Giappone SERIE TV USA Variety

RESIDENT EVIL: Infinite Darkness – sarà lanciata esclusivamente su Netflix nel luglio di quest’anno

Conosciuto come il gold standard dei giochi survival horror con oltre 100 milioni di unità spedite in tutto il mondo, Resident Evil celebra il suo 25 ° anniversario e siamo entusiasti di rivelare che la prossima serie anime originale in CG, RESIDENT EVIL: Infinite Darkness, sarà lanciata esclusivamente su Netflix nel luglio di quest’anno.

Eiichiro Hasumi, il regista acclamato dalla critica dietro ad alcuni dei più grandi successi live-action giapponesi, tra cui la serie “Umizaru” o “Mozu”, nonché “The Sun Does Not Move”, dirigerà la prossima serie di RESIDENT EVIL: Infinite Darkness con Yugo Kanno , un musicista versatile attivo in una vasta gamma di campi e generi, inclusi documentari e giochi, responsabile della colonna sonora. Per celebrare il lancio imminente e per dare ai fan uno sguardo dietro le quinte, sia Eiichiro Hasumi che Yugo Kanno parlano del loro coinvolgimento e del loro entusiasmante lavoro sull’anime in arrivo.

Dalla redazione di Netflix

Eiichiro Hasumi

Hai costruito una carriera impressionante nel live-action, inclusi molti famosi film d’azione e serie. Come ti sei sentito dirigere una serie 3DCG (3D computer graphics, sometimes called CGI) per “Resident Evil“, un IP popolare in tutto il mondo, come è stata la tua prima incursione negli anime?

Essere coinvolto in un lavoro con una storia così lunga e così tanti fan mi ha dato più gioia che pressione. Sono stato supportato dallo straordinario staff durante il mio primo tentativo di realizzare un anime completo in CG. Apprezzo molto i loro sforzi e sento davvero che mi abbiano trascinato fino al traguardo. Anche se questo è un anime completo in CG, mi sono sforzato di regolare il lavoro della telecamera e l’atmosfera di illuminazione per assomigliare alle riprese live-action che di solito faccio per instillare a questo lavoro con un senso di realismo. Poiché i personaggi sono amati da molte persone, ci siamo assicurati che la nostra rappresentazione non tradisse le aspettative dei fan. È stato anche rassicurante che gli attori in motion capture e i doppiatori fossero il cast che interpretano nel videogioco Leon e Claire.

Leon e Claire sono i famosi personaggi della serie “Resident Evil” amati dai fan di tutto il mondo. Cosa hai voluto trarre da loro in questo lavoro?

Basandoci su un suggerimento del produttore esecutivo Kobayashi, abbiamo deciso di interpretare Leon come un personaggio un po’ cinico in contrasto con Claire. Questi eventi si svolgono nel 2006, tra il periodo in cui era un giovane pieno di senso di giustizia e il 2014, quando era diventato leggermente affaticato dai combattimenti senza fine come rappresentato in “Resident Evil: Vendetta”. L’abito che Leon indossa è importante in quanto simboleggia questa posizione. Sono rimasto colpito perché ha un bell’aspetto anche in abiti formali.

Questo lavoro sarà pubblicato in 190 paesi su Netflix. Che tipo di spettatori in tutto il mondo ti piacerebbe guardassero? Per favore, dicci se c’era qualcosa di cui eri consapevole, in particolare perché si tratta di una versione globale

Ho davvero apprezzato il fatto che il direttore di ADR Alex abbia lavorato a lungo su questo progetto, dalla fase di motion capture per la traduzione delle linee in inglese, così come la cultura e le usanze. Quando ho ricevuto questa offerta dal produttore Shinohara, mi è stato chiesto di aggiungere un elemento di suspense, quindi in base al mistero di ciò che è accaduto nella guerra del Penamstan sei anni prima, abbiamo costruito la storia per mescolare la sequenza temporale e girare lentamente le carte per rivelare la verità. Spero che sia i fan della serie “Resident Evil” che i non fan possano apprezzare anche questo elemento, mentre guardano la serie .

Yugo Kanno

Hai composto musica per opere di vari generi, ma di cosa eri consapevole quando hai prodotto la musica per questo lavoro? Hai usato qualche trucco per creare l’atmosfera unica di “Resident Evil”?

Poiché si tratta di una serie popolare a livello internazionale, ho guardato i precedenti titoli di “Resident Evil“, ho ereditato lo spirito delle molte persone che ci hanno lavorato e ho accettato la sfida di creare una nuova atmosfera attraverso tentativi ed errori. Ero profondamente consapevole che questo lavoro sarebbe stato pubblicato su Netflix, quindi mi sono concentrato sulle dimensioni di un film di Hollywood in modo che anche gli spettatori stranieri potessero apprezzarlo. Non era particolarmente diverso dai film o dai drammi live-action. Dato che ho ricevuto le stesse istruzioni dettagliate come al solito dal regista Hasumi, inclusa l’esatta impressione e il modo in cui voleva mostrare le immagini, non ero particolarmente consapevole del fatto che questa fosse un’animazione durante la sua produzione. In effetti, mi sembra di capire solo ora che questa è una serie animata.(ride)

Che tipo di temi o immagini hai condiviso con il regista Hasumi durante la produzione della musica per questa serie? Per favore, dicci se ci sono state discussioni che hanno lasciato un’impressione durante la tua comunicazione con il regista

Durante le mie conversazioni con il regista Hasumi per la musica demo per il primo trailer, mi sono reso conto che anche se questo era un lavoro horror, non è tipico di “Resident Evil” fare affidamento troppo sulla musica per spaventare. Tuttavia, deve anche essere spaventoso, quindi ho lavorato per trovare quell’equilibrio per la musica attraverso tentativi ed errori mentre condividevo la musica demo con lui.