Svezia Variety

ABBA – annunciano ABBA Voyage LIVE l’evento tanto atteso sul nuovo progetto discografico

ABBA – annunciano ABBA Voyage LIVE

l’evento tanto atteso sul nuovo progetto discografico

Unisciti a noi alle 5:45 (ora del Regno Unito) questo giovedì per un annuncio speciale in diretta streaming su YouTube. Il viaggio sta per iniziare. Agnetha, Bj örn, Benny, Anni-Frid

Con questo breve messaggio gli ABBA annunciano un nuovo progetto discografico il conto alla rovescia è iniziato sul loro canale youtube – ora italiana 18,45

Come gli ABBA hanno fatto la storia della musica pop

I numerosi successi classici degli ABBA erano il risultato di una creatività intuitiva.

Il lavoro in studio è stato la parte migliore di tutto: dare forma alle canzoni e cercare di interpretarle a modo tuo”. Queste erano le parole di Agnetha Fältskog degli ABBA, mentre ripensava alla serie decennale di classici pop che il gruppo ha dato al mondo. “Ho sempre pensato che il lavoro in studio fosse la nostra forza”, ha continuato. “È lì che è nato tutto, è lì che abbiamo creato“.

I suoi compagni di band sarebbero sicuramente d’accordo. Mentre alcuni gruppi potrebbero aver prosperato sull’esperienza dei concerti dal vivo, per gli ABBA la vera spinta è arrivata dall’usare lo studio di registrazione come laboratorio, sviluppando e mettendo a punto le loro creazioni musicali. Durante i loro anni attivi, questa devozione alla loro arte a volte è stata loro negata, come se ci fosse qualcosa di sbagliato nel fare tutto il possibile per realizzare la migliore versione di ogni canzone. Alcuni hanno persino pensato che gli ABBA stessero seguendo una sorta di formula, calcolando come “sedurre” al meglio il pubblico ignaro nell’acquisto dei loro dischi. Ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità: gli ABBA si sono fatti strada intuitivamente attraverso la scrittura e la registrazione di ogni singola canzone.

Un valzer o un tango

Tutto è iniziato con Björn e Benny che si sono messi insieme con una chitarra acustica e un pianoforte, cercando di scrivere canzoni. In questo processo si lanciavano frammenti di brani l’uno contro l’altro, vedendo quale di essi si adattava, scartando centinaia di linee melodiche che non erano abbastanza buone.

Quando i due cantautori avevano una canzone di cui erano felici, sarebbe stata portata in studio. In questa fase, la melodia non aveva testi adeguati, solo parole senza senso e frasi inglesi casuali. Spesso, queste frasi costituivano il cosiddetto titolo provvisorio della canzone: un nome preliminare utilizzato mentre si continuava a lavorare per dare forma alla canzone. Ad esempio, il titolo provvisorio di “SOS” era “Turn Me On” e “The Winner Takes It All” originariamente si chiamava “The Story Of My Life” – se conti le sillabe, vedrai che i titoli provvisori sono una partita perfetta per i titoli finali.

Il primo passo per registrare la canzone è stato mettere insieme una base strumentale. Questo è stato registrato con l’aiuto di musicisti di sessione: di solito un chitarrista, un bassista e un batterista, con lo stesso Benny che suona il pianoforte; a volte era presente anche un percussionista. Sebbene Björn e Benny avessero sempre l’ultima parola, davano ai musicisti molto spazio per colorare le canzoniCome ha sottolineato Benny, “Quando sapevi che c’era la possibilità di migliorare una canzone in studio, con un certo tipo di tempo o un riff di chitarra o altro, dicevi solo ai musicisti: ‘Qui è dove inizia la canzone ora, ma decideremo in seguito su quali parti ritorneremo e dove finirà la canzone’. Questo è il punto fondamentale dell’avere dei bravi musicisti in studio, per dare loro spazio e lasciare che contribuiscano all’arrangiamento“.

Come parte di questo processo, una stessa canzone poteva essere tentata in molti diversi tipi di arrangiamenti: poteva essere un valzer, un numero da discoteca, un tango, un rocker – non c’era davvero limite agli stili che avrebbero provato . Alla fine, i cantautori avrebbero saputo istintivamente quando la canzone aveva trovato la sua forma finale: la forma in cui doveva essere. Durante questa fase, Björn di solito non suonava con i musicisti, ma assumeva il ruolo di un produttore: qualcuno che poteva avere un punto di vista da “estraneo” e assicurarsi che le buone idee di arrangiamento fossero mantenute.

