Cinema USA Variety

THE SPARKS BROTHERS – come può una rock band avere successo, essere sottovalutata, diventare influente e criminalmente trascurata, tutto allo stesso tempo?

FOCUS FEATURES

presenta in associazione con MRC
una produzione COMPLETE FICTION
un film EDGAR WRIGHT

THE SPARKS BROTHERS

Per MIRIAM & MEYER MAEL

Diretto da EDGAR WRIGHT

Come può una rock band avere successo, essere sottovalutata, diventare enormemente influente e criminalmente trascurata, tutto allo stesso tempo? Dall’acclamato regista Edgar Wright arriva THE SPARKS BROTHERS, un’odissea musicale attraverso cinque strani e meravigliosi decenni con i fratelli / compagni di band Ron e Russell Mael. Con tributi appassionati da Beck, Flea, Jack Antonoff, Patton Oswalt e altri, THE SPARKS BROTHERS celebra l’eredità ispiratrice della tua band preferita.

Non ci sono molte band che arrivano al loro 50 ° anniversario con un film creativo, attirando ancora nuove generazioni di fan, realizzando gli album Top 10 e lo fanno rilasciando musica altrettanto stimolante e creativa come le loro prime registrazioni. In effetti, ce n’è proprio una: Sparks.

Ron e Russell Mael sono l’originale Odd Couple del rock, tanto imperscrutabili quanto affascinanti. Mai contenti di adagiarsi sugli allori o di seguire le tendenze musicali, hanno raggiunto il successo commerciale solo a intermittenza, e quasi loro malgrado. Il documentario musicale di Edgar Wright “The Sparks Brothers” cattura i pionieri dell’art-pop a un’improbabile fine della carriera, oltre a raccontare la storia di come sono arrivati lì, chiedendosi perché non sono celebrati come meritano e scopri come sono diventati il gruppo preferito della tua band preferita.

Se vuoi guardare Ron e Russell, devi guardarli attraverso un prisma. E quel prisma è il cinema. ” Alex Kapranos, Franz Ferdinand

Possiamo comunicare in modi non verbali, solo avendo lavorato insieme per così tanto tempoRon Mael, Sparks

Una certa mistica ineffabile circonda le collaborazioni fraterne nelle arti. Nel film, dai Lumières ai Boultings, ai Coen e oltre, l’esatta divisione del lavoro tra una coppia di fratelli è tipicamente opaca per gli estranei. Nella musica rock, tuttavia, la dinamica tra fratelli è spesso irritabile e frettolosa e si svolge come uno psicodramma molto pubblico.

In entrambi i casi, Sparks è probabilmente più di un duo cinematografico che musicale. Per più di 50 anni, Ron e Russell Mael hanno costantemente pubblicato dischi innovativi, influenti e, occasionalmente, di successo. Le loro vite private sono mantenute private e non hanno mai litigato né si sono divisi. Come ogni grande duo di registi, sembrano completarsi a vicenda come le parti di un orologio svizzero, ma nessuno ha mai fornito informazioni significative su ciò che fa battere gli enigmatici fratelli. Fino a “The Sparks Brothers”.

Anche la loro musica è intrinsecamente cinematografica: i Maels, che hanno iniziato a fare musica mentre studiavano cinema alla UCLA sotto l’influenza di Bergman e della Nouvelle Vague, creano canzoni che si presentano come un ascensore di tre minuti per un dramma romantico o un commedia black. Spesso usano tecniche cinematografiche meta-narrative come strappare il sipario del mago e rompere la quarta parete. Ron paragona il loro senso narrativo frammentato al camminare a metà di un film e capire cosa sta succedendo (qualcosa che lui e Russell facevano spesso da bambini). Sono anche, letteralmente, registi, anche se perennemente contrastati: i progetti con Jacques Tati e Tim Burton non sono arrivati sullo schermo (anche se Annette, una collaborazione con Leos Carax, è attualmente in attesa di rilascio). In qualche modo, nonostante tutta la celluloide nel loro DNA, non c’è mai stato un film di Sparks. Fino a “The Sparks Brothers”.

