FILM TV USA Variety

Summer of Soul – il regista Ahmir “Questlove” Thompson presenta il film documentario, la Risurrezione di una Rivoluzione

Hulu, Onix Collective e Searchlight Pictures
Presentano

SUMMER OF SOUL
(…OR, WHEN THE REVOLUTION COULD NOT BE TELEVISED)

Nel suo acclamato debutto come regista, Ahmir “Questlove” Thompson presenta un documentario potente e coinvolgente, in parte un film musicale, in parte un record storico creato attorno a un evento epico che celebrava la storia, la cultura e la moda dei neri. Nel corso di sei settimane nell’estate del 1969, appena cento miglia a sud di Woodstock, l’Harlem Cultural Festival è stato girato a Mount Morris Park (ora Marcus Garvey Park). Il filmato non è mai stato visto e in gran parte dimenticato, fino ad ora.

SUMMER OF SOUL fa luce sull’importanza della storia per il nostro benessere spirituale e testimonia il potere curativo della musica durante i periodi di inquietudine, sia passati che presenti. Include concerti inediti di Stevie Wonder, Nina Simone, Sly & the Family Stone, Gladys Knight & the Pips, Mahalia Jackson, B.B. King, The 5th Dimension e altri.

Summer of Soul (…or, When the Revolution Could Not Be Televised)” è il primo progetto ufficiale sotto il marchio Onyx Collective recentemente annunciato. Il vincitore sia del Gran Premio della Giuria che del Premio del Pubblico al Sundance Film Festival sarà distribuito nelle sale da Searchlight Pictures e inizierà lo streaming su Hulu negli Stati Uniti il 2 luglio 2021. Il film sarà trasmesso in streaming anche a livello internazionale attraverso l’offerta Star su Disney+ su una data da confermare.

Summer of Soul: (…Or, When the Revolution Could Not Be Televised), è una produzione della Vulcan Productions Inc., in associazione con Concordia Studio, Play/Action Pictures, LarryBilly Productions, prodotta da Mass Distraction Media e RadicalMedia, è diretta da Ahmir “Questlove” Thompson, e prodotto da Joseph Patel pga, Robert Fyvolent pga e David Dinerstein pga I produttori esecutivi sono Jen Isaacson, Jon Kamen, Dave Sirulnick, Jody Allen, Ruth Johnston, Rocky Collins, Jannat Gargi, Beth Hubbard, Davis Guggenheim, Laurene Powell Jobs, Jeffrey Lurie, Marie Therese Guirgis, David Barse, Ron Eisenberg, Sheila C. Johnson e Ahmir “Questlove” Thompson.

LA NASCITA DEL FESTIVAL CULTURALE DI HARLEM

Una canzone non è solo una canzone. Può catturare un momento nel tempo. Ti racconterà una storia, se guardi abbastanza da vicino. La storia di “Summer of Soul” è la mia voce“. Ahmir “Questlove” Thompson

Stevie Wonder. Sly and the Family Stone. Nina Simone. B.B. King. The Staple Singers. The 5th Dimension. Davide Ruffino. Mahalia Jackson. Gladys Knight and the Pips. Quasi sovrapponendosi al festival di Woodstock del 1969 a 100 miglia di distanza, questi artisti neri seminali e molti altri si sono esibiti per oltre 300.000 persone in un evento irripetibile. Dal 29 giugno al 24 agosto, l‘Harlem Cultural Festival ha suonato per sei domeniche nel Mount Morris Park di Harlem. A differenza di quell’altro festival musicale nel nord dello stato, il filmato dell’Harlem Cultural Festival non riuscì a trovare una casa quell’estate del 1969, e invece rimase in uno scantinato per oltre 50 anni, mantenendo nascosta questa celebrazione epocale fino ad ora.

Nel suo debutto alla regia, Ahmir “Questlove” Thompson cerca di recuperare lo spirito significativo del passato – quando i più grandi nomi della musica, della cultura e della politica afroamericani si sono riuniti per sei settimane consecutive per un evento culturale nero di riferimento e di trasformazione.

Attraverso filmati intimi appena restaurati e recenti interviste ai partecipanti e agli artisti che si sono esibiti, SUMMER OF SOUL documenta il momento in cui la vecchia scuola del movimento per i diritti civili e la nuova scuola del movimento Black Power hanno condiviso lo stesso palcoscenico, evidenziato da una vasta gamma di generi tra cui soul, R&B, gospel, blues, jazz e latino.

