Italia notizie del giorno su musica est Variety

GIORGIO MASTROCOLA – presenta l’EP di debutto ON THE ROPE

LA SUA CHITARRA SUONA PER ALCUNI
DEI PIÙ GRANDI NOMI DELLA MUSICA ITALIANA
DOPO UNA SERIE DI
COLLABORAZIONI LIVE E IN STUDIO CON ARTISTI COME
FRANCO BATTIATO, MORGAN E MAX PEZZALI

GIORGIO MASTROCOLA

PRESENTA L’EP DEL DEBUTTO SOLISTA

ON THE ROPE

Giorgio Mastrocola, chitarrista, produttore e session-man per alcuni dei più grandi nomi della musica italiana, pubblica oggi l’EP d’esordio “On The Rope”: sei brani inediti di sola chitarra in stile fingerstyle, tutti suonati da lui con la produzione di  Raffaele Stefani (sound engineer in studio con Gianna Nannini, Morgan, Le Vibrazioni e dal vivo con Adriano Celentano, Paola Turci, Bugo e altri). L’EP è pubblicato dalla neonata etichetta indipendente LeMacchieSulVestitoBuono e distribuito da iMusician.

video Intro di Giorgio Mastrocola

“On the Rope” è un vero e proprio viaggio sonoro composto interamente da brani originali per chitarra acustica, Banjitar e  Ukulele, in cui il  fingerstyle e il folk tradizionale si fondono a sonorità art rock e progressive.Alle sei tracce dell’EP si aggiunge una bonus track realizzata in collaborazione con il maestro Feyzi Brera, che ha composto e realizzato un arrangiamento per quartetto d’archi della traccia “Plaza de Mayo “.

Giorgio Mastrocola racconta “ON THE ROPE” track by track

Intro – La traccia d’apertura dell’EP nasce istintivamente dalla fascinazione per il grande chitarrista John Fahey, considerato uno dei padri della chitarra acustica moderna. La capacità di Fahey di contaminare e spaziare tra i generi è stata l’ispirazione principale del brano, se non addirittura di di tutto l’EP.

Robin Goodfellow – Nasce dal tentativo di tradurre in musica la bellezza della natura, in particolare le suggestioni delle atmosfere boschive, spesso origine di miti e folklore.

Plaza de Mayo – Il brano è stato scritto dopo aver visto un documentario sull’organizzazione argentina per i diritti umani “ Nonne di Plaza de Mayo “, che ha la finalità di localizzare e restituire alle famiglie legittime tutti i bambini sequestrati nell’ultima dittatura militare. Il brano vuole essere un piccolo omaggio al coraggio ed alla forza d’animo dei protagonisti di questa tragica vicenda.

Pompon Lilliput Tip Tap – La Zinnia Pompon Lilliput è una pianta dai fiori bellissimi a forma di pompon. Il brano nasce osservandola muoversi freneticamente in una giornata di vento, fra turbinii improvvisi e momenti di quiete .

Sunday – Il brano è ispirato ad un bellissimo ricordo di mio padre che, nella serenità della domenica mattina, amava fischiettare mentre io bambino mi approcciavo per le prime volte alla chitarra.

Tibetan Bell  – L’ukulele è uno strumento magico, da cui però spesso ci si aspettano sonorità un po’ stereotipate. Viene inventato nella seconda metà dell’Ottocento da liutai portoghesi immigrati alle Hawaii. Tibetan Bell vuole scavare fino alle origini dello strumento, quasi a cercarne un’anima celata. L’incontro con la campana tibetana è assolutamente casuale, ma curioso al punto da dare il titolo al brano. 

Biografia, Giorgio Mastrocola inizia la sua attività musicale nel 1998 con La Sintesi. La band pubblica con Sony l’album di debutto “L’Eroe Romantico”, prodotto da Morgan, e si impone all’attenzione di pubblico e critica anche grazie alle esibizioni durante l’MTV Brand:New Tour del 1999. Successivamente il gruppo collabora con il fonico-producer Pino “Pinaxa” Pischetola (già al lavoro con artisti di fama internazionale come Depeche Mode e Robert Palmer), e nel 2002 viene pubblicato per Sony l’album “Un curioso caso “. Gli anni seguenti, dopo un’ intensa attività live, il gruppo si scioglie. Giorgio Mastrocola e il cantante Lele Battista continuano a collaborare: nell’album di debutto solista di Lele, “Le Ombre”, Giorgio sarà non solo chitarrista ma anche produttore artistico, e continua a collaborare con il cantautore anche nel successivo disco “Nuove Esperienze Sul Vuoto”. Entrambi i dischi sono pubblicati da Mescal.

Nel 2005 collabora come session man con Franco Battiato: dopo l’uscita dell’album “Dieci Stratagemmi” è infatti chitarrista durante la relativa tournée, da cui nascerà il DVD live “Un soffio al cuore di natura elettrica” registrato durante il concerto al Nelson Mandela forum di Firenze . Negli anni che seguono continua l’attività di session man e partecipa a svariate produzioni discografiche: collabora con Gianna Nannini, registrando le chitarre nel brano “Scusa” con la produzione artistica di Will Malone, ed è chitarrista nei live di Morgan e Franco Battiato. Dal 2012, inoltre, fa parte della band che accompagna live Max Pezzali.

Fra il 2012 e il 2013 suona la chitarra nel disco “E già” della cantante milanese Patrizia Cirulli, che reinterpreta in chiave acustica l’omonimo disco di Lucio Battisti. È qui che nasce la passione per la chitarra fingerstyle, che sviluppa in pieno nell’EP di debutto solista “On The Rope” in uscita il 30 ottobre 2020.