FILM TV Italia Variety

CINDERELLA – perché solo la Disney può fare fiabe? scopri un nuovo tipo di principessa con Camila Cabello presto su Prime Video

CINDERELLA

Written for the Screen and Directed by:
Kay Cannon
Starring:
Camila Cabello, Idina Menzel, Minnie Driver, Nicholas Galitzine
with Billy Porter and Pierce Brosnan Maddie Baillio Charlotte Spencer
Produced by:
Leo Pearlman, p.g.a., James Corden, p.g.a., Jonathan Kadin, p.g.a.
and Shannon McIntosh, p.g.a.

Cinderella è una nuova e audace interpretazione musicale della storia tradizionale con cui sei cresciuto. La nostra eroina (Camila Cabello) è una giovane donna ambiziosa i cui sogni sono più grandi di quanto il mondo permetterà, ma con l’aiuto del suo Fab G (Billy Porter), è in grado di perseverare e realizzare i suoi sogni. Scritto per lo schermo e diretto da Kay Cannon (Pitch Perfect, Blockers) con cover di canzoni scritte da alcuni degli artisti musicali più famosi di tutti i tempi. Cinderella ha un cast stellare che include Idina Menzel (Rent, Frozen), Minnie Driver (Good Will Hunting, “The Riches”), Nicholas Galitzine (The Beat Beneath My Feet, “Chambers”) con Billy Porter (“Pose”, Like a Boss) e Pierce Brosnan (Mamma Mia!, Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga).

Il film è prodotto da James Corden (“The Late Late Show With James Corden”, Trolls), Leo Pearlman (The Class of ’92, I Am Bolt), Jonathan Kadin (21 Jump Street, Bad Boys for Life) e Shannon McIntosh. (The Hateful Eight, Once Upon a Time…in Hollywood).
I produttori esecutivi sono Louise Rosner (The Hunger Games, The Big Short) e Josephine Rose (Brotherhood, Slaughterhouse Rulez). Il direttore della fotografia è Henry Braham (Shackleton, Guardians of the Galaxy Vol. 2). Lo scenografo è Paul Kirby (Captain Phillips, Kingsman: The Secret Service). La costumista è Ellen Mirojnick (“Behind the Candelabra”, Maleficent: Mistress of Evil). La coreografa è Ashley Wallen (Friends with Benefits, The Greatest Showman). I direttori del casting sono Bernard Telsey (The Greatest Showman, Hamilton), Patrick Goodwin (“Jesus Christ Superstar Live in Concert”, “The SpongeBob Musical: Live on Stage!”) e Reg Poerscout-Edgerton (Guardians of the Galaxy, Maleficent: Mistress del Male).

SULLA PRODUZIONE DI CINDERELLA

Come ricorda Leo Pearlman della società di produzione Fulwell 73, era una giornata normale in ufficio quando il suo partner di produzione James Corden è passato di lì. Il presentatore del pluripremiato “The Late Late Show With James Corden”, un noto appassionato di teatro musicale e cinema, e l’ideatore dei popolari speciali “Carpool Karaoke” e “Crosswalk the Musical”, ha avuto un’idea di cui aveva bisogno condividere. “Come tutte le grandi idee cinematografiche, questa è iniziata con James Corden che recitava una scena con una donna che si svegliava e cantava “Nine to Five” di Dolly Parton“, ha detto Pearlman.Una volta che abbiamo finito di armonizzare su ‘Nine to Five’, ha chiesto perché solo la Disney può fare fiabe?. E perché le fiabe sono tutte così antiquate? Perché nessuno li aggiorna? E questo ha davvero dato il via a una conversazione che ha portato a un nuovo tipo di storia di Cenerentola“. Il brainstorming di Corden è stato una nuova interpretazione della storia sempreverde di un’orfana oppressa che spera che un giorno il suo principe arrivi usando canzoni pop contemporanee. I produttori hanno organizzato un incontro alla Sony, dove Corden aveva già recitato nel film d’animazione del 2018 Peter Rabbit. Il vicepresidente esecutivo dello sviluppo e della produzione cinematografica dello studio, Jonathan Kadin, è stato immediatamente incuriosito.

Hanno presentato le sequenze chiave del film ed è stato fantastico“, ricorda. “James recitava scene, cantava canzoni contemporanee e ballava. Ho capito subito che avevamo tra le mani un meraviglioso musical moderno. Era divertente. Era grande. Ho firmato subito come produttore“.

