Cinema Irlanda del Nord Variety

BELFAST – è la storia divertente, tenera e intensamente personale scritta e diretta da KENNETH BRANAGH

FOCUS FEATURES
PRESENTS
A
TKBC PRODUCITON
In association with
NORTHERN IRELAND SCREEN

BELFAST

Written & Directed by
KENNETH BRANAGH

Produced by
LAURA BERWICK
KENNETH BRANAGH
BECCA KOVACIK
&
TAMAR THOMAS

Focus Features presenta BELFAST di Kenneth Branagh. Scritto e diretto dal candidato all’Oscar® Branagh, BELFAST è la storia divertente, tenera e intensamente personale dell’infanzia di un ragazzo durante il tumulto della fine degli anni ’60 nella città di nascita di Branagh. BELFAST è un film direttamente dall’esperienza di Branagh. Un bambino di nove anni deve tracciare un percorso verso l’età adulta attraverso un mondo che si è improvvisamente capovolto.

La sua comunità stabile e amorevole e tutto ciò che pensava di aver capito sulla vita è cambiato per sempre, ma la gioia, le risate, la musica e la magia formativa del film rimangono. Il cast comprende la nominata al Golden Globe Caitríona Balfe, il premio Oscar® Judi Dench, Jamie Dornan, Ciarán Hinds e introduce il decenne Jude Hill. Dornan e Balfe interpretano un’appassionata coppia della classe operaia coinvolta nel caos, con Dench e Hinds nei panni dei nonni arguti. Il film è prodotto da Branagh, Laura Berwick, Becca Kovacik e Tamar Thomas.

Dietro la macchina da presa ci sono molti collaboratori regolari di Branagh tra cui lo scenografo Jim Clay, il direttore della fotografia Haris Zambarloukos, la parrucchiera e truccatrice Wakana Yoshihara, la montatrice Úna Ní Dhonghaíle, la costumista Charlotte Walker e le direttrici del casting Lucy Bevan ed Emily Brockman. La musica è della leggenda di Belfast, Van Morrison.

Nell’estate del 1969, Buddy di nove anni sa esattamente chi è e dove appartiene. È della classe operaia, Nord Belfast, felice, amato e al sicuro. Il suo mondo è una vita di strada veloce e divertente, vissuta alla grande nel cuore di una comunità che ride insieme e resta unita. Dove la sua famiglia allargata vive nella stessa strada e dove è impossibile perdersi perché tutti a Belfast conoscono tutti gli altri, o almeno così sembra. E in ogni minuto libero, nell’oscurità delle sale cinematografiche e davanti alla televisione, i film americani e la TV americana sono la moneta trasportatrice e inebriante della vita interiore di Buddy e dei suoi sogni.

Ma mentre gli anni ’60 volgevano al termine, anche se l’uomo si trovava sulla luna, i giorni da cani di agosto trasformano i sogni d’infanzia di Buddy in un incubo. Il malcontento sociale latente esplode improvvisamente nella strada di Buddy e si intensifica rapidamente. Prima un attacco mascherato, poi una rivolta e infine un conflitto in tutta la città, con la religione che alimenta le fiamme più lontano. Cattolici contro protestanti, amorevoli vicini solo un attimo fa, ora sono diventati nemici mortali.

Buddy deve dare un senso al caos e all’isteria e a questo nuovo paesaggio fisico di blocco, popolato da eroi e cattivi, una volta intravisto solo sullo schermo del cinema, ma ora minaccia di capovolgere tutto ciò che conosce e ama mentre un’epica lotta si svolge nel suo Giardino dietro la casa. Sua madre fatica a farcela mentre suo padre lavora in Inghilterra, cercando di fare abbastanza soldi per sostenere la famiglia. Regna la legge vigilante, vite innocenti sono minacciate. Buddy sa cosa aspettarsi dai suoi eroi – ha passato ore davanti a western come Mezzogiorno di fuoco e L’uomo che uccise Liberty Valancema suo padre può essere l’eroe di cui ha bisogno? Sua madre sacrificherà il suo passato per proteggere il futuro della sua famiglia? Come possono essere tenuti al sicuro i suoi amati nonni? E come può amare la ragazza dei suoi sogni?

