Eventi Culturali Italia notizie del giorno su musica est Programmi TV Radio Variety

PRIX ITALIA 72ª edizione – sulle reti RAI i programmi in concorso e gli eventi fino al 26 settembre

I BROADCASTER DA 5 CONTINENTI
SI INCONTRANO AL MAXXI

Si terrà a Roma, dal 24 al 26 settembre, la 72ª edizione del Prix Italia, la rassegna internazionale promossa dalla Rai che premia il meglio di Radio, Tv e Web da tutto il mondo.

Tema dell’edizione 2020, “Public Service and the Virtual Newsroom: Back to the Future?”. Per la prima volta dopo l’emergenza da Covid19 i broadcaster provenienti da tutti i continenti si riuniscono fisicamente nella cornice del MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, per scambiarsi competenze e visioni sul racconto dei media che diventano patrimonio comune. Già da martedì 22 settembre, le anteprime della stagione Rai visibili al Cinema Tiziano arricchiscono la 72ª edizione del Prix.

24 SETTEMBRE, LA CERIMONIA INAUGURALE
La Cerimonia di inaugurazione prevista per giovedì 24 settembre vedrà la presenza delle Istituzioni, rappresentate dalla Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, e dei vertici della Rai con il saluto del Presidente Marcello Foa e dell’Amministratore Delegato, Fabrizio Salini. Introducono a questa edizione il presidente del Prix Italia, Graham Ellis, e il Segretario Generale, Annalisa Bruchi. Padrona di casa Giovanna Melandri, presidente della Fondazione MAXXI.
In gara – per i dodici premi, nelle sezioni Radio, Tv e Web – 250 programmi, provenienti da 65 broadcaster, in rappresentanza di 38 Paesi dei 5 continenti. Il Prix Italia 2020 segna un ottimo risultato, nonostante il momento molto difficile che stiamo vivendo, con l’ingresso di 10 nuove emittenti provenienti da Colombia, Danimarca, Francia, Monaco, Regno Unito, Thailandia, Uruguay e Venezuela.

I PANEL
Si entra subito nel vivo il 24 con un incontro sul tema dell’iperconnessione e privacy con Jatin Aythora, Capo architetto per la trasformazione della tecnologia, la piattaforma e il digitale della BBC; Roberto Baldoni, Vicedirettore Generale Dipartimento Informazioni per la Sicurezza (DIS) della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Richard Burnley, Direttore Legal and Policy EBU e Luigi Gubitosi, AD e Direttore Generale di Telecom Italia, moderati dal giornalista Rai Giuseppe Solinas e Nancy Kaspareck, Media Consultant.
Nel pomeriggio un panel sulle piattaforme digitali con Elena Capparelli, direttrice RaiPlay e Digital, Noel Curran, Direttore Generale EBU; Maximo Ibarra, AD Sky Italia; Isabelle Veyrat-Masson, Direttore Ricerca al Centro Nazionale di Ricerche Scientifiche (CNRS), moderati da Simona Sala, Direttore Rai Radio1 e Giornale Radio Rai.
A fare una sintesi sulla situazione dell’informazione la BBC Lecture dal tema “Dopo la pandemia – le news nei nuovi anni ’20” di Fran Unsworth, Direttore News e Current Affairs, BBC.
Il Prix Italia sarà anche un’occasione di incontro con i direttori dei servizi pubblici europei, protagonisti del panel dal tema “L’aumento dell’audience e in particolare di un pubblico giovane: come trattenerli”. Un argomento introdotto da Simona Martorelli, Direttrice Relazioni Internazionali e Affari Europei Rai e moderato da Patricia Thomas, Presidente dell’Associazione Stampa Estera in Italia, con i contributi di Alessandro Amadori, Direttore di Ricerche qualitative Istituto Piepoli di Milano; Delphine Ernotte Cunci, AD di France Télévisions e Vice Presidente dell’EBU; Marcello Foa, Presidente Rai; Frank-Dieter Freiling, Direttore delle Relazioni Internazionali, ZDF; Tony Hall, Presidente EBU. Ad arricchire il panel il contributo video di Mizuto Tanaka, Segretario Generale del Japan Prize (NHK), Concorso Internazionale per trasmissioni formative.

