Cinema Italia Testi Canzoni USA Variety

ANNETTE – al cinema il film musicale del regista visionario Leos Carax con storia e musica di Ron & Russell Mael di The Sparks, un progetto durato 7 anni

ANNETTE

this original musical is a
journey of passion, love, and fame

Amazon Original Movie

Directed By: Leos Carax
Starring: Adam Driver, Marion Cotillard & Simon Helberg
Written By: Ron Mael & Russell Mael
Producers: Charles Gillibert & Paul-Dominique Win Vacharasinthu

Le vite incantate di una coppia di celebrità vengono sconvolte in una tragica notte che pone anche il loro unico figlio su un percorso straordinario. Il regista visionario Leos Carax crea un’affascinante storia di amore, passione, ossessione e rimpianto in Annette, una favola musicale di proporzioni operistiche, con storia e musica di Ron e Russell Mael dei The Sparks.

Henry (Adam Driver), un cabarettista carismatico e audace, è una rock star per il suo pubblico tutto esaurito di fan devoti. La diva di fama mondiale Ann (vincitrice dell’Oscar® Marion Cotillard) presta il suo soprano etereo ai ruoli più iconici della musica classica. La loro storia d’amore scatena uno tsunami di attenzioni da parte dei paparazzi e dei seguaci rabbiosi desiderosi di assistere all’enigmatica connessione erotica della coppia e allontana l’amico più devoto di Ann e l’accompagnatore di lunga data, The Conductor (Simon Helberg).

Con la loro unione oggetto di intensa curiosità e costante speculazione, Henry e Ann si nascondono in una bolla privata perfetta per se stessi e, presto, per la loro amata figlia Annette, fuori dalla vista del pubblico insaziabile. Ma mentre la carriera di Henry inizia a vacillare e quella di Ann continua a salire, la loro vita privilegiata si interrompe in un ciclo di rabbia, follia e abusi. Mentre lottano per raddrizzare il loro matrimonio, un incidente impensabile dimostra che il loro amore è eterno, nel bene e nel male.

Un’esibizione abbagliante di fuochi d’artificio cinematografici, Annette combina romanticismo frizzante, immagini riccamente immaginate, esibizioni straordinarie e musica originale affascinante di Sparks. Il debutto cinematografico in lingua inglese di Carax e il suo primo film dopo il pluripremiato Holy Motors, Annette è stato il film della serata di apertura del Festival di Cannes 2021.

ANNETTE – LA PRODUZIONE

Negli ultimi quattro decenni, il regista Leos Carax ha combinato una visione artistica singolare con una straordinaria abilità tecnica per produrre un corpus di opere noto per la sua originalità, audacia e romanticismo. La band di Los Angeles Sparks, composta dai fratelli Ron e Russell Mael, ha trascorso gli ultimi 50 anni a comporre ed eseguire musica definita dalla sua audacia, originalità e musicalità e ammirata da colleghi di spicco come Beatles, Duran Duran e Bjork.

Presentati l’uno all’altro al Festival di Cannes 2013, Carax e i Maels hanno unito le forze per creare Annette, un film musicale che sfida tutte le aspettative, anche le loro. Quando si incontrarono, i fratelli Mael stavano sviluppando un nuovo lavoro musicale la cui portata trascendeva le canzoni pop di tre minuti che scrivevano e registravano dagli anni ’70: un progetto narrativo su un provocatorio cabarettista e un famoso cantante d’opera che cade inaspettatamente innamorato.

Due personaggi apparentemente opposti con stili di vita molto disparati costituiscono un buon punto di partenza”, afferma Ron. E poi hanno un figlio, Annette, che eredita un dono molto speciale da sua madre. Le cose stanno presto precipitando in un percorso imprevisto“. Ma la coppia non avrebbe mai pensato che un giorno il pezzo sarebbe diventato un lungometraggio. “Pensavamo che Sparks potesse andare in tour con esso“, continua Ron.Il cast era piccolo, solo tre personaggi principali. Due di loro sarebbero stati interpretati da noi, e l’aggiunta di un cantante d’opera avrebbe costituito i tre protagonisti. Le interazioni tra loro erano tutte in una canzone“.

