Italia Programmi TV SERIE TV Variety

Imparare anche in Tv e sul Web: Rai – continua l’impegno nel 2021 con Rai Cultura e Rai Ragazzi

Imparare anche in Tv e sul Web: Rai

con
Rai Cultura e Rai Ragazzi
Prosegue il proprio impegno
per il mondo della Scuola.

Rai Cultura, in particolare, nel 2020 ha programmato 430 ore in prima tv, mentre la programmazione durante il lockdown ha totalizzato 9.050 ore, prevalentemente su Rai Scuola e su Rai Storia. Con il Ministero dell’Istruzione, inoltre, sono state prodotte oltre 330 lezioni web di “La scuola in tivù” e l’impegno prosegue nel 2021 anche su RaiPlay e sui portali di Rai Cultura e Rai Scuola con contenuti extra.

In particolare, dal 15 febbraio su Rai3 e su Rai Storia torna Edoardo Camurri con “#maestri”, ma ci saranno anche una nuova serie “Rai Scuola-La Scuola in Tivù”, con 120 lezioni, “La Scuola in tivù-Maturità” dal 17 maggio, e “La Scuola in Tivù-Istruzione degli adulti”, dall’8 marzo alle 20.30 su Rai Scuola.

Sempre nel 2021 di Rai Scuola, spazio alla lingua inglese con “Shakespeare tragic heroes”, la domenica alle 19.00 dal 14 marzo; “The secret life of book” sulla letteratura anglo-americana, il sabato e la domenica alle 18.30, e le serie di “The Great Mith”, su Iliade e Odissea, dal 15 febbraio alle 18.30. 

Spazio, inoltre, alla programmazione per i 700 anni dalla morte di Dante con la Società Dante Alighieri: dal 25 marzo alle 11.00 le lezioni da “Enciclopedia Infinita. Dante e la Divina Commedia”; e il venerdì, sempre alle 11, “In viaggio con Dante” sulla Commedia, e “Enciclopedia infinita. Storia della letteratura italiana”.

Tra gli altri appuntamenti di Rai Scuola, la quinta edizione di “Digital World. Competenze digitali”, dalla domenica al sabato alle 12 e gli Speciali dedicati a Educazione Civica, Cittadinanza e Costituzione.
E, infine, lo spazio dedicato alla scienza: dal 2 marzo le 20 nuove puntate di Progetto Scienza, un appuntamento settimanale in onda alle 21.

Su web e social grandi numeri per raiscuola.rai.it e raicultura.it: il primo ha superato i 40 milioni di pagine viste con quasi 10 milioni di utenti, per un totale che – con raicultura.it e i contenuti su RaiPlay – arriva a 50 milioni con 13 milioni di utenti.

A partire da marzo 2020, poi, sono state realizzate le campagne #LaScuolaNonSiFerma e #LaCulturaNonSiFerma e programmi come ScuolaNews, per i docenti. 

Anche per il primo semestre 2021 Rai Ragazzi continua l’attività di sostegno educativo ai ragazzi e alle loro famiglie. Su Rai Gulp, dal lunedì al venerdì, alle 15.00 c’è “La Banda dei FuoriClasse”, un doposcuola ricco, moderno e inclusivo con Mario Acampa. Ricca anche la sezione sulla scienza, con programmi originali Rai presenti anche su RaiPlay, come “Rob-o-Cod”, il game show dedicato al coding, dal lunedì al sabato, alle 12.30 su Rai Gulp, c’è.

Tra i prodotti disponibili on demand su RaiPlay c’è “Space To Ground – Guida per viaggiatori galattici” con Luca Parmitano dalla Stazione Spaziale Internazionale e Linda Raimondo, aspirante astronauta, e in primavera, su Rai Gulp, ci sarà “Dal puntino azzurro”, un nuovo programma alla scoperta del sistema solare.

Spazio anche alla musica con la serieMax & Maestro”, una premiata serie a cartoni animati, con la partecipazione come il personaggio del maestro Daniel Baremboim
La storia dell’arte viene affrontata dal cartone animato “L’arte con Matì e Dadà”, mentre per l’inglese, su Rai Yoyo c’è “Fumbleland” – Mi è scappato un errore”, tutti i giorni, alle 10.45.  Tutti i giorni alle 10.30, inoltre, su Rai Yoyo viene proposto un episodio di Peppa Pig anche in inglese.

Nella Giornata della Memoria, inoltre, Rai Gulp, proporrà una puntata del magazine “Explorandom” e il film d’animazione, “La Stella di Andra e Tati”, coprodotto da Rai Ragazzi in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. 

Ci sono, infine, gli appuntamenti fissi con “Diario di Casa” insieme ad Armando Traverso (in onda su Rai Yoyo, dal lunedì al venerdì, alle ore 18.35) ed #Explorers – Community (ogni sabato e domenica, alle 14.10 su Rai Gulp), rivolto ai ragazzi costretti a convivere con le norme imposte dalla pandemia.