Le risposte si trovano nel viaggio avvincente, divertente, toccante e straziante di Buddy attraverso disordini, violenza, la gioia e la disperazione dei rapporti familiari e l’agonia del primo amore, il tutto accompagnato da danze, musica e risate che solo gli irlandesi possono raccogliere quando il mondo si capovolge.

Perché, cos’altro può fare Buddy? Questo è il suo unico mondo. Questa è Belfast

Director Kenneth Branagh (left) and actor Jude Hill (right) on the set of BELFAST, a Focus Features release. Credit : Rob Youngson / Focus Features

NOTE DI PRODUZIONE

Belfast è una città di storie”, dice Branagh e alla fine degli anni ’60 ha attraversato un periodo incredibilmente tumultuoso della sua storia, molto drammatico, a volte violento, in cui io e la mia famiglia siamo stati coinvolti. Mi ci sono voluti cinquant’anni per trovare il modo giusto di scriverne, per trovare il tono che volevo. Può volerci molto tempo per capire quanto possano essere semplici le cose e trovare quella prospettiva, a distanza di anni, fornisce un grande focus. La storia della mia infanzia, che ha ispirato il film, è diventata la storia del punto nella vita di tutti in cui il bambino passa all’età adulta, dove l’innocenza è perduta. Quel punto di crossover, a Belfast nel 1969, fu accelerato dal tumulto che stava accadendo intorno a tutti noi.

All’inizio del film, sperimentiamo un mondo in transizione da una sorta di idillio – vicinato, sole e comunità – che viene sconvolto dall’arrivo di una folla che passa come uno sciame di api e devasta questa pace . Quando se ne sono andati, la strada è letteralmente dilaniata da persone preoccupate che ora sentono di doversi barricare contro un altro attacco, ed è esattamente così che me lo ricordo. Ricordo che la vita si capovolgeva in un pomeriggio, quasi al rallentatore, non capendo il suono che sentivo, e poi mi voltavo e guardavo la folla in fondo alla strada e la vita non era mai e poi mai la stessa ancora. Sentivo che c’era qualcosa di drammatico e universale in quell’evento perché le persone potevano riconoscere un punto di incrocio nella propria vita, anche se non sempre accentuato da eventi esterni.

Branagh si è seduto per scrivere il film durante il primo blocco della pandemia nel 2020.
Mentre la storia si diffondeva dentro di me, mi sono reso conto che non si trattava solo di un piccolo gruppo familiare molto riconoscibile in una situazione stressante, che affronta alcune grandi scelte di vita. Si trattava anche di un diverso tipo di blocco, all’interno delle barricate alla fine della nostra strada nel 1969 e all’interno dei vincoli che si stringevano attorno alla famiglia mentre lottava con la decisione se restare o andare. Quindi, alcune delle circostanze in cui è ambientata la storia riflettono e risuonano con le preoccupazioni odierne sulla pandemia: il confinamento e la preoccupazione per la sicurezza di te stesso e della tua famiglia.”

Cercando un modo per descrivere il suo approccio alla storia, Branagh è rimasto colpito dal modo in cui Pedro Almodóvar ha descritto il suo film Pain and Glory. «Lo chiamava auto-fiction. Era basato sulla sua vita ma in una certa misura romanzato ed è quello che ho fatto qui. L’ho scritto molto attraverso gli occhi di un ragazzo, Buddy, che è una versione immaginaria di me. Sta iniziando a filtrare le sue esperienze attraverso l’esposizione a molti film e TV e molti altri incontri e storie basati sull’immaginazione. Quelle immagini sul grande schermo hanno avuto un enorme impatto sullo sviluppo della mia immaginazione e volevo mostrare a Buddy le stesse esperienze. Adora i western e Belfast aveva qualcosa della città occidentale, quindi a volte mi sentivo come se stessi scrivendo un western che si stava costruendo nella mente di Buddy. I film che sta guardando hanno un chiaro senso di buono contro cattivo, ed è in grado di afferrarlo mentre guarda il cattivo che vive alla fine della strada che vede prendere a pugni le persone e che potrebbe anche avere una pistola Quindi, non è una versione accurata della vita di nessuno perché è la versione che sta girando nella testa di Buddy. Attraverso la lente del tempo, 50 anni dopo, non c’è dubbio che ciò che Buddy vede non è esattamente ciò che ho visto io, ma c’è sicuramente una verità poetica dentro ciò che emerge, che viene fuori da qualcosa di autentico e che penso sia la sostanza della maggior parte dei drammi . Ma sempre, il punto di partenza di tutto nel film, è l’immaginazione di quel bambino di nove anni.

