FILM TV USA Variety

THE COURIER – nei cinema il film ispirato dalla crisi dei missili cubani, con Benedict Cumberbatch diretto da Dominic Cooke

Prodotto da FilmNation, 42, e SunnyMarch
Adam Ackland, Ben Browning, Ben Pugh, Rory Aitken

diretto da Dominic Cooke
scritto da Tom O’Connor
con Benedict Cumberbatch, Rachel Brosnahan,
Merab Ninidze, Jessie Buckley

THE COURIER

è l’incredibile storia di come un civile britannico inatteso
ha contribuito a salvare il mondo.

sarà disponibile per il noleggio
tramite piattaforme On Demand come Apple TV,
Amazon Prime Video, VUDU

The Courier è un vero thriller di spionaggio, la storia di un uomo d’affari britannico senza pretese Greville Wynne (Benedict Cumberbatch) reclutato in uno dei più grandi conflitti internazionali della storia. Per volere dell’MI-6 del Regno Unito e di un agente della CIA (Rachel Brosnahan), forma una partnership segreta e pericolosa con l’ufficiale sovietico Oleg Penkovsky (Merab Ninidze) nel tentativo di fornire informazioni cruciali necessarie per prevenire uno scontro nucleare e disinnescare il Crisi dei missili cubani.

La produzione e le note di regia di The Courier

Il 16 ottobre 1962, al presidente John F. Kennedy furono consegnate fotografie ad alta quota scattate da aerei U-2 che sorvolavano Cuba che mostravano i soldati sovietici che installavano missili nucleari sull’isola. Gli Stati Uniti erano stati informati che l’Unione Sovietica stava installando testate nucleari sull’isola caraibica. La crisi dei missili cubani ha visto il mondo sull’orlo della guerra nucleare.

Sulla scia delle elezioni presidenziali del 2016 negli Stati Uniti, lo sceneggiatore Tom O’Connor era molto curioso della storia dello spionaggio russo-americano. “Ho iniziato a leggere libri di storia“, dice O’Connor. “Oleg Penkovsky, interpretato da Merab Ninidze nel film, è una fonte leggendaria che gli americani avevano in Unione Sovietica. Una riga di un libro diceva che il contatto di Oleg Penkovsky era un civile britannico di nome Greville Wynne. A quel punto, il mio cappello da sceneggiatore è saltato fuori.

The Courier

O’Connor ha scoperto il più possibile di Wynne e Penkovsky. La loro relazione è menzionata in diversi libri ma solo in frammenti. “Ce n’è abbastanza per capire le basi“, afferma O’Connor. “Molti eventi erano e rimangono riservati, quindi a volte scoprire cosa è successo esattamente è stata una sfida perché entrambe le parti hanno diffuso una disinformazione attiva. Le persone non vogliono necessariamente che tutto sia registrato “. Inoltre, Wynne aveva scritto un’autobiografia nel 1967 intitolata The Man From Moscow: The Story of Wynne and Penkovsky. Tuttavia, O’Connor era consapevole che l’affidabilità di questo libro era stata messa in dubbio: “Ho letto alcune di persone che hanno screditato punto per punto le cose che Wynne sosteneva e che fossero accadute sostenendo che non potevano essere reali“.

Mettendo insieme la storia da varie fonti, O’Connor ha scritto la bozza e l’ha inviata alle società di produzione. È atterrato sulla scrivania di Ben Pugh di 42, che ha subito capito di volere che 42 producesse il film.

Volevo fare un film come questo da molto tempo“, dice Pugh. “Adoro quel periodo. Mi è piaciuta l’idea di un ragazzo di tutti i giorni al centro di quel mondo con tutti questi elementi elettrizzanti e questo enorme contesto politico globale mentre parla di lui e della sua famiglia, e finisce per cercare di salvare il mondo “.

