Cinema Italia Variety

THE NIGHT HOUSE – cosa si nasconde nel film horror diretto da David Bruckner, prossimamente nei cinema

THE NIGHT HOUSE

cosa si nasconde nel film horror diretto da David Bruckner,
prossimamente nei cinema

CAST

REBECCA HALL
SARAH GOLDBERG
VONDIE CURTIS HALL
EVAN JONIGKEIT
STACY MARTIN

Regia di David Bruckner

Sceneggiatura di Ben Collins e Luke Piotrowski
Prodotto da David Goyer, Keith Levine, John Zois
Direttore della fotografia Elisha Christian
Scenografa Kathrin Eder
La costumista Samantha Hawkins
Montatore cinematografico David Marks
Musica di Ben Lovett

Dal regista David Bruckner arriva THE NIGHT HOUSE. Sconvolta dalla morte inaspettata di suo marito, Beth (Rebecca Hall) viene lasciata sola nella casa sul lago che lui ha costruito per lei. Fa del suo meglio per tenerla insieme, ma poi arrivano gli incubi. Visioni inquietanti di una presenza in casa che la chiama, invitandola con un fascino spettrale. Contro il consiglio dei suoi amici, inizia a scavare nelle cose di suo marito, bramando risposte. Quello che scopre sono segreti sia strani che inquietanti, un mistero che è determinata a svelare. THE NIGHT HOUSE vede la partecipazione di Rebecca Hall (GODZILLVA VS. KONG), Sarah Goldberg (Barry, Elementary), Vondie Curtis Hall (DIE HARD 2, EVE’S BAYOU), Evan Jonigkeit (Togetherish, Sweetbitter) e Stacy Martin (VOX LUX, NYMPHOMANIAC) .

Searchlight Pictures presenta THE NIGHT HOUSE diretto da David Bruckner (THE RITUAL) da una sceneggiatura di Ben Collins e Luke Piotrowski (SUPER DARK TIMES). Il team creativo comprende i produttori David Goyer, Keith Levine e John Zois, il direttore della fotografia Elisha Christian, la scenografa Kathrin Eder, la costumista Samantha Hawkins, il montatore David Marks e la musica di Ben Lovett.

DICHIARAZIONE DEL REGISTA

Qualcosa sulla sceneggiatura di Ben Collins e Luke Piotrowski per THE NIGHT HOUSE è rimasto. Qualcosa mi ha sconvolto e non ho potuto mettere il dito su di esso. Mentre cercavo di ordinare i conflitti e le metafore, scavare nei meccanismi della storia e quali sarebbero state le mie responsabilità come regista, mi perdevo continuamente nelle regioni sotterranee della narrazione, che era tanto confusa quanto eccitante.

In superficie, c’era un mistero avvincente sul marito di una donna recentemente deceduto e sulla domanda se potremo mai conoscere veramente i nostri cari. C’era l’imbarazzo del dolore e le responsabilità che abbiamo l’uno per l’altro nei momenti di pericolo emotivo. E, naturalmente, c’era la storia dei fantasmi; il tipo che gioca veloce e sciolto con i tropici infestati nel modo in cui qualsiasi fan dell’horror si divertirebbe un mondo.

Ma non importa come mi avvicinassi, rimaneva un’irrequietezza. L’ho visto anche nel protagonista. Beth era febbrilmente conflittuale, interrogando il mondo intorno a lei in un modo che capivo ma che riuscivo a malapena a tenere il passo. Spesso, mi sentivo meno come se fossi nei suoi panni e più come se stessi guardando qualcuno a cui tenevo barcollare sul bordo di una scogliera. Rebecca Hall avrebbe trovato un modo con questo sul set. Data la nostra tempistica ristretta, ci siamo spesso avventurati in momenti guidati solo dall’istinto, non sapendo cosa avrebbe fatto Beth dopo.

È possibile che non ci fosse proprio niente. Che sono stato semplicemente contagiato dall’argomento stesso. La storia era come un labirinto in cui entri a tuo rischio, un racconto straziante di disfacimento che conteneva almeno alcune verità oscure e silenziose che non potevo ignorare. Mentre ci avvicinavamo alle riprese, la mia unica scelta era abbracciare la discordia e godermi le contraddizioni. Aspetti che rimarrebbero per sempre sfuggenti per me. David Bruckner

THE NIGHT HOUSE
“UNA STORIA DI UN FANTASMA DECOSTRUITA”

THE NIGHT HOUSE è un avvincente mistero, un inquietante thriller soprannaturale e un’agghiacciante storia di fantasmi. Il regista David Bruckner descrive il suo film come “sia una storia di fantasmi con sfumature di romanticismo gotico, sia il ritratto di un matrimonio profondamente travagliato. È una storia misteriosa e straziante di disfacimento; un labirinto in cui entri a tuo rischio e pericolo”.