Nel frattempo, il fan di Sparks per tutta la vita Edgar Wright, il regista inglese noto per la “Three Flavors Cornetto Trilogy” di “Shaun Of The Dead”, “Hot Fuzz” e “The World’s End”, sitcom cult “Spaced”, commedia romantica d’azione ” Scott Pilgrim vs The World” e, più recentemente, il film di fuga” Baby Driver”, ha sempre utilizzato la musica popolare come elemento integrante del suo cinema, ma non ha mai realizzato un documentario musicale. Fino a “The Sparks Brothers”.

Ogni appassionato di musica serio conosce Sparks, almeno un po’. Ma nessun appassionato di musica conosce veramente i Mael Brothers, al di là delle basi del bel cantante che è Russell e il tastierista impassibile con lo sguardo intimidatorio e i baffi Chaplin / Hitler che sono Ron. Non sembrano mai scrivere in modo autobiografico (anche se questo film può farti cambiare idea, in qualche modo), il loro “vero” sé è sempre schermato da fumo e specchi e, come ci mostra la sequenza post-crediti, dietro maschere. Maschere che, in “The Sparks Brothers”, vengono finalmente strappate.

Il film di Edgar Wright ci porta nella loro infanzia in California al loro stato attuale di statisti anziani dell’arte-rock, ma questo non è un film che segue il tradizionale arco rock-doc di ascesa e caduta. Espressa in forma di grafico, la carriera di Sparks assomiglierebbe alla lettura dell’ECG di un paziente con ipertensione cronica o di un sismometro da qualche parte vicino alla faglia di San Andreas: una sequenza perpetua di picchi e crolli (in termini di popolarità, se non di qualità musicale).

Nati nel baby boom del dopoguerra e cresciuti al rock’n’roll e ad Hollywood in egual misura, Ron e Russell Mael hanno iniziato a fare musica alla fine degli anni ’60 sotto il nome di Urban Renewal Project, poi Halfnelson. Inizialmente visti dall’industria come stravaganti non firmabili, la loro sensibilità fuori posto rispetto alla tendenza prevalente per la psichedelia, i Maels sembravano non dirigersi da nessuna parte fino a quando Todd Rundgren non li prese sotto la sua ala protettrice. Cambiando di nuovo il loro nome in Sparks, hanno iniziato a guadagnare terreno nei primi anni ’70 dopo essersi trasferiti nel Regno Unito, dove “This Town Ain’t Big Enough For Both Of Us“, un isterico Spaghetti Western in forma di canzone pop, il loro successo nel 1974, a seguito di un’esibizione sorprendente nel programma musicale della BBC di lunga durata e immensamente popolare “Top Of The Pops”, che ha spinto John Lennon a telefonare a Ringo Starr per rimanere incredulo a bocca apertaNon crederai cosa c’è in televisione: Marc Bolan sta cantando una canzone con Adolf Hitler!

Ne seguì l’isteria adolescenziale, ma fu di breve durata. Sempre riluttanti a rimanere in uno stile troppo a lungo, gli Sparks hanno perso gran parte del loro nuovo pubblico allontanandosi dall’art-glam in preda al panico sull’album Indiscreet, che invece attingeva al Charleston degli anni ’20 e alle big band degli anni ’40 più che al mondo del rock’n’roll. I tentativi di abbattere le porte del mercato americano con il suono più duro di Big Beat fallirono, ma Sparks raggiunse di nuovo l’oro collegandosi con il produttore di electro-disco Giorgio Moroder per Number One In Heaven del 1979, un album storico che ha stabilito il modello per ogni duo synth degli anni ’80.

