Italia SERIE TV Variety

Tenebre e Ossa – il racconto della serietv in arrivo su Netflix nelle parole di Eric Heisserer, Bardugo, Shawn Levy

Tenebre e Ossa Shadow and Bone

il racconto della serietv in arrivo su Netflix nelle parole di


Eric Heisserer, Bardugo, Shawn Levy

I romanzi Grishaverse più venduti di Leigh Bardugo stanno finalmente facendo il salto di pagina in schermo nella nuova serie fantasy di Netflix Shadow and Bone. La serie è incentrata su un’orfana Alina Starkov (Jessie Mei Li) e sulle forze oscure che cospirano contro di lei quando scatena un potere straordinario che potrebbe cambiare il destino del suo mondo dilaniato dalla guerra.

Dare vita a questo vasto universo non è stata un’impresa facile. In vista della premiere della serie, lo showrunner, scrittore e produttore esecutivo Eric Heisserer; l’autore e produttore esecutivo Bardugo; e il produttore esecutivo Shawn Levy (21 Laps Entertainment) discutono delle maggiori sfide nell’adattare i libri, nel casting di questi amati personaggi e di come Shadow and Bone si distingue nello spazio del genere.

Eric e Leigh, come vi siete incontrati per la prima volta e avete iniziato a lavorare insieme per adattare il Grishaverse in una serie?

Eric Heisserer: Circa tre anni fa ho deciso per il nuovo anno di leggere con più piacere. Ho contattato alcuni amici per consigli sui libri e qualcuno ha detto: “Come ti piacerebbe Ocean’s Eleven tramite Charles Dickens in un’ambientazione fantasy?” Così ho divorato Six of Crows e mi sono divertito così tanto che ho twittato a Leigh per dire grazie per questo fantastico libro. Poi ho trovato la mia strada per la trilogia originale di Shadow and Bone e mi è davvero piaciuta la storia di formazione di una giovane eroina. E poi un anno dopo, il rappresentante letterario di Leigh mi ha contattato per farmi sapere che Netflix aveva acquisito i diritti di Shadow and Bone, e tutti avevano visto il mio tweet su Leigh. Ma la mia proposta era di fare l’intera serie: Shadow and Bone e Six of Crows. Così sono passati due mesi, poi Netflix mi ha chiamato e mi ha detto che avevano ottenuto i diritti su tutto.

Leigh Bardugo: Ho visto molti amici passare attraverso adattamenti ed essere essenzialmente esclusi dai mondi che hanno creato. Ho saputo non appena ho incontrato Eric che non era quella persona. Aveva grandi idee e nuovi posti in cui voleva portare questi personaggi, ma aveva anche un enorme rispetto per il mondo che era stato costruito e per i fan che amano quel mondo. Eric si è sempre avvicinato a questo spettacolo con un senso di scoperta ed eccitazione come fan del materiale, e questo significa molto per me.

Cosa differenzia Shadow and Bone dagli altri spettacoli nello spazio del genere?

Shawn Levy: I libri, e ora la serie, sono molto ispirati dalla Russia zarista. Non è una replica della storia, ma attinge a quelle estetiche uniche. Nel genere fantasy, penso che siamo abituati a vedere l’ispirazione e l’influenza medievali, ma volevamo creare un pezzo di genere che fosse esteticamente e stilisticamente diverso da tutto ciò che abbiamo visto. Dai costumi alla scenografia alle lingue parlate nello spettacolo, Shadow and Bone si sente straordinariamente fresco. Lo spettacolo è anche ferocemente romantico ed è pieno di umorismo e arguzia.

Come ti sei avvicinato alla combinazione di Shadow and Bone e Six of Crows, che si svolgono nello stesso universo, ma su linee temporali diverse?

Heisserer: I libri sono tutti impostati cronologicamente, quindi tecnicamente non arriviamo agli eventi nei libri di Six of Crows fino a quando i libri di Shadow and Bone non sono terminati. Quindi quello che Leigh e io dovevamo fare era essenzialmente inventare storie prequel per i personaggi chiave di Six of Crows in questa stagione – Kaz, Inej e Jesper – per adattarsi a ciò che sta accadendo nella trama di Shadow and Bone. Questo è stato il lavoro pesante.

Bardugo: E non è stato facile! Eric ha preso due serie fantasy – con poteri e creature e orrori e rapine – e le ha plasmate in questa cosa meravigliosamente coesa. Non credo che avrei potuto essere più fortunato nella persona a cui abbiamo scoperto di consegnare le chiavi. Non erano solo le chiavi di un libro o di una serie, era un intero mondo su cui avevo lavorato per la parte migliore della mia carriera.

Come vi siete avvicinati a trovare il cast giusto per incarnare personaggi così amati?

Bardugo: Il fulmine non ha colpito una volta, ha continuato a colpire e abbiamo catturato tutta questa incredibile elettricità con il nostro cast. Abbiamo trovato attori che hanno una chimica incredibile sullo schermo e un cameratismo straordinario fuori dallo schermo. Il livello di concentrazione, energia e dedizione che stanno portando da queste parti è straordinario.

Levy: In una serie come Shadow and Bone stai creando un nuovo mondo, e gran parte di questo sta presentando al pubblico personaggi che non hanno mai incontrato prima. E non puoi farlo con un cast di volti familiari. Devi farlo con un cast di volti nuovi. A questo proposito, questo processo di casting ricorda molto Stranger Things. E a differenza di molte altre serie fantasy, abbiamo un vero eclettismo nel background culturale e razziale dei nostri personaggi e attori. Stiamo davvero presentando un mondo che ci mostra un misto di background e diversità culturali in un modo che sembra sia accurato per questo mondo, ma anche unico nel genere fantasy. Quell’elemento è stato davvero importante per noi sin dall’inizio.

Quale elemento di Shadow and Bone pensi che attirerà i fan, vecchi e nuovi?

Bardugo: Quando guarderanno questa serie, spero che le persone vengano trasportate in un mondo che non sembra un posto in cui siano mai state prima. Non sono spade e stregoneria. La serie chiede davvero: “Cosa succede quando porti una pistola in un combattimento magico?” Riguarda i poteri magici, i grandi destini e gli intrighi di corte, ma riguarda anche le persone che cadono attraverso le crepe, che sono viste come sacrificabili.

Levy: Quando stavamo girando Stranger Things per la prima volta, le persone hanno chiesto: “Chi lo guarderà davvero?” E quello che abbiamo scoperto è che se puoi ancorare una serie ai personaggi che si sentono umani, e per i quali radichi profondamente e appassionatamente, questa è la magia. E con Shadow and Bone, abbiamo cercato di fare esattamente questo. Abbiamo cercato di offrire ai fan sia vecchi che nuovi un mondo diverso da qualsiasi altro abbiano visto, ma con personaggi profondamente umani che desiderano, provano, aspirano e lottano in modi che sembrano autentici e quindi completamente risonanti e riconoscibili per noi.

dalla redazione di Netflix, la serie con:Jessie Mei Li,Archie Renaux,Ben Barnes
Shadow and Bone premieres dal 23 Aprile su Netflix.