Spero che il pubblico sarà intrattenuto dalla storia di Buddy. C’è un certo spirito e una vitalità a Belfast che spero si rifletta nel film, insieme a un umorismo molto positivo. Spero che le persone sentano la gioia e talvolta i dolori della città e ciò che accade alla famiglia e che la riconoscano e simpatizzino con essa e comprendano, guardando i riflessi di altre vite, di sentire che non siamo soli. Se questo è ciò che le persone ottengono dal film, sarei elettrizzato.’ Kenneth Branagh

Una volta terminata la sceneggiatura, nella primavera del 2020, è passata molto rapidamente alla produzione. Il casting e la pre-produzione si sono svolti in estate e il film è stato uno dei primi a poter iniziare le riprese, nella location dell’ Irlanda del Nord e in Inghilterra. “Abbiamo cercato di trovare gli aspetti positivi delle riprese in una pandemia”, afferma Branagh “e uno di questi era che poiché il cast doveva vivere in una bolla, si è creato molto rapidamente un senso di famiglia che era così centrale per quello che eravamo dopo. I due ragazzi, Jude Hill (Buddy) e Lewis McAskie (Will), sono diventati come veri fratelli molto rapidamente e si sono legati facilmente al personaggio di Moira, interpretato da Lara McDonnell.

Caitriona Balfe stars as “Ma” in director Kenneth Branagh’s BELFAST, a Focus Features release. Credit : Rob Youngson / Focus Features

RICREANDO LA BELFAST DEGLI ANNI ’60

Per creare qualcosa di personale come la strada in cui è cresciuto, Branagh si è rivolto allo scenografo Jim Clay con cui aveva lavorato ai suoi tre progetti precedenti: Death on the Nile, Artemis Fowl e Murder on the Orient Express.

Abbiamo camminato insieme per le strade di Belfast“, dice Clay. “La strada che abbiamo finito per costruire non esiste più, ma puoi ancora trovare un vero senso della città come sarebbe stata alla fine degli anni Sessanta. Ho anche scoperto che piccola città. Una delle cose più evidenti è che in molte delle strade puoi vedere colline e campagna oltre i tetti in una direzione e nell’altra puoi vedere i moli dei cantieri navali. Quindi, sai sempre dove sei. Abbiamo fatto alcune riprese a Belfast, ma a causa della pandemia non era possibile occupare una vera strada e chiedere alle persone di uscire di casa, quindi abbiamo trovato uno spazio molto grande all’aeroporto di Farnborough nell’Hampshire, in Inghilterra, e abbiamo costruito l’intera strada lì. Sembra pazzesco che abbiamo costruito il nostro set alla fine di una pista in un piccolo aeroporto internazionale dove gli aerei stavano ancora volando, ma ha funzionato bene! E siamo stati in grado di utilizzare una scuola vuota vicina per le sequenze dell’ospedale e della scuola.

Branagh era felice della libertà che il set gli offriva. “Significava che potevamo creare esattamente quello che volevo e avere spazio per girarlo da ogni possibile angolazione. In particolare, significava che potevo filmare la strada esattamente come l’avrebbe vista Buddy di nove anni, che conteneva tutte le cose che lo avrebbero colpito. Quindi potremmo creare una sorta di tensione tra l’idea che vivi in un posto reale, grintoso e assolutamente letterale, ma che per un bambino di nove anni potrebbe diventare tutto ciò che voleva che fosse: castelli, città del selvaggio west e montagne dove i dinosauri vagano. Potrebbe riflettere il fatto che l’immaginazione di un bambino di nove anni non conosce limiti