Ogni volta che le scintille sembravano svanire in un territorio, apparivano improvvisamente in un altro. In Francia, ad esempio, dove “When I’m With You” raggiunse il numero 1 nel 1981. O tornando a casa in America, dove i primi anni ’80 li videro diventare i punti fermi della radio KROQ e della televisione musicale, persino da headliner all’Hollywood Bowl. O in Germania, dove l’elegante singolo elegiaco “When Do I Get To Sing ‘My Way’?” ha raggiunto la Top 10 e ha vinto i premi nel 1994.

A volte, la discrepanza tra la loro ascesa percepita e l’effettiva sicurezza finanziaria è diventata netta: nel film, Ron ricorda una cassiera di un supermercato che era entusiasta di servire i due ragazzi che aveva visto su American Bandstand la sera prima, solo che poi ha chiamato l’assistenza con l’altoparlante quando i Maels hanno dato dei buoni pasto per pagare la spesa.

Sparks ha iniziato il nuovo millennio in una forma ringiovanita, l’opus sintetizzato quasi classico del 2002 Lil ‘Beethoven ha dato il tono a una prolifica serie di album che sarebbero culminati con i Maels che hanno raggiunto la Top 10 del Regno Unito due volte con Hippopotamus (2017) e A Steady Drip, Drip, Drip (2020). Anche per gli standard di Sparks, il 21 ° secolo ha visto il duo esplorare la propria libertà artistica in modi nuovi e stimolanti. Nel 2008, hanno lanciato Exotic Creatures Of The Deep con una serie di spettacoli a Londra in cui hanno suonato tutti i 21 album in sere consecutive, obbligando Ron, Russell e la loro band a imparare quasi 300 canzoni. Nel 2009 hanno presentato la loro prima opera, The Seduction Of Ingmar Bergman, alla radio svedese. Nel 2015, si sono fusi completamente con un’altra band, i Franz Ferdinand, per FFS: un progetto che è iniziato con Ron che ha inviato alla band scozzese il ironico “Collaborations Don’t Work”.

Tutto questo è trattato in “The Sparks Brothers”. Ma oltre a raccontare la narrazione, Wright fa al documentario quello che fanno i Maels alla canzone pop, ignorando le regole e giocando con la forma. “The Sparks Brothers” è promiscuo al genere quanto la discografia di Sparks stessa, utilizzando le modifiche superveloci del marchio di Wright e diversi stili di animazione per portare avanti le cose, così come l’uso più tradizionale di clip d’archivio e teste parlanti.

Queste teste parlanti includono noti ammiratori e collaboratori di Sparks come
Beck, Vince Clarke e Andy Bell of Erasure, Chris Difford di Squeeze, Alex Kapranos dei Franz Ferdinand, Nick Rhodes e John Taylor dei Duran Duran, Stephen Morris e Gillian Gilbert dei New Order, Nick Heyward, Bjork, Flea dei Red Hot Chili Peppers, Bernard Butler, Martyn Ware di The Human League / Heaven 17, Roddy Bottum of Faith No More, Jane Wiedlin dei The Go-Go’s, Steve Jones dei Sex Pistols, ‘Weird Al’ Yankovic, Mike Myers, Thurston Moore dei Sonic Youth, così come produttori come Todd Rundgren, Muff Winwood, Tony Visconti, Giorgio Moroder e James Lowe, e diversi membri della band Sparks del passato e del presente.

Il materiale d’archivio porta alla luce molti tesori raramente visti o mai visti, dai film casalinghi dell’infanzia, a un biglietto per la festa della mamma scritto da Russell, a uno scorcio dei Maels tra il pubblico al “The Big TNT Show” nel 1966, a Ron cadere dallo sgabello durante la registrazione di “Something for The Girl With Everything”.

Forse la sezione più toccante, tuttavia, è il filmato di Wright dei fratelli Mael dei giorni nostri che si occupano delle loro routine quotidiane ripetitive e banali, ricordando il famoso detto di Gustave Flaubert, “Sii ordinario e borghese nella tua vita in modo che tu possa essere originale nel tuo lavoro.

Quel lavoro violentemente originale è rispecchiato in modo impeccabile da “The Sparks Brothers”.

The Sparks Brothers prossimamente in Italia