Cinema Italia USA Variety

LAST NIGHT IN SOHO – nei cinema il film che fonde gli anni ’60 a quelli attuali nel thriller psicologico con Anya Taylor-Joy diretto da Edgar Wright

LAST NIGHT IN SOHO
nei cinema il film che fonde gli anni ’60 a quelli attuali nel thriller psicologico
con Anya Taylor-Joy diretto da Edgar Wright

FOCUS FEATURES e FILM4 Present
In associazione con
PERFECT WORLD PICTURES
A WORKING TITLE / COMPLETE FICTION
Produzione

Un film di Edgar Wright

LAST NIGHT IN SOHO

ULTIMA NOTTE A SOHO

Diretto da
EDGAR WRIGHT
Storia di
EDGAR WRIGHT
Sceneggiatura di
EDGAR WRIGHT &
KRYSTY WILSON-CAIRNS

Se potessi tornare indietro nel tempo, lo faresti? dovresti? Il passato è un altro paese, dicono. Uno i cui confini sono chiusi. E se non fosse del tutto vero? E se potessi vivere un’altra volta per te stesso, in pieno sovraccarico sensoriale?

Questa è la situazione per Eloise (Thomasin McKenzie) nel nuovo thriller psicologico di Edgar Wright. Una studentessa di moda appena coniata che è appena arrivata nel Big Smoke di Londra per iniziare il suo futuro, ma Eloise è ossessionata dal passato: desidera ardentemente un’età passata, disperata per aver vissuto la Londra degli anni ’60 in tutto il suo splendore. Tuttavia, il misterioso dono psichico di Eloise significa che potrebbe avere la possibilità più letteralmente di quanto si renda conto.

Entrando nelle sue squallide scuole studentesche, Eloise è immediatamente intimidita dalla sua scintillante coinquilina Jocasta (Synnove Karlsen) e dai suoi amici alla moda. Nonostante i tentativi del suo compagno di classe John (Michael Ajao) di incoraggiarla, Eloise non sopporta le feste notturne. Invece, trova una stanza in affitto in cima a una vecchia casa di proprietà della padrona di casa, la signora Collins (Diana Rigg). È lì, ancora incerta ma speranzosa in un nuovo inizio, che Eloise scivola via nei sogni degli anni ’60.

Ma le sue visioni notturne sono solo sogni? Eloise si ritrova a vivere la vita di Sandie (Anya Taylor-Joy), una starlet degli anni ’60 in divenire, mentre si infila nel Café De Paris. Sandie è un’aspirante cantante, ballerina, attrice, star e non vede l’ora di fare colpo. Tutti i sogni di Sandie sembrano avverarsi quando incontra l’affascinante Jack (Matt Smith), un manager che potrebbe essere in grado di presentarla alle persone giuste per aiutarla a lanciare la sua carriera – ed Eloise viene trascinata con lei in un’avventura inebriante di primo amore, luci brillanti e grandi sogni.

Eloise adotta immediatamente Sandie come suo modello e spirito guida, tingendosi i capelli per assomigliare di più alla sua eroina e vivendo per le notti in cui può ricongiungersi al passato nei suoi sogni. Ma quando la vita di Sandie prende una piega oscura, Eloise minaccia di andarsene proprio al suo fianco. Quei sogni degli anni ’60 sono ora pieni di oscurità; un’oscurità che sembra riversarsi nell’esistenza quotidiana di Eloise mentre i problemi di Sandie diventano un peso attorno al collo di Eloise. C’è un modo per cambiare il passato e salvare Sandie? Riuscirà Eloise a risolvere un mistero vecchio di decenni prima che anche lei venga messa in pericolo?

Qui sta la premessa di suspense di LAST NIGHT IN SOHO, un nuovo thriller dalle tinte oscure e intriso di neon con Thomasin McKenzie (Leave No Trace, Jojo Rabbit), Anya Taylor-Joy (Emma, The Queen’s Gambit), Matt Smith (Dottore Who, The Crown), Rita Tushingham (A Taste Of Honey, Doctor Zhivago), Diana Rigg (The Avengers, Game Of Thrones, On Her Majesty’s Secret Service) e Terence Stamp (The Collector, The Limey, Superman II).