Quando i Mael furono presentati a Carax, sentirono un’immediata affinità con l’acclamato autore francese. “Al ritorno a Los Angeles, gli abbiamo mandato Annette, senza aspettarci nulla“, ricorda Russell.Ha detto che gli piaceva molto il progetto e voleva considerarlo come il suo prossimo film. Siamo rimasti sorpresi ed euforici. Siamo fan dei film di Leos, quindi realizzare che avrebbe diretto un nostro film musicale andava oltre i nostri sogni“. Carax è stato immediatamente attratto dal materiale che ha ricevuto dalla band, che consisteva in circa 20 demo musicali e la premessa di base della storia.

Ho adorato le canzoni fin da subito“, dice Carax I musical danno al cinema un’altra dimensione, quasi letteralmente: hai tempo, spazio e musica. Puoi dirigere una scena seguendo l’esempio della musica o andando contro la musica. Puoi mescolare tutti i tipi di emozioni contraddittorie, in un modo impossibile nei film in cui le persone non cantano o ballano. Puoi essere grottesco e profondo allo stesso tempo. E anche il silenzio diventa qualcosa di nuovo e più profondo”.

MARION COTILLARD stars in ANNETTE

ANNETTE – Il Viaggio

Nei sette anni successivi, Sparks e Carax hanno lavorato insieme, a Parigi a Los Angeles, per completare la loro creazione congiunta. “Inizialmente avevamo solo la musica e il dialogo di accompagnamento con l’annotazione occasionale sull’ambientazione di ogni pezzo e su cosa avrebbero potuto fare i personaggi“, afferma Russell.Lo sviluppo di una sceneggiatura dettagliata con Leos è arrivato solo dopo che la maggior parte della musica è stata scritta“. Mentre collaboravano, Carax ha posto una serie di domande ai Mael sulla storia e sui personaggi.

Ad esempio, perché Ann è una cantante d’opera? Perché Henry è un cabarettista? Il mondo di Sparks è pop fantasy, con un’ironia a più livelli, ma all’inizio ho dovuto prendere tutto sul serio“, afferma il regista. “Non sapevo nulla di opera e molto poco di cabaret, ma ho scoperto che queste due forme, apparentemente così distanti, condividono alcune cose, in particolare la nudità emotiva e la vulnerabilità dei cantanti d’opera e dei comici sul palco. E aggiunge,c’è il gioco con la morte: l’opera è fondamentalmente donne che muoiono sul palco, in ogni modo possibile, mentre cantano un’aria bella e commovente. I grandi comici, come Andy Kaufman, sono quelli che flirtano con la morte sul palco. E cantare e ridere sono entrambi molto organici: si basano sul complesso sistema anatomico per il modo in cui respiriamo. Ho iniziato a vedere l’intero film come una metafora del respiro: vita e morte ovviamente, oltre a ridere, cantare, partorire, trattenere il respiro“.

Il progetto si è avvicinato di un passo alla realizzazione quando il prolifico produttore francese Charles Gillibert ha firmato. “Sono sempre stato molto colpito dai film di Leos e ancor di più dalla sua integrità artistica e dal suo lavoro senza compromessi“, afferma Gillibert.Ciò che mi ha fatto decidere di produrre il film è stato lo scenario unico e potente, e ciò che Leos voleva fare. Mi ha detto che voleva che le persone scoprissero la bellezza e la forza delle melodie di Sparks. Non conoscevo molto bene il lavoro degli Sparks, a parte i loro successi degli anni ’70 come “This Town Ain’t Big Enough for Both of Us” e una certa idea della loro esuberanza. Sono rimasto colpito dal fatto che avessero inventato una storia originale e commovente come quella di Annette“.