Pugh ha proposto 42 come la casa perfetta per la sceneggiatura di O’Connor. Una volta che 42 sono diventati produttori del progetto, Pugh ha inviato la sceneggiatura a Dominic Cooke, che era stato direttore artistico e amministratore delegato del Royal Court Theatre 2006-2009, e ha diretto ON CHESIL BEACH, un adattamento dell’omonimo romanzo di Ian McEwan con protagonista Saoirse Ronan e Billy Howle, presentato in anteprima al Toronto International Film Festival nel 2017.

La sceneggiatura mi è venuta in mente“, dice Cooke. “Era un pezzo così ben scritto e avvincente su una storia brillante di cui non sapevo molto“.

Mentre leggeva la sceneggiatura, Cooke ha immaginato l’attore Cumberbatch nel ruolo di Wynne. Avevano lavorato insieme diverse volte a teatro e in THE HOLLOW CROWN della BBC TV, basato sulle opere di storia di Shakespeare, in cui Cumberbatch interpretava Riccardo III. O’Connor e Pugh speravano anche che Cooke suggerisse l’attore nominato all’Oscar. Pugh dice: “Quando Dominic è salito a bordo, ha fatto un piccolo passaggio della sceneggiatura con Tom e poi è andato dritto a Benedict“.

Cooke è venuto a conoscermi per la parte e il progetto. Ovviamente, ero molto ansioso di lavorare di nuovo con lui “, dice Cumberbatch, che è rimasto affascinato dal ruolo di Wynne. Sono rimasto incuriosito dall’arco narrativo del personaggio e la direzione che avrebbe preso. Mentre le nostre discussioni continuavano, ho detto che mi sarebbe piaciuto aumentare il processo contribuendo a produrlo con SunnyMarch insieme al mio partner di produzione Adam Ackland “.

Ackland di SunnyMarch era entusiasta di lavorare a un racconto di spionaggio. “Non stavamo cercando di realizzare un thriller di spionaggio“, dice Ackland.Ci è capitato di trovare una grande storia in quel genere con buoni personaggi, dignità e umanità“.

Con le firme del regista e del protagonista, Pugh era pronto a far passare la produzione alla fase successiva.Con l’aiuto di UTA, abbiamo inviato la sceneggiatura a FilmNation. Sono il principale finanziatore in questo spazio in termini di questo tipo di film e si sono uniti come finanzieri e produttori. È diventato un team straordinario con quelle 3 società, 42, SunnyMarch e FilmNation “.

Ben Browning, Presidente della produzione e delle acquisizioni di FilmNation, afferma: “Facciamo molti film in questo spazio, lavorando con talenti di alto livello che tendono ad avere una portata con un pubblico globale. Abbiamo lavorato con lo scrittore Tom in un film che alla fine non abbiamo realizzato; avevamo lavorato con Benedict in THE IMITATION GAME e conoscevo il lavoro di Dominic dal teatro, e mi è piaciuto il suo primo film.

The Courier

FilmNation ha portato il film confezionato a Cannes nel 2018, dove è stato accolto con entusiasmo. “L’accoglienza è stata molto positiva perché è un film di spionaggio che sembrava avesse qualcosa di nuovo e opportuno da dire“, dice Browning. C’è una lunga storia di grandi thriller di successo della Guerra Fredda, la differenza qui è che invece di parlare di persone imperscrutabili con motivazioni imperscrutabili ha un cuore emotivo chiaro, e si tratta essenzialmente di una relazione tra due uomini che hanno fatto qualcosa di straordinario“.

Regista: Dominic Cooke
Scrittori: Tom O’Connor
Produttori: Adam Ackland, Ben Browning, Ben Pugh, Rory Aitken
Produttori esecutivi: Leah Clarke, Benedict Cumberbatch, Ashley Fox, Glen Basner, Alison Cohen, Milan Popelka, Dominic Cooke, Tom O’Connor, Josh Varney

Cast: Benedict Cumberbatch, Merab Ninidze, Rachel Brosnahan, Jessie Buckley
Distributore: Roadside attractions, Lionsgate

La crisi dei missili cubani: rappresenta gli anni Sessanta

Ricordo mia madre che mi diceva che la gente pensava che il mondo stesse per finire“, dice il regista Cooke. “Ricorda le persone che si affollano nelle chiese che non sono mai state in chiesa“.