La direttiva iniziale per il festival è stata presentata dalla città di New York e dal presentatore Tony Lawrence, un carismatico cantante lounge e performer, per commemorare il primo anniversario dell’assassinio di Martin Luther King sotto la bandiera dell’unità dei neri. New York City aveva organizzato versioni più piccole dell’Harlem Cultural Festival nel ’67 e nel ’68, anche se gli eventi più piccoli sembravano più casuali, feste di quartiere. Ma il festival nel 1969 è stato sovradimensionato: alcuni pensavano che la versione ampliata avesse lo scopo di distogliere la popolazione locale da ulteriori rivolte provocate dall’anniversario della morte di King. Il sindaco di New York John Lindsay ha camminato per le strade di Harlem nel tentativo di sedare i disordini e divenne un sostenitore chiave del festival. Il veterano della televisione Hal Tulchin è stato chiamato a girare sei concerti quell’estate, firmando un accordo di sponsorizzazione con Maxwell House Coffee per finanziare la gigantesca produzione. Tulchin ha deciso di affrontare il palco verso ovest per sfruttare la luce naturale del sole, in definitiva, in modo da poter registrare l’intero festival dall’inizio alla fine. Sebbene gli agenti della polizia di New York fossero presenti ad ogni concerto, Lawrence ha chiesto l’aiuto delle Pantere Nere per agire come sicurezza, per proteggere i cittadini di Harlem dalla polizia.

La stazione televisiva affiliata di New York City WNEW Metromedia Channel 5 (ora FOX) ha trasmesso due speciali di un’ora del filmato, ma dopo quell’estate, a Tulchin è stato detto che c’era poco interesse per un “Black Woodstock”.

È stata un’operazione da quattro soldi perché a nessuno importava davvero degli spettacoli dei neri“, ha detto Tulchin a Smithsonian nel 2007, “ma sapevo che sarebbe stato come un immobile, e prima o poi qualcuno si sarebbe interessato“. Il suo filmato poco visto è rimasto in archivio negli ultimi 50 anni, mantenendo nascosto questo evento singolare nella storia americana, fino ad ora.

UNA RISURREZIONE DI UNA RIVOLUZIONE

Fin dall’inizio, catturare questo importante evento ha richiesto una grande dedizione da parte di più creatori. Per registrare l’Harlem Cultural Festival del 1969, Tulchin utilizzò quattro fotocamere caricate con una videocassetta da 2 pollici, una decisione che in seguito si sarebbe rivelata fortuita a causa delle qualità di conservazione del formato. Robert Fyvolent, scrittore (UNTRACEABLE) e produttore (FRANCESCO), ha originariamente sentito parlare del filmato da un amico nel 2016.

Dice Fyvolent, “un compagno di classe del college mi ha parlato dell’esistenza di filmati, di un’iconica serie di concerti che ha avuto luogo ad Harlem nello stesso periodo di Woodstock. Incuriosito, ho rintracciato il proprietario originale del filmato, Hal Tulchin, e ho sviluppato una relazione che è durata molti anni“. Dopo aver condiviso il filmato con il produttore David Dinerstein, (A PRIVATE WAR, nominato all’Oscar WINTER ON FIRE: UKRAINE’S RIGHT FOR FREEDOM), Fyvolent e Dinerstein hanno iniziato un dialogo con Tulchin sulla produzione di un documentario. Dopo la morte di Tulchin nell’agosto 2017, Fyvolent e Dinerstein sono stati informati dalla vedova di Tulchin che egli aveva firmato il loro contratto per i diritti del filmato poco prima della sua morte, nella speranza che il film sarebbe servito come sua eredità. Dinerstein afferma: “Il filmato era nel seminterrato di Tulchin a Bronxville, New York. Una volta acquisiti i diritti, abbiamo iniziato a sviluppare un pitch book e uno sneak peek “.

Nina Simone performs at the Harlem Cultural Festival in 1969, featured in the documentary SUMMER OF SOUL. Photo Courtesy of Searchlight Pictures. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

I produttori hanno messo insieme una lista ideale di registi e Ahmir “Questlove” Thompson era in cima alla lista. Dice Fyvolent,Abbiamo seguito la carriera di Ahmir negli ultimi 25 anni e sapevamo che era un narratore straordinario con il dito sul polso culturale. Non solo aveva una conoscenza enciclopedica del cinema, la sua voce in particolare offre una qualità immersiva che mette gli spettatori nel momento di questo evento storico“. Continua Dinerstein: “Era fondamentale trovare un regista che capisse la musica e la sua storia. Qualcuno che possa contestualizzare il filmato e la sua rilevanza. Ahmir ha incarnato tutte queste cose”.