ANNETTE – The Ape of God

Nei panni di Henry McHenry, Adam Driver attraversa il palco con una tunica da pugile e un atteggiamento intimidatorio da pugile, provocando il tutto esaurito con una miscela tossica di spavalderia, rabbia, ambizione, desiderio e invidia. “Adam è come una bestia che viene tirata fuori dalla sua gabbia in quei momenti”, dice Gillibert. “Quando arriva, è decisamente molto impressionante. Durante le riprese è stato estremamente rigoroso e intuitivo“. I Mael erano elettrizzati quando Carax si è avvicinato a Driver per recitare la parte, e ancora più eccitati quando hanno visto la sua passione e il suo impegno per il progetto. “Quando ci siamo incontrati per discutere del tono del suo personaggio, abbiamo scoperto che vedeva la persona e lo stile vocale di Henry esattamente come li avevamo immaginati“, dice Ron. “La prima volta che abbiamo sentito la sua voce nelle registrazioni invece della nostra è stata un’esperienza meravigliosa.”

Driver, che è anche produttore del film, dice di essere stato incuriosito ed eccitato quando Carax lo ha contattato. “Leos era una grande ragione per cui volevo farne parte“, dice. “Guardando gli attori nei suoi film precedenti, sembravano avere una tale libertà. E la fotografia era incredibile. I suoi film chiedono molto alle persone che li realizzano, ma ci sono momenti e sequenze in tutti che sono indimenticabili.

E poi, naturalmente, è stato un musical che Sparks ha scritto“, aggiunge. “C’erano tutte queste grandi sequenze che richiedevano prove, grandi set, molte parti in movimento. Sembrava una sfida, ma il risultato potrebbe essere singolare”. Parte del successo di Carax come regista, dice Driver, è che vive ogni momento del film insieme ai suoi attori e alla troupe. “Non guida con un megafono. È più da un luogo di messa a fuoco. Non perde un dettaglio. È bravissimo a bilanciare momenti di completa spontaneità all’interno di coreografie pesanti. Ed è esilarante. Penso che sia uno dei più grandi registi di tutti i tempi“.

Per il regista, lavorare con gli attori significa trovare un equilibrio tra precisione e caos. “Adam, in momenti diversi, aveva bisogno di uno più dell’altro”, dice.A volte chiedevo troppa precisione o lo lasciavo troppo immerso nel caos. Ma, forse non sorprendentemente, quelle scene sono quelle in cui offre il suo lavoro più inventivo e ispirato“. Nel suo spettacolo teatrale, Henry è annunciato come “The Ape of God“, un soprannome tratto da un riferimento medievale al diavolo. Quando Carax originariamente accettò di dirigere Annette, non sapeva in cosa sarebbe consistita la recita di Henry. “Avevamo bisogno di inventare due spettacoli molto diversi per Henry che si adattassero alla narrazione”, afferma il regista. “Doveva essere divertente come nessun altro comico è mai stato divertente. Ho dimenticato quante versioni abbiamo provato, tutte molto diverse“.

ADAM DRIVER stars in ANNETTE

Sebbene i suoi monologhi fossero stati scritti quando Driver è arrivato sul set, l’attore è stato profondamente coinvolto nel modo in cui le esibizioni di Henry sono state messe in scena, secondo Carax. “Di solito non provo, ma avevo bisogno di controllare il ritmo degli spettacoli“, dice il regista. Adam ha proposto molte cose. Sparks aveva scritto una canzone intitolata “Ok, Ready? Laugh! dove il pubblico ride mentre canta, e l’unico testo era ‘Ah ah ah!’ A volte gli spettacoli erano come un duetto tra Henry e il suo pubblico. Quindi erano davvero una creazione collaborativa tra Sparks, Adam e me“. Sebbene gli attori abbiano preregistrato le loro canzoni come backup, quasi tutto il canto ascoltato nel film è stato fatto dal vivo sul set. Per prepararsi a ciò, Driver ha consultato il doppiatore Michael Rafter, con il quale aveva precedentemente lavorato al film Storia di un matrimonio. “Ho suonato le canzoni con lui per mesi“, ricorda l’attore. “Sparks e Leos erano molto chiari sul suono che stavano cercando e che la narrazione era la priorità.

