Cinema Italia Variety

THE CARD COUNTER – il percorso di colpa, penitenza nel limbo dei casinò, al cinema il film diretto da Paul Schrader

THE CARD COUNTER
Il collezionista di carte
il percorso di colpa, penitenza nel limbo dei casinò,
al cinema il film diretto da Paul Schrader

FOCUS FEATURES
e
MARTIN SCORSESE
presenta
un film di
PAUL SCHRADER

THE CARD COUNTER

Scritto e Diretto da
PAUL SCHRADER
Prodotto da
BRAXTON POPE, p.g.a
LAUREN MANN, p.g.a
DAVID WULF, p.g.a

La redenzione è il lungo percorso in THE CARD COUNTER di Paul Schrader. Raccontato con l’intensità cinematografica tipica di Schrader, il thriller sulla vendetta racconta la storia di un ex interrogatore militare diventato giocatore d’azzardo perseguitato dai fantasmi delle sue decisioni passate e presenta le avvincenti esibizioni delle star Oscar Isaac, Tiffany Haddish, Tye Sheridan e Willem Dafoe.

Note di produzione The Card Counter

Dallo sceneggiatore e regista Paul Schrader (First Reformed) arriva la storia di William Tell (Oscar Isaac) – ex soldato di prima classe William Tillich – un soldato delle operazioni speciali che porta il peso morale dei crimini strazianti in Iraq. Dopo aver scontato la pena in prigione, si reinventa come giocatore d’azzardo professionista nel circuito del poker americano, ma le sue azioni all’estero lo perseguitano nel profondo, anche dopo aver scambiato l’isolamento e la disperazione per amore e connessione. La sua unica soluzione è fare i conti violentemente con il proprio passato.

Prodotto da Martin Scorsese, Schrader ha collaborato come sceneggiatore in Taxi DriverThe Card Counter presenta lo stile caratteristico del regista veterano, che si tuffa nelle profondità della disperazione esistenziale del suo protagonista e sale fino a quando trova una famiglia surrogata nella forma del suo agente La Linda (Tiffany Haddish) e l’adolescente Cirk (Tye Sheridan), alla ricerca di un significato dopo il suicidio del padre soldato.

Nel corso degli anni ho sviluppato il mio genere di film, e in genere coinvolgono un uomo da solo in una stanza che indossa una maschera, e la maschera è la sua occupazione“, afferma Schrader.Potrebbe essere un tassista, uno spacciatore, un gigolò, un reverendo, e prendo quel personaggio e lo accompagno a un problema più grande, personale o sociale, come la crisi ambientale in First Reformed. In The Card Counter, William Tell è solo nella sua stanza con una maschera addosso, quella di un giocatore di poker professionista, che si dà il caso che sia un ex torturatore per il governo degli Stati Uniti. È un nesso tra le World Series of Poker e Abu Ghraib“.

03058_FP_CARDCOUNTER Oscar Isaac stars as William Tell in THE CARD COUNTER, a Focus Features release. Credit: Courtesy of Focus Features / ©2021 Focus Features, LLC

La storia di The Card Counter

Mentre Schrader stava cercando finanziamenti per un western con attori conosciuti come Willem Dafoe ed Ethan Hawke, al regista è venuta un’idea, radicata nei suoi perenni temi sui sensi di colpa, penitenza e resa dei conti morale. “Non una colpa generale, come quella cristiana, ma un tipo di colpa più specifico, dice Schrader. E se qualcuno avesse fatto qualcosa per cui non può perdonarsi? È stato in prigione e, sebbene la società possa averlo perdonato, non ha perdonato se stesso. Ha fatto una cosa terribile e ora vive in una specie di purgatorio. Come fa a risolverlo?

Come molti dei personaggi che Schrader ha scritto – Travis Bickle in Taxi Driver, Julian Kaye in American Gigolo, il reverendo Ernst Toller in First Reformed – William Tell sta aspettando il suo momento e aspettando che succeda qualcosa. “Per The Card Counter, mi sono dovuto inventare una professione, che per qualcuno che sta aspettando e che sta vivendo una sorta di non esistenza“, afferma Schrader.Il gioco d’azzardo sembrava l’ambiente perfetto“.