Edgar Wright (Baby Driver, Scott Pilgrim Vs The World) dirige LAST NIGHT IN SOHO da una storia da lui ideata e da una sceneggiatura che ha scritto insieme a Krysty Wilson-Cairns (1917). Il film è prodotto da Nira Park, Tim Bevan, Eric Fellner e Edgar Wright. I produttori esecutivi sono James Biddle, Rachael Prior, Daniel Battsek e Ollie Madden insieme ai produttori associati Leo Thompson e Laura Richardson.

Per il suo team di produzione creativa, Wright si è rivolto a collaboratori regolari tra cui lo scenografo Marcus Rowland (Baby Driver, Scott Pilgrim Vs The World), il montatore vincitore del BAFTA Paul Machliss, ACE (Baby Driver, Scott Pilgrim Vs The World) e il compositore vincitore del premio Oscar Steven Prezzo (Baby Driver, Gravity, The World’s End). Ma ha anche reclutato nuovi entusiasmanti membri del team tra cui il direttore della fotografia Chung-hoon Chung (Oldboy, The Handmaiden, It) e la costumista vincitrice di un Emmy e nominata ai BAFTA Odile Dicks-Mireaux (An Education, Brooklyn, Chernobyl).

LAST NIGHT IN SOHO è una produzione Working Title / Complete Fiction, in associazione con Perfect World Pictures, di un film di Edgar Wright per Focus Features e Film4 ed è stato girato a Soho, Leavesden, Ealing Studios e Londra.

Anya Taylor-Joy

LA STORIA

Wright ha avuto la sua idea originale più di dieci anni fa e ha messo rapidamente in ordine le grandi linee della storia. Ma non ha affrettato la realizzazione per il grande schermo.

Edgar mi ha detto per la prima volta che desiderava sviluppare l’idea nel febbraio 2012“, afferma Nira Park, produttrice e confidente di lunga data di Wright. “Stavamo cercando di far decollare The World’s End in quel momento ed eravamo davvero impegnati. Non pensavo che avrebbe avuto il tempo di pensare a un altro progetto, ma non riusciva a smettere di pensare all’idea e voleva davvero dare il calcio alla palla. Lui era a Los Angeles e io a Londra. È venuto per una settimana di incontri su The World’s End e siamo riusciti a stringere un passo con Film4, che sentiva di essere una buona persona per il progetto. A quel punto, il passo era per una versione a basso budget, ciò che alla fine è diventato. Film4 si è immediatamente interessata e hanno deciso di finanziare la ricerca con Lucy Pardee, a cui Edgar ha lavorato insieme alla preparazione per The Worlds End.

Wright ha reclutato Lucy Pardee, più recentemente vincitrice del BAFTA per il suo lavoro su Rocks, per aiutarlo ad approfondire la ricerca sui vari elementi della storia. Pardee ha intervistato persone di ogni ceto sociale che hanno vissuto e lavorato a Soho negli anni ’60. La vasta bibbia che ha assemblato includeva ricerche sull’industria del sesso – passata e presente – nel centro di Londra, così come la polizia che pattugliava la zona e – ai giorni nostri – studenti di moda come la nostra eroina, Eloise. Pardee ha anche studiato incubi e paralisi del sonno, incontri paranormali e fantasmi, sogni lucidi e altri elementi che alla fine avrebbero informato la trama. Mentre Wright digerisce questa ricchezza di resoconti di prima mano, insieme al suo vivo interesse per i film e la musica degli anni ’60, i dettagli della storia hanno preso forma.

Ma The World’s End e Baby Driver sono andati al loro posto per primi, e solo dopo quest’ultimo Wright è stato sicuro che LAST NIGHT IN SOHO sarebbe stato il prossimo.

Dopo aver terminato il giro della stampa per Baby Driver Awards nel marzo 2018, ho preso la decisione“, afferma Wright. “C’era pressione per fare immediatamente un sequel, ma sapevo nella mia testa che dovevo prima fare qualcos’altro. Per la mia sanità mentale, non potevo accettare di fare subito un secondo enorme film di inseguimento in auto. E quando hai l’opportunità di fare un film originale con nuove sfide, la cogli”.