OMAGGIO A ZAVOLI, SERATA FERRAGNI E THE ROSSELLINIS
DAL 22 SETTEMBRE LE ANTEPRIME RAI

Ad arricchire questa edizione del Prix Italia le anteprime della stagione Rai. Si inizia martedì 22 settembre alle 18:30 al cinema Tiziano con un omaggio a Sergio Zavoli che vede la partecipazione di Renzo Arbore, Michele Mirabella e Renato Parascandolo. Poi il 23 Rai 2 presenta la serata evento “Fenomeno Ferragni” – Simona Ventura intervista Chiara Ferragni e Rai 4Stranger Tape In Town” con Ema Stockholma. Il 25 l’anteprima di Rai CulturaSinfonie di Rinascita (2020)”, in onda su Rai5 e quella di Rai Fiction “Io ti cercherò” con Alessandro Gassmann. Mentre il 26 Rai 3 presenta per “SAPIENS Un solo pianeta la puntata La vita dal fuoco – Storie di uomini e vulcani” di Mario Tozzi e Rai Cinema il film “The Rossellinis”, dalla 77° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Annalisa Bruchi, Segretario Generale del Prix Italia

PRIX ITALIA NEL 2020 COME NEL 1948: LA VOLONTÀ DI RIPARTIRE INSIEME
Annalisa Bruchi, Segretario Generale del Prix Italia
Il PRIX ITALIA anche quest’anno non si ferma e giunge alla sua 72ª edizione. Non era scontato. Sono stati mesi drammatici per tutti noi. La pandemia ci ha messi a dura prova. Ma ci ha anche fatto capire l’importanza di essere parte di una “famiglia”, di una comunità come la nostra. Una comunità che dal lontano 1948, anno di fondazione del Prix Italia, non si è mai fermata e ha continuato a crescere. Anche quest’anno infatti abbiamo avuto nuove importanti adesioni. Broadcaster provenienti da Colombia, Danimarca, Francia, Principato di Monaco, Regno Unito, Thailandia, Uruguay e Venezuela. Diamo loro un caloroso benvenuto.
Tutti i membri del Prix, i nuovi e i vecchi, i quali tutti sono i veri depositari della tradizione di questo evento, ci hanno dimostrato vicinanza e solidarietà con video, messaggi, ma soprattutto con gli oltre 250 programmi presentati in concorso.
Questo era anche lo spirito del 1948, un periodo segnato dalle profonde ferite inferte dalla guerra e da una povertà profonda. Ma lo spirito e la volontà di ripartire insieme, adesso come allora, ci rende più forti e ci dà la giusta spinta per avere fiducia nel futuro.
Per questo e molto altro, abbiamo gettato il cuore oltre l’ostacolo e deciso di fare il nostro Festival Internazionale in presenza fisica per chi potrà, e virtuale per tutti gli altri. Negli anni, infatti, il Prix è diventato anche una comunità virtuale, un network di broadcaster attivo tutto l’anno che nel 2020, per la prima volta, ci ha permesso di fare il concorso interamente on line. Una procedura necessaria quest’anno, grazie alla quale non ci siamo fermati.
L’appuntamento sarà a Roma, per premiare i vincitori e continuare lo scambio di idee ed esperienze che ciascuno di noi porta con sé, soprattutto dopo questo complicato momento. Un’occasione da non perdere per i servizi pubblici e per i broadcaster privati, che in questa fase hanno saputo reagire e reiventarsi con prodotti di qualità, nuovi linguaggi, apertura al digitale; e che hanno fatto un grande sforzo per offrire un’informazione continua. Un’offerta premiata da un pubblico più ampio, nuovo e soprattutto giovane. Ora si tratta di comprendere come mantenere queste posizioni, come trattenere questo nuovo pubblico che prima non guardava la televisione, come condividere esperienze a livello internazionale sui modelli da perseguire e quelli invece superati dai tempi. Prevenire i rischi e cogliere le opportunità: anche questo è l’obiettivo del nostro incontro. Il tema del Prix di quest’anno è “Public Service and the Virtual Newsroom: Back to the Future?” Il programma anche se ridotto è molto ricco: cerimonia di inaugurazione, conferenze, BBC Lecture, cerimonia di premiazione, anteprime e una parte importante dedicata all’YLAB animato dagli studenti delle Università pubbliche del Lazio. Realizzare questo evento è stato possibile grazie allo straordinario lavoro non solo della squadra del Prix Italia ma di tutta la Rai che in questa occasione sviluppa sinergie fondamentali ma anche e soprattutto al Presidente della Rai Marcello Foa, che si è impegnato in prima persona affinché anche quest’anno il Prix fosse all’altezza delle aspettative, e al Presidente Graham Ellis, che da Londra ci ha fatto sentire la sua vicinanza con la saggezza che gli è propria. Un ringraziamento particolare anche quest’anno al Presidente della Repubblica che ci ha concesso l’Alto Patronato, al MIBAC e al Comune di Roma che ci hanno offerto una preziosa collaborazione e al museo MAXXI, che ci ha ospitati mettendo a disposizione una location prestigiosa che rispecchia il tema e lo spirito di questa edizione. Back to the Future e buon lavoro.