Mentre guardano le esibizioni di Henry, il suo pubblico – e quello del film – non sono sicuri se sia una persona veramente riprovevole o semplicemente provocatorio. “Non è troppo aspettarsi che gli artisti siano brave persone, ma non è l’aspettativa giusta“, afferma Carax. “Nel trattamento originale, Henry perde il successo nel tempo, scatenando la sua rabbia e la sua invidia. Ma volevo che fosse improvviso, in modo che Henry non fosse troppo ovvio, come un cattivo che arriva troppo presto nel film. Egli Fantastica di fare qualcosa di terribile e la gente lo odierà per questo“.

ANNETTE – Beauty and the Bastard

Una cantante d’opera di fama mondiale, Ann Defrasnoux sposa il cabarettista Henry dopo un corteggiamento vorticoso, scioccando il pubblico. Splendidamente bella, dotata di un talento trascendentale e venerata nel suo mondo, Annette offre un netto contrasto con la volgarità e la rabbia incandescenti di Henry.
Marion Cotillard ha apportato una grazia sbalorditiva al suo ruolo”, afferma Russell. E mentre il film si svolge, vediamo un altro lato di Annette, interpretato magnificamente anche da Marion. La sua presenza sullo schermo e il suo canto portano il film a un altro livello“.

Il casting del ruolo inizialmente ha sconcertato il regista, che non aveva mai preso parte a un film che non aveva avuto origine. Preferisce, dice, scrivere pensando a un attore o un’attrice in particolare. “Ogni volta che ho immaginato un progetto senza un attore in mente, ho dovuto abbandonarlo perché non riuscivo mai a trovare la persona giusta. Cosa succederebbe se non trovassi mai Annette? O potrei, per la prima volta, costringermi a lavorare con un’attrice che non volevo davvero filmare?

Quando incontrò Cotillard, però, quei dubbi svanirono rapidamente: aveva trovato la sua Annette. Sfortunatamente per lui, l’attrice era incinta in quel momento e ha dovuto rifiutare il ruolo. Quando l’inizio della produzione è stato ritardato, le ha offerto di nuovo la parte e questa volta lei ha accettato. “Sono molto grato per ciò che porta al film“, afferma il regista. “Marion ha il mistero di un’attrice di film muti. Mi sarebbe piaciuto filmarla di più“.

Cotillard ricorda di aver visto il film di Carax Les amants du Pont-Neuf (Gli amanti del ponte) quando era ancora un’aspirante attrice. “Il suo mondo, mi è sembrato, pieno di poesia e di genio artistico. Holy Motors è diventato uno dei miei film preferiti di sempre. Considero quel film un capolavoro“. Ha letto per la prima volta la sceneggiatura di Annette senza la musica e poteva già vedere che Sparks e Carax avevano creato qualcosa di speciale. “Quando sono stato in grado di leggerlo con la musica in seguito, ha assunto un’altra dimensione“, ricorda Cotillard. “Mi sento così fortunata che questo progetto sia tornato da me. Tuttavia, non sapevo se sarei stata in grado di dare tutto ciò di cui i Leos avevano bisogno. Sono andato da un insegnante di canto per vedere se era possibile in così poco tempo e lui ha detto: “Se lavori notte e giorno, forse“. Così ho detto di sì“.

