FILM TV USA Variety

MY NAME IS PAULI MURRAY – in arrivo su Prime Video il documentario sull’attivista intellettuale afroamericana

AMAZON STUDIOS

IN ASSOCIAZIONE CON DREXLER FILM
PRESENTA

MY NAME IS PAULI MURRAY

DIRETTO DA
BETSY WEST E JULIE COHEN
PRODOTTO DA
TALLEAH BRIDGES MCMAHON

Pauli Murray sapeva intimamente cosa significava vivere una vita fuori sincronia, quando nemmeno il linguaggio era sufficiente per definire o descrivere un viaggio. Avvocato, professore, poeta e sacerdote episcopale, Murray era un iconoclasta che si spingeva contro i limiti: sia la legislazione convenzionale e rigorosa che il pensiero ristretto intorno alle questioni di razza ed equità di genere. La lotta non era astratta: la stessa vita di Murray, un intellettuale afroamericana la cui identità di genere sembrava fluida, la personalizzava.

Una visionaria, Pauli ha capito che gli stessi argomenti impiegati per attaccare le leggi di Jim Crow e altre forme di discriminazione razziale potevano essere utilizzati per attaccare la disuguaglianza di genere e, di conseguenza, queste intuizioni fondamentali sono diventate una firma professionale. Confidente di Eleanor Roosevelt e fonte di ispirazione per la giustizia Ruth Bader Ginsburg (che cita Murray nel suo primo brief della Corte Suprema in merito alla clausola di protezione uguale), Pauli si trovava spesso in prossimità del potere. Eppure la storia del rivoluzionario attivismo e dell’eredità influente di Pauli è stata in gran parte non raccontata.

Diretto da Julie Cohen e Betsy West, My Name is Pauli Murray tira indietro quel velo. Questo nuovo documentario mappa vividamente il viaggio di Pauli: da un’infanzia segregata nella Carolina del Nord all’integrazione di aule, aule di tribunale e conferenze per sedere al fianco dei più influenti powerbrokers del mondo. La rotta di Pauli non era né libera né incontrastata, eppure Pauli ha usato le barriere per informare il lavoro, acuire le argomentazioni e le convinzioni d’acciaio.

Nata nel 1910 a Baltimora, nel Maryland, Pauli è stata accolta a tre anni dall’ala materna della famiglia in seguito alla morte improvvisa della madre di Pauli. Abbracciata dai nonni amorevoli e da due zie – Pauline e Sarah – Pauli ha mostrato una competenza nella lettura e nel pensiero critico, valutando, fin dall’inizio, le enormi discrepanze nelle condizioni in cui vivevano le famiglie afroamericane rispetto alle loro controparti bianche. Quell’abisso di ingiustizia si stabilì nel profondo. Da bambina, Pauli stava riconfigurando i confini dell’espressione personale: rifuggendo gli abiti e il tipico gioco da “ragazza”. Invece di ammonire Pauli, zia Pauline ha accolto quei desideri, accettando Pauli come “il mio ragazzino“.

My Name is Pauli Murray è molto vicino allo straordinario viaggio di Murray verso se stessi – i lunghi mesi di vagabondaggio dell’era della Depressione attraverso l’America come un giovane androgino; i tumultuosi anni del college e del post-laurea, come intellettuale ambiziosa assorbita dai libri e armata di una macchina da scrivere ardente che permetteva alle parole di viaggiare in ambienti al di là della portata fisica.

Respinta dall’Università della Carolina del Nord per essere nera e arrestata per essersi rifiutata di spostarsi sul retro di un autobus, Pauli non ha evitato il conflitto, anche se non c’erano precedenti o modelli. Tuttavia, c’è spesso un prezzo straziante pagato per essere “in anticipo sui tempi“. Pauli avrebbe potuto vivere la prima parte della vita ai margini, ma ciò non significava che quegli angusti passaggi dovessero essere accettati.

Riccamente raccontata con la stessa voce di Pauli – con audio d’archivio tratto da storie intime e interviste risalenti agli anni ’70 – la tempestiva storia di Pauli è aumentata dalle testimonianze di un’amata nipote, studiosi, attivisti e studenti, che collocano l’influenza di Pauli nel contesto contemporaneo. La chiarezza e la prescienza di Pauli predicevano ciò che avrebbe continuato a essere al centro della lotta vitale di questo paese verso l’equità di genere e razziale. My Name Is Pauli Murray è un ritratto multidimensionale di una figura in evoluzione che non avrebbe accettato lo status quo, un umano che sapeva che come le persone, le soluzioni non sono fisse, ma fluide.

Il linguaggio, come l’identità, è fluido. Si evolve. Anche Pauli Murray era preveggente su questo. All’inizio della vita, il mondo esterno percepiva Pauli come una donna. Eppure Pauli, nel bozzolo della famiglia, ha raggiunto un linguaggio che esprimesse accuratamente un senso di sé più inclusivo, spesso usando la frase “personalità ragazzo / ragazza“.

Il vasto archivio di Pauli – in particolare i diari personali, la corrispondenza e le foto – indicano che Pauli a volte si identificava come un uomo soprattutto tra i venti e i trent’anni. Nella vita pubblica e personale, Pauli ha sfidato ripetutamente i limiti delle aspettative e della categorizzazione. La mutevole identità di genere di Pauli mappa e illumina il complicato territorio attraverso il quale Pauli ha viaggiato. Negli anni ’30 e ’40, quando Pauli discuteva con i medici sul genere, c’era pochissima comprensione delle persone trans e non binarie, e nessuna lingua disponibile per avere una simile conversazione. All’interno del film, tutti quelli che abbiamo intervistato e che conoscevano Pauli non erano a conoscenza del pensiero di Pauli sull’identità di genere. Conoscevano Pauli come donna e si riferiscono a Pauli con pronomi femminili. Se Pauli fosse viva oggi, non sappiamo quale scelta farebbe sui pronomi. Quindi, parlando di Pauli, abbiamo scelto di riferirci a Pauli per nome.