Italia notizie del giorno su musica est Testi Canzoni Variety

MARCO CASTELLO – è uscito il video del nuovo singolo TORPI, una canzone che sa di estate, bagni a mare, corse in motorino e baci al sapore di sale

MARCO CASTELLO

è uscito il video del nuovo singolo

TORPI

E’ online  “Torpi“, il video del nuovo singolo di Marco Castello uscito venerdì 17 luglio per 42 Records in Italia e Bubble Records nel resto d’Europa.  Ideato disegnato e montato da Sugo Finto, “Torpi” è la personalissima risposta di Marco e ai tormentoni estivi, a base di funk, cassa dritta (acustica!) e Wurlitzer.

Una canzone che sa di estate, bagni a mare, corse in motorino e baci al sapore di sale, “perché nell’era del distanziamento sociale, vogliamo non scordarci come era prima“.

Una canzone che parla di torpi, che è una parola che conosci solo se vieni da Siracusa. Per tutti gli altri, bisogna solo scoprirlo.

link piattaforme stream https://smi.lnk.to/Torpi

Biografia, Marco Castello è  un polistrumentista. Diplomato a Milano in tromba jazz, è in grado di suonare la batteria come un batterista funk e al tempo stesso di cantare, ma è un drago anche alla chitarra, alla tromba, al piano e soprattutto sa scrivere canzoni. Canzoni delicate e che fanno battere il piedino, ben suonate ma pure ancorate alla contemporaneità.

In tutti questi anni ha girato il mondo suonando al fianco di un fuoriclasse come Erlend Øye dei Kings of Convenience nel suo progetto La Comitiva.

Il brano, come tutto il disco, è stato realizzato a Berlino e prodotto da Marcin Öz che con Erlend condivide l’esperienza The Whitest Boy Alive. Il disco di Marco quindi nasce già internazionale e verrà pubblicato dopo l’estate in Italia da 42 Records e nel resto d’Europa da Bubbles Records, la label di Erlend e Marcin.

Testo canzone Torpi di Marco Castello

Mi ricordo di te
andavamo a catechismo all’ospedale
io pensavo solamente che alla fine mi facevano i regali
Fontanella di scintille
tu crescevi ed io restavo sempre uguale
e nei corridoi giganti della scuola non ci incontreremo mai
E non ti immagini quanto mi piace
che parli poco e sempre a bassa voce
e che ogni cosa sembra esilarante
Che fai la scema e pensi di nascosto
che è troppo stretto per te questo posto
che è tanto bello ma non può capire
non sa vedere
andiamo a mare
Faccio schifo a ballare
vorrei seguirti senza rovinarti
bruciare, fumare, spaccare con te
sto lontano a guardare
che mi facevi accollare la chiesa, la scuola e adesso questo pub
Sei partita per la guerra
quando è bello prendi il sole dal balcone
ho i biglietti del concerto ma alla fine non ci incontreremo mai
Sputa fumo dal cappello
quando ride sono colpi di cannone
nella testa e nella pancia di chi ha intorno
doma i torpi e gli animali
Faccio schifo a ballare
vorrei seguirti senza rovinarti
bruciare, fumare, spaccare con te
Sto lontano a guardare
che mi facevi accollare la bibbia, la scuola e adesso questo pub
Fammi imparare a ballare
lo so che sembro impedito
stacco e prendiamo un panino
Salite da me
fumiamo sulla terrazza
i torpi coi motorini in piazza
tra un po’ non ti vorrò più
tu non ti prendere a male
ma ho bisogno di qualche secondo per pensare
sono già le tre
forse dovremmo dormire
ma sta canzone di merda non vuole finire