Cenerentola è montato da Stacey Schroeder (“The Last Man on Earth”, The Disaster Artist). I compositori sono Mychael Danna (Life of Pi, Moneyball) e Jessica Rose Weiss (Extinction, The Addams Family). Il supervisore musicale è Denise Luiso Morello (Rent, Across the Universe). Il produttore musicale esecutivo è Anne Preven (Dreamgirls, Tangled). Il supervisore degli effetti visivi è Allan Magled (Divergent, Ad Astra).

I realizzatori hanno contattato una manciata di scrittori per arricchire la sceneggiatura e Kay Cannon, creatore del franchise Pitch Perfect, si è distinto. Con la sua vasta esperienza nella commedia, compresi i periodi con Second City e la scrittura di episodi pluripremiati della serie di successo “30 Rock”, è stato subito chiaro che la sua interpretazione del classico avrebbe differenziato il film da tutte le Cinderellas che erano venute prima. “Kay ha così tanta energia“, dice Kadin. “È così espressiva. Ed è incredibilmente collaborativa. La sua regola empirica è che l’idea migliore vince, non importa di chi sia. Pearlman è d’accordo, definendo Cannonil nostro perfetto scrittore, regista e collaboratore“. Autoproclamato fan dei musical e di Corden, Cannon si è subito convinto dell’idea. “Non ho una faccia da poker, quindi sono uscita e ho detto: ‘Voglio farlo!‘”, ammette. Non sono mai stato un grande fan della Cinderella originale. Sembra che un gruppo di donne siano cattive l’una con l’altra Volevo creare una versione di questa fiaba da guardare con mio figlio e da cui trarre ispirazione“.

La sua intenzione, dice, era quella di portare una nuova prospettiva alla storia. “La fiaba è stata concepita da un uomo ed è stata raccontata e raccontata principalmente dagli uomini. Lo dico attraverso il mio punto di vista. Se sembra diverso, è perché lo è! Cinderella non è solo un bel faccino che aspetta il suo principe. È attiva e vocale. È spiritosa. Desidera indipendenza e la sua carriera è la sua priorità. È una persona a cui spero che le ragazze possano ammirare“. Come padri di giovani ragazze, Pearlman e Corden hanno convenuto che la storia convenzionale di Cinderella porta un messaggio obsoleto. Hanno abbracciato l’idea di Cannon di una donna del 21° secolo: indipendente, schietta e sicura di sé. La cosa più importante di tutte, questa Cinderella sarebbe stata responsabile del proprio destino.

Il produttore nominato all’Oscar® Shannon McIntosh, che aveva recentemente lavorato con la Sony in Once Upon a Time…in Hollywood di Quentin Tarantino, è stato contattato per guidare la produzione sul set. Non riusciva a dire di sì abbastanza velocemente.
Stavo facendo ‘Carpool Karaoke con i miei figli mentre andavamo a scuola“, ricorda. “Sembrava destino. Ho incontrato Leo, e poi Jonathan Kadin e Kay Cannon, ed ecco, eccomi lì“.

McIntosh amava l’idea di infondere alla storia secolare una visione del mondo più contemporanea. “Normalmente il premio è il principe“, sottolinea.Questa volta il premio è la carriera e il bonus è il principe. Ho pensato che fosse un colpo di genio. Avrai l’amore della tua vita e della tua carriera? Non succede troppo spesso. È un messaggio meraviglioso per le giovani donne, le signore medie, tutte le donne.” Cannon dice di essere eternamente grata per la capacità di McIntosh di far andare avanti le cose.Il problema di Shannon è che riesce a fare le cose. È semplicemente fantastica nel collegare tutti i diversi reparti e assicurarsi che tutti stiano bene. Mi ha dato la sensazione di avere una rete di sicurezza“.

Lo scrittore-regista è anche orgoglioso del fatto che in un film con un messaggio così potente per ragazze e giovani donne, ci siano donne sia davanti che dietro la telecamera che dimostrano che non è solo nelle fiabe che le donne possono lasciare il segno.

Dice di essersi appoggiata in particolare a Louise Rosner, line producer e produttrice esecutiva del film, durante un programma di pre-produzione incredibilmente stretto. “Louise e io correvamo letteralmente da un incontro all’altro per fare tutto“, ricorda Cannon. “Oppure saremmo andate insieme a una sessione di pre-registrazione e, lungo la strada, magari avremmo lanciato uno dei topi! Louise ha quella straordinaria capacità di concentrarsi sui risultati, facendo sentire il cast e la troupe incredibilmente ben accolti e ascoltati“.

