Italia notizie del giorno su musica est Variety

BLINDUR – è disponibile il nuovo EP 3000remiX contente 7 versioni inedite con riletture che vanno dalle sonorità reggae a quelle psichedeliche, tutte confluite in una sperimentazione

BLINDUR

è disponibile il nuovo EP

3000remiX

Da venerdì 3 luglio è disponibile “3000remiX”, il nuovo EP di BLINDUR, contente 7 versioni inedite, rimasterizzate e remixate del brano “3000X”, estratto dall’albumA”, secondo lavoro discografico del progetto guidato dal cantautore e produttore Massimo De Vita.

Il disco “A”, pubblicato nel 2019, è stato accolto con entusiasmo dalla critica, che lo ha recensito sulle principali testate, e portato a lungo in tour, consolidando l’apprezzamento del pubblico per il coinvolgente assetto live della formazione, che vanta oltre 350 concerti in Italia e all’estero con aperture che vanno da Damien Rice a Jonathan Wilson, passando per Niccolò Fabi, Cristina Donà, Tre allegri ragazzi morti e numerosi altri.

Blindur, ora, fa rivivere la canzone3000X lavorando in sinergia con numerosi dj e producer della scena nazionale e internazionale: da Marco Messina dei 99 Posse a Speaker Cenzou, con riletture che vanno dalle sonorità reggae a quelle psichedeliche, tutte confluite in una sperimentazione che ha fatto nascere 7 nuove canzoni da una stessa identica anima.

Dagli esordi Blindur ha all’attivo due album in studio, partecipazioni in importanti festival internazionali e sette premi, tra cui il Premio Pierangelo Bertoli, il Premio Fabrizio De André e il Premio Buscaglione “Sotto il cielo di Fred”.

GUIDA ALL’ASCOLTO DELL’EP 3000remiX

Fin dai primi concerti del tour di presentazione dell’album “A”, “3000X” ha svelato una forte e interessante carica estatica. Lunghe divagazioni strumentali su ritmiche incalzanti hanno portato alla luce l’aspetto più rituale e selvaggio della canzone: in pratica un potenziale brano d’autore si era trasformato in una trance rock alternativo e afro beat.

A questo punto la sfida era quella di provare a portare “3000X” ancora più in là, all’estremo della forma per vedere cosa ne sarebbe venuto fuori. Così è nato “3000remiX”.

La sperimentazione di Marco Messina (99 Posse), lo stile di Speaker Cenzou, l’anima reggae della Sanacore All Stars, il suono ‘neapolitan disco’ di Whodamanny, la rilettura ‘stranger things’ palermitana di Indigo, fino alla psichedelia de il MAGO e di ADM, hanno in definitiva messo in scena un rito elettrico, una danza neo primitiva, il canto migratorio di una tribù in viaggio in uno scenario post apocalittico.

Così la storia reale diventa onirica, il racconto diventa ritmo e la distruzione diventa rinascita.

«Se l’umanità ha una speranza di sopravvivenza, questa è nel ritrovare un equilibrio con la natura. Il seme di quell’equilibrio è nella saggezza “primitiva” che, strada facendo, abbiamo dimenticato. Non è indispensabile andare lontano per scoprire dei tesori.»
Tiziano Terzani

Formazione Blindur

Massimo De Vita – voce, chitarre, synth, percussioni;
Carla Grimaldi – violino, percussioni, toy piano, voce;
Michelangelo micki Bencivenga: chitarra elettrica, banjo e cori
Jonathan Maurano – batteria e percussioni;
Luca Stefanelli – basso, synth, percussioni e cori

Etichetta: La Tempesta Dischi

Tracklist:

01. 3000X Marco Messina remix
02. 3000X Whodamanny remix feat. Fabiana Martone
03. 3000X Sanacore All Stars remix
04. 3000X Indigo remix
05. 3000X il Mago remix
06. 3000X Sodo Studio (Speaker Cenzou) remix
07. 3000X ADM remix

Un grazie speciale a:
Adriano Viterbini che, avendo suonato la chitarra elettrica nella versione originale di “3000X”, ci ha concesso di deformare, rielaborare, trasformare le sue tracce;
Paolo Alberta per essere sempre pronto a farsi coinvolgere nelle nostre follie;Carlo Garrè per i consigli sempre preziosi;tutti i producer, dj e musicisti che hanno regalato a questa festa il suono e il cuore.