Momento clou nel pomeriggio del 25 settembre la Cerimonia di Premiazione del Prix Italia, dalle 16:30 alle 18:30, all’Auditorium del MAXXI visibile anche in streaming e tradotta nel linguaggio dei segni su www.prixitalia.rai.it .

I PROGRAMMI RAI IN CONCORSO

RADIO DRAMA
Lo Zanni all’inferno
Produzione: RAI Radio 3 – 2019
Il lavoro è una composizione di musica elettronica realizzata con l’obiettivo di creare una stretta relazione tra la dimensione del suono e del rumore e quella dei timbri e dei ritmi della parola. Si gioca, così, su alcuni archetipi della Commedia dell’Arte ponendo al centro del racconto uno Zanni, il servo, buffo, maldestro e sempre affamato, che muore e va a finire all’inferno. Qui il diavolo Alichino lo obbligherà a esibirsi per l’eternità nel teatro degli inferi dove il povero comico interpreterà la scena della fame (resa celebre da Dario Fo), immaginando di divorare persino il suo corpo. Ma il diavolo, desideroso di esibirsi, gli imporrà uno scambio di identità: sarà lui il nuovo Zanni col nome di Arlecchino (si ritiene infatti che la popolare maschera bergamasca derivi proprio da quella figura diabolica) mentre l’altro si trasformerà in un diavolo. Si assiste poi ad un ulteriore rovesciamento nel finale, dopo l’apparizione di Capitan Spavento che vanta la sua notte d’amore con la morte (come da un frammento autentico del 1600), dove arriviamo a capire che tutto quello che abbiamo ascoltato fino a quel momento era soltanto la prova di una rappresentazione che deve ancora avere inizio. L’autore è un compositore da poco diplomato al conservatorio e ha realizzato sia il testo che la musica, interpretando poi tutti i personaggi. In questo lavoro cerca di creare un movimento musicale che sia perfettamente fuso con l’andamento della parola, dando forma quindi ad un “gesto sonoro” che sostituisca le azioni mimiche e fisiche della commedia, trasportando così l’ascoltatore in un universo costituito esclusivamente di segni acustici. Con gli strumenti e le tecnologie della creazione musicale contemporanea l’autore riesce quindi a ricostruire il mondo ironico, incantato, pauroso e magico dei comici dell’arte, restituendone la meraviglia soltanto attraverso il canale uditivo e allineandosi in questo modo alla più peculiare dimensione creativa del radiodramma