Nira Park è stato di nuovo la sua prima chiamata. “Quando l’abbiamo proposto per la prima volta, il budget era molto basso“, afferma Park,ma una volta che abbiamo iniziato a parlarne di nuovo, l’idea si era sviluppata un po’ ed era decisamente una proposta più grande, con un budget maggiore. Edgar ed io abbiamo iniziato a parlare con i nostri collaboratori di lunga data Eric Fellner e Tim Bevan della Working Title su come realizzare il film. E poi insieme l’abbiamo portato a Focus Features.

Sebbene Wright fosse attratto dall’idea di realizzare un thriller degli anni ’60, un mistero pieno di elementi horror e di uno stile da spettacolo di quel tempo, voleva anche raccontare quella storia attraverso una lente contemporanea. Non voleva semplicemente rendere glamour il passato o stendere un velo sulla realtà grottesca degli squallidi e sessisti anni ’60. Inserendo un protagonista moderna nella storia degli anni ’60, potrebbe portare una certa diffidenza nell’ambiente e forse evitare gli occhiali rosati della nostalgia.

4139_D009_00260_RC Thomasin McKenzie stars as Ellie in Edgar Wright’s LAST NIGHT IN SOHO, a Focus Features release. Credit: Parisa Taghizadeh / Focus Features

C’è una dualità in questo senso“, spiega Wright. “Come il personaggio di Eloise, c’è amore per il meglio del decennio. È un periodo affascinante: il modo in cui la cultura cambia dal 1960 al 1969 è straordinario, probabilmente il più grande salto di ogni decennio. Ma c’è anche la paura di quello che sta succedendo sotto la superficie. Se trascorri troppo tempo a romanticizzare il passato, puoi perdere di vista il pericolo che hai di fronte“.

Fu durante questo periodo, con una storia completamente sviluppata ma una sceneggiatura non ancora scritta, e un titolo ispirato alla canzone di Dave Dee, Dozy, Beaky, Mick & Tich, che Wright incontrò il suo amico, lo sceneggiatore Krysty Wilson-Cairns, e ha chiesto se poteva parlarle dell’idea. La coppia ha trascorso una serata passeggiando per i ritrovi di Soho mentre raccontava il suo concetto per il film e visitava alcuni dei pub – watering holes più famosi e più oscuri della zona.

Siamo andati al Toucan (pub) dove Krysty ha lavorato come barista per diversi anni mentre scriveva la sua sceneggiatura rivoluzionaria Aether“, dice Wright.Viveva in Dean Street, quindi in quel modo quando sei una persona che lavora e vive a Soho, diventi amico dei buttafuori e delle spogliarelliste. Li conosci come persone reali. Era immersa in tutte queste storie incredibili“.

Krysty Wilson-Cairns lo ricorda bene.Mi sono trasferita a Londra quando avevo 22 anni, ero una ragazza con il sogno della grande città“, ride.Venivo da un posto piccolo, abbastanza riparato, quindi ho capito molto da quel viaggio. Quando ho incontrato Edgar per la prima volta – Sam Mendes ci ha presentato e ha detto che saremmo andati d’accordo – penso di aver appena lasciato il mio lavoro al bar e abbiamo parlato dei pezzi di Soho che non vedi, tutti questi squallidi locali notturni. Quindi siamo andati a fare una piccola ricerca notturna. Non ero coinvolta nel progetto in quel momento, ero solo un amica che gli mostrava il mio vecchio terreno di gioco. Ma ho pensato che la storia fosse fantastica“.

È passato più di un anno quando Wilson-Cairns ha ricevuto la chiamata di Wright che le chiedeva di co-scrivere la sceneggiatura con lui. Stava per entrare in pre-produzione nel film 1917 con Mendes, il film che presto le avrebbe fatto ottenere una nomination all’Oscar per la migliore sceneggiatura. Ma nelle sei settimane prima della sua partenza, lei e Wright hanno affittato un ufficio, hanno messo la storia su schede intorno al muro e hanno realizzato la prima bozza della sceneggiatura, perfezionandola nei mesi successivi.