Il film è girato in bianco e nero dal direttore della fotografia di Branagh, Haris Zambarloukos, con il quale aveva lavorato in sette film precedenti tra cui Death on the Nile, Murder on the Orient Express, Cinderella e Thor. ‘Sono cresciuto con film sia a colori che in bianco e nero‘, dice Kenneth Branaghma c’era quello che poi ho imparato a chiamare un “Hollywood in bianco e nero”, una specie di bianco e nero vellutato, setoso, satinato in cui tutti sembravano più affascinanti. Era quello che volevo usare perché un bambino di nove anni può vedere i suoi genitori come tremendamente affascinanti e permette anche a tutto di sembrare più grande della vita. Quando vediamo il fotogiornalismo in bianco e nero, come Cartier-Bresson, offre un’ulteriore autenticità anche se non è il modo in cui vediamo effettivamente il mondo. È un curioso paradosso che quindi si ottenga un effetto grintoso e più realistico da un trattamento poetico. Quindi, volevo che “Hollywood in bianco e nero” facesse parte della mitologia di questa storia, rendendo anche l’ambiente più prosaico affascinante o epico.’

Allo stesso modo, Branagh voleva che il pubblico vedesse i genitori di Buddy attraverso gli occhi di Buddy, quindi il suo mandato alla costumista Charlotte Walker e alla stilista dei capelli e del trucco Wakana Yoshihara era di non essere troppo pedantemente precisi sul loro look d’epoca, pur attenendosi a ciò che sarebbe sono stati possibili all’epoca. “Ricordo che Wakana è tornata da me con una moodboard (Una tavola di stile è solitamente una serie di immagini unite tra di loro come in un collage ndr) per il look di Ma che consisteva interamente di immagini di Brigitte Bardot negli anni ’60“, dice.Per Jamie Dornan è stato Marlon Brando. Mi è piaciuta l’idea che potessimo portare una versione di ciò in una famiglia operaia di Belfast senza perdere l’autenticità, che puoi lasciare che i vestiti e i capelli raccontino storie in un modo invisibile ma abbastanza tangibile da permetterci di provare i piaceri del viaggio nel tempo in quel mondo.

Jude Hill (left) stars as “Buddy” and Jamie Dornan (right) stars as “Pa” in director Kenneth Branagh’s BELFAST, a Focus Features release. Credit : Rob Youngson / Focus Features

LA MUSICA

Il film è stato originariamente concepito con una colonna sonora di canzoni popolari della hit parade della fine degli anni Sessanta, ma dopo che Branagh e Van Morrison si sono incontrati, le canzoni del musicista di Belfast hanno gradualmente preso il centro della scena e la colonna sonora è ora quasi interamente la sua musica: otto brani dal suo archivio , più uno nuovo scritto per il film e un po’ di musica strumentale inquietante.

Branagh si è ritrovato a lavorare con uno dei suoi eroi d’infanzia.Quando avevo l’età che Buddy ha nel film“, ricorda,Van Morrison era già una leggenda di Belfast. La voce, quella combinazione unica di folk e soul e country e jazz e rock, con quel tocco, aveva appena conquistato il mondo. Avevamo avuto il grande Ruby Murray, la cui musica compare brevemente nel film, ma Van è stato un pioniere e la sua musica ha assunto uno status classico e senza tempo. Ho adorato il fatto che si descrivesse a me solo come “a corner boy“, qualcuno che scrive dalla strada, che si adattava perfettamente alle vite di BELFAST che sono vissute così tanto per le strade. La sua musica parlava dei luoghi della città, come Cyprus Avenue e di personaggi di Belfast come Madame George. Quindi, la sua città natale era nel suo lavoro e avere la sua musica in un film chiamato BELFAST che parla di un’altra persona nata nelle strade della città che ha forgiato il loro personaggio, sembrava un’alleanza magica e un vero dono per questo film.

Van Morrison è della stessa idea. “È stato magico in molti modi“, dice.Mi è davvero piaciuto far parte del processo cinematografico e l’amicizia con Ken è stata un ulteriore vantaggio. Non appena mi ha parlato per la prima volta del progetto, ho capito che era perfetto per me e quando ho letto la sceneggiatura, ho sentito un legame molto personale con essa. Proprio come Ken, ho un profondo affetto per Belfast e il film risuona con il calore e l’umorismo di casa.’

