concerti Eventi Culturali Italia Variety

Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo – le iniziative su RAI Radio3 con l’EBU

In occasione della Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo, all’interno del Cartellone di Radio3 Suite, in connessione virtuale con altre 45 radio nel mondo del circuito Ebu, su Radio3 andrà in onda il concerto di Jordi Savall e ORPHEUS XXI.

Savall, violoncellista e direttore d’orchestra spagnolo, è da sempre impegnato nella valorizzazione della musica antica colta e della musica tradizionale. Nominato “Artista per la Pacedall’UNESCO, è anche Ambasciatore dell’Unione Europea per l’interculturalità. L’ensemble ORPHEUS XXI è formato invece da musicisti professionisti con, alle spalle, storie e provenienze molto diverse (sono curdi, siriani, bengalesi, sudanesi, turchi, marocchini, afgani, armeni) con comprovate abilità nel campo della pratica e della formazione musicale.

La Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo, promossa dall’UNESCO, quest’anno arriva in un momento di incertezza e ansia. Per molti, la chiusura degli spazi pubblici, delle istituzioni culturali e delle sale per spettacoli e concerti ha portato a una costrizione dello spazio culturale e a un aumento dell’isolamento. La minaccia insidiosa che incombe è che le conseguenze a lungo termine della crisi, soprattutto in termini economici, possano infliggere gravi danni alla diversità. Le 45 radio del circuito EBU, appartenenti a diverse nazioni di Europa, Canada, Stati Uniti, Brasile, Australia, Nuova Zelanda, si uniranno virtualmente e idealmente proprio a dimostrazione che nonostante le lingue e i repertori diversi, la musica parla di temi comuni che uniscono, perché le culture si nutrono del contatto con gli altri.

Venerdì 21 maggio alle 22 su Radio3 andrà in onda il concerto di Jordi Savall e ORPHEUS XXI.

La rete di canali musicali radiofonici pubblici dell’Unione europea di radiodiffusione (EBU) celebrerà la Giornata mondiale dell’UNESCO per la diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo intorno al 21 maggio, con eventi di musica e parole che sottolineano l’importanza della musica e della cultura nella promozione della diversità come agente di inclusione, prosperità e cambiamento positivo.

Quarantacinque canali musicali radiofonici in Europa, Canada, Stati Uniti, Brasile, Australia e Nuova Zelanda trasmetteranno attività a sostegno dell’iniziativa. I musicisti coinvolti sono riconosciuti per il loro lavoro nel campo della diversità culturale e del dialogo interculturale e hanno espresso il loro pieno sostegno a questa speciale mobilitazione del servizio pubblico. Includono il violinista e direttore d’orchestra catalano Jordi Savall; Il compositore e attivista europeo Max Richter e il suo pluripremiato partner creativo e regista, Yulia Mahr; Soprano egiziano, Fatma Said; e il compositore e direttore d’orchestra, Tan Dun.

Non sono un ambasciatore d’Oriente, né un ambasciatore d’Occidente. Preferisco pensare alla mia musica ea me stesso come a creare unità. Siamo tutti un popolo ma, molte vite, sotto il cosmo. Anche quando lavoro su un brano da concerto, ogni nota è come una vita. Da un punto di vista sciamanico o teatrale, cerco sempre di cercare da dove proviene questa nota, come vuoi suonarla e dove vuoi inviarla. Ma alla fine tutte le note si uniscono per creare qualcosa di bello. Sono onorato di far parte di una celebrazione della nostra unicità per la Giornata mondiale per la diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo e spero che anche con le nostre differenze continueremo a unirci e rendere il mondo un posto più bello.Tan Dun, UNESCO Ambasciatore di buona volontà

Catalunya Música ha reso disponibile un concerto speciale con Jordi Savall, che è anche Artista UNESCO per la Pace e da tempo promuove un mondo in cui culture e religioni diverse convivono pacificamente l’una con l’altra. Il suo “ORPHEUS XXI – Musica per la vita e la dignità” rappresenta quella visione ed è un progetto sia artistico che educativo, con l’obiettivo di integrare i giovani rifugiati con la conoscenza e il talento musicale.

