Cinema Russia Variety

PROFILE – il film thriller si svolge interamente attraverso un computer tratto da una storia vera

PROFILE

Protagonista
Valene Kane e Shazad Latif

Diretto da
Timur Bekmambetov
Prodotto da
Timur Bekmambetov e Olga Kharina

Di fronte a una scadenza imminente per fornire una storia sulla radicalizzazione online, la giornalista freelance Amy Whittaker (Valene Kane) si rivolge ai social media nella speranza di stanare un vero reclutatore di terroristi. Crea un falso account Facebook a nome della diciannovenne Melody Nelson, una recente convertita religiosa che vive a Londra. Qualche istante dopo aver caricato i primi post del suo personaggio, Amy sta ricevendo messaggi amichevoli da Abu Bilel (Shazad Latif), un militante nato a Londra che è ansioso di entrare in contatto con la giovane donna che ha ripubblicato i suoi video.

Amy è stata fortunata nella storia di una vita. Entro i confini del suo laptop, ha l’opportunità di sperimentare il processo di reclutamento in prima persona sotto falso nome. Ma ad ogni chiamata Skype e scambio di messaggi con il carismatico Bilel, Amy si mette a rischio mentre il confine tra il suo profilo reale e quello online si dissolve.

Dal maestro della suspense Timur Bekmambetov arriva PROFILE, un avvincente thriller ispirato alla storia vera di una giornalista investigativa che ha rischiato la vita per infiltrarsi in un gruppo militante ed esporre le sue tecniche di reclutamento online. Il film si svolge interamente sullo schermo del computer della sua eroina mentre assume una falsa identità online e rimane invischiata in un pericoloso gioco del gatto e del topo con un reclutatore di terroristi.

Note di regia Profile

Nel 2012, Timur Bekmambetov ha firmato per produrre Unfriended, un film horror soprannaturale a budget ridotto che si è svolto interamente sugli schermi dei computer dei suoi protagonisti. Ha visto l’approccio incentrato sullo schermo come un nuovo entusiasmante linguaggio cinematografico e un passo logico nell’evoluzione del cinema.

Come dice lui, “Negli ultimi due decenni, il dramma umano è migrato su interfacce digitali. Dalle chat video agli SMS, al sexting, i nostri modi di vivere e amare sono diventati inseparabili da diversi tipi di schermi: computer, telefoni, tablet. E se si spera che le nostre storie restino vere, credo che anche loro debbano andare avanti “.

Rilasciato dalla Universal nel 2015, Unfriended è stato un successo travolgente, incassando circa 65 milioni di dollari in tutto il mondo con un budget di 1 milione di dollari. Incoraggiato dalla risposta internazionale, Bekmambetov ha deciso di produrre più film nel formato che ha soprannominato Screenlife. Ha cercato giovani registi di talento per sviluppare nuovi progetti Screenlife: il suo thriller tecnologico di successo Searching è stato il debutto cinematografico di Aneesh Chaganty (che ora ha diretto Run with Sara Polson) e Sev Ohanian (nomination all’Oscar per Judas and the Black Messiah); per R#J, la sua produzione Screenlife di Romeo e Giulietta, ha presentato Carey Williams.

Nel frattempo, Bekmambetov stava cercando materiale che potesse dirigere in Screenlife. Un giorno, Olga Kharina, produttrice di Bazelevs, il suo banner di produzione gli ha inviato un collegamento a un articolo su un libro appena pubblicato intitolato In the Skin of Jihadist, di un giornalista francese che ha usato un falso personaggio online per infiltrarsi in un’operazione di reclutamento dell’ISIS. L’articolo osservava che il libro includeva trascrizioni di conversazioni su Skype e messaggi di Facebook tra il giornalista e un militante di origine francese con sede in Siria.

Bekmambetov aveva trovato il suo progetto Screenlife. In the Skin of a Jihadist era una scelta naturale per il formato Screenlife e aveva tutte le caratteristiche di un thriller teso ed emotivamente complesso.

Dice Bekmambetov: “Quando ho letto il libro sapevo che dovevo fare questo film“, afferma.Era una perfetta combinazione di suspense giornalistica e folle romanticismo online.”

Era anche attratto dalla storia di Erelle a livello personale: sua madre era stata una giornalista. “Grazie a mia madre, sono cresciuto con la convinzione che il dovere di un giornalista è dire la verità, fare un rapporto completo e senza pregiudizi“, osserva.È difficile; è una scelta morale quotidiana soppesare il proprio dovere insieme a tutto il resto, compresi i sentimenti e le convinzioni personali. Come i medici in tempo di guerra devono curare i feriti indipendentemente da quale parte stanno e i giudici in tribunale devono emettere verdetti imparziali nonostante i loro sentimenti personali, i giornalisti devono dirci la verità. È nel DNA della loro professione. Ammiro Anna. Ci ha permesso di entrare nella sua pelle incorporando materiali non censurati dalla sua indagine. Ciò richiede una volontà davvero forte e ha un prezzo elevato “.