Camilla Cabello stars in CINDERELLA Photo: Kerry Brown

Un nuovo tipo di principessa
Fin dall’inizio, dicono i realizzatori, c’era una sola vera contendente per il ruolo di Ella: il fenomeno della musica pop Camila Cabello. Oltre a una voce potente, un portamento da ballerina e un’abbondanza di carisma, Cabello ha vissuto lei stessa una sorta di storia di Cinderella. Nata a Cuba, è arrivata negli Stati Uniti quando aveva 5 anni. Dopo aver partecipato a “The X Factor”, Cabello è stata invitata a unirsi al gruppo di cantanti femminili Fifth Harmony, con il quale ha registrato e fatto un tour prima di mettersi in proprio. Come artista solista ha vinto numerosi premi, tra cui due Latin Grammy® e cinque American Music Awards. ”Conoscevamo Camila dai suoi video musicali e dalle sue apparizioni nello show di James“, afferma Pearlman. “Abbiamo sempre detto che se potessimo avere Camila Cabello e Billy Porter, questo avrebbe detto al mondo esattamente il tipo di film che stiamo cercando di fare“. Cannon è volato a Miami per incontrare Cabello portando un regalo unico per la giovane star.

Kay mi ha chiesto se pensavo che sarebbe stato strano se avesse portato una scarpetta di vetro da regalare a Camila“, dice Pearlman. “Ho detto subito: ‘Fa troppo schifo’. Quando è tornata e mi ha detto che Camila era a bordo, ho detto: ‘Grazie a Dio non hai preso la scarpetta‘. E lei ha detto: ‘Cosa vuoi dire? Ho aperto con la scapertta” Sebbene non fosse stata testata come attrice, Cabello, che appare praticamente in ogni scena del film, si è rivelata una persona naturale sin dal primo giorno, secondo Cannon. “Credevo che Camila fosse Cenerentola“, dice il regista. “Ho sentito il suo calore e la sua sincerità e ho capito subito che aveva grandi sogni. Ha un ottimo tempismo comico e non si prende troppo sul serio. Sono stato subito conquistato».

Cabello ammette che l’idea di fare il suo debutto cinematografico è stato a volte snervante. “Mi esibisco da molto tempo, ma interpretare un personaggio così iconico era di un altro livello“, dice.In questa storia sta realizzando ciò che vuole veramente dalla sua vita, e non è un principe. Vuole una carriera e le viene detto che è impossibile. Adoro il fatto che osi essere diversa“.

La cantante e attrice attribuisce a Cannon il merito di aver guidato la sua performance e di averla aiutata a credere nella propria capacità di affrontare il ruolo centrale. “Stimo molto Kay”, dice.Ha preso le redini ed ha eseguito la sua visione con una grazia bella e femminile e un cuore nutriente. Non so se avrei potuto farlo con qualcun altro. Oltre ad essere incredibilmente talentuosa e divertente, è così presente. Fa venire voglia a tutti di lavorare sodo perché dà l’esempio“. Qualunque siano i suoi dubbi iniziali, Cabello dice che realizzare questo film è stata una delle migliori esperienze della sua vita.Non avrei mai pensato che sarei stata in grado di farlo“, riflette.Crescendo, non avevo davvero accesso all’industria musicale o cinematografica. La mia famiglia non aveva molti soldi. Interpretare questo ruolo mi ha solo reso più forte. Penso che Cenerentola mi abbia reso una donna più forte“.

Per Cabello, parte della gioia di recitare nel film è stata l’opportunità di offrire una storia ispiratrice di emancipazione femminile alle ragazze e alle donne latine. “Sono così orgogliosa di rappresentare la mia comunità“, afferma.Ma non sarei qui senza lo straordinario lavoro delle donne che sono venute prima di me come Penelope Cruz, Salma Hayek e Jennifer Lopez. Come la nostra Cinderella, sono pioniere non vincolate da confini sociali e culturali, e seguono semplicemente la propria verità”.