RADIO DRAMA
La signora della radio: Lidia Motta
Produzione: RAI Radio Techeté – 2020
Tutto è iniziato con la voglia di raccontare la storia di una donna che ha influenzato 50 anni di storia della radio pubblica rimanendo dietro le quinte. Una donna che unendo qualità e ricerca ha sviluppato nel corso di un’intera carriera una professionalità divenuta un punto di riferimento. Una donna sconosciuta ai più, forse dimenticata ma fondamentale per la radiofonia italiana. Questa donna si chiamava Lidia Motta e fu l’artefice di tanti indimenticabili successi della radio: Chiamate Roma 3131, Le interviste impossibili, la grande prosa della radio italiana, Sala F, la prima soap opera radiofonica Matilde e tante altre trasmissioni. Una donna rispettabile, coltissima, riservata, seria, attenta, capace di porgere ascolto. Una “maestra” di vita professionale che ha influenzato in maniera prodigiosa intere generazioni radiofoniche. Per raccontare la sua storia abbiamo pensato di utilizzare due elementi delle trasmissioni da lei realizzate: Le interviste impossibili e Chiamate Roma 3131. Ma questo racconto vuol essere anche un omaggio alla storia della radio pubblica italiana facendo emergere la bellezza e i valori di questo mezzo di comunicazione, il potere della parola e dell’ascolto proprio attraverso la vita di una persona che ha fatto della radio la sua seconda famiglia.

RADIO DOCUMENTARY
LABANOF. Corpi senza nome dal fondo del Mediterraneo
Produzione: RAI Radio 3 – 2020
Il LABANOF è il laboratorio di antropologia e odontologia forense dell’Università di Milano, dove ogni giorno la professoressa Cristina Cattaneo con odontologi, biologi, archeologi e antropologi, lavora per restituire un’identità a chi morendo l’ha persa. “Identificare i morti serve a curare i vivi”, sostiene Cristina Cattaneo. “Tutti abbiamo bisogno di identificare i nostri morti, è una questione di salute mentale.” Dopo aver risolto per anni alcuni dei casi più controversi di identificazione post mortem della storia italiana recente, nel 2016 un telefonata li porrà di fronte a una sfida mai tentata prima: dare un nome alle vittime di una delle peggiori tragedie del Mar Mediterraneo, il naufragio di un barcone al largo delle coste libiche, avvenuto il 18 aprile 2015. Ci è voluto più di un anno per finanziare la più grande operazione Italiana di recupero di sempre. Il LABANOF viene incaricato di dare un nome a quelle vittime. Da qui ha inizio una missione che tuttora li vede impegnati nello studio dei resti e degli effetti personali dei naufraghi. Da qui ha inizio una delle loro battaglie, perché restituire un’identità a tutti i morti sconosciuti, senza distinzione di provenienza, è l’obiettivo. Non solo per ridare loro una dignità, ma soprattutto per offrire risposte a chi rimane. Quanti corpi dovranno ancora rimanere senza nome sui fondali dei nostri mari, prima che i disastri di massa siano tutti trattati allo stesso modo?

TV PERFORMING ARTS
In scena: Lindsay Dances. Il teatro e la vita secondo Lindsay Kemp
Produzione: RAI Cultura – 2020
Rai Cultura presenta il documentario Lindsay Dances – Il teatro e la vita secondo Lindsay Kemp. Scritto e realizzato dalla giornalista Rai, Rita Rocca, Lindsay Dances è un programma unico nel suo genere, perché raccoglie per la prima volta e in modo quasi antologico il repertorio storico degli spettacoli della Lindsay Kemp Company, dalla fine degli anni ‘70 agli anni ‘90. Filmati provenienti dalle Teche Rai e da archivi privati: dal glorioso Flowers a Duende, da Midsummer Night’s Dream a The Big Parade, da Alice a Onnagata, fino ad arrivare all’ultimo Kemp Dances. Il racconto è arricchito da bellissime foto di scena, backstage e scatti privati, firmati da due fotografi di fama internazionale come Guido Harari e Richard Haughton. Ma la peculiarità di Lindsay Dances è la narrazione in prima persona da parte di Kemp: leggera, ironica, trascinante. Kemp racconta la sua vita, il suo teatro e la sua visione del mondo in un’intima e toccante intervista inedita realizzata da Rita Rocca nella casa dell’artista a Livorno, una delle ultime prima della morte dell’artista avvenuta il 24 agosto del 2018. C’è anche un raro documento sonoro del 1990, inciso su una bobina di nastro magnetico nell’archivio personale della regista e che grazie alla digitalizzazione è stata restaurato. Lindsay Dances raccoglie documenti e testimonianze uniche e inedite: le memorie più care all’artista, i percorsi di una vita vissuta sui palcoscenici di tutto il mondo.

