Comunicati stampa Eventi Culturali Italia Opera Lirica Variety

TETRO ALLA SCALA – resta accanto al suo pubblico, potrete “passeggiare” con Google Arts & Culture,nei prossimi giorni partiranno anche il ciclo di video “I mestieri dell’opera”

in questi mesi difficili e di forzata distanza, il Teatro alla Scala resta accanto al suo pubblico offrendo nuovi contenuti ed esperienze online.

Con la nuovissima piattaforma Google Arts & Culture potrete ad esempio “passeggiare” virtualmente nella sala, nel backstage, nel Museo e nei laboratori Ansaldo attraverso la tecnologia Street View e scoprire oltre 259.000 immagini digitalizzate dal nostro archivio.

anteprima Google Arts & Culture

Per il lancio del progetto abbiamo registrato la nostra prima performance operistica da remoto, un intenso concertato dal Simon Boccanegra di Giuseppe Verdi eseguito da 92 artisti scaligeri e dai solisti Luca Salsi, Francesco Meli, Krassimira Stoyanova, Dmitry Belosselskiy, Dalibor Jenis e Andrea Mastroni.

Su RaiPlay sono ancora online a tempo limitato 30 spettacoli scaligeri da vedere e rivedere in streaming gratuito, con il supporto di estratti dei programmi di sala. La programmazione di opere e balletti della Scala si è intensificata anche sul canale televisivo Rai5, con appuntamenti quotidiani.

Il nostro canale Facebook in queste settimane si è animato con le “Conversazioni sul Teatro“, dialoghi in live streaming tra il Sovrintendente Dominique Meyer e grandi artisti della scena internazionale, tutti i martedì e venerdì alle ore 14. Le prossime puntate vedranno protagonisti Ambrogio Maestri, Roberto Bolle e Michele Pertusi. 

Nei prossimi giorni partiranno anche il ciclo di video “I mestieri dell’opera“, in cui i nostri lavoratori specializzati sveleranno in prima persona lati nascosti del mondo Scala, e i podcast di approfondimento musicale “Prima la musica” curati da Luca Ciammarughi.

Sempre online potrete scoprire il nuovo sito “Nei palchi della Scala” in cui curiosare fra i nomi dei proprietari di ogni palco del Teatro dal 1778 al 1920.

Il sito e i social network del Museo Teatrale hanno infine un palinsesto di documentari, visite virtuali e favole per bambini tutto da seguire.