The Fab G la Favolosa Madrina – Fabulous Godmother
Adorato per i suoi appariscenti ingressi sul tappeto rosso, per non parlare dei suoi ruoli vincitori di Tony, Grammy ed Emmy Award®, Billy Porter porta un’altra nuova dimensione al film nei panni della protettrice scandalosamente affascinante di Ella, la Favolosa Madrina. “La pura gioia di Billy, la pura magia“, afferma McIntosh.Farà tutto un passo più avanti di quanto immaginassi. Fa solo parte della sua natura. In un mondo pieno di nemici, si alza in piedi con coraggio, possiede tutto ciò che fa e ci fa capire che siamo tutti un solo popolo“. Un mentore magico nato da una farfalla allevata da Ella nel suo atelier nel seminterrato, la madrina arriva nel momento più basso di Ella, tessendo un incantesimo che le permetterà di fare un altro passo verso il desiderio del suo cuore. “Per me, Billy era l’unica persona che poteva interpretare questa parte”, dice Cannon.Ingaggiarlo come la Favolosa Madrina – Fabulous Godmother è stata la decisione più facile che ho dovuto prendere. Lui è magico. Il ruolo era suo “.

Porter afferma che l’offerta inizialmente gli ha portato alla mente un ritratto iconico del personaggio di quasi un quarto di secolo fa. “Quando ho ricevuto la chiamata, tutto quello che potevo pensare era che avrei interpretato la parte di Whitney Houston!dice, riferendosi alla versione del film TV del 1997. “Whitney era la mia regina, e questa idea che la magia non ha genere e che il mondo è pronto per un diverso tipo di Fab G, è appena oltre. Come queer afroamericano nel mondo dello spettacolo, mi ci è voluto molto tempo per raggiungere il mio posto nel mondo. Credo che questo personaggio ne sia una manifestazione, e questo è fantastico“.

Pearlman dice che riusciva a malapena a credere che Porter sarebbe stato effettivamente nel film fino a quando l’attore non è arrivato sul set. “Quando l’ho visto vestito con il suo abito da Fab G con occhiali da sole abbinati, ho dovuto darmi un pizzicotto“. Per Porter, Cannon rappresenta la nuova guardia dei cineasti. “Lei è il tipo di creatrice che abbiamo chiesto e per cui abbiamo combattuto“, dice.Essere nella stanza con lei, guardare il suo lavoro, capire la sua mente è fantastico. So che le persone rimarranno sbalordite da questo pezzo. Lo sento nelle ossa“. È stato anche colpito dall’etica del lavoro di Cabello durante i quattro giorni in cui hanno girato insieme. “È con i piedi per terra, è presente e si fa il culo. È come una spugna. Non vedo l’ora di instaurare una lunga amicizia con Miss Camila“. Cabello ricorda il primo giorno in cui era sul set con Porter e una promessa che le aveva fatto. “Eravamo nella sua tenda e si è girato verso di me e ha detto: ‘Sono il tuo Fab G nella vita reale ora! Hai bisogno di qualsiasi cosa, in qualsiasi momento, chiamami.‘”

Porter afferma che la sua interpretazione da solista del successo del 1975 di Earth, Wind & Fire “Shining Star” è stato per lui un punto culminante della produzione. Si avvicina come se stesse lanciando un incantesimo e lo termina con una nota impennata che canta come nessun altro potrebbe fare. “Sono un uomo di colore di una certa età“, dice. “Earth, Wind & Fire è tutto per me, quindi quando mi hanno proposto quella canzone, sapevo che mi sarebbe andata bene come un guanto”.

Entusiasta di far parte di una storia di Cinderella con un messaggio diverso da quello a cui il pubblico è abituato, Porter dice che spera che lo prenderanno a cuore. “L’amore è il punto di questo film. Tutti i tipi di amore, ma prima l’amore di se stessi. Insegniamo alle persone come amarci. Insegniamo alle persone come trattarci da come trattiamo noi stessi”.

Camilla Cabello stars in CINDERELLA Photo: Christopher Raphael

Un diverso tipo di principe
Cannon non è andata alla ricerca di un tipico principe delle fiabe, ma potrebbe sembrare che ne abbia trovato uno. Nicholas Galitzine ha tutto: bello, atletico, affascinante, talentuoso. “Ma”, osserva, “il ragazzo può essere un vero idiota. È disarmante e lo rende molto riconoscibile”. Ciò non significa che non abbia preso sul serio il ruolo, tuttavia, afferma la regista. “Sono rimasta impressionato da quanto ha lavorato duramente per prepararsi. Ha imparato a cavalcare, ballare e cantare, tutte cose al di fuori della sua zona di comfort. E lui inchioda tutto.” Secondo Pearlman, lo studio ha chiesto ai realizzatori di trovare un attore sconosciuto con qualità da star per il ruolo. “Penso che ci sia un nuovo grande talento in Nick“, dice il produttore. “È davvero eccitante per noi. Abbiamo visto centinaia di persone e Nick si è distinto per un miglio. Ha questo fascino incredibile“.