L’indagine di Erelle ha effettivamente avuto ripercussioni serie e durature, inclusa una fatwa emessa contro di lei. La vera identità dell’autore rimane un segreto e ha una protezione della polizia 24 ore su 24. La continua minaccia alla sicurezza di Erelle era evidente nelle precauzioni prese quando Bekmambetov fece un viaggio di un giorno per incontrarla in un hotel di Parigi.Era come qualcosa nelle storie di spionaggio“, ricorda il regista.L’avvocato di Anna è entrato per primo nella stanza d’albergo, per confermare che ero io. Poi ha chiamato Anna per entrare. E ho incontrato una donna incredibilmente intelligente che ho trovato molto empatica. Abbiamo passato le quattro ore successive a parlare di quello che è successo nel suo libro e di come è successo. Abbiamo parlato della sua vita e della mia vita. Quella connessione era molto importante.

Erelle non solo ha descritto la sua esperienza al regista; gli permise di vedere il laptop che aveva usato nelle sue comunicazioni con Bilel. L’ampiezza dell’accesso – la capacità di visualizzare le registrazioni Skype, i messaggi archiviati e il desktop stesso – è stato un vantaggio fondamentale quando è andato avanti con Profile. “Ho avuto la possibilità di vedere le persone reali e le conversazioni reali“, spiega. “Ho visto gli schermi e ho assistito allo sviluppo della storia. È stato molto interessante e utile per il casting, per la narrazione e per il design del film “.

Ha deciso di ambientare il film a Londra e le nazionalità dei personaggi sono cambiate di conseguenza. Dopo che Britt Poulton ha scritto una bozza iniziale, Bekmambetov e Kharina hanno assunto lo sviluppo della storia e le revisioni della sceneggiatura. Opportunamente, i partner hanno utilizzato un programma di sceneggiatura collaborativo che ha permesso loro di lavorare in modo efficiente dai loro diversi angoli del mondo: Bekmambetov a Los Angeles e Kharina a Mosca.

La sceneggiatura che hanno scritto ha incorporato alcuni scambi letterali ed eventi reali dal libro di Erelle in una narrativa fittizia più ampia. La storia si svolge sul desktop di Amy Whittaker, una freelance di 26 anni che lavora nel giornalismo televisivo. Ha già archiviato una notizia su una ragazza inglese che si è unita allo Stato Islamico in Siria, ed è in scadenza per depositare un pezzo di follow-up sulle tecniche di reclutamento dell’ISIS. La storia inizia con la creazione di Amy di un account Facebook e un profilo fasulli per una convertita islamica di 19 anni di nome Melody Nelson. Il suo nuovo avatar invia richieste di amicizia alle giovani ragazze europee che hanno aderito alla causa dell’ISIS e popola la sua cronologia con video trionfali di militanti dell’ISIS in Siria. Qualche istante dopo, uno di quei militanti, Abu Bilel, ha Melody nel mirino. E Amy ha una potenziale storia di successo che potrebbe dare una spinta alla sua precaria carriera finanziaria.

Amy si imbarca nell’impresa con la consapevolezza che l’obiettivo di Bilel è reclutare Melody, ma Bilel non sa che Melody è una finzione. Quello che vede su Skype è una giovane donna timida in un hijab nero, non una giornalista ambiziosa che ha usato YouTube per imparare come sistemarsi il copricapo. “La cosa interessante è che non è solo il reclutatore a mentire“, osserva Bekmambetov.Amy sta mentendo così può avere la sua storia. Indossano entrambi maschere.

Amy deve essere preparata per le domande di Bilel sulla vita di Melody, la sua conversione all’Islam; la metterà sottilmente alla prova sulle sue convinzioni e sulla conoscenza delle leggi religiose. Deve anche essere consapevole delle diverse fasi del processo di reclutamento, gesti apparentemente benigni progettati per legarla più vicino a lui. Ma il suo comportamento e le sue risposte devono apparire naturali e non premeditate.

È un atto di equilibrio complicato e difficile che porta Amy in un territorio emotivo inesplorato. “È un vertiginoso ottovolante emotivo“, osserva Bekmambetov.L’unico modo per Amy di raccontare questa storia è provare davvero a provare qualcosa per questa persona. Bilel la sta mettendo alla prova e lei a poco a poco deve lasciare che i suoi sentimenti la controllino. Raggiunge il punto in cui non sa davvero se sta interpretando il ruolo di una ragazza che si innamora di un terrorista o se si sta davvero innamorando

Anche per Bilel le linee non sono chiare. La nativa londinese inizia la sua comunicazione con Melody chiedendole in quale parte della città vive. Sebbene questo approccio sia certamente un modo per stabilire una comunanza con Melody, non è semplicemente una formula. Per come la vede Bekmambetov, Bilel ha rifiutato la cultura europea ed è andato in Siria per combattere. Allo stesso tempo, è europeo e penso che sia solo laggiù. Reclutare Melody è un obiettivo, ma è anche molto attraente per lui.

Una relazione iniziata con false pretese si trasforma rapidamente in un intreccio emotivo che nessuno dei due comprende appieno. “Questo gioco tra di loro crea sensazioni molto strane“, dice Bekmambetov.Amy è libera di bloccare il suo account in qualsiasi momento, ma non lo fa. E non è solo per il suo lavoro. Penso che sia lo stesso per Bilel – a un certo punto capisce che lei sta mentendo. Ma continuano perché si piacciono.

il film Profile verrà distribuito dalla Universal