ha suggellato il proprio inizio di carriera direttamente sul palco di ‘Sanremo Giovani’, durante la finale in diretta su Rai1, è stato anticipato a marzo dall’uscita del singolo “Due amanti”, seguito dal nuovo estratto “Cosa resterà?”.

L’Album “Voci di corridoio” racconta otto personaggi differenti e complementari. Ognuno parla, con voce sincera e disillusa, delle proprie esperienze di vita, nella speranza di lasciare un po’ di sé all’ascoltatore. Il disco è concepito come un lungo corridoio, all’interno del quale possiamo osservare, solo dall’uscio, i vari locali ad esso collegati. Le camere che compongono il disco rispecchiano i coinquilini che le abitano: hanno arredi sonori differenti e, man mano che si procede, sempre più rarefatti. Le voci sgorgano dalle varie stanze e si addensano al di fuori di esse: il loro insieme è un dilagare sfrenato. I frammenti, che compongono il mosaico, sono parte di una struttura più grande e i singoli episodi non sono altro che un confronto con le nostre paure, i nostri dubbi, le nostre fragilità. La visione che risulta degli otto personaggi è solo parziale, ma è il tutto che conta, perché nella loro coralità, nell’eco confusa delle loro rivelazioni, emerge la loro vera natura.

Tracklist “Voci di corridoio”

01_Il viaggio di ritorno
02_Due amanti
03_Il vuoto sotto la pelle
04_Fra le braccia di un’altra
05_Inseguito dalla luna
06_La casa d’infanzia
07_Cosa resterà?
08_Notte d’inverno

Scrittoda: Marco Fiore, Edoardo Roia, Gabriele Roia, Riccardo Roia
Prodottoda: Daniele Sinigallia
Mixemastering: Daniele Sinigallia

Biografia, RÉCLAME

I Réclame sono una band di Roma. Il gruppo nasce dall’incontro fra Marco Fiore (voce) e i fratelli Edoardo Roia (batteria), Gabriele Roia (basso), Riccardo Roia (tastiere).

Il progetto musicale, ben radicato nella tradizione cantautorale italiana, volge tuttavia lo sguardo alle sonorità alternative contemporanee. L’intento è quello di creare canzoni che siano storie, all’interno delle quali convivano narrazione, sperimentazione sonora e strutture pop.

Esce il 29 maggio 2020 l’album d’esordio, “Voci di corridoio”, prodotto da Daniele Sinigallia, che include “Il viaggio di ritorno” selezionato per la Finale di Sanremo Giovani 2019.

Testo canzone Il viaggio di ritorno dei Réclame

Il viaggio di ritorno
è una corrente senza tempo
piena di facce qualunque ritratta sui muri
e di persone per bene
senza dei grandi ideali

Che sperano un giorno o l’altro
di vedere un’altra faccia allo specchio
di non essere se stesse
e non dovere camminare

A testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per non morire

A testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per cui morire

Le scarpe consumate sull’asfalto
il peso di qualche inutile affanno
le parole d’odio sgranate con furore
i manifesti di partito senza colore

E chi ritorna è rispettabile di giorno e detestabile la sera
chi ritorna a bere molto e a rimanere in piedi ancora
con la fede al dito ma sempre pronto a nuove e occasionali storie d’amore
con i pugni stretti e una croce senza valore

Con la speranza sotto le suole
di vedere un’altra faccia allo specchio
ma forse è giusto così
forse è meglio camminare

A testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per cui morire

A testa bassa
con gli occhi stanchi
essere una fra le voci dei tanti
che non hanno poi molto da dire
se non urlare a squarciagola
qualche frase fatta per cui morire