Jordi Savall ha detto: “Il modo migliore per comprendere culture lontane e cos’è il dialogo interculturale, credo, è la musica. Ci parla senza bisogno di capire la lingua e ci parla direttamente al cuore. E poiché con la musica non possiamo mentire, sei sicuro che ascoltando una canzone, una bellissima melodia di qualsiasi cultura, capirai facilmente l’anima e la bellezza di quella cultura. Lasciati trasportare dalla musica!

Max Richter e Yulia Mahr, il cui pionieristico progetto audiovisivo Voices, ispirato alla Dichiarazione universale dei diritti umani, fornisce un messaggio edificante di comunità globale e responsabilità hanno affermato: “In un mondo di culture, lingue, storie e ideologie diverse, noi siamo fortunati ad avere le arti e la musica come un potente mezzo per connetterci attraverso le nostre differenze. La creatività parla di quei fondamenti umani che esistono al di là delle nostre differenze superficiali e siamo orgogliosi di partecipare a questa Giornata mondiale dell’UNESCO per la diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo per celebrare questo fatto “.

Fatma Said, il cui album di debutto, El Nour, collega culture e lingue diverse – arabo, francese e spagnolo – ha commentato: “Più diversità noi musicisti portiamo sul palco come gruppo, più sfaccettature portiamo alla nostra musica in modo che il nostro le interpretazioni possono diventare illimitate nella loro forma ed espressione. I palchi che condividiamo sono spazi di diversità in cui la musica diventa il nostro linguaggio comune. La musica è la forza unificante più forte che incoraggia, conforta e collega durante i momenti difficili che affrontiamo come comunità, ma svolge anche un ruolo cruciale per tutti noi quando celebriamo occasioni felici. La Giornata mondiale per la diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo è una celebrazione di cui sono onorato di far parte in quanto membro della comunità musicale globale.

L’EBU si impegna a favore della diversità, dell’equità e dell’inclusione e ha designato l’argomento come un’iniziativa strategica, riconoscendo l’importanza vitale della questione per i membri dell’EBU e il loro pubblico.

Noel Curran, Direttore generale dell’EBU, ha affermato: “La musica come lingua universale ha accresciuto la diversità culturale e ha plasmato il dialogo interculturale per secoli. I canali musicali della radio pubblica sono forti sostenitori della diversità musicale, ispirano il pubblico ogni giorno mostrando come possono essere naturali le connessioni interculturali. Per queste ragioni, e anche come reazione ai molteplici eventi avversi che minacciano la diversità del nostro mondo rendendo impossibile il dialogo interculturale, questa iniziativa è una priorità per noi dell’EBU. Continueremo a cercare partenariati e iniziative in cui possiamo sostenere la diversità culturale, il dialogo e lo sviluppo in tutto il mondo “.

Il settore della cultura è anche vitale per le economie globali, ma in un mondo che deve ancora affrontare le devastazioni di una pandemia, non è stata una priorità per il sostegno o la protezione. L’UNESCO ha identificato l’urgente necessità di sottolineare l’importanza degli artisti e dei professionisti della cultura per l’economia creativa e stimolare il contributo della cultura a modelli di crescita sostenibili, in particolare come parte dei piani di ripresa sulla scia del COVID-19.

Celebrare la Giornata mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo è un momento importante per la protezione della diversità culturale in tutte le sue forme. Dopo che lo scorso anno ha minacciato di minare in modo permanente il settore della cultura, quell’impegno per la differenza è più vitale che mai. La forza combinata delle stazioni radio di servizio pubblico EBU – che sono state agenti della diversità culturale e del dialogo per decenni – e la Convenzione dell’UNESCO 2005 sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali promuoveranno una gamma distinta e varia di eventi culturali per il pubblico In tutto il mondo. In tal modo, non stanno solo amplificando il messaggio che siamo più forti insieme, ma stanno rendendo una dichiarazione fondamentale di ciò che ci rende umani.