I filmakers hanno dovuto trasmettere a un pubblico contemporaneo che sa che non c’è stata una guerra nucleare che uno scenario del genere non solo era fattibile, ma che molti temevano sarebbe stato inevitabile.

Cooke dice:Abbiamo iniziato a cercare come inserire questo background nel film senza finire per dover fare molte spiegazioni sulla crisi dei missili cubani“.

Nell’ottobre 1962, i missili balistici sovietici venivano dispiegati a Cuba. Il presidente Kennedy ha chiesto la loro rimozione. Quando Kruschev rifiutò, entrambe le parti iniziarono i preparativi per una guerra nucleare.
Per 13 giorni, a causa di una politica rischiosa ha visto il mondo affrontare la minaccia di una guerra nucleare.

Questo ha mandato molti in tutto il mondo in uno stato di panico. “Ciò che lo ha portato a casa è stato Dominic che descrive la minaccia“, dice Cumberbatch.Il mondo ha trattenuto il fiato, non è solo una lotta tra due Paesi, ma ogni Paese tra di loro che ne sarebbero stati colpiti“.

O’Connor ha guardato documentari, cinegiornali e ha parlato con i suoi genitori mentre ha inserito la crisi nella sceneggiatura, “Sto solo cercando di avere un senso di quella paura e impotenza che le persone sentivano che il mondo potesse finire e non c’è una dannata cosa che può fare al riguardo.”

Avevi navi che si dirigevano a Cuba con missili, avevi gli americani armati e pronti e avevi tutti in bilico su pulsanti e codici“, dice Cumberbatch.Ci vogliono solo poche teste calde in carica dei codici, poche opinioni polarizzate e persone che si chiudono e non hanno un dialogo perché la catastrofe avvenga“.

il regista Cooke sentiva di poter portare questo senso di crisi sullo schermo:
Sapevo come doveva sentirsi quel mondo, almeno nel Regno Unito e sono sempre stato interessato all’Unione Sovietica, alla politica e alla storia di quel tempo“.

Era passata una generazione dalla fine della seconda guerra mondiale e una nuova architettura funzionale era apparsa in tutto il mondo. I vestiti stavano cambiando, ma gli altalenanti anni Sessanta dovevano ancora arrivare. Ricreare l’aspetto e l’atmosfera dell’epoca è stato un compito monumentale. Cooke voleva assicurarsi che i set e i costumi supportassero l’azione e il dialogo.

Il regista e molti dei capi dipartimento avevano appena lavorato a un film che aveva portato gli anni Sessanta alla vita cinematografica. Cooke dice: “Abbiamo lavorato con lo stesso team di ON CHESIL BEACH, lo stesso direttore della fotografia, costumista e scenografo“.

The Courier

Ho guardato molti film di spionaggio e film d’epoca ambientati nei primi anni Sessanta“, dice Cooke.L’interessante differenza tra i film degli anni Sessanta e quelli che sono stati girati negli anni Sessanta è che i film degli anni Sessanta non hanno quel fascino, sono più reali.

La scenografa Susie Davies dice: “A volte è davvero difficile fare quell’epoca perché può diventare lo stile piuttosto che la sostanza. Vuoi che il design supporti la storia, piuttosto che sventolare una bandiera dicendo “Ooh, guarda questo che abbiamo fatto“.

Una delle cose che ho deciso di voler fare era far sentire Mosca e Londra simili“, dice Cooke. “Non erano così simili perché erano architetture diverse e così via, ma non avevo intenzione di fare qualcosa che avrebbe esagerato le loro differenze.