Bruckner è sempre stato attratto dal genere horror. Il suo primo film, THE RITUAL, così come il suo precedente lavoro antologico, hanno esplorato temi sia soprannaturali che psicologici. Lo stesso vale per il team di sceneggiatori di THE NIGHT HOUSE, Ben Collins e Luke Piotrowski, il cui primo film, SUPER DARK TIMES, esplora la paranoia e la violenza. Quando è arrivato il momento per la coppia di pensare a chi avrebbe potuto dirigere la sceneggiatura, Bruckner è stata una scelta ovvia. “David è un amico e lo abbiamo sempre avuto in mente per questo film, credendo che potesse dare vita al terrore in un modo unico“, afferma Collins.

In THE NIGHT HOUSE, gli scrittori Collins e Piotrowski hanno scritto un puzzle soprannaturale che viene lentamente sbloccato da una combinazione di demoni e duplicati. Il produttore Keith Levine afferma: “THE NIGHT HOUSE è una discesa nella follia attraverso la lente classica di un film sulla casa stregata“. Il produttore David Goyer aggiunge: “La cosa particolarmente spaventosa è che le forze che attaccano Beth stanno sfruttando il suo dolore – usando quella ferita per entrare nel suo mondo, e la performance tour-de-force di Rebecca consolida davvero tutto”.

Bruckner ha un talento per creare tensione, dislocazione e inquietudine prolungata. Il film lascia indizi sinistri ovunque; una nota di suicidio indecifrabile, più foto di donne sconosciute, progetti architettonici invertiti e una scultura inquietante trovata in un luogo segreto. Il montatore David Marks afferma: “Penso a THE NIGHT HOUSE come a una storia di fantasmi decostruita. C’è un’atmosfera solitaria e inquietante che potremmo aspettarci in un film di genere. Ma in questo caso, è spesso il risultato di Beth che cerca la cosa che la spaventa piuttosto che fuggirla, il che crea opportunità per sovvertire le solite aspettative di genere“. Rebecca Hall, che interpreta Beth, aggiunge: “Qualcosa che sicuramente mi ha attratto del personaggio è che è perseguitata ma è spiritosa e pericolosa e non ti siedi lì per uscire di casa! Perché sta dicendo “questa è casa mia”. Vieni e prendimi. Avanti!‘”

L’ISPIRAZIONE DEL SOGGETTO

Molti dei film preferiti di Bruckner di tutti i tempi sono incentrati su una protagonista femminile forte e complicata. Bruckner afferma: “Adoro il fatto che tu possa usare le convenzioni cinematografiche per ritrarre il funzionamento interno della psiche di un personaggio. Non essere in grado di capire ciò che è reale è semplicemente più spaventoso della cosa che sta cercando di prenderti. È stato maggiormente influenzato da film come REPULSION, BLACK SWAN, PERSONAL SHOPPER e THE BABADOOK. Ho anche trovato molta ispirazione da grandi romanzi horror come IL GIRO DELLA VITE e LA CASA DELLE FOGLIE, che trattano entrambi di tipi simili di follia”, dice Bruckner.

Rebecca Hall ha anche tratto ispirazione da diversi classici degni di nota, “Alcuni dei miei film preferiti di tutti i tempi appartengono a questo genere anche se non mi considero un vero fanatico dei film horror. ROSEMARY’S BABY, THE SHINING, un film francese intitolato LES DIABOLIQUES, CAT PEOPLE per citarne alcuni. E quando ero bambino, adoravo un film chiamato THE HAUNTING diretto da Robert Wise.

L’attore Evan Jonigkeit, che interpreta Owen, afferma: “In questo genere, ci sono così tante fantastiche interpretazioni femminili, e potrei essere di parte, ma la performance di Rebecca in questo film è lassù“. L’attrice Stacy Martin aggiunge: “Quello che trovo interessante è che i film di suspense guidati da donne sembrano dare più spazio al mistero e al soprannaturale. Ed è uno dei generi cinematografici che offre alle attrici una piattaforma per approfondire davvero un personaggio in modi in cui altri generi a volte faticano a realizzare“. L’attrice Sarah Goldberg è d’accordo: “Ho adorato CARRIE e CACHE.  SAFE è un altro. Sono una fan di qualsiasi film guidato da donne“.

Il regista Alfred Hitchcock è il padrino di molti dei temi esplorati in THE NIGHT HOUSE.

Il produttore John Zois afferma: “Dall’idea di esplorare i nostri sogni in SPELLBOUND alla navigazione dentro e fuori da un mondo onirico in VERTIGO e, naturalmente, dall’esistenza di una forza malevola come in REBECCA, Hitchcock ha dato così tanto al spazio che ci saranno sempre le sue impronte su film di questa natura”.