Per Thompson, inserire questa storia nel giusto contesto era fondamentale. Descrive il filmato indesiderato come un esempio di cancellazione dei neri e non poteva credere che non ci fosse alcuna registrazione o documentazione di questo incredibile evento storico e culturale:

Il fatto che 40 ore di filmati siano state nascoste al pubblico è la prova vivente dell’esistenza della storia revisionista: era incredibilmente importante per me ottenere quella storia giusta“, afferma Thompson. “I neri sono sempre stati una forza creativa della nostra cultura. Ma a volte questi sforzi vengono facilmente respinti. Voglio assicurarmi che la cancellazione dei neri non avvenga più durante la mia vita, e il film è stata un’opportunità per lavorare per quella causa“.

Thompson continua, “non puoi dirmi che tutti questi artisti hanno fatto queste esibizioni nel corso della giornata e non c’è alcuna documentazione al riguardo. Ciò dimostra che la storia revisionista e la cancellazione dei neri – sia essa meschina o apposta o accidentale – sono molto reali.

Una volta che Thompson è stato ufficialmente a bordo, Fyvolent e Dinerstein hanno dato il via libera al progetto e hanno proceduto a completare il team creativo: Joseph Patel, un amico di lunga data di Ahmir ed ex capo dei Contenuti su Vevo, The Fader, Vice Media e MTV è stato assunto come terzo produttore, Radical Media è stato assunto come partner creativo ed è stato responsabile dei servizi di produzione e delle licenze musicali e sono stati assunti tutti i capi di dipartimento chiave, incluso l’editor Joshua L Pearson (WHAT HAPPENED, MISS SIMONE?, KEITH RICHARDS: UNDER THE INFLUENCE), il supervisore musicale Randall Poster (THE GRAND BUDAPEST HOTEL, WOLF OF WALL STREET, THE VELVET UNDERGROUND), la co-produttrice Cora Atkinson e l’archivista Lizzy McGlynn.

Gladys Knight & the Pips perform at the Harlem Cultural Festival in 1969, featured in the documentary SUMMER OF SOUL. Photo Courtesy of Searchlight Pictures. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

I produttori hanno lavorato a stretto contatto con Thompson per dare forma alla storia. Dice Patel, “la cosa che ho sempre amato di Ahmir è che è ancora un fan. Era vero quando l’ho incontrato per la prima volta ed è vero adesso. Ha un modo di brandire la curiosità di un fan per la cultura e vuole condividere quella conoscenza con coloro che lo circondano. È una combinazione unica che risuona sia tra i nerd che tra i fan occasionali e lo rende un narratore così genuino – lo puoi vedere in tutto il suo lavoro, dai suoi album con The Roots ai suoi numerosi crediti di produzione a tutti e quattro i libri che ha scritto . Passavamo del tempo nel suo appartamento e parlavamo del concerto: la musica, gli artisti, le canzoni specifiche. Ahmir è il tipo di creativo che è ossessionato prima dai piccoli e divertenti dettagli. È il ragazzo che, nel realizzare gli album dei The Roots, pensa all’artwork titolo dell’album e le note di copertina prima che abbiano registrato una singola nota. Quindi sapevamo molto presto quali artisti e anche quali canzoni volevamo presentare, ma poi abbiamo anche iniziato a parlare di ciò che stava accadendo socio-politicamente in America in quel momento. La sua idea era in parte un film concerto, in parte storia sostanziale di un momento e di un luogo specifici della storia americana

Il supervisore musicale Randall Poster era un fan di vecchia data di Thompson. “Ahmir porta una conoscenza musicale così profonda che è così avvincente. Ha costruito una sottile linea percussiva per tutto il film, dove vediamo Stevie suonare la batteria, poi c’è la conversazione sul batterista di Sly Stone, poi su Ray Barretto e Mongo Santamaría. Dietro il commento culturale e le esibizioni emozionanti, il film gioca come un profondo tributo percussivo”.

LA RIVOLUZIONE SI RIPETE

Quando le cose hanno iniziato a svelarsi intorno ad aprile e maggio 2020, e soprattutto a giugno, ho avuto un’osservazione casuale: non è strano? Le stesse circostanze che hanno portato questo concerto insieme ora stanno accadendo di nuovo mentre stiamo cercando di fare questo film?Ahmir “Questlove” Thompson

Nel 1969, vasti venti contrari socio-politici che turbinavano in tutto il Paese arrivarono al Mount Morris Park di Harlem. Durante gli anni ’60, gli americani furono testimoni della guerra del Vietnam, di una crescente epidemia di droga e dell’assassinio di John F Kennedy, Malcolm X e Robert Kennedy. Solo un anno prima, nell’estate del 1968, parti di New York City andarono in fiamme dopo la morte di Martin Luther King Jr. Mentre il film si concentra sulle performance, SUMMER OF SOUL usa filmati del passato come catapulta per un cambiamento in tempo reale e riflessione.