L’attrice Cotillard , che ha vinto un Oscar per il ruolo di Edith Piaf nel film biografico del 2007 La Vie En Rose, afferma che Annette è un’opera nel vero senso della parola. “Anche se tutte le canzoni non sono classicamente operistiche, il sentimento, i temi, il dramma e lo sfarzo lo sono“, osserva.La storia parla di tante cose, ma quello che mi ha colpito di più è stata l’idea che il tuo ego possa portarti a fare grandi cose, soprattutto artisticamente, ma allo stesso tempo il suo lato più oscuro possa creare una patologia che ti rende un mostro. La competizione che sente Henry non si adatta all’amore“.

Una volta sul set, Cotillard afferma di aver apprezzato la precisione di Carax, soprattutto perché è stata abbinata a un grande rispetto per gli attori. “Leos ci h dato la libertà di trovare l’emozione per i nostri personaggi. Mi ha nutrito con riferimenti per Ann, mi ha detto che voleva che lei avesse dolcezza e forza. A volte voleva un certo gesto della mano o un’inclinazione della testa, ma io mi sono sempre sentita padrona del mio carattere“. Una fan del lavoro di Driver, la sua ammirazione per il suo co-protagonista è cresciuta solo mentre lavoravano insieme.

Come me, era super ansioso per il canto perché volevamo dare tutto il possibile“, spiega.C’è sempre questa timidezza quando reciti con qualcuno per la prima volta, ma dover cantare  ‘We love each other so much il primo giorno! In realtà ha funzionato per il film perché Ann ed Henry stanno scoprendo i primi passi della loro storia d’amore mentre accade. Leos ne adorava l’autenticità“.

The Conductor – il Direttore

Il terzo personaggio adulto principale di Annette è The Conductor, l’accompagnatore di lunga data di Ann, che nutre una passione non corrisposta per lei. Con il progredire della storia, diventa chiaro che il Direttore d’orchestra conosce Ann da molto più tempo di Henry, ma non le ha mai espresso completamente i suoi sentimenti. Una volta che Henry entra in scena, i suoi rimpianti lo torturano. Simon Helberg, che ha anche interpretato l’accompagnatore di Meryl Streep in Florence Foster Jenkins, è un musicista di talento nonché una delle star della lunga serie televisiva “The Big Bang Theory“.

Simon dà vita al personaggio con una meravigliosa intensità”, afferma Gillibert.La scena in cui dirige l’orchestra mentre rivela i suoi sentimenti personali interiori è un momento magnifico. Simon ritrae il suo personaggio in modo sottile e in netto contrasto con l’Henry di Adam“.

Secondo il produttore, i realizzatori stavano cercando un attore che fosse sorprendentemente dissimile fisicamente da Driver, che a due metri e mezzo è più alto di mezzo piede rispetto a Helberg. “E Leos voleva assolutamente che fosse in grado di suonare alcuni pezzi per pianoforte molto complicati sullo schermo“, dice.Simon ci ha impressionato tutti molto.” Carax afferma che l’attore è stato un regalo inaspettato per il film. Come per il personaggio di Ann, non aveva idea di chi avrebbe dovuto interpretare la parte fino a quando non ha incontrato Helberg. “È difficile trovare un attore che sappia davvero suonare il piano, cantare e che io vorrei filmare”, afferma il regista. “Non avevo mai visto il lavoro di Simon. Abbiamo appena bevuto qualcosa una volta. Si è rivelato molto speciale, un elfo, e la telecamera ha adorato il contrasto tra lui e Adam“.

Secondo Helberg, essere sul set con Carax è stato come andare in chiesa. Era tranquillo e profondo“, dice.È un visionario incredibilmente brillante ed è stata una delle grandi gioie della mia vita far parte di quella visione. Il direttore d’orchestra inizia come accompagnatore, desideroso di attenzioni e consensi e, soprattutto, dell’amore di Ann. È un romantico dal cuore sanguinante con una purezza fanciullesca. Ma la sua integrità è messa alla prova dal fascino della fama e dal desiderio di creare un legame con la figlia di Annette“.