La storia stava fermentando nella mia testa da così tanto tempo“, afferma Wright. “Aveva solo bisogno di questo elemento mancante. Ci sono cose che Krysty aggiunge che fanno il film, cose che non avrei mai pensato di scrivere da solo“. Secondo il suo racconto, era particolarmente entusiasta di arricchire le scene degli anni ’60, assicurandosi che il pubblico si innamorasse di Sandie. “Abbiamo passato molto tempo, noi due, a capire chi è Sandie e chi è Eloise“, afferma Wilson-Cairns. “Vuoi che Sandie sia avvincente, quindi è stato costruire quel personaggio e costruire il suo mondo. Il pubblico entra con Eloise, una giovane donna, e io ho pensato: “Da chi ero ossessionato quando ero più giovane?Di solito erano i personaggi in TV; donne potenti. Non è come l’ossessione maschile, non solo per il loro aspetto; riguarda sicuramente l’intelligenza e il modo in cui vedono il mondo. Quindi, il dialogo di Sandie è stato cruciale per questo.”

Come lo stesso Wright, anche Wilson-Cairns voleva evitare la figura retorica della “donna caduta” del cinema degli anni ’60. “Penso che ci sia quasi un messaggio puritano in quei film, e non siamo affatto intrappolati in questo, grazie a Dio. Non siamo mai stati interessati a castigare le donne “cadute“; l’idea che anche le donne “cadano” è ridicola per me. Stavamo cercando di creare qualcosa che sembrasse reale, che sembrava potesse accadere, che avesse risonanza nella nostra vita. La nostra intenzione era solo quella di creare qualcosa di elettrizzante e stimolante“.

Con una sceneggiatura in atto, la sfida è diventata dare vita a questi ruoli. Il film avrebbe richiesto due protagoniste molto diverse che, tuttavia, avrebbero condiviso uno strano legame – e per interpretarle Wright ha reclutato due delle stelle nascenti più eccitanti del momento.

LAST NIGHT IN SOHOCHI E’ ELOISE
Thomasin McKenzie

Per Eloise, Wright aveva bisogno di trovare qualcuno con lo stesso idealismo e la stessa energia non cinica della sua eroina; un’attrice che avrebbe portato il pubblico prima nello sfarzo della Londra degli anni ’60 e poi in un mondo più oscuro e spaventoso. È stata Nira Park a suggerire per prima la neozelandese Thomasin McKenzie, che aveva appena sbalordito il pubblico con la sua interpretazione rivoluzionaria in Leave No Trace di Debra Granik come figlia di un veterano dell’esercito che l’ha cresciuta per vivere isolata nei boschi.

Ha seguito con una serie di lavori altrettanto acclamati, incluso un ruolo cruciale in Jojo Rabbit di Taika Waititi nel 2019. Wright ha organizzato un incontro con l’attrice e ha immediatamente visto il suo potenziale per dare vita a Eloise. “Avevo visto Leave No Trace e ho pensato che fosse così fantastico”, dice Wright,Thomasin è così reale in quel film che quasi non pensi che sia un’attrice a recitare la parte; lei scompare nel ruolo. È fantastica. Ma anche, poiché è giovane, è curiosa del mondo. Scegliendo Thomasin, sarebbe andata in un’avventura con il personaggio

Per Eloise, Londra non è solo un luogo. È un momento. È una giovane ragazza che lascia Redruth in Cornovaglia per Londra per inseguire la sua “passione per la moda” come la descrive l’attrice. Ma la Londra che sogna è meno la realtà e più la versione che ha visto nei vecchi film e di cui ha sentito parlare nei dischi che prende in prestito da sua nonna e tutrice, Peggy (la star di A Taste Of Honey Rita Tushingham). La coppia è estremamente vicina – qualcosa a cui McKenzie potrebbe relazionarsi, perché sua nonna ha avuto un ruolo significativo nella sua educazione – ma Eloise non vede ancora l’ora di volare via. Per coincidenza, McKenzie aveva 18 anni al momento delle riprese, la stessa età di Tushingham quando ha lavorato a A Taste of Honey.

La storia della ragazza di campagna con grandi sogni che si trasferisce in una grande città è molto cara a Wright, dal momento che anche lui è venuto dall’ovest dell’Inghilterra a Londra da giovane. “Chiunque sia venuto a Londra dall’esterno trova che inizialmente sia una cosa molto inquietante”, dice. “Ti senti fuori posto, come se non potessi essere all’altezza di persone che, anche se hanno la stessa età, si sentono molto più avanti e molto più fighe. Le persone che sono cresciute a Londra hanno avuto un tale vantaggio perché sono già nel bel mezzo di tutto ciò“.