TV DRAMA
L’amica geniale. Storia del nuovo cognome
Produzione: HBO / RAI Fiction – 2019
Gli eventi del secondo capitolo de L’amica geniale riprendono esattamente dal punto in cui è terminata la prima stagione. Lila ed Elena hanno sedici anni e si sentono in un vicolo cieco. Lila si è appena sposata ma, nell’assumere il cognome del marito, ha l’impressione di aver perso sé stessa. Elena è ormai una studentessa modello ma, proprio durante il banchetto di nozze dell’amica, ha capito che non sta bene né nel rione né fuori. Nel corso di una vacanza a Ischia le due amiche ritrovano Nino Sarratore, vecchia conoscenza d’infanzia diventato ormai studente universitario di belle speranze. L’incontro apparentemente casuale cambierà per sempre la natura del loro legame, proiettandole in due mondi completamente diversi. Lila diventa un’abile venditrice nell’elegante negozio di scarpe della potente famiglia Solara al centro di Napoli; Elena, invece, continua ostinatamente gli studi ed è disposta a partire per frequentare l’università a Pisa. Le vicende de L’amica geniale ci trascinano nella vitalissima giovinezza delle due ragazze, dentro il ritmo con cui si tallonano, si perdono, si ritrovano.

TV DOCUMENTARY
Petrolio Doc: Senza respiro
Produzione: RAI 2 / PBS-Frontline, ARTE – 2020
Senza respiro si dedica al racconto emotivo, alle ferite dell’animo lasciate dal Covid19, liberando quelle forti emozioni che dopo lo shock traumatico erano rimaste nascoste, non dette. Grazie all’esclusivo accesso alle corse della terapia intensiva dell’Ospedale di Cremona, ai ritratti di medici, infermieri e pazienti, Senza Respiro restituisce in dettaglio la potenza traumatica dell’esperienza vissuta. Rai Documentari, insieme all’americana PBS/FRONTLINE, alla franco-tedesca ARTE e all’equipe di “Petrolio” ha raccolto, giorno dopo giorno, le storie di donne e uomini, medici, infermieri e pazienti che hanno combattuto contro il virus.

WEB FACTUAL
Diario Kids

Produzione: RAI Radio Kids – 2020
Diario Kids è un diario radiofonico, ideato per accompagnare i bambini e i loro genitori nei giorni della pandemia. In modo gioioso e divertente, il conduttore Armando Traverso, con l’aiuto dei pupazzi e delle altre voci di Rai Radio Kids, introduce il tema della giornata, propone quiz simpatici e bizzarri, ma soprattutto offre all’ascolto i messaggi audio inviati dai bambini, che esprimendo emozioni e sentimenti diventano protagonisti del programma. In breve, si è creata una numerosa comunità di piccoli e grandi ascoltatori che ha riconosciuto nel programma un appuntamento utile e piacevole nei giorni del lockdown. Diario Kids è realizzato completamente in smart-working. Questo progetto ha contribuito significativamente ad imporre Rai Radio Kids tra le radio digitali più seguite in Italia e continuerà ad essere un momento fondamentale nel palinsesto di Rai Radio Kids.

WEB FACTUAL
Non voglio cambiare pianeta

Produzione: RaiPlay – 2020
Non voglio cambiare pianeta è un progetto originale creato da Lorenzo Jovanotti, uno dei più popolari cantanti e intrattenitori italiani, per RaiPlay, la piattaforma OTT per la distribuzione di contenuto digitale della RAI. Il progetto si basa sul suo viaggio solitario in bicicletta attraverso il Cile e l’Argentina: 40 giorni e 4.000 km “per prepararsi al futuro”, spiega Lorenzo. Dopo il suo straordinario tour “Jova Beach Party” sulle spiagge italiane, Lorenzo aveva bisogno di qualche tempo per se stesso. “Tra lo scorso gennaio e febbraio ho viaggiato con la mia bicicletta dall’altra parte del mondo”, racconta Lorenzo. “Quando sono tornato indietro, il mondo era diventato un altro mondo. Volevo viaggiare per isolarmi nella Natura, ma quando sono tornato mi sono trovato in un altro isolamento, questa volta forzato dalla Natura stessa”.