Il fatto che Robert sia così diverso dall’archetipo del principe del cinema ha reso il ruolo attraente per Galitzine. “Quando descrivo questo film, dico sempre alla gente che è diverso da qualsiasi musical di fiaba che hai visto prima“, dice . “Facciamo così tanto lavoro originale mentre allo stesso tempo portiamo ancora quel senso di nostalgia che le persone bramano. Molto di questo è dovuto a Kay Cannon e a ciò che rappresenta come regista”. Il numero di cose che gli è stato chiesto di fare per la prima volta è stato emozionante, dice l’attore.

Non sono mai preso parte in un vero musical prima d’ora. Ero molto entusiasta di lavorare con Camila perché amo la sua musica e lei mi ha fatto credere che ogni canzone sarebbe stata incredibile. E in termini di capacità di recitazione, era abbondantemente chiaro al nostro test di chimica che l’avrebbe uccisa. Porta così tanta della sua energia al personaggio. Le persone rimarranno sbalordite da lei“.

Scopri i genitori
Per interpretare Rowan, il sovrano del mitico regno, e la sua potente moglie Beatrice, che è disposta a sfidare la sua autorità quando sbaglia, i realizzatori hanno scelto Pierce Brosnan e Minnie Driver. Cannon crede che siano il re e la regina perfetti. “Pierce Brosnan è, dopotutto, Bond… James Bond“, dice.È incredibilmente affascinante e ha una serietà e un’arguzia che danno al re alcuni strati interessanti. Mi è piaciuto il fatto che fosse sempre aperto a prendersi gioco di se stesso, specialmente del suo canto. E mentre la regina spesso non è un personaggio di spicco in questa storia, sono così fortunato ad avere un’attrice del calibro di Minnie. Ha una grande voce nel canto, uno spirito asciutto e spiccate doti di improvvisazione. Ha anche colpito i momenti drammatici e li ha fatti atterrare con una ferocia pungente.Tallulah Greive interpreta la sorella di Robert, la principessa Gwen, che è il vero cervello della famiglia.

Gwen ha idee impressionanti per modernizzare il regno, che purtroppo nessuno ascolterà perché suo fratello è l’erede al trono. “La maggior parte del lavoro passato di Tallulah è stato drammatico e sono rimasto impressionato da come sia riuscita a trasformarsi nella commedia con tanta grazia“, afferma Cannon. “Gwen è un ruolo stimolante che colma il divario tra le idee classiche di ciò che una principessa dovrebbe essere e una versione moderna di ciò che vorremmo che fossero“.

Tallulah Greive, Minnie Driver, Pierce Brosnan and Nicholas Galitzine star in CINDERELLA Photo: Christopher Raphael © 2021 Amazon Content Services LLC

Tre valletti furry
In un grido alla storia originale, i compagni del seminterrato di Ella sono un trio di topolini loschi che vengono trasformati temporaneamente nei valletti sulla sua carrozza dalla sua Fab G. Interpretati da Corden, James Acaster e Romesh Ranganathan, tutti abili comici di improvvisazione, agiscono come una sorta di coro greco che riflette l’azione, secondo Pearlman. “Sono sempre lì in sottofondo a commentare e scherzare, fino a quando non ottengono il loro momento sotto i riflettori“, dice. Forniscono grandi intermezzi comici che interrompono le scene più serie.

Tutti e tre gli uomini sono noti per il loro tempismo comico e Cannon ne ha tratto il massimo vantaggio, adattando i personaggi alle loro personalità individuali. “James Acaster ha un morso sarcastico che mi piace molto. James Corden è così dotato dal punto di vista comico che, onestamente, è esasperante. Romesh era un insegnante, quindi ho scritto il suo personaggio come una persona profondamente premurosa. In una bozza precedente, Romesh il Topo era innamorato di Ella, ma ho rinunciato perché mi sembrava un po’ strano“.

Cannon dice che ottenere i mouse VFX – e le loro linee – in un programma serrato è stato uno dei compiti più difficili che ha dovuto affrontare.Mi sono ritrovato a riscrivere i topi fino alla fine. Con le restrizioni COVID, è stato un processo più arduo scoprire quali battute funzionavano e quali no. Per farlo, bloccherei ogni scena e poi mi metterei in imbarazzo recitando tutte le parti su Zoom. Ma ne è valsa la pena. È abbastanza soddisfacente vedere quanto il pubblico si diverta con i topi!