Tirando le Fila

Il casting di un personaggio che invecchia dalla nascita ai sei anni ha rappresentato un enigma per il regista, in particolare per un bambino insolito come la figlia di Ann e Henry, Annette. Carax non era desideroso di lavorare con una serie di bambini piccoli, ma non voleva nemmeno utilizzare la tecnologia digitale per creare un neonato che potesse cantare come la sua famosa madre. “Il film sembrava impossibile da realizzare”, ricorda.Poi mi è venuta in mente un’immagine: una piccola stella, sola e persa nel buio infinito, la piccolezza di Annette di fronte al mondo. Ho pensato a Masha, una bambina che ho conosciuto anni fa in Ucraina. Aveva due anni. A volte sembrava quasi una vecchia signora, ma era bella in un modo che mi commuoveva. Masha è diventata l’ispirazione per Annette. Ma Annette doveva essere comprensibile per me, qualcosa di semplice, fatta a mano”. La bambina, decise, sarebbe stato interpretata da un burattino, o meglio da una serie di burattini. “È stato un grande rischio ed emozionante“, ricorda.Ma la gente avrebbe accettato un film in cui appare improvvisamente un burattino e nessuno menziona mai che è un burattino? Non faccio film naturalistici. Nel mondo del film, è una bambina vera, ma possiamo vedere subito che non è una bambina in carne e ossa“. Per progettare il burattino, Carax iniziò a lavorare con scultori a Los Angeles e successivamente con un burattinaio a Tokyo, ma non riuscì a trovare l’Annette che aveva immaginato. Infine ha incontrato Gisèle Vienne, artista, regista teatrale e coreografa di talento che ha frequentato l’Ecole Supérieure Nationale des Arts de la Marionnette a Charleville, in Francia.

Attraverso Vienne è entrato in contatto con Estelle Charlier, che è diventata una delle due scenografie del film. “Le ho regalato alcune foto della piccola Masha e alcune settimane dopo mi ha inviato le foto della sua prima versione di Annette, molto ruvida ma bella”, dice. “Ha lavorato con Romuald Collinet. Estelle ha creato i volti di Annette in diverse età, Romuald si è occupato del corpo di Annette e di tutti gli aspetti tecnici. Hanno salvato il film!

Alla conclusione del film, Annette è interpretata da una vera attrice: Devyn McDowell di cinque anni. “Temevo che non avrei mai trovato una ragazza così giovane che potesse affrontare Adam nel modo in cui avevamo bisogno”, dice il regista.Ma Carmen Cuba, la nostra direttrice del casting, l’ha trovata. Tra tutte le ragazze che avevamo visto, era la più giovane, quella con la minore capacità di attenzione e la più imprevedibile. Era lei che volevo filmare“.

ANNETTE – Start the Music

Composta da circa 40 brani originali, la colonna sonora di Annette spazia stilisticamente, dal pop al classico, e tutto il resto. “Alcune canzoni hanno una sensibilità da band, alcune sono più orchestrali e alcune non si adattano a nessun genere”, afferma Russell. “Ci piace la natura disparata della musica quando viene vista e ascoltata durante il film. E alla fine, lavorano tutti insieme come un tutto unificato“. La maggior parte delle tracce sono state registrate nello studio di Sparks a Los Angeles, con Ron che suonava la maggior parte degli strumenti e suo fratello tecnico. Gli arrangiamenti orchestrali sono stati aggiunti sui palcoscenici in Germania e Belgio. “Entrambi abbiamo cantato per le demo, che sono stati poi sostituiti dagli attori. Le nostre voci sono ancora in alcuni dei pezzi come parti vocali di sottofondo, così come nel pezzo di apertura, So May We Start”.

So May We Start – from the soundtrack to “Annette” performed by Sparks, Adam Driver, Marion Cotillard feat. Simon Helberg

stream album https://annette.lnk.to/highlights

So may we start? (2x)
It’s time to start
High time to start

They hope that it goes the way —it’s supposed to go
There’s fear in them all but they —can’t let it show
They’re underprepared but that —may be enough
The budget is large but still —it’s not enough

So may we start? May we start, may we, may we now start? (2x)
It’s time to start – May we start, may we, may we now start?
High time to start – May we start, may we, may we now start?