Mentre guardava programmi di poker in TV e pensava alle motivazioni psicologiche delle persone che giocano alle slot machine, Schrader ha iniziato a immaginare la vita quotidiana dei giocatori d’azzardo — una monotona non-esistenza in cui le ore possono passare senza che succeda molto. “Questo è ciò che fa Tell: esiste in questo limbo, viaggia di casinò in casinò, gioca a carte, aspetta che succeda qualcosa“, afferma Schrader. Con il poker, puoi giocare per giorni prima che arrivi quella mano magica. Ogni poche settimane o giù di lì, potrebbe succedere qualcosa di buono, ma soprattutto è un gioco di attesa“.

Schrader ha poi creato un ricco retroscena per Tell, che coinvolge un passato oscuro e tumultuoso come soldato nella guerra in Iraq. “Mi sono chiesto cosa avrebbe potuto fare nella sua vita di così eclatante da non riuscire a superare i suoi crimini”, dice Schrader. “Anche i serial killer possono perdonarsi, ma se avesse fatto qualcosa che ha stigmatizzato il suo stesso Paese? È stato allora che ho iniziato a pensare alla tortura nella prigione di Abu Ghraib, una sorta di illecito che ha ferito non solo i prigionieri arabi e i loro torturatori americani, ma un’intera nazione e la cultura militare che l’ha resa possibile“.

Il mondo immediato di The Card Counter si dispiega all’interno degli anonimi casinò americani, cocktail lounge e stanze di motel del circuito del gioco d’azzardo professionale low-stakes, dove Tell gioca a poker e blackjack meno per i soldi che semplicemente per passare il tempo. Infarcendo il paesaggio americano nelle regioni costiere e accanto alle animate interstatali, è il luogo ideale per chi vuole perdersi e perdersi. Nelle mani di Schrader, è anche un luogo in cui qualcuno come Tell può ritrovarsi – inaspettatamente – attraverso gli altri.

00781_FP_CARDCOUNTER Oscar Isaac stars as William Tell and Tiffany Haddish as La Linda in THE CARD COUNTER, a Focus Features release. Credit: Courtesy of Focus Features / ©2021 Focus Features, LLC

Questo mondo è così pieno di mistero, e ci sono così tanti diversi tipi di persone e personalità che passano attraverso questi casinò“, afferma Tiffany Haddish, che si è preparata per il ruolo dell’agente di gioco La Linda frequentando e giocando in diversi casinò nel sud della California. prima che The Card Counter iniziasse la produzione all’inizio del 2020. “I giocatori d’azzardo sono persone affascinanti se ti prendi il tempo per sederti al tavolo e parlare con loro. Provengono da tutti i ceti sociali e l’unica cosa che hanno in comune è che vogliono vincere“.

Tell, tuttavia, si sente rimosso dal proprio ambiente, indifferente alla sua vena vincente mentre cerca di elaborare il suo dolore ed espiare i suoi peccati. “Schrader indaga sul trauma in un modo così interessante, ed è qualcosa che ha fatto costantemente durante la sua carriera“, afferma Oscar Isaac, che desiderava lavorare con lo sceneggiatore-regista da anni.Il modo in cui è in grado di catturare il pensiero in personaggi isolati che non hanno la capacità di esprimersi in modi convenzionali – sono grato di aver finalmente avuto la possibilità di incarnare uno dei suoi personaggi indelebili“.

La colonna sonora

Per la colonna sonora e la colonna sonora cupa e viscerale del film, Schrader si è rivolto a Robert Levon Been, cantante e compositore del gruppo Black Rebel Motorcycle Club, che ha recentemente celebrato il suo 20° anniversario. Been – il cui defunto padre Michael Been era il cantante dei The Call, e compose canzoni per il dramma di Schrader del 1992 Light Sleeper – ha lavorato a stretto contatto con Schrader per scrivere le canzoni tenere, sfumate e simili a incantesimi che fungono da narrativa alternativa nel film, illustrando il tumulto interiore di William e il viaggio trasformativo.

Ciò che è iniziato come scrivere una canzone originale dei titoli di coda si è lentamente evoluto nella colonna sonora dell’intero film”, afferma Been, la cui prima incursione nelle musiche è stata la commedia di zombi del 2014 di Jeff Baena Life After Beth. “Il mio metodo qui era non convenzionale e si è svolto essenzialmente al contrario, poiché ho costruito la canzone che chiude il film. Ero un adolescente quando mio padre ha lavorato con Paul su Light Sleeper, componendo tracce nel nostro studio di casa. Ho registrato di nascosto parti di basso e chitarra quando Paul non c’era, e alla fine sono stato beccato. Poter lavorare con lui così tanti anni dopo – legittimamente questa volta – è abbastanza surreale”.

The Card Counter Il collezionista di carte uscirà nei cinema dal 3 settembre