McKenzie ha avuto un’esperienza simile a Londra, che conosceva a malapena prima di accettare il ruolo, come il suo personaggio. “Crea un’ambientazione incredibile per questo film perché, come Eloise, penso che il mondo intero consideri Londra molto brillante; una grande città piena di opportunità. Come Eloise, quando sono scesa per la prima volta dall’aereo e ho iniziato a guidare, ero un po’ come una star cercando di capire tutto. È stato fantastico lavorare a Londra perché anche se c’è un lato negativo, è una città magica e ci sono davvero persone incredibili. Questa troupe cinematografica è una delle più belle troupe cinematografiche con cui abbia mai lavorato in vita mia“.

Sfortunatamente per Eloise, al contrario, la vita reale di Londra e le sale studentesche piene di coetanei rumorosi e più fiduciosi è un’esperienza più dura. “Non dura a lungo nei corridoi“, riconosce McKenzie. “La sua frustrazione è che è super appassionata e ha lavorato davvero duramente per arrivare dove è, e sente – e forse non è vero – che alcuni degli altri studenti stanno dando per scontata questa opportunità. Ha un lato molto insicuro ed è un po’ nervosa. Penso che sua madre abbia lottato con la malattia mentale, che è stata tramandata a Eloise, e gradualmente vediamo che iniziano a manifestarsi e a influenzare la sua vita quotidiana.

4139_D036_00251_R Director Edgar Wright and Cinematographer Chung-hoon Chung on the set of their film LAST NIGHT IN SOHO, a Focus Features release. Credit: Parisa Taghizadeh / Focus Features

Non è che la coinquilina di Eloise, Jocasta (Synnøve Karlsen), sia apertamente crudele. È solo intimidatoria e sconsiderata nei confronti della più riservata Eloise e troppo impegnata con le sue attuali amiche Lara (Jessie Mei Li), Ashley (Rebecca Harrod) e Cami (Kassius Nelson). Così Eloise si trasferisce e trova la sua stanza in cima a una vecchia casa squallida affittata dall’anziana padrona di casa, la signora Collins (Diana Rigg). In quell’ambiente più tranquillo, Eloise inizia a sognare un’altra Londra, quella che aveva immaginato prima di arrivare al college. Perché Eloise, apprendiamo, condivide un dono con la madre defunta: può parlare a coloro che sono morti e scomparsi da tempo. O forse più precisamente, può abitare gli echi del passato. Viaggiando indirettamente indietro nel tempo attraverso i suoi sogni, non vede l’ora di vivere ogni notte che trascorre vivendo una vita meno inibita e meno ordinaria come l’affascinante Sandie, una futura star della Londra degli anni ’60. “I sogni iniziano a diventare realtà“, afferma McKenzie, e il divario tra passato e presente crolla.

Eloise ha il dono di vedere le cose in modo molto vivido quello che gli altri non possono; per rivivere gli eventi del passato in una sorta di legame psichico”, afferma Wright. “Nei sogni, spesso sento, come molte persone, di essere qualcun altro. Stai avendo questo strano sogno o incubo di realizzazione del desiderio. In un modo strano, è estrema empatia. Empatia quasi come un superpotere. E Thomasin è un attrice molto empatica, molto naturale. Vuole essere lì e sentirlo.

All’inizio, i viaggi notturni di Eloise nel passato ispirano il suo lavoro e alimentano la sua fiducia mentre rivive le esperienze della più estroversa e più affascinante Sandie. Eloise si tinge i capelli come Sandie e trova persino il coraggio di trovare lavoro come barista al Toucan, come prima di lei lo sceneggiatore Wilson-Cairns. Ma la vita di Sandie non è rose e fiori, come presto impara Eloise, e i sogni si fanno più oscuri. “Non avevo mai fatto un film horror o un thriller“, afferma McKenzie.

