Italia notizie del giorno su musica est Programmi TV Variety

ALESSANDRO BARBERO – presenta FERRO E SANGUE la guerra dei 30 anni che devastò l’Europa, quattro puntate su Rai Storia

ALESSANDRO BARBERO

presenta

FERRO E SANGUE

E’ dedicato alla guerra dei Trent’anni il ciclo del programma, introdotto
dal professor Alessandro Barbero,
in onda durante tutto il mese di agosto,
su Rai Storia.

Sei episodi, cominciati in luglio, per raccontare il primo conflitto moderno e il più sanguinoso che il mondo abbia mai visto.

Quattrocento anni fa, le genti che vivevano in Europa sognavano di poter vivere in un’età dell’oro, in cui la pace avrebbe regnato dappertutto. Ancora non sapevano di essere stati condannati a vivere in un’epoca di Ferro e Sangue.
I trent’anni che intercorsero tra il 1618 e il 1648 furono il teatro della guerra più sanguinosa che il mondo abbia mai visto, la prima guerra moderna della storia. Un conflitto a cui Rai Storia, con il ciclo “a.C.d.C“, introdotto come di consueto dal professor Alessandro Barbero, dedica una serie in sei episodi, in onda in una collocazione inedita: il martedì alle 21.10 su Rai Storia. La guerra dei Trent’anni che devastò l’Europa, iniziò con uno scontro tra cattolici e protestanti sulla questione della vera fede. Ma alla fine, le nazioni combatteranno solo per il potere e il conflitto provocherà la morte di un terzo della popolazione della Germania e manderà in pezzi il vecchio mondo dando vita a una nuova Europa. Uno scontro che rivivremo attraverso i racconti di soldati e di generali, di vescovi e di contadini, di governanti e di prostitute. Ecco nello specifico, il contenuto delle puntate in onda il 4, l’11, il 18 e il 25 agosto.

La forza dell’Impero (1630-1632) pt.3
Nel 1630 l’Imperatore del Sacro Romano Impero, Ferdinando II
è deciso a ristabilire la fede cattolica nel Vecchio Continente e a rendere assoluto il suo potere. Vuole formare un Parlamento eletto dai principi tedeschi che includa gli ambasciatori di tutto il mondo e firmare un accordo di pace con la Francia. Comincia da qui il racconto di “La forza dell’impero”, della nuova serie
del ciclo “a.C.d.C”, “Ferro e sangue – La guerra dei 30 anni che devastò l’Europa“, in onda martedì 4 agosto alle 21.10 su Rai Storia con l’introduzione del professor Alessandro Barbero.
La Francia, però, conduce un doppio gioco: firma il trattato di pace con l’imperatore e al contempo sovvenziona l’esercito svedese che è pronto ad andare in soccorso dell’ultima roccaforte protestante che l’imperatore vuole attaccare, Magdeburgo. La città viene rasa al suolo perché le truppe svedesi tardano ad arrivare ma in seguito il Re di Svezia, Gustavo Adolfo, sconfigge le truppe di Ferdinando II facendo della Svezia una grande potenza europea pronta a conquistare la Germania. L’imperatore è nel suo momento più buio e le sorti della guerra sono appese a un filo.

Devastazione pt.4
La guerra divampa nuovamente e con maggiore ferocia, con lo sbarco in Germania di Re Gustavo Adolfo di Svezia che,sostenuto dai francesi, sconfigge a più riprese l’esercito dell’imperatore, che sembra sull’orlo della resa. In questa quarta puntata si racconta la battaglia tra eserciti cattolici e eserciti protestanti. Due i personaggi che vengono introdotti e che sovrastano tutti gli altri: Wallenstein e Holck. Sul campo di battaglia scende anche Re Gustavo Adolfo, che morirà in guerra. Peter Hagendorf conosce l’orrore delle guerre e delle malattie. In tutta la Germania
imperversa
la peste. Questi gli eventi al centro del quarto appuntamento, “Devastazione”, della nuova serie del ciclo “a.C.d.C”, “Ferro e sangue – La guerra dei 30 anni che devastò l’Europa” in onda martedì 11 agosto alle 21.10, introdotta dal professor Alessandro Barbero.

Tempo di rivincite (1635-1640) pt.5
Dopo 16 anni di scontri l’Impero è pressoché distrutto. L’odio religioso tra cattolici e protestanti si è trasformato in una lotta per il potere tra nazioni, con eserciti composti da mercenari provenienti da tutta Europa, che insanguina Germania e Francia.
Il nuovo appuntamento con “Ferro e sangue – La guerra dei 30 anni che devastò l’Europa“, introdotto dal professor Alessandro Barbero e in onda martedì 18 agosto alle 21.10 su Rai Storia per il ciclo “a.C.d.C”, segue le vicende di personaggi cruciali come il Cardinale Richelieu e il suo confidente, Padre Giuseppe, ma anche le vicissitudini di uomini e donne comuni, quali il soldato mercenario Hagendorf o l’orfana Anna Margareta von Haugwitz.

Pace (1646-1649) pt.6
I negoziati per porre fine al conflitto iniziano nel 1643 ma la pace di Vestfalia non viene siglata fino al 1648. Gran parte dell’Europa è in rovina.
Il sesto e ultimo episodio della serie, “Ferro e sangue – La guerra dei 30 anni che devastò l’Europa“, in onda per il ciclo “a.C.d.C” con la consueta introduzione del professor Alessandro Barbero martedì 25 agosto alle 21.10 su Rai Storia, verte proprio sull’ultimo periodo del conflitto, quello combattuto mentre in Vestfalia, tra Munster e Osnabrück, sono già in corso i negoziati che porteranno alla pace. Fino all’ultimo, la guerra continuerà a riservare sofferenze, anche se personaggi come il Feldmaresciallo svedese Carl Gustaf Wrangel e il soldato di ventura tedesco Peter
Hagendorf
troveranno proprio in questi anni durissimi la propria collocazione e anche una rapida ascesa sociale.
Oltre agli effetti diretti del conflitto, la polarizzazione delle contrapposizioni religiose, tra cattolici e protestanti, favorisce fenomeni come la caccia alle streghe, in cui resteranno coinvolti moltissimi innocenti, soprattutto donne. In questo quadro si inserisce la tragica storia della locandiera Barbara Xeller e di suo marito Jakob.