I set sono stati progettati per mostrare la competizione tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Entrambe le superpotenze stavano portando avanti iniziative che cercavano di dimostrare che il loro modo di fare le cose creava una vita migliore per i loro cittadini e una tecnologia più avanzata.

C’era questa grande sensazione epica dell’architettura in quel periodo a causa della competizione tra i due Paesi, in particolare negli anni Sessanta con l’architettura brutalista (Corrente architettonica) e l’architettura sovietica“, dice Davies. “Per l’elemento britannico, abbiamo deciso che Londra sarebbe stata molto seria e solida.

Per replicare l’architettura dell’epoca, i filmmakers hanno esplorato l’Europa orientale per trovare edifici dall’aspetto simile. Davies dice, sapevano che tipo di edificio volevano, l’architettura “era tutta una questione di scala e potere, oppressione e pesantezza“.

Dato che sono trascorsi più di cinque decenni dagli eventi del film, i filmmakers hanno dovuto escogitare modi ingegnosi per ricreare gli edifici. “Alcuni degli esterni di Mosca si trovano a Praga e nella Repubblica Ceca, e alcuni degli interni si trovano effettivamente nel Regno Unito, quindi l’abbiamo mescolato un po‘ “, dice Davies. Non credo che ci sia un luogo che si trova in un solo Paese.”

Per il quartier generale della CIA a Langley, gli esterni sono stati girati nella Repubblica Ceca e gli interni a Londra. I filmmakers hanno preso la licenza artistica perché all’epoca la CIA era in procinto di trasferirsi nell’edificio di Langley.

Eravamo un po’ ambigui perché si erano appena trasferiti a Langley verso la fine del periodo del nostro film, quindi abbiamo spinto un po’ la verità“, La scenografa Susie Davies dice . “Nel mondo reale, sarebbero stati in un luogo molto più noioso, ma non ha cambiato l’impatto della storia. A volte devi essere leggermente ambiguo. “

Per aiutare nella ricerca del realismo, Davies ha scelto artisti e fotografi che avevano un’affinità con ogni Paese come punti di riferimento: “Per Mosca, uno dei nostri principali riferimenti era Henri Cartier-Bresson, un fotografo che aveva fatto fantastici viaggi a Mosca in Negli anni ’50, per il lato americano, abbiamo guardato al lavoro di Saul Leiter, e per il Regno Unito è stato un mix di Norman Parkinson con Martin Parr. “

C’era una filosofia “Non volevamo renderlo troppo bello”. Davies continua: “Alcune delle immagini e delle cornici sul muro sono leggermente spostate, non sono collocate nel luogo più esteticamente gradevole“.

Il produttore Browning aggiunge:
Quello che Dominic ha fatto meravigliosamente è stato chiarire che THE COURIER è molto del suo tempo nei primi anni ’60 e sebbene sia ancora bello e stilizzato è anche chiaro che non è mai impantanato dal peso del periodo. Il dramma sembra immediato e viscerale.

La scenografa Davies dice:Abbiamo tolto un bel po’ di colore ed è diventato molto grigio. Penso che sia stato molto facile per noi poiché i colori sono vivaci negli anni Sessanta, gli arancioni, i verdi e i blu, abbiamo cercato di spremere la nostra tavolozza in toni piuttosto tranquilli di quei colori, quindi nulla ha gridato. Abbiamo cercato di non usare troppe curve e di essere troppo funky.

Una cosa che abbiamo fatto è stata limitare la tavolozza“, dice Cooke. “Ad esempio, abbiamo deciso che non avremmo avuto alcun mattone rosso nel film. Non ci sono affatto mattoni rossi perché volevamo qualcosa che fosse più duro; non volevamo che il mondo fosse morbido, caldo e pittoresco.