Dopo 50 anni, siamo davvero tornati al punto di partenza con gli stessi disordini, proteste, morti, sparatorie e ingiustizie? Quella risposta è un sonoro sì “, dice Thompson. Mentre molti descriveranno SUMMER OF SOUL come “tempestivo”, in realtà, è una bruciante testimonianza della natura ciclica e costante del pregiudizio razziale. Lo stesso degrado urbano inflitto ad Harlem negli anni ’60 esiste oggi nelle aree urbane che ospitano persone di colore in tutta la nazione. “Sapevamo fin dall’inizio del processo di realizzazione del film che doveva essere più di un film concerto, afferma il produttore Patel.Semplicemente accadevano troppe cose fuori dal palco, ad Harlem, a New York, in America, per concentrarci solo su ciò che stava accadendo sul palco. Più allargavamo lo zoom, più somiglianze vedevamo con ciò che stava accadendo in America anche oggi, 50 anni dopo“.

LA RIVOLUZIONE NON SARÀ TRASMESSA:
EDITING E SOUND

Il titolo tra parentesi del film è un riferimento alla poesia e alla canzone di Gil Scott-Heron del 1971 “The Revolution Will Not Be Televised” sulla sua compilation con lo stesso nome. Il titolo della canzone era originariamente uno slogan popolare del movimento Black Power negli anni ’60 ed era una risposta diretta al pezzo parlato “When the Revolution Comes” di The Last Poets.

Abbiamo parlato molto come una squadra, come volevamo unire la grande cornice politica con la prospettiva del pubblico sul campo e il punto di svolta nella musica nera che questo concerto ha rappresentato“, spiega l’editor Joshua L. Pearson del suo lavorare con Thompson, Fyvolent, Dinerstein e Patel. Oltre a intervistare gli artisti originali che si sono esibiti al The Harlem Cultural Festival, Thompson ha anche intervistato una serie di interpreti attuali tra cui Chris Rock, Sheila E, Lin-Manuel Miranda e Selema Meskela per aiutare a esplorare il messaggio vitale dei diritti civili del film.

Tony Lawrence hosts the Harlem Cultural Festival in 1969, featured in the documentary SUMMER OF SOUL. Photo Courtesy of Searchlight Pictures. © 2021 20th Century Studios All Rights Reserved

Nell’ottobre 2019 il team di produzione ha spostato le riprese in un laboratorio boutique qualificato in modo univoco per pulire e ripristinare le oltre 40 ore di videocassetta. Fortunatamente, il filmato è rimasto in gran parte intatto grazie alle qualità di autoconservazione del supporto per videocassetta da 2 pollici. Pearson spiega: “sembra un miracolo che il mix del suono originale sia così eccezionale, perché l’hanno registrato solo come traccia mono. Penso che abbiano eseguito un deck di registrazione di backup, ma hanno dovuto ottenere il mix giusto la prima e unica volta“.

Dopo aver tagliato il film, avevamo un mixer musicale, Jimmy Douglass, che migliorava la traccia mono e creava un suono stereo. Ha fatto un po’ di bilanciamento e di addolcimento, ma le tracce non suonano così diverse dalle registrazioni grezze originali“. Pearson ricorda inoltre:Per quanto riguarda l’immagine, è passata attraverso il nostro colorista, Yohance Brown, che ha aumentato la risoluzione e colorato tutto, ma ancora una volta, la qualità del filmato grezzo era già sorprendentemente eccezionale, soprattutto considerando che in realtà era un videocassetta, non film”.

Festival musicali, concerti, raduni e pubblicazioni di dischi hanno contribuito a plasmare Thompson per tutta la vita. Thompson non riusciva a smettere di pensare a come Woodstock abbia plasmato una generazione e si chiedeva se l’Harlem Cultural Festival avesse lo stesso livello di consapevolezza, come avrebbe potuto cambiare l’intera generazione della cultura nera. Inizialmente Thompson aveva pensato di intitolare il progetto “Black Woodstock”, ma in seguito è tornato al titolo originale, SUMMER OF SOUL, aggiungendo il cenno a Gil Scot Herron.

La sua visione: definire l’importanza di questo evento irripetibile attraverso i propri risultati. “Il filmato era sicuramente l’ala di una farfalla, e ha detto che il film aveva bisogno di un nome“, ricorda Thompson. “Ascoltando Tulchin descrivere quanto fosse straziante che il filmato fosse invendibile, ho sentito che avevamo bisogno di un titolo adeguato per il nostro film, piuttosto che continuare a collegarlo al Woodstock Festival nello stato di New York”.