NOTA STORICA

L’isola d’Irlanda fu spartita nel 1921. Sei contee della provincia dell’Ulster divennero l’Irlanda del Nord e rimasero parte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Il resto dell’isola divenne indipendente, la Repubblica d’Irlanda (conosciuta come Eire in irlandese). Nel 1967 ci furono notevoli disordini politici e civili nell’Irlanda del Nord sui diritti per la popolazione cattolica minoritaria che ancora subiva discriminazioni nell’alloggio e nel lavoro. Nell’agosto 1969 ci furono violenze in tutta Belfast, la capitale dell’Irlanda del Nord. Molte famiglie nelle aree della classe operaia si sono trasferite dalle loro case o sono state intimate ad andarsene, poiché ha avuto luogo il più grande riallineamento di persone dalla seconda guerra mondiale. Nord Belfast è stata colpita in proporzione più duramente di qualsiasi altra parte dell’Irlanda del Nord con più morti legate al conflitto, in particolare di civili.

L’ASSEGNAZIONE DELLE PARTI – IL CASTING

Il pezzo più importante del casting è stato quello del bambino di nove anni Buddy che appare in quasi tutte le scene e il cui punto di vista e immaginazione sono al centro del film. “Ho sempre trovato qualcosa di molto avvincente nel vedere grandi attori bambini presentare quel momento della vita in cui devi “riporre le cose infantili”, come dice il ministro nel nostro film,” dice BranaghSuccede in Hope and Glory di John Boorman dove il Blitz fa da sfondo a un’infanzia accelerata. Christian Bale in L’impero del sole di Spielberg è stata una performance mozzafiato. Au Revoir Les Enfants di Louis Malle è sbalorditivo nel modo in cui quei bambini ti spezzano il cuore. E puoi dire che tutti quei film erano incredibilmente importanti dal punto di vista personale per i loro registi. Erano storie che avevano bisogno di raccontare, e tutte hanno avuto un’influenza significativa su questa.”

Dopo il successo mondiale di Game of Thrones, che è stato realizzato in Irlanda del Nord, il team di BELFAST ha scoperto che esisteva una grande infrastruttura per il casting. La prima lista di ragazzi da sottoporre all’audizione contava circa trecento. Durante un periodo di intenso, socialmente distanziato, il lavoro da parte del dipartimento casting, e quella lista è stata ridotta a trenta e poi a dodici, e poi a una lista finale con audizioni che si sono svolte su Zoom fino alla scelta finale.

“In Jude Hill”, dice Kenneth Branagh, “abbiamo trovato un ragazzo il cui talento era pronto a sbocciare ma che si stava ancora divertendo come un bambino normale. Giocare a calcio era importante per lui quanto fare il film ed è quello che volevamo. Allo stesso tempo, era sempre molto serio sul lavoro, molto preparato e molto aperto. Stavo chiedendo una combinazione curiosa: volevo che fosse solo se stesso e volevo anche che fosse in grado di apportare tutte le piccole modifiche alle prestazioni che stavo chiedendo. E l’ha davvero fatto. Ha una straordinaria apertura ed è così naturale davanti alla telecamera che a volte era difficile credere che questo fosse il suo primo film.

Per il cast adulto, il requisito principale di Branagh era un alto livello di autenticità. “Caitríona Balfe, che interpreta Ma, viene dall’Irlanda ma è cresciuta vicino al confine e ha una comprensione del vernacolo e della vita familiare estesa irlandese”, dice. ‘Jamie Dornan, che interpreta papà, è un vero ragazzo di Belfast, appena fuori Belfast. Ciarán Hinds, che interpreta il nonno di Buddy, Pop, è cresciuto a circa un miglio da dove vivevo a Belfast. Judi Dench ha sangue irlandese – sua madre era di Dublino – ed è comunque una recitazione purosangue la cui ricerca è meticolosa e che può fare qualsiasi cosa. E questo gruppo di attori aveva anche un senso di energia che mi piaceva, una qualità estroversa che ha significato che sono diventati una vera famiglia molto rapidamente

Un film ambientato a Belfast ha anche offerto l’opportunità di lavorare con diversi eccellenti attori nordirlandesi come Colin Morgan, Turlough Convery e Conor McNeill.

immagine di copertina

Caitriona Balfe (left) stars as “Ma” and Jamie Dornan (right) stars as “Pa” in director Sir Kenneth Branagh’s BELFAST, a Focus Features release. Credit : Rob Youngson / Focus Features