CREDITI “3000remiX”
01. 3000X Marco Messina remix
prodotto e mixato da Marco Messina presso “Katanga studio” (Napoli)
02. 3000X Whodamanny remix feat Fabiana Martone
Prodotto e arrangiato da Raffaele “Whodamanny” Arcella
registrato e mixato presso “West Hill Studio” (Napoli) e “Le Nuvole Studio” (Napoli) da Raffaele “Whodamanny” Arcella con l’assistenza di Antonio Del Mondo e Paolo Alberta.
Raffaele “Whodamanny” Arcella – drum machine e synth;
Massimo “Blindur” De Vita – voce;
Fabiana Martone – voce;
Carla Grimaldi – violino;
Michelangelo “micki” Bencivenga – chitarra elettrica;
Jonathan Maurano – percussioni;
Luca Stefanelli – Basso.
un ringraziamento speciale a Tapetodisk (Pontecagnano – SA).
03. 3000X Sanacore All stars remix
prodotto registrato e mixato da Sanacore All Stars con l’assistenza di Paolo Alberta
Alfredo “alfreedom” Favenza – tastiere;
Giuliano “uncleman” Brucchieri – basso elettrico;
Giuseppe “peppone” Giroffi – sax.
04. 3000X Indigo remix
prodotto e mixato da Donato Di Trapani e Fabio Rizzo per Indigo studios
chitarre sample di Adriano Viterbini
05. 3000X il MAGO remix
prodotto e mixato da il MAGO
chitarre sample di Adriano Viterbini
06. 3000X Sodo Studio (Speaker Cenzou) remix
prodotto e mixato da Speaker Cenzou presso il “Sodo Studio”
chitarre sample di Adriano Viterbini
07. 3000X ADM remix
Prodotto da Antonio “ADM” Del Mondo e mixato da Paolo Alberta e Antonio “ADM” Del Mondo presso “Le Nuvole studio” (Napoli)
Antonio Del Mondo – Drum Programming e SFX;
Emiliano Russo – Tastiere e Synth;
Serena Tesorio – Back Vocals;
chitarre sample di Adriano Viterbini
Masterizzato da Giovanni Nebbia presso “Ithil World mastering”
copertina di Videl Art

BLINDUR – BIOGRAFIA – FB @Blindur

Blindur è il progetto di Massimo De Vita, cantautore e produttore.
Dal 2014 al 2018 Blindur è stato un power duo
, composto dallo stesso Massimo De Vita e da Michelangelo Bencivenga (chitarrista / banjoista), ai quali si è poi affiancata Carla Grimaldi (violinista).

Dopo un temporaneo allontanamento di Michelangelo, Blindur ha intrapreso un nuovo percorso: nel 2018 Massimo De Vita ha registrato, quasi totalmente da solo, il secondo disco di Blindur e, parallelamente, è nata l’attuale band, della quale fanno parte, oltre a Massimo, Michelangelo e Carla, anche Luca Stefanelli (basso) e Jonathan Maurano (batteria). Il suono di Blindur è fortemente influenzato dal rock alternativo, dal folk e dal cantautorato. Blindur in sei anni di attività ha collezionato più di 350 concerti tra Italia, Europa e Usa, prendendo parte ad importanti festival internazionali come: Iceland Airwaves festival (2016 & 2017) a Reykjavik, SXSW festival (2018) ad Austin – Texas; People festival (2018) a Berlino; Body&Soul Festival (2015) a Westmeath;Italiart festival (2019) a Dijon.

Blindur ha pubblicato tra il 2014 e il 2016 due EP dal vivo “Casa Lavica live session” e “Solo Andata – Live in giardino”.

