Italia notizie del giorno su musica est Testi Canzoni Variety

CHERIACH RE – da oggi su tutti i digital store QUETZAL, è l’uccello sacro dei maya, messaggero degli dei e portatore di libertà simbolo di evasione e speranza

CHERIACH RE

QUETZAL

Il Quetzal è l’uccello sacro dei maya, messaggero degli dei e portatore di libertà. Nella canzone, nata a marzo in piena quarantena, questa figura mitologica vuole essere un simbolo di evasione e speranza.

Un impaziente inno al riavvicinamento e al ritorno alla nostra “vita di prima”, una serenata dedicata alla nostra quotidianità spezzata, prima sottovalutata ed ora mai considerata così preziosa.

Il brano Quetzal, nato in modo solitario è naturalmente diventato un lavoro collettivo. Un brano che accorcia le distanze. Arrangiato e prodotto da Nick Ardino, alla registrazione e all’artwork hanno partecipato musicisti ed artisti dai vari angoli del globo.

link piattaforme stream https://smarturl.it/cheriachre

Valeria Rossi, in arte Cheriach Re, è una giovane cantautrice comasca, chitarra e voce, melodia ed istinto. Le sue canzoni sono dirette e raccontano, in chiave intima e sincera, esperienze umane vissute, osservate o percepite in prima persona.

Testo canzone Quetzal di Cheriach Re

Non si vede neanche un aereo
ma c’è un inquinamento di pensieri
di “mi manchi” e di “come stai?”
di linee telefoniche intasate
di aperitivi in videochiamate
ti ricordi fuori com’è?
Torneremo a pianificare viaggi in posti bellissimi
a sfrecciare nelle auto di notte
Discoteca Paradiso, Tempio, Picchio o Toilet?
torneremo a suonare sui palchi e a ballare come matti
a pretendere di avere sempre le agende piene di cose da fare
con il gusto di poterle rimandare
Vorrei sfidare le distanze
averti vicino pensandoti sempre più forte
Per ora ricordo il profumo dell’altro
ma ho paura di dimenticarlo
ti ricordi fuori com’è
torneremo a fare progetti e a farli più belli
a guardarci fino in fondo come non abbiamo mai fatto
torneremo a suonare sui palchi e a ballare come matti
a pretendere di avere sempre le agende piene di cose da fare
con il gusto di poterle rimandare