Quindi questo aspetto è stato davvero eccitante per me; un nuovo genere da esplorare. L’unica domanda che ricordo di aver fatto a Edgar (prima di essere scritturata) è stata: “C’è qualcosa che pensi che saresti spaventato o nervoso nel fare?Ero tipo “Oh no, niente. Va tutto bene’. Che è la risposta sbagliata, perché c’erano così tante cose intense nella sceneggiatura! Non sapevo che ruolo fantastico ma impegnativo sarebbe stato“.

Detto questo, Wright era preoccupato di proteggere le sue star, e in particolare i membri del cast più giovani, dal materiale il più possibile. La coreografa Jennifer White era a disposizione non solo nelle scene di danza, ma anche nel suggerire il movimento nelle scene intime in modo che tutti fossero a loro agio. “Eppure, è una parte estenuante da interpretare, entrare in quella zona“, dice Wright della sua star. “Devi mantenere un equilibrio quando giri un film come questo; mantenendo le cose leggere ma non rovinando l’atmosfera. E le scene erano faticose, soprattutto per lei.

I film di Edgar hanno sempre una tale coreografia e tempismo, quindi è stato davvero divertente concentrarsi su questo“, afferma McKenzie. “È stato bello vedere come si prepara, un’esperienza di apprendimento straordinaria. Sento di uscire da questo progetto con molta più consapevolezza di cosa significhi essere un attore”. Ma Eloise è solo una metà del puzzle. Wright aveva anche bisogno di trovare la sua controparte degli anni ’60. Fortunatamente, aveva in mente l’attrice perfetta.

LAST NIGHT IN SOHOINCONTRO SANDIE
Anya Taylor-Joy

Uno dei primi membri del cast a cui Wright ha parlato del film, prima ancora che la sceneggiatura esistesse, è stata Anya Taylor-Joy. Era stato nella giuria del Sundance nel 2015 quando The Witch ha debuttato ed è stato immediatamente colpito dalla sua interpretazione della ragazza puritana Thomasin (nessuna relazione con McKenzie). L’ammirazione era reciproca, quindi la coppia ha avuto un incontro a Los Angeles e ha parlato in generale di lavorare insieme prima che Wright dicesse a Taylor-Joy l’idea per il suo film di Soho.

Anya Taylor-Joy inizialmente era “un po’ ansiosa” perché non voleva essere etichettata come attrice horror, ma si è presto resa conto che non si trattava di uno sforzo stereotipato. “Mentre continuava a raccontarmi sempre di più sulla storia, mi sono resa conto che mi sarei divertita molto“.

All’inizio, sia la star che il regista pensavano che potesse interpretare Eloise. Ma quando la sceneggiatura è stata scritta, Wright aveva un’altra idea e ha inviato la sceneggiatura con una nota chiedendo alla star di considerare il ruolo di Sandie. “Vederla in altri ruoli nel corso degli anni e vederla crescere in pubblico, ho pensato, forse lei è l’altra parte“, dice Wright.Le ho inviato un’e-mail e le ho detto: ‘Ho due sorprese. Uno, lo script di Soho esiste. Due, voglio che guardi Sandie’. Era al 100% a bordo“. Non è un’esagerazione, sentire Taylor-Joy descrivere la sua reazione immediata a Sandie. “Mi è piaciuto il fatto che mi abbia spaventato. Ho interpretato molti ruoli da outsider e Sandie è così sicura di sé come una gattina sexy. Quando l’ho letto per la prima volta ho pensato: ‘Come diavolo farò a farcela?‘” Sandie è estroversa, vivace e sicura di sé: viene a Londra determinata a diventare una star.

Penso che voglio fare tutto!” dice Taylor-Joy. “Lei è un’aspirante cantante, attrice e ballerina. Vuole solo vedere il suo nome sotto le luci. La chiamo “Brass Balls Sandie” perché si butta davvero in ogni situazione. Vorrei avere un po’ più di lei in me, sotto questo aspetto“.