Cosa dice la canzone

Una volta che una base musicale era a posto, sarebbe stato fatto un mix approssimativo della canzone e copiato su un nastro. Questo nastro è stato poi portato a casa da Björn, per ora era tempo per lui di scrivere i testi. Questo è stato fondamentale: invece di portare una canzone in studio con musica e testi finiti, le parole finali sono state scritte solo quando la base strumentale è stata completata. Questo perché l’arrangiamento musicale era una parte così importante dell’identità della canzone, quindi è stato attraverso l’ascolto della base musicale che Björn ha estratto il messaggio della canzone. “Volevo che ci fosse una sorta di atmosfera nella registrazione“, ha spiegato,perché così avrei avuto un’immagine più chiara di ciò che la canzone stava ‘dicendo’. C’era più piacere nell’ascoltare una base musicale davvero fantastica, piuttosto che ascoltare una registrazione di me e Benny che suonavamo un pianoforte e una chitarra acustica. Semplicemente non era così stimolante“.

I testi scritti, Agnetha e Frida li portavano in studio per aggiungere la magia della loro voce alla registrazione. Come ha sottolineato una volta Benny, le voci delle donne erano l’ingrediente più importante del suono del gruppo, il fattore che li rendeva ABBA. E sebbene sarebbe facile concludere che tutto ciò che riguardava la voce fosse già stato deciso da Björn e Benny quando la metà femminile degli ABBA è arrivata in studio, non era così che funzionava. Al contrario, Agnetha e Frida sono state entrambe partecipanti attive durante il processo di registrazione, portando le proprie idee su come cantare le canzoni e contribuendo con idee per le parti armoniche.

La creatività è qualcosa che funziona davvero bene quando sei in un ambiente di studio“, ha osservato Frida a un certo punto. “Cantavamo insieme al pianoforte o a volte al nastro con la base musicale. Quando continuavi a sentire la melodia più e più volte, e ci lavoravi sopra, emergevano altre cose, come piccoli pezzi di coro o una “risposta”. Diresti: ‘Questo pezzo qui penso suona bene, è bello‘”. Né avevano paura di parlare se alcuni dei testi erano scomodi da cantare – cioè, se la combinazione di consonanti e vocali in parole o frasi semplicemente non suonava bene quando la si cantatava. Poi è toccato a Björn aggiustare i testi. Quindi, più o meno allo stesso modo in cui Björn e Benny hanno accolto l’input dei musicisti di supporto, erano felici solo di avere questo dialogo creativo con la metà femminile degli ABBA – volevano tutti la stessa cosa:

Agnetha e Frida iniziavano la loro giornata in studio prendendo dimestichezza con la canzone, dopodiché iniziavano la registrazione vera e propria con i cori e tutte le intricate armonie. La voce solista è stata salvata per ultima, poiché a quel punto avevano trovato la loro strada nella canzone ed erano più in grado di fornire un’interpretazione emotiva della melodia. La registrazione della voce richiedeva solo un giorno, comprese le sovraincisioni multiple delle parti del coro. Sembra incredibile, ma, come ha sottolineato una volta l’ingegnere degli ABBA, Michael B. Tretow, “Agnetha e Frida sembravano in qualche modo tagliate per questo lavoro. Non ci siamo quasi mai bloccati sulla voce”.

La parte finale del processo di registrazione è stata di ulteriori sovraincisioni e missaggio. Questo era di solito un processo parallelo, perché è stato solo quando il trio della sala di controllo di Björn, Benny e Michael Tretow si è seduto al banco di missaggio che sono emerse le idee per le sovraincisioni. Le sovraincisioni di solito prendevano la forma di idee per riff di tastiera, emanate dal cervello di Benny e suonate su sintetizzatori, pianoforti o qualsiasi altro strumento simile a una tastiera.

Dopo almeno una settimana di duro lavoro, una nuovissima canzone degli ABBA è stata finalmente completata, pronta per essere pubblicata e scalare le classifiche di tutto il mondo. Cioè, se il gruppo fosse soddisfatto di ciò che aveva realizzato. Perché a volte i loro sentimenti istintivi dicevano loro: “questa canzone ha molto potenziale, ma l’abbiamo registrata nel modo sbagliato – non possiamo pubblicarla“. E il resto è storia…