LO SCHEMA MITOLOGICO

Sebbene la mitologia specifica in THE NIGHT HOUSE sia stata in gran parte inventata dagli sceneggiatori Collins e Piotrowski, è stata ispirata e modellata dalla mitologia reale, in particolare dai labirinti gallesi e da una bambola voodoo egiziana del IV secolo d.C. attualmente ospitata al Louvre. I pastori gallesi costruirono semplici labirinti chiamati “Caerdroia” sulle cime delle colline per eseguire danze rituali. Caerdroia si traduce letteralmente in “Mura di Troia“, che Piotrowski spiegaè un riferimento alla città del mito greco le cui strade erano abbastanza semplici da permettere al nemico di entrare, ma alla fine troppo complesse per loro per trovare la via d’uscita. Questo si adattava perfettamente all’immagine della planimetria al contrario, un concetto che sapevamo di voler incorporare nel film fin dall’inizio“.

Sul tema dei labirinti erbosi, Piotrowski spiega chei labirinti servivano come mezzo unico e tangibile per creare incantesimi, l’equivalente deambulatorio di un canto. L’idea che lo spazio o il movimento attraverso lo spazio potessero avere tanto potere rituale quanto le “parole magiche” era intrigante“.

Sapevamo che volevamo che Owen tentasse una sorta di ‘incantesimo vincolante’ per contenere la sinistra influenza esterna“, ha detto Piotrowski. Alcune ricerche superficiali hanno rivelato l’immagine della bambola voodoo The Louvre Doll, una donna di argilla trafitta con 13 spilli. È così sorprendente, così immediato e così tematicamente ricco. Beth è una donna legata ai suoi dubbi e alle sue paure, dopotutto“.

C’è stato uno sforzo costante per bilanciare le interpretazioni metaforiche del film con una mitologia più letterale“, aggiunge il regista Bruckner.L’idea di usare esche sia di Beth che della sua casa per ingannare l’Entità lontano dal suo obiettivo rientrava in varie tradizioni magiche.”

Alla fine, il significato più profondo di questi labirinti è diventato il motore dell’ironia della casa stessa. “Un labirinto costruito per confondere le forze malevole, e la tua stessa casa all’indomani della tragedia come un labirinto che ti confonde. Lo spazio è familiare ma è sbagliato. Owen ha costruito una casa per perdere ciò che lo perseguitava, ma ha lasciato Beth perduta e perseguitata nella casa che lui ha costruito per lei“, dice Piotrowski.

ARMONIE A SPECCHIO: MUSICA E SUONO IN
THE NIGHT HOUSE

Fin dall’inizio, la musica aiuta a preparare il palcoscenico. La musica di Ben Lovett è stata fondamentale per creare la storia e creare tensione per lo spettatore lungo il viaggio di Beth. “Dato che la musica si aggiunge al linguaggio emotivo di qualsiasi film, il mio obiettivo era quello di elevare la conversazione inconscia con il pubblico“, afferma il compositore Ben Lovett.

Il regista Bruckner aggiunge: “Ben voleva iniziare presto durante la fase di sceneggiatura e svilupparsi insieme alla produzione. Ha creato un’intera colonna sonora di esplorazioni che ho poi potuto ascoltare e condividere con altri dipartimenti chiave. C’era una traccia che ha trovato la sua strada nel film che ho ascoltato ogni giorno durante il mio tragitto verso il set“.

Lovett ha iniziato a sperimentare come i diversi concetti della storia si sarebbero tradotti in musica, tra cui l’architettura invertita, le planimetrie a specchio, i doppelgänger e i modelli ripetuti. “Ho lavorato su palindromi musicali e melodie che potevano essere suonate avanti e indietro e da lì ha iniziato ad evolversi”.

Ho usato una tecnica chiamata armonia negativa“, spiega Lovett,Questo comporta l’inversione delle note di una melodia in modo che ciascuna abbia una corrispondente nota speculare sul lato opposto. Quel concetto è stato impiegato nel tema del matrimonio per capovolgerlo e creare un’armonia di ombre dell’originale sul lato più oscuro dello spettro armonico.

La Croce del Calvariodi Richard Thompson ironicamente funge da canzone del matrimonio di Beth con testi oscuri e inquietanti. La canzone in seguito la sveglia di soprassalto una mattina dopo la morte del marito, fornendo una netta contrapposizione tra la felicità senza rivali di un giorno di nozze e la paralizzante sofferenza della morte di una persona cara.

Poiché la maggior parte del film si svolge in una casa sul lago, Lovett ha trascorso alcuni giorni sul set ed è uscito pensando alle differenze tra l’acqua del lago e l’acqua dell’oceano. Spiega: “L’acqua del lago è più torbida e più instabile. Non è mai del tutto fermo, sempre agitato da forze esterne. Mi chiedevo come potesse suonare come strumento. Il suono risultante è diventato un modo per esplorare e modulare gli stati di ansia di Beth“.

Persa nel limbo tra negazione e accettazione, la relazione di Beth con il grande aldilà è inquietante. THE NIGHT HOUSE è una storia di fantasmi terrificante e agghiacciante che riflette i nostri tempi difficili. Riguarda ciò che ti spaventa di più. Bruckner dice: “è l’idea che i fantasmi esistano davvero, o la realizzazione che non lo siano“.

THE NIGHT HOUSE arriverà nei cinema dal 16 settembre 2021