CATTURARE LO SPIRITO: LA MUSICA COME GUARIGIONE

Urlare è terapeutico tanto quanto qualsiasi altra forma di liberazione catartica.”
Ahmir “Questlove” Thompson

Nelle interviste ai partecipanti per il film, un forte ritornello riecheggia in SUMMER OF SOUL: tutti ricordano quanto fosse bello vedere la propria comunità riunita per l’Harlem Cultural Festival. Coloro che ricordavano quell’estate provarono un travolgente senso di orgoglio nel vedere così tanti afroamericani uniti insieme per un evento così trionfante: “The ultimate Black BBQ“, condivide un partecipante. Per coloro che guardavano l’Harlem Music Festival, l’occasione ha agito come un balsamo per anni e decenni di ferite e disumanizzazione.

“[Lo scrittore] Greg Tate ed io stavamo parlando di esibizioni gospel e free jazz, ha detto che non c’è davvero molta differenza tra Mahalia che cattura lo spirito e Sonny Sharrock che cattura lo spirito quando ha fatto quel folle assolo di chitarra. Per non parlare delle urla di David Ruffin”, dice Thompson. “Potresti dover suonare alcune note atonali. Potresti dover urlare in modi non ortodossi al microfono per ottenere la tua terapia“, afferma Thompson. “Questo è qualcosa che volevamo anche spiegare: non avere accesso a un’adeguata assistenza per la salute mentale a volte può venire fuori nella musica. Era molto importante per noi lasciare quelle esibizioni ininterrotte, in modo che tu potessi vederlo”.

IL PASSAGGIO DEL TESTIMONE: MAHALIA JACKSON

Mentre i partecipanti hanno reso l’evento un affare familiare portando cibo e coperte da picnic, si sono anche collegati a un livello più profondo al festival, sperimentando un’altezza spirituale collettiva. Con una mossa audace, Thompson e Pearson hanno collocato le performance gospel del festival direttamente al centro del film. “In pratica stavamo cercando di rappresentare l’evoluzione della musica nera, non necessariamente in modo lineare: dalle sue radici gospel, al blues e al feel-good soul, all’ibrido futuristico del soul rappresentato da Sly Stone, fino all’attivista musica della fine degli anni ’60“, spiega PearsonMa il gospel è finito nel mezzo perché è importante, ad esempio raccontando la storia dell’omicidio di MLK, ma volevamo iniziare in modo allegro ed energico. E il gospel nel mezzo diventa il punto cardine o il fulcro in cui la musica nera e l’identità nera si ribaltano in un nuovo mondo post-MLK“. (Martin Luther King)

Durante le esibizioni di “O Happy Day” di Edwin Hawkins Singers, “Help Me Jesusdi The Staple Singers e “Lord Search My Heartdi Mahalia Jackson – la telecamera scruta la folla per mostrare la gioia, i volti raggianti , e danze energiche e convulsioni di autoguarigione che mostrano come la musica portasse un potere rigenerante mentale per guarire.

A un certo punto, l’organizzazione Operation Breadbasket di Jesse Jackson e Ben Branch sale sul palco per tenere un sermone accompagnato dalla musica. Jackson ricorda la tragica notte dell’assassinio di King al Lorraine Motel di Memphis, nel Tennessee, quando quella stessa sera King aveva pronunciato il suo discorso “I’ve been to the Mountaintop” al Mason Temple.

Quella notte, King aveva chiesto a Mahalia di cantare la sua canzone preferita – “Precious Lord” – per il banchetto. Il ricordo di Jackson lascia il posto a Mavis Staples e Mahalia che collaborano in “Precious Lord”. L’estasiante effusione della leggenda del Vangelo di Mahlia e la nuova voce che avrebbe mescolato il genere con l’R&B e il blues, Staples, hanno segnato il passaggio del testimone da una generazione di artisti all’altra. Dal passato movimento per i diritti civili alla crociata del Black Power.

UNO SHOCK PER IL SISTEMA: HITSVILLE USA

Stevie Wonder e David Ruffin, prodotti del sistema Hitsville USA di Motown, avevano ciascuno uno stile destinato a fare appello sia all’America nera che a quella bianca, ed entrambi erano in procinto di rimodellare le loro carriere nell’estate del ’69. Ruffin si era da poco separato dai The Temptations e stava andando avanti come artista solista, mentre Wonder si stava spostando dalle piacevoli canzoni d’amore dei suoi primi giorni a un sound funk a tinte politiche. Da nessuna parte l’esplosione della nuova identità di Wonder è percepita più che nella fredda apertura del film, dove scatena un assolo di batteria il cui ogni colpo apre la strada alle filosofie in arrivo che avrebbero definito la sua carriera successiva.