WEB FICTION
La mia giungla

Produzione: Rai Fiction / Ruvido prod. – 2020
La mia Jungla è un surreale Hellzapoppin sulla nostra vita quotidiana, che racconta nevrosi e follie viste attraverso il punto di vista di Giovanni Scifoni. Dieci episodi da 4 minuti circa che partono nel periodo di quarantena e raccontano la convivenza forzata in famiglia, con uno sfogo via webcam dal tinello. Come cambiano le abitudini e le idiosincrasie famigliari costretti dentro le mura casa? E cosa cambierà quando tutto ciò sarà finito? Cosa ci porteremo dietro e cosa ci lasceremo alle spalle? Ogni episodio si concentra su tematiche importanti e attuali, legate a una particolare ricorrenza o a un’urgenza della nostra contemporaneità, calate nella routine quotidiana della famiglia Scifoni, che sembra sempre più assomigliare a una jungla!

IL PRIX ITALIA 2020 SULLE RETI RAI
La 72ª edizione della rassegna raccontata da radio, tv e sul web
La sfida delle redazioni virtuali per il Servizio Pubblico: è il tema al centro della 72ª edizione del Prix Italia dal titolo “Public Service and the Virtual Newsroom: Back to the Future?”, che per la prima volta dall’emergenza Covid19 riunirà fisicamente broadcaster di tutto il mondo al MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma. L’evento, che quest’anno vede in gara 250 programmi e l’ingresso di 10 nuove emittenti, si svolgerà dal 24 al 26 settembre e sarà raccontato su tutte le reti Rai radio e tv con approfondimenti, collegamenti e interviste ai suoi protagonisti.
Già martedì 22 settembre la Tgr Lazio e RaiNews manderanno in onda servizi sulla presentazione dalla rassegna internazionale promossa dalla Rai.
Alla vigilia dell’apertura della manifestazione, il 23 settembre su Rai3 alle 8.00 Agorà dedicherà uno spazio al Prix Italia, nel quale sarà ospite Annalisa Bruchi, segretario generale del Premio.
Alle 14.50, sempre su Rai3, la prima “puntata” di una striscia curata dalla Tgr che seguirà l’evento tutti i giorni fino alla sua conclusione sabato 26 settembre.
Quando la rassegna entrerà nel vivo giovedì 24, con una cerimonia inaugurale alla presenza della Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, diversi programmi Rai dedicheranno spazi di approfondimento al Prix Italia e al tema della 72ª edizione.
A partire da Unomattina, in onda dalle 6.45 su Rai1, La Vita in diretta (dalle 17.05) e i Fatti Vostri dalle 11.10 su Rai2.
E mentre al MAXXI di Roma si proclameranno i vincitori dei 12 premi nelle sezioni Radio, Tv e Web, nel pomeriggio del 25 settembre Sveva Sagramola parlerà della rassegna all’interno di Geo, in onda alle 17.00 su Rai3.
I vincitori della competizione internazionale saranno al centro di un servizio di RaiCultura che promuoverà anche l’evento attraverso l’Agenda Culturale del sito e i suoi canali social.
Grande impegno da parte di tutte le testate Rai radio e tv, che dedicheranno ampia copertura informativa al Prix Italia nelle diverse edizioni dei tg e dei gr.
Su tutti i canali Rai andrà in onda fino al 24 settembre un spot sul concorso e sui “suoni e le visioni dal futuro”, mentre sabato 26 Il Caffè di Rai1 dalle 7.05 approfondirà il tema di questa 72ª edizione.
Il racconto si concluderà domenica 27 settembre con Unomattina in famiglia, in onda dalle 6.30 su Rai1 e con uno “Speciale Prix Italia” interamente dedicato all’evento, in onda alle 23.45 su Rai1.