The Courier

C’è stato uno sforzo simile per limitare la tavolozza per le scelte di abbigliamento. Questi erano personaggi conservatori e non sgargianti, e si vestivano di conseguenza. “Ci siamo concentrati sulla consistenza“, afferma Cooke.Non era come adesso, dove tutto è disponibile, la gente non aveva tanti vestiti, qualcuno della classe media avrebbe avuto due abiti. Le persone non avevano il reddito disponibile e i vestiti non erano così economici proporzionalmente come lo sono ora.

Non era un periodo affascinante“, concorda la costumista Keith Madden.La vita quotidiana delle persone non era così affascinante come siamo portati a credere sul grande schermo. Non erano gli anni Sessanta altalenanti, erano più gli anni Cinquanta morenti, per così dire.

Madden ha cercato a lungo per trovare le foto di Wynne e Penkovsky mentre cercava di abbinare i vestiti nel film con quello che indossavano.
Wynne aveva un aspetto molto specifico. In ogni foto indossava una cravatta in particolare. Abbiamo dovuto fare un po’ di lavoro investigativo per indovinare il colore della cravatta poiché tutte le foto erano in bianco e nero. Leggendo alcuni dei suoi libri, abbiamo dedotto che era una cravatta dell’Università di Nottingham che indossava “.

C’erano più problemi nel decifrare le scelte di moda di Penkovsky. Madden dice: “Non sappiamo cosa stesse indossando, poiché l’unica foto di lui era prima degli eventi nel film.

Con la moda russa c’era molto più colore”, spiega Madden. “C’era più geometria e molti foulard, cappotti pesanti e molta più pelliccia. Indossare pellicce per i russi era diverso dal glamour con cui sarebbe stato percepito in America e nel Regno Unito “.

Per gli inglesi, “C’è molta trama, tweed e spina di pesce“, dice la costumista. “Abbiamo guardato molti film e sono stato molto influenzato da THE SPY WHO EN FROM THE FRED.”

I realizzatori hanno ritenuto che Sheila dovesse essere più alla moda di suo marito: “Sheila è più di classe di Wynne, era molto la signora Suburbia, ma era anche modesta“.

Per Emily, Madden era consapevole delle difficoltà che una donna avrebbe dovuto affrontare sul posto di lavoro in quel momento a causa del loro aspetto. “Ha questi tipi di abiti e completi eleganti e femminili, e tutto ha a che fare con l’essere una professionista assoluta all’interno di una situazione di un gruppo di uomini“, dice Madden. “Volevamo che sembrasse molto seria.

Brosnahan crede che il tono serio fosse un riflesso sia di ciò che stava accadendo negli anni Sessanta ma anche della politica globale oggi. Dice:
Penso che nella mia vita, l’unico vero riferimento che ho, e non è nemmeno vicino al fatto di avere armi nucleari puntate contro di te, è stato il presidente Trump che ha colpito l’orso nordcoreano da quando è entrato in carica. Improvvisamente ho sentito i miei amici a New York City parlare di sapere dove fosse il loro rifugio antiatomico più vicino “.

Sulla scia delle elezioni presidenziali statunitensi del 2016 e delle rivelazioni sulla privacy di Cambridge Analytica, il rapporto tra Russia e America e il livello di spionaggio tra le due potenze stava facendo notizia. Dalla caduta del muro di Berlino e dal crollo del comunismo i legami tra l’America e la Russia non sono stati oggetto di tale controllo.

THE COURIER sembra essere parte dello zeitgeist. Cumberbatch aggiunge: “Negli ultimi quattro anni, con la Corea, Trump, la Cina e la revoca di tutti i vecchi trattati nucleari tra Russia e America, questi eventi si sono verificati mentre stavamo sviluppando e girando il film. Quindi, THE COURIER ha sentito un un po’ urgente in un modo piuttosto spaventoso. “

THE COURIER sarà disponibile per il noleggio a $ 19,99 tramite piattaforme On Demand come Apple TV, Amazon Prime Video, VUDU e fornitori di servizi via cavo a partire dal 16 aprile 2021.