Era la visione di Ahmir, e siamo stati tutti d’accordo all’unanimità, che l’assolo di batteria avrebbe dovuto aprire il film“, afferma Pearson. “Come batterista, ovviamente, amava vedere Stevie alle percussioni, e ha riconosciuto che non molte persone si rendono conto che Stevie è un batterista così incredibile… è stato un modo così sorprendente ed energico di presentare questo film, e col passare del tempo, l’abbiamo usato come base per introdurre i temi del film”. Thompson voleva fondere visioni di stili musicali mutevoli, attivismo politico nero e massimi leader dei diritti civili, tutto al ritmo dei battiti di batteria assordanti e che definiscono la generazione di Stevie Wonder.

IL PATRIMONIO MUSICALE LATINO DI HARLEM

Harlem, allora e oggi, ospita una vivace comunità latina. “Un Nuyorican è qualcuno di origini portoricane che sta crescendo a New Yorkè influenzato sia dalla cultura portoricana che da ciò che sta accadendo a New York“, spiega Luis A. Miranda, Jr. E nella musica, è prevalente perché così tanto della salsa o della pachanga o del babalu è successo a New York con i newyorkesi portoricani”.

Il trombettista sudafricano Hugh Masekela, il percussionista portoricano Ray Barretto e il percussionista cubano Mongo Santamaria hanno dimostrato le voci diasporiche, presenti da tempo ad Harlem, che ora trovano la loro strada nella musica contemporanea nera, afro-latina e latina. “La cosa davvero interessante di Mongo [Santamaria] in questo festival in questo momento ad Harlem negli anni ’60 è che è il nesso del Black e le comunità Brown che compongono i quartieri alti di New York. È un afro-cubano e il suo primo successo “Watermelon Man” è il luogo in cui la musica cubana incontra il jazz“, afferma Lin-Manuel Miranda.

Il patrimonio comune tra i Black e i Brown ad Harlem è rimasto forte durante le proteste di Black Lives Matters del 2020 come negli anni ’60 e prima. C’era una ricerca politica collettiva per la parità di diritti. È qualcosa di così eccitante quando guardi quel filmato dal festival di Harlem e vedi Ray e vedi Mongo suonare perché abbiamo una lotta condivisa, ma abbiamo anche una gioia condivisa“, ipotizza Lin-Manuel.

Dice Patel: “Sapevamo che molti dei problemi che i Black e i Brown stavano vivendo nel 1969 non erano cambiati affatto in 50 anni, e questo sarebbe stato un filo conduttore nel nostro documentario. Era importante dare un contesto a ciò che stava accadendo sul palco. Quando abbiamo parlato con i partecipanti effettivi del Festival, tanti avevano ricordi così cari e specifici. Abbiamo mostrato loro il filmato che non si vedeva da 50 anni pensando che si sarebbero divertiti – non sapevamo che per loro sarebbe stata un’esperienza commovente. Ed è allora che abbiamo iniziato a concentrarci sull’idea della memoria e sul motivo per cui preservare questa storia era così importante“.

UN NUOVO TIPO DI BLACK BAND: SLY & THE FAMILY STONE

Probabilmente nessun artista ha incapsulato questo periodo di transizione più del supergruppo di genere misto e di razza mista, Sly and the Family Stone, l’unico atto a suonare sia a Woodstock che all’Harlem Cultural Festival, un fatto appropriato per una band che sembrava a cavallo tra i due mondi separati e ha dato una nuova definizione agli artisti neri. “Perché chiaramente quella performance è stata un tester. Nessun artista nero sano di mente sarebbe salito sul palco con abiti normali”, osserva Thompson. “Non indossi uno smoking, e hai un ragazzo bianco che suona la batteria in una band nera, e hai delle donne che suonano con te? Per le prime quattro canzoni suonate dalla band Sly, per chiunque con più di 21 anni, sono rimasti a bocca aperta. ‘Chi sono questi alieni spaziali?‘”

RITORNO A CASA: THE 5TH DIMENSION

Con una capacità settimanale di 50.000 persone, il festival ha fornito agli artisti che si sono esibiti il tipo di meritata adulazione rock da stadio solitamente riservata agli intrattenitori bianchi tradizionali. Mentre guardano il filmato della loro euforica esibizione del 1969, Marilyn McCoo e Billy Davis Jr. dei 5th Dimension ricordano come fossero spesso percepiti come un “gruppo bianco” a causa del loro stile vocale, isolandoli dagli ascoltatori afroamericani. Il loro set ha permesso loro di esibirsi per una folla nera in un modo che sembrava un sacro ritorno a casa. “La voce di Billy Davis era pesante su quello che io chiamo l’urlo spirituale catartico di James Brown in un modo che non si sente in nessun’altra performance della 5th Dimension“, osserva Thompson.È interessante vedere cosa succede quando gli artisti neri si esibiscono per il pubblico nero, cosa che raramente hanno avuto la possibilità di fare in quella portata. Vedi una differenza.

