Italia Variety

VASCO ROSSI – fuori UNA CANZONE D’AMORE BUTTATA VIA la prima canzone dell’anno 2021 anche in radio

VASCO ROSSI

fuori

UNA CANZONE D’AMORE BUTTATA VIA

la prima canzone dell’anno 2021 anche in radio

Fuori ovunque il nuovo singolo “Una canzone d’amore buttata via” su Spotify, Amazon Music, Apple Music, iTunes e in tutti gli altri store digitali In vinile 7” 45giri e dal 15/01/2021 – facciata b: “Strumentale” “Una canzone d’amore buttata via”

La prima canzone dell’anno, la prima nel programma di Bolle, la prima dell’album che verrà nel 2021, l’anno della rinascita.

Non è mai stata buttata via nessuna canzone d’amore. Non sarà mica, questa, la prima?”, lo dice sorridendo Vasco che oggi, con qualche esperienza in più alle spalle, è ancora più ironico di ieri e scommette al buio. Da Vasco ti aspetti sempre qualcosa e lui non delude mai. Arriva sempre, con la sua faccia da impunito, la sua voce, i suoi testi le sue musiche. Poesia, sogno e chitarre rock, come nelle migliori sue ballad.

“non lasciarmi andar via, non lasciare che sia, una canzone d’amore buttata via”
Ma… chi la butta via una canzone d’amore se è sua? Di sicuro non il popolo dei suoi fan e followers che aspetta solo di “raccoglierla” dal momento in cui ne ha annunciato l’uscita, una sera, a totale sorpresa per tutti, in un post su Instagram.

Dalle 00:01 del 01.01.2021 esce dappertutto il nuovo singolo “Una canzone d’amore buttata via” (prodotta con Celso Valli) e Vasco ha scelto di presentarla in esclusiva, e per la prima volta, da Roberto Bolle in apertura del suo “Danza con me”, in onda il 1°gennaio sera su Raiuno.

Una canzone d’amore buttata via” dice Vasco  “non poteva uscire nell’anno peggiore di tutti i tempi. Volevo che uscisse nel 2021, l’anno della rinascita. E andare da Bolle, il mito mondiale della danza, è una combinazione astrale unica e beneagurante”.

Bolle che balla Vasco, quando la danza incontra il rock e scocca la scintilla, che esplode creando un momento di vera poesia e di grande energia. Bolle “interpreta” Vasco danzando su una coreografia da sogno. Il miglior inizio per “Una canzone d’amore buttata via”. Con grande generosità.

link piattaforme stream https://vascorossi.lnk.to/ucdbv

Vasco ama la danza, ha sempre pensato che in comune con il rock ha sensualità, passione, volontà e fisicità, comunicazione con il corpo liberatoria, emozione.
Ricordiamo la scelta dell’Etoile Eleonora Abbagnato come protagonista del video “Ad ogni costo” e il lavoro per il Teatro Alla Scala “L’altra metà del cielo”, il balletto andato in scena nel 2012, con le canzoni al femminile di Vasco arrangiate in chiave classica dal M.ro Celso Valli e danzate dal corpo di ballo della Scala.

Sono 15 anni che Vasco non va in televisione (…è la tv che va da lui…). Non è propriamente il suo mezzo prediletto, per comunicare preferisce i social dove lo seguono in milioni. E i concerti. Il palco, il suo habitat naturale.
Che per quest’anno gli è mancato moltissimi. Non si sa quando ci si potrà di nuovo assembrare sotto palco, certo è che ne abbiamo tanta voglia. Speriamo nel vaccino … speriamo di tornare presto alla normalità dei concerti live. Altro non si può fare attualmente.

Vasco non appare spesso in tv, l’ultima volta nel 2005, al Festival di Sanremo di Bonolis, per chiudere il cerchio iniziato 22 anni prima con “Vita spericolata” e aprirne contemporaneamente un altro, l’era di “Un senso”. Da allora molti cerchi se ne sono chiusi, l’ultimo a Modena Park nel 2017 con la carica mondiale dei 225.000, e molti se ne sono aperti in 40 anni di splendida carriera rock.

Il nuovo parte da “Una canzone d’amore buttata via”. Che apre il 2021 ed è anche il primo inedito dell’album, attualmente in lavorazione, che verrà nel 2021, dopo l’estate. Album molto atteso che arriva a 6 anni +1 dall’ultimo lavoro di studio “Sono Innocente”, 6 volte Platino nel 2014 e a 4 +1 da “Vasco Non Stop” l’antologia 5 volte Platino, nel 2016.

Nell’ultimo mese, Vasco Rossi insignito di 2 prestigiosi riconoscimenti:
Premio Tenco, per il suo rock d’autore, e il Nettuno d’oro, la massima onorificenza che il Sindaco di Bologna può dare.