Blindur è stato vincitore di vari premi tra cui: premio Fabrizio De Andrè 2015; premio Pierangelo Bertoli 2015; premio Buscaglione “Sotto il cielo di Fred” 2016; premio Donida 2014; premio Discodays 2016. Inoltre è stato tra i 16 finalisti per l’edizione 2016 di Musicultura. Nello stesso anno, Blindur è tra le 10 band rivelazione dell’anno secondo Keepon.

Nel 2017 è stato pubblicato da “La Tempesta dischi” l’omonimo disco d’esordio, entrato tra i cinque migliori dischi nella categoria “opera prima” per il premio Tenco.

Per celebrare la fine del tour 2017, che ha contato più di 90 concerti in un anno, è stato pubblicato da Manita Dischi in collaborazione con Rolling Stone Italia, l’Ep “Mozzarella session”, una raccolta di cover, in cui Blindur ha duettato con Malmö, Dellera e Xabier Iriondo degli Afterhours, Tre Allegri Ragazzi Morti, Espana Circo Este, Luca Romagnoli del Management.

Nel 2017 Blindur ha partecipato anche a “Tregua 1997-2017 Stelle Buone”, riedizione del celebre album di Cristina Donà, duettando con la stessa Donà nel brano “Piccola Faccia”.

 Insieme a Carlo Verdone, Renzo Arbore, Elio e le storie tese, Mogol e altri, Blindur è tra i protagonisti del docufilm “Vinilici – perché il vinile ama la musica” di Fulvio Iannucci (2018 – Mescalito film), per cui ha curato anche parte della colonna sonora; il docufilm è stato presentato al “RIFF – Rome Independent Film Festival” e è stato in tutte le sale a partire dal 20 novembre 2018.

Dal dicembre 2018 Blindur, insieme ad altri artisti, è parte dello spettacolo / laboratorio “gli ultimi saranno”, che porta musica, teatro e improvvisazione nelle carceri italiane.

Il 19 Aprile 2019 esce, per La Tempesta dischi, il secondo disco di Blindur, intitolato “A”, anticipato dai singoli “Invisibile agli occhi” e “Futuro Presente”.

Nel 2020 Blindur si qualifica fra i finalisti del Premio Bindi e di Musicultura (replicando l’esperienza del 2016).

Blindur ha collaborato in ambito internazionale con vari artisti come:

Damien Rice, per il quale è stato open act e con cui ha duettato durante il suo primo concerto a Napoli nel 2017, replicando nel 2018 al Leuciane Festival di Caserta e al People Festival di Berlino;
J Mascis, cantante chitarrista dei Dinosaur JR, che ha affidato a Blindur le aperture del suo ultimo tour italiano nel 2019;

JT Bates, batterista con Bon Iver, Big Red Machine e altri, con il quale Blindur ha registrato alcune tracce del suo disco “A”;

Jonathan Wilson, già produttore di Father John Misty e chitarrista di Roger Waters, per il quale è stato open act nella data romana del suo tour 2018; Gyda Valtirsdottir, cantante, violoncellista e fondatrice della band islandese Mum, con la quale Blindur ha duettato all’anteprima del Disorder festival 2019 (Eboli – Sa).

Johnny Rayge, cantautore irlandese, con il quale ha realizzato un tour di 11 date in Italia nel 2014;
Barzin, cantautore e poeta canadese, per il quale è stato open act nella data napoletana del suo ultimo tour europeo nel 2016.

Inoltre collabora costantemente con Birgir Birgisson (storico fonico e produttore di Sigur Ros, Bjork e altri) e Paolo Alberta (fonico per Ligabue, Negrita e altri).

Blindur, negli anni, è stato anche gruppo spalla nei concerti di numerosi artisti italiani come:

Niccolò Fabi, Cristina Donà, Calcutta, Tre allegri ragazzi morti, Iosonouncane, Zen Circus, Giovanni Truppi, Riccardo Sinigallia, Cristiano Godano (Marlene Kuntz), Dellera, Dimartino, Giorgio Canali e Rossofuoco,ù Cesare Basile, Il Pan Del Diavolo, Sick Tamburo, Dente, Management, Nobraino, Il disordine delle cose, Bandabardò, Perturbazione e altri.