Thompson si è identificato personalmente con il tipo di cambio di codice che gli artisti neri spesso infondono nelle loro esibizioni. Quando suonava ai festival, The Roots fungeva spesso da collegamento tra i vari atti, decidendo quale tipo di suono avrebbe colmato il divario tra di loro, e ha tenuto questo a mente mentre costruiva l’arco del film. “Potremmo aprire per Beck, e so che devo guidare la nave da questa parte. E poi, tre mesi dopo siamo con Wu-Tang o A Tribe Called Quest e dobbiamo prendere un’altra direzione. Ma poi, la prossima settimana siamo con i Rage Against the Machine e dobbiamo andare in quella direzione. Quindi potrei identificarmi con il dover cambiare le tue strisce ad ogni altro spettacolo“.

HARLEM ON THE MOON:
IL NUOVO FUTURO POLITICO DELL’AMERICA NERA

Nel 1969 si facevano progressi, ma c’era ancora tanta strada da fare. La guerra alla povertà, la parità di lavoro, l’istruzione, tutte quelle cose. Per la comunità di Harlem, c’erano questioni molto più importanti che mandare un uomo sulla luna“.
Ahmir “Questlove” Thompson

Il 1969 ha rappresentato un momento formativo nell’America nera per quanto riguarda la politica, il patrimonio e la musica. La strategia non violenta di base del movimento per i diritti civili si è ritirata a un potere nero carico filosofia. Gli afroamericani sono passati da giacca e cravatta a pantaloni a zampa di elefante e camicie dashiki (il reverendo Jesse Jackson, normalmente parte della cerchia ristretta di abiti neri di Martin Luther King può essere visto indossare un dashiki durante la sua apparizione). I capelli chimicamente distesi hanno lasciato il posto agli afro naturali. “It smelled like Afro-Sheen and chicken,”, ricorda un partecipante al festival. E i più giovani afroamericani hanno iniziato a definirsi separati da una lente bianca.

L’allunaggio dell’Apollo 11 è avvenuto il 20 luglio, lo stesso giorno in cui Stevie Wonder, David Ruffin e Gladys Knight and the Pips sono saliti sul palco. Ma la folla all’Harlem Cultural Festival era in gran parte ambivalente rispetto alla notizia. “Quello è stato il primo vero sopracciglio alzato. È stata la scintilla iniziale per dire: <Ehi ragazzi. Penso che qui ci sia una storia più grande di un semplice concerto in corso>, ricorda Thompson. “Ci siamo chiesti se saremmo stati penalizzati se avessimo mostrato meno esibizioni musicali per indagare sui retroscena di ciò che stava accadendo qui. Perché è qualcosa di cui non credo che il mondo conosca. La scoperta dello sbarco sulla luna è stato il primissimo filo conduttore che ha messo tutto in prospettiva per noi”.

ESSERE GIOVANI DOTATI E NERI

Apri il tuo cuore a ciò che intendo, dobbiamo iniziare a dire ai nostri giovani, c’è un mondo che ti aspetta, la tua è la ricerca che è appena iniziata.”
Nina Simone, Essere giovani dotati e neri

Nina Simone ha dato un taglio netto nel suo set senza paura, in cui ha cantato il suo inno “To Be Young, Gifted and Black” per una delle prime esibizioni pubbliche della canzone. Di grande importanza è il modo in cui la composizione ha articolato il tenore dell’America nera durante la transizione negli anni ’70. “In tutto il mondo sai che ci sono un milione di ragazzi e ragazze che sono giovani, dotati e neri. E questo è un dato di fatto”, canticchiava Simone.

Simone ha unito il concerto con la sua combinazione unica di un discorso quasi da predicatrice, citazioni potenti da una poesia di David Nelson degli ultimi poeti e doni straordinari come musicista e cantante. Fu Simone che salì sul palco e si rivolse alla folla

siete pronti neri?“, consolidando lo spirito della folla estasiata. Attraverso la sua performance, ha fornito un’ulteriore affermazione alla ribelle riformulazione dell’epoca: “Dillo ad alta voce, sono nera e sono orgogliosa“.