Sandie è immediatamente abbagliante, soprattutto per Eloise quando la vede per la prima volta. “All’inizio, Sandie è Londra per Eloise“, afferma McKenzie. “Eloise inizia a scoprire il suo stile, e forse un po’ di sensualità, coraggio e femminilità, grazie a lei“. Eppure la storia di Sandie si svolge decenni prima della nascita di Eloise, quindi Taylor-Joy ha dovuto anche trovare i dettagli del periodo che avrebbero dato vita a questa vivace starlet. Wright ha fornito a tutto il cast e alla troupe riferimenti cinematografici, ma Taylor-Joy è anche caduta nella tana del coniglio di YouTube di clip di notizie degli anni ’60 per catturare i loro particolari ritmi nei discorsi. “È quasi come se Sandie fosse proprio sul precipizio prima di tutte le cose d’amore gratuite, è proprio su quel bordo. Guardare film come Poor Cow è stato davvero istruttivo, solo perché è quasi come se ci fosse quest’aria di malinconia che permea la maggior parte di queste esibizioni, e volevo condirla così. Ma almeno all’inizio, Sandie è una fantasia per Eloise“.

Alla fine, tuttavia, l’unico modo per interpretare il ruolo era quello che Sandie stessa avrebbe scelto: a capofitto, buttandosi dentro. Incontriamo Sandie mentre si è agghindata ed è entrata al Café De Paris, uno dei locali notturni più alla moda di Londra a il momento – e quello è stato anche il momento in cui Anya Taylor-Joy si è trovata a mettersi nei panni d’argento di Sandie.

La prima volta che sono stata davvero Sandie è quando sono dovuta uscire di fronte a 200 artisti di supporto e stare lì come se fossi il proprietario della stanza. Ero tipo, ‘Wow, okay, beh, immagino di doverlo fare adesso’. Lentamente ogni giorno è diventato più facile scivolare in quella pelle e ho iniziato a divertirmi di più”.

Lei e McKenzie hanno anche formato un legame nella vita reale per rispecchiare quello sullo schermo. “Anya Taylor-Joy porta molta gioia, senza giochi di parole, al film“, afferma McKenzie. “Penso che sia la persona più laboriosa che abbia mai incontrato in vita mia. Sai, lei non si ferma“. Con i protagonisti di Wright, il resto del cast ha iniziato a riunirsi per creare un mix perfetto del passato e del presente di Soho.

LE MUSICHE DEGLI ANNI SESSANTA

Edgar Wright è famoso per le colonne sonore sapientemente curate e i profondi tagli musicali, e LAST NIGHT IN SOHO – a sua volta ha chiamato per la canzone di Dave Dee, Dozy, Beaky, Mick & Tich – non fa eccezione. Lui e Wilson-Cairns hanno ascoltato la musica che aveva assemblato mentre scrivevano la sceneggiatura e ha messo insieme una playlist per i membri del cast da ascoltare mentre leggevano i risultati. Ma voleva anche una colonna sonora per le due epoche di Last Night in Soho e per legare le storie di queste due giovani donne molto diverse. Per raggiungere questo obiettivo, Wright si è rivolto ancora una volta al suo compositore ormai abituale, il vincitore dell’Oscar Steven Price, che ha composto con successo sia Baby Driver che The World’s End.

Sono abbastanza fortunato”, dice Price,perché lavoriamo insieme da un po’ di tempo e quindi tendo a sentire parlare dei film di Edgar mentre lavora alla sceneggiatura. Certamente l’ho letto molto tempo prima che venisse girato. Quindi ho iniziato a scrivere cose prima che lui iniziasse a girare perché ho scoperto che a volte è utile farlo. Gli mando tutto ciò che penso possa essere utile e potrebbe innescare qualcosa in lui che mi darà una direzione“.

Price ha messo insieme la musica in base alla sceneggiatura, che la produzione poteva poi riprodurre in sottofondo durante le prove dei costumi o sul set. Ma più di questo, ha permesso a Wright di usare la sua musica in modi interessanti e talvolta inaspettati. “La cosa di Edgar e [l’editor] Paul Machliss è che sono entrambi brillanti con la musica. Spesso mi mandavano una scena con la musica usata in un modo che non avrei immaginato, e questo mi metteva su un percorso completamente diverso. Quindi è stato un modo di lavorare davvero interessante e diverso per tutti noi”.

Price ha finito per lavorare sulla musica da prima dell’inizio delle riprese nel 2019 fino alla fine dell’estate 2021, esaminando la musica il prima possibile, per consentire a Wright di integrarla nel tessuto del film come desiderava e lavorando per costruire le scelte musicali di Wright nel suo lavoro. “In particolare durante Baby Driver abbiamo sviluppato una tecnica in cui le canzoni non sono semplicemente gocce d’ago, ma questa cosa interattiva in cui lo spartito si intreccia con essa. L’abbiamo davvero sviluppato in questo, quindi la canzone diventa un’altra cosa e poi la colonna sonora prende il sopravvento“.