We’ve fashioned a world, a world —built just for you
A tale of songs and fury —with no taboo
We’ll sing and die for you —yes in minor keys
And if you want us to kill too —we may agree

So may we start?

So close all the doors and let’s —begin the show
The exits are clearly marked —thought you should know
The authors are here so let’s —not show disdain
The authors are here and they’re —a little vain
A little vain

Now…
The music resounds and all —the flames are lit
So Ladies and gents please —shut up and sit
The curtain of our eyelids —lazily rise
But where’s the stage you wonder

Is it outside, or is it within?
Outside? Within? (2x)

So may we start?

La decisione di far cantare gli attori dal vivo ha complicato le cose per i tecnici del suono, i cameraman e gli attori, secondo Carax, ma valeva il tempo, gli sforzi e le spese extra. “Il canto è diventato più naturale, come respirare“, aggiunge. “È qualcosa che è piuttosto commovente da guardare. Mi piace il modo molto personale di cantare entrambi nel film“. Avendo cantato in diversi film, tra cui Pretty Things e un adattamento per il grande schermo del musical di Broadway “Nine“, Cotillard era abituata a registrare la sua voce in uno studio e in seguito a sincronizzare le labbra sul set. “Ma Leos voleva davvero che fosse cantata dal vivo perché le canzoni sono il dialogo“, dice. “Potrebbe essere abbastanza intimidatorio. Cantiamo mentre facciamo l’amore, mentre facciamo la doccia o nuotiamo o siamo sdraiati a letto. Non è stato facile, ma allo stesso tempo è stata l’occasione per fare qualcosa di unico”. Con solo pochi mesi per prepararsi, Cotillard sapeva che non sarebbe stata in grado di soddisfare le esigenze vocali delle arie impennate che Ann esegue sul palco. “Leos ha trovato un modo per mescolare la mia voce con quella del soprano Catherine Trottmann“, spiega.È stato un po’ spaventoso sapere che non sarei stata l’unica a far vivere questo personaggio; un altra cantante sta prendendo parte alla performance. Ma il mio rapporto con Catherine era davvero, davvero profondo e sono stata in grado di guidarla attraverso ciò che volevo che mettesse nella sua interpretazione“.

Metterlo sullo schermo

Le riprese si sono svolte in tre mesi nel 2019 in Belgio e Germania e un’ultima settimana a Los Angeles, dove è ambientata Annette. “Ho provato a immaginare che il film si svolgesse in altre città, ma non hanno funzionato altrettanto bene“, afferma Carax. “Ho immaginato Henry sulla sua moto come un cowboy, in viaggio tra il suo mondo e quello di Ann. Amo filmare persone in moto, soprattutto di notte: un uomo o una donna innamorati, così vulnerabili, su questi potenti motori. Non avrebbe funzionato a New York, Parigi o Toronto. Abbiamo dovuto reinventare L.A. È una versione fantasy di una città fantastica“.

Dall’idilliaco rifugio rustico di Henry e Ann al cielo sopra l’aria celestiale di Annette, la scenografia di Florian Sanson è andata oltre anche ciò che i Mael avevano immaginato, dice Russell. “La rappresentazione dell’isola è stupefacente e inquietante. La scena della coppia e del bambino sulla barca durante la tempesta in mare è meravigliosamente elegante, e ugualmente affascinante e bella. Le scene di Henry sulla sua moto di notte con le visioni di Ann che esegue le sue opere nella strada buia sono accattivanti.