Il Regno del ritmo
Dalle battute di apertura di “Rhythm Nation” di Janet Jackson al vivace finale di “Let’s Get Loud“, Cannon e il suo team di musica hanno assemblato una colonna sonora che mostra brani di artisti tra cui Madonna, Beyoncé e Queen, rielaborando gli standard moderni in nuovi classici. “Non abbiamo mai fatto una cover diretta di nessuna canzone“, afferma Cannon.Ma la pressione di scegliere le canzoni! Ognuno di loro aveva bisogno di sentirsi come un dialogo sulla pagina, che avesse un senso emotivamente nella storia“.

Il mash-up di apertura di “Rhythm Nation” e il classico di Des’ree del 1994 “You Gotta Be” è una combinazione che potrebbe aver messo in difficoltà un musicista minore di Keith Harrison, che è stato incaricato di arrangiare le canzoni. “Li ho ascoltati più e più volte per vedere come avrebbero potuto lavorare insieme“, dice.Quello è stato l’inizio della costruzione del mondo musicale di Cenerentola.

Per Harrison, una delle cose più eccitanti del film è la straordinaria gamma di talenti vocali con cui ha dovuto lavorare.La mia parte preferita del processo è scrivere per la voce dell’attore“, dice.Lavorare con ciascuno dei nostri artisti è stato un dono. Kay aveva una lavagna con schede che rappresentavano ogni momento musicale. Abbiamo parlato di quale umore richiedeva ogni momento e quali canzoni potevano funzionare per quali artisti. Canzoni diverse hanno scopi diversi nella storia e molte di esse dovevano essere adatte alla danza“. Cannon è stata anche fortunata ad avere nel cast due cantautori di grande talento, Cabello e Menzel, che hanno accettato di contribuire con una composizione originale. Cabello e il suo partner di songwriting Scott Harris hanno fornito la traccia “A Million to One“, che è diventata la ballata distintiva di Ella. “È una canzone fantastica e si collega a così tanti elementi diversi della storia“, secondo Cannon.

Idina ha co-scritto e cantato un originale chiamato ‘Dream Girl’ che le permette di essere vista in un modo in cui non l’abbiamo mai vista prima.Per il regista, lavorare sulla musica è stato in parti uguali gioia e lavoro estenuante. Non ero mai stata nemmeno in una cabina di registrazione prima“, dice. Keith Harrison e io abbiamo lavorato mano nella mano. L’avrei steso nella sceneggiatura e poi Keith avrebbe realizzato i demo. Il nostro supervisore musicale, Denise Luiso, ha un gusto impeccabile e la nostra produttrice musicale esecutiva, Anne Preven, ci ha portato al traguardo trasformando le nostre demo in canzoni con una vera strumentazione e un suono meraviglioso“. In qualità di supervisore musicale, Luiso ha lavorato a stretto contatto con il regista e Harrison per trovare le canzoni giuste per ogni scena e interprete. “Kay ha un orecchio molto musicale“, dice.C’era un piccolo gruppo di noi che lavorava agli Henson Studios, Camila inclusa! Ci scambiavamo idee a vicenda e lavoravamo su idee con Kay, il che ci ha dato ancora più idee. Era molto organico.”

La scelta di una canzone per il talento unico di Billy Porter è stato un punto culminante del progetto, afferma Luiso.È un artista singolare e dovevamo scegliere una canzone che aiutasse non solo a raccontare la storia, ma che mettesse davvero in mostra la sua incredibile voce. Abbiamo scelto “Shining Star” di Earth. Wind & Fire’s, che è senza tempo e ha un messaggio così positivo. E poi Camila alla fine ci ha regalato delle incredibili performance vocali. È impossibile non ballare quando si accende.” Luiso ringrazia il produttore musicale esecutivo Preven per aver portato le versioni finali delle canzoni al livello successivo. “Era la mia prima chiamata e l’ultima chiamata del giorno – e parlavamo almeno 20 volte nel mezzo“, dice il supervisore musicale.Ha contribuito ad elevare il suono di ogni canzone. Ho anche lavorato a stretto contatto con il team di Sony Pictures Music, che è stato di grande supporto in ogni aspetto di ciò che stavamo facendo“.

Il finale del film presenta una versione estatica di “Let’s Get Loud“, scritta da Gloria Estefan e Kike Santander e registrata da Jennifer Lopez nel suo album di debutto del 1999. “La posta in gioco è estremamente alta con una canzone finale“, afferma Harrison.Questa traccia chiude il film con ‘Rhythm Nation’ e volevamo un senso di progressione della storia. Diciamo che ognuno di noi ha una voce e meritiamo di essere ascoltati“.