Italia notizie del giorno su musica est Testi Canzoni Variety

DAMIO – è in radio e online il video di GIORNI, il brano spiega al mondo la propria diversità e la voglia di cambiare, e la sua passione per la musica

DAMIO

IN RADIO E IN DIGITALE

GIORNI

BRANO D’ESORDIO DEL RAPPER ROMANO

Dal 16 ottobre è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “GIORNI”, singolo d’esordio di DAMIO. “GIORNI” è un brano che parla apertamente dei dissidi interiori di un ragazzo che, per spiegare al mondo la propria diversità e la voglia di cambiare, ha inizialmente trovato rifugio in amori distruttivi, droghe e alcol, ora sostituiti dalla sua passione per la musica.
Un incontro di sentimenti, sia positivi che negativi, da cui è nato un testo profondamente introspettivo.

Spiega DAMIO a proposito del suo brano: «Dall’uscita di questo singolo mi aspetto tutto e non mi aspetto niente. So già che il pezzo spacca e me lo ripeto ogni volta che lo ascolto. Si tratta solo di vedere come e con quale potenza arriverà agli ascoltatori. Essendo un brano molto personale e profondo, l’ascoltatore potrebbe cascarci completamente dentro senza neanche accorgersene, come però potrebbe succedere che lo “scarti” dopo venti secondi».

Per quanto riguarda le sonorità, il produttore El Piano De Oro ha creato melodie dal gusto tipicamente Trap, adatte a incorniciare delle liriche come quelle dell’artista romano. In concomitanza con l’uscita in digitale del brano, anche il videoclip ufficiale di “Giorni”, diretto da Jheison Garcia e girato tra le periferie di Roma e la casa dell’autore.

IG @damio___

Testo canzone Giorni di Damio

Mi fermo per strada e mi chiedo dove vado
È da sta mattina che sto girando a caso
Oggi non so che prendo caffè o latte macchiato
Oggi mi sento spento, domani illuminato

Mi fermo per strada e mi chiedo dove vado
È da sta mattina che sto girando a caso
Oggi non so che prendo caffè o latte macchiato
Oggi mi sento spento, domani illuminato

A domani ho già pensato
Villa bordo mare fumo sotto il porticato
Qualsiasi cosa voglia verrò sempre criticato
Oggi che la musica è un qualcosa di scontato

Eppure ieri mi ha salvato
Non ho paura di morire ma di essere lasciato
È che di questo mondo cazzo mi sono annoiato
Mandare baci e abbracci fra per essere apprezzato

Lo sai non voglio cazzi, non ci sono abituato
Tu brilli in tono lucido, sto bene con l’opaco
Lo vedi sin da subito da quando sono nato
Fotti col toro sbagliato

Ho scelto di lasciare ciò a cui ero abituato
Il letto già fatto, il tavolo apparecchiato
Voglio i segni sulla pelle, per quello che ho passato
Angelo ribelle, dentro ho un campo minato

Sembra tutto bello ma tu guarda l’altro lato
Ho voltato le armi, ciò che è stato è stato
Ma è proprio lo stato fra a non esserci mai stato
Io Vaffanculo me ne vado
Da sto mondo sbagliato

Ho periodi o giorni fra che sembro alcolizzato
In giro tutto stracciato, puzzo quasi di bruciato
Vorrei solo salire alto sopra a sto boato
La voglio risentire tu mandala da capo

Sono un paio di mesi che ho il cuore congelato
È che senza il tuo calore non mi sento riparato
Vorrei tanto darti quello che non ti ho mai dato
Io vorrei tanto darti quello che non ti ho mai dato

Pensi di conoscermi ma ormai sono cambiato
Penso vada tutto bene ma in realtà è tutto sbagliato
Aspetto il momento, sopra il palco emozionato
Sai ci credo a stento che sia stato tutto un caso

Mi fermo per strada e mi chiedo dove vado
È da sta mattina che sto girando a caso
Oggi non so che prendo
Caffè o latte macchiato
Oggi mi sento spento, domani illuminato

Mi fermo per strada e mi chiedo dove vado
È da sta mattina che sto girando a caso
Oggi non so che prendo
Caffè o latte macchiato
Oggi mi sento spento, domani illuminato