In effetti, Price è andato oltre il semplice intreccio della sua colonna sonora dentro e fuori le canzoni, e ha aggiunto quelli che sembrano suoni *diegetici nella musica (*quella musica che proviene da una fonte sonora presente e ben identificabile all’interno dell’inquadratura o della scena), a volte in modi subdoli. Mescola “roba molto organica, anni ’60” e usa un Mellotron (strumento musicale a tastiera) e altri strumenti d’epoca, ma aggiunge “elementi di synth alla John Carpenter” e anche trame vocali. Mentre le sue influenze includevano musica da film contemporanea di artisti del calibro di Ennio Morricone e John Barry, il suono di una “session band degli anni ’60” con questi frammenti di dialogo echeggianti aggiunge un tocco diverso e talvolta subliminalmente sinistro alla colonna sonora. I suoni della Soho degli anni ’60 si fondono con le scene londinesi di oggi mentre Eloise viene risucchiata ulteriormente nel passato.

L’idea è che la voce di Sandie diventi parte del film, quindi senti il suo canto delle sirene degli anni ’60 arrivare, e Anya ne è diventata parte integrante; tutti questi loop di dialogo, quasi usati in quel modo Revolution 9 in cui stai suonando il mixer. Quindi è stato fantastico. Mi ha fatto piacere che l’attrice protagonista sia anche la cantante principale nella colonna sonora del film; il tutto lavorato a maglia insieme. Quando inizi a sovrapporre tutte queste cose, è diventato questo tipo di suono davvero strano e agghiacciante“, ha detto Price.

Il fatto che Anya Taylor-Joy abbia fatto una sessione vocale per la colonna sonora non ha fatto altro che approfondire la capacità di Price di riflettere quanto fossero fondamentali le cantanti femminili nel periodo in cui il film è ambientato.

Price ha reso Soho stesso un personaggio melodico, ma una tecnica usata da lui e Wright è particolarmente insolita. “Man mano che il film si sviluppa, sembra che le due epoche si siano gradualmente sciolte. Quindi avevamo tutte queste tecniche per tenerle separate all’inizio. Una piccola cosa sottile, ma qualcosa che amo, è che i primi 15 minuti del film sono quasi in mono. Tutto sta uscendo dall’altoparlante anteriore. È solo quando Eloise arriva negli anni ’60, all’improvviso, tutto si apre intorno a te”. Per ottenere quell’effetto, Price andò ad Abbey Road e registrò la canzone di Cilla Black You’re My World, espandendo l’arrangiamento in modo che la canzone passasse da mono a surround e diventasse il più teatrale possibile, “per rendere gli anni ’60 più vivi di al giorno d’oggi, così tutto il mondo sembra più colorato e più attraente lì”. È l’equivalente sonoro del passaggio al Technicolor ne Il mago di Oz, perché anche Eloise sta entrando in un mondo diverso.

Price ha registrato le canzoni con Taylor-Joy per la colonna sonora, autentici arrangiamenti anni ’60 con la voce di Anya. “Abbiamo realizzato una nuova versione di Downtown che sarà nella colonna sonora. La mia cosa era, immagina se i sogni di Sandie si avverassero e lei riuscisse a fare quelle canzoni al Café de Paris. Quindi abbiamo fatto il numero corretto, tutto preciso al periodo. Abbiamo registrato nella stessa stanza in cui sono state fatte le registrazioni originali, e c’era l’idea di fare una versione più spettrale di Downtown, quindi abbiamo creato quella versione sul posto; Ho appena scelto un nuovo tempo“.

È tutto al servizio della creazione meticolosa di un paesaggio sonoro musicale che supporti il mondo meravigliosamente creato da Edgar Wrighto forse i mondi – e questa storia elettrizzante e agghiacciante di seguire i tuoi sogni ovunque ti conducano e gli incubi che possono derivare.

Ultima Notte a Soho uscirà nei cinema il 4 novembre 2021