Carax ha ritrovato due collaboratori familiari per Annette: la montatrice Nelly Quettier e la direttrice della fotografia vincitrice del premio César Caroline Champetier. “Ho incontrato Nelly nel mio secondo film e da allora non abbiamo mai smesso di lavorare insieme“, osserva. “Ho difficoltà a dire in che modo è così speciale dal momento che non conosco quasi nessun altro editore. Ho iniziato a lavorare con Caroline dopo anni di lavoro con Jean-Yves Escoffier. Quando Jean-Yves è morto improvvisamente, sapevo che non avrei più potuto girare su pellicola. Ho scoperto il cinema digitale tramite Caroline. Stava lavorando con me su Annette tre anni prima delle riprese. Non molti cineasti lo accetterebbero“. Champetier descrive il lavoro con Carax su Annette come un’esperienza che qualsiasi membro del gruppo sognerebbe. “Le sfide tecniche di ogni sequenza richiedevano tanta collaborazione e precisione“, afferma.Abbiamo sperimentato costantemente. Era nostro compito inventare un muro di onde, una spiaggia illuminata dalla luna, un fantasma, un bambino dalla nascita a sei anni, un cubo di fumo, una vera foresta dietro il sipario di un teatro e quello stadio pazzo. Quando ha funzionato, ci ha preso una gioia profonda ”.

Una collaborazione irripetibile

Carax ha immaginato di fare un musical da quando ha iniziato la sua carriera come regista, ma non pensava che sarebbe mai successo finché non ha sentito la musica di Sparks per Annette. “La musica è così intima“, dice. “Non potrei fare un musical se non sentissi ogni nota in ogni canzone. Ma come lavori con la musica quando non sei un musicista? Il processo con Sparks è stato miracolosamente semplice. Sono molto fantasiosi, umili e veloci, con un senso unico di melodia e ritmo, malinconia e gioia. Conoscevo la loro musica da così tanto tempo; mi è sembrato di tornare nella casa della mia infanzia decenni dopo“. Tuttavia, trasformare le canzoni e il concetto di Annette in un lungometraggio è stata una missione estremamente complicata, afferma Gillibert. “Al di là dell’immaginazione e della creatività richieste, il soggetto è complesso e i personaggi non rientrano nei soliti stereotipi delle fiabe, che alla fine è questo. Ma Leos ha dimostrato che è ancora possibile fare questo tipo di film. Gli effetti che non si basano sul digitale sono ancora credibili“.

Mentre i Mael erano sul set per la maggior parte delle riprese e appaiono anche brevemente nel film, danno pieno credito a Carax per la sua capacità di portare la loro opera eclettica sullo schermo. “È stato un vero piacere e un onore vedere tutto finalmente prendere vita sotto la meravigliosa regia di Leos“, afferma Russell.Speriamo che tutti apprezzino questo approccio piuttosto singolare e audace a un film musicale di cui siamo molto orgogliosi”, aggiunge Ron. Pensiamo che la direzione di Leos abbia reso il film molto speciale e in un mondo molto suo“.

Annette arriverà nei cinema il 20 agosto

Annette è diretto da Leos Carax (The Lovers on the Bridge, Holy Motors) da una sceneggiatura di Ron Mael (Holy Motors, Kick-Ass) e Russell Mael (Fright Night, Alan Partridge). Il film è interpretato da Adam Driver (Marriage Story, “Girls”), Marion Cotillard (La Vie En Rose, Rust and Bone) e Simon Helberg (“The Big Bang Theory”, Florence Foster Jenkins). I produttori sono Charles Gillibert (Mustang, Clouds of Sils Maria) e Paul-Dominique Win Vacharasinthu (The Jesus Rolls, Magari). Il direttore della fotografia è Caroline Champetier (Of Gods and Men, Holy Motors). Lo scenografo è Florian Sanson (Holy Motors, Proxima). I costumisti sono Pascaline Chavanne (An Officer and a Spy, Proxima) e Ursula Paredes Choto (The Bourne Identity, An Officer and a Spy). L’editore è Nelly Quettier (Happy as Lazzaro, Holy Motors). I designer estetici delle marionette sono Estelle Charlier e Romuald Collinet.