Della performance di Simone, Thompson dice: “I neri, prima del 1968, durante l’era dei diritti civili, identificati come ‘negri’. Credevano nel porgere l’altra guancia. Erano leggermente più conservatori“. Continua Thompson, poi ci sono persone leggermente più giovani (sotto i 23 anni) che erano molto impazienti, molto esigenti. In controtendenza verso il sistema. Si definivano “neri”. Avevano un taglio più netto nella loro forma di protesta. E Simone ha parlato di questo».

Continua Thompson: “Penso che le persone abbiano la tendenza a raggruppare il movimento per i diritti civili in un’unica gigantesca categoria. Che un seguace di Malcolm X, o un seguace di Black Panthers, o un seguace di Martin Luther King sono della stessa specie.” Dice Thompson, “il che non è affatto vero. Ma nel 1969 avvenne una metamorfosi di cui non credo che molte persone fossero a conoscenza. E abbiamo sentito che era importante mostrarlo e fare il film su questo – e con quello che sta succedendo ora – è ancora più importante. Durante la realizzazione del film, volevo essere testimone e spettatore di questo evento, come fan della musica e come uomo di colore“.

PARTECIPANTI, INTERVISTATI DEL DOCUMENTARIO

Roy Ayers
Ethel Beatty-Barnes
Barbara Bland-Acosta
Mike Boone
Dorinda Drake
Sheila E
Margot Edman
Greg Errico
Anthony Flood
Charlayne Hunter-Gault
Cyril “Bullwhip” Innis Jr.
Reverend Jesse Jackson
Musa Jackson
Gladys Knight
Adrienne Kryor
Alan Leeds
Darryl Lewis
Selema Masekela
Marilyn McCoo & Billy Davis
Jim McFarland
Lin-Manuel & Luis Miranda
Denise Oliver-Velez
Roger Parris
Raoul Roach
Chris Rock
Reverend Al Sharpton
Mavis Staples
Sylvester Stone
Greg Tate
Stevie Wonder
Sue Yellin
Allen Zerkin

BIOGRAFIA Ahmir “Questlove” Thompson, regista e produttore esecutivo
Batterista, DJ, produttore, imprenditore culinario, autore di best seller del New York Times e membro di The Roots – Ahmir “Questlove” Thompson, è l’inconfondibile battito del cuore del gruppo hip-hop più influente di Filadelfia. È il direttore musicale di The Tonight Show Starring Jimmy Fallon, dove la sua amata troupe dei Roots funge da house band. Oltre a ciò, l’indiscutibile reputazione di questo musicista vincitore di 5 GRAMMY Award gli ha permesso di ottenere posizioni di direttore musicale con tutti, da D’Angelo a Eminem a Jay-Z.

Questlove ha anche pubblicato numerosi libri, tra cui i bestseller del New York Times Mo’ Meta Blues e Creative Quest, l’audiolibro nominato ai GRAMMY Creative Quest, Soul Train: The Music, Dance and Style of a Generation, somethingtofoodabout nominato al James Beard e più recentemente Mixtape Potluck . Questlove e Black Thought of The Roots sono i produttori esecutivi dell’acclamata serie di documentari, Hip-Hop: The Songs The Shook America su AMC sotto la loro società di produzione, Two One Five Entertainment, che ha recentemente annunciato un accordo first-look con Universal Television per lo sviluppo programmazione non scritta.

Questlove sarà il produttore esecutivo del prossimo documentario, The League, incentrato sul tumultuoso viaggio della Negro League baseball. Ha anche fatto il suo debutto alla regia con l’acclamato documentario Summer of Soul, che esplora il leggendario Harlem Cultural Festival del 1969. Il film è stato presentato in anteprima nella serata di apertura del Sundance Film Festival 2021 a gennaio, dove ha ricevuto il Gran Premio della Giuria e il Premio del pubblico per il miglior documentario americano. Il film più di recente ha battuto il record per il documentario più venduto uscito dal Sundance quando è stato acquisito da Searchlight/Hulu. Questlove dirigerà anche il documentario di prossima uscita su Sly Stone.

Inoltre, Questlove è stato produttore musicale e compositore esecutivo della miniserie A&E Roots. Ha anche composto le musiche per il film di Chris Rock, Top Five e ha coprodotto la registrazione del cast originale di Hamilton, vincitore del GRAMMY Award. Questlove ospita anche il suo acclamato podcast Questlove Supreme su iHeart. Questlove è stato co-protagonista nel film d’animazione Soul della Disney Pixar, vincitore del Golden Globe, che gli è valso una nomination al NAACP Image Award per la migliore interpretazione del personaggio fuori campo.