Italia Variety videogiochi

LOST IN RANDOM – è una storia di formazione sull’affrontare la paura della casualità, il videogioco in uscita a settembre

LOST IN RANDOM

è una storia di formazione sull’affrontare la paura della casualità,
il videogioco in uscita a settembre

EA Originals e Zoink Studios hanno pubblicato un nuovo post sul blog di Lost in Random, l’avventura narrativa per single player in uscita il 10 settembre che porterà i giocatori attraverso l’oscuro, contorto e imprevedibile Regno di Alea

Scritto da Olov Redmalm, direttore creativo e sceneggiatore principale di Lost in Random, il post approfondisce l’ispirazione che sta dietro il titolo, i dettagli dei vari elementi della storia e i temi, i personaggi e le tradizioni unici che rendono il gioco così emozionante. Olov discute anche alcune delle variabili meno conosciute del titolo che contribuiscono a rendere distintivo il suo gameplay, tra cui la doppia personalità del sindaco di Two-Town, le gigantesche arene che si ispirano ai giochi da tavolo e come l’intero mondo di Alea abbia i suoi stati d’animo e personaggi.

Lost in Random sarà disponibile su PlayStation®4, PlayStation®5, Xbox One, Xbox Series X|S, Nintendo Switch, Origin e Steam il 10 settembre.

l’INTERVISTA REALIZZATA DA ELECTRONIC ARTS

Vuoi presentarti e parlarci un po’ della squadra?
Ciao! Sì, sono Olov Redmalm, direttore creativo e sceneggiatore principale di Lost In Random. Il nostro team è composto da 40-50 splendidi Zoinkling situati nel nostro ufficio nella piovosa Göteborg. È la squadra più grande che abbiamo assemblato finora per un progetto, passando da 10-20 ai nostri titoli precedenti Fe e Ghost Giant. È stata una bella cavalcata e siamo tutti ansiosi di far volare questo uccello nel mondo!

Cosa ha portato te e il team a voler realizzare un gioco come Lost in Random?
Durante lo sviluppo tardivo del nostro brillante e colorato Ghost Giant, ci siamo resi conto che volevamo andare in un posto visivamente oscuro con il nostro prossimo progetto. In Zoink, di solito iniziamo un progetto con l’ambientazione, l’atmosfera e l’arte; così ci siamo seduti con un paio di artisti e abbiamo iniziato a disegnare personaggi e luoghi fuori contesto, ispirati a fiabe vecchie e nuove che amiamo. Abbiamo studiato l’atmosfera e le lunghe ombre dei dipinti di Shaun Tan, esaminato i materiali e l’animazione dei film di Laika e la concretezza delle strane creature dello Studio Ghibli. In quel periodo, il direttore artistico Victor Becker si era unito al nostro team ed era solo una forza creativa che ci ha portato tutti in posti nuovi e sbalorditivi.

Lost in Random

Fin dall’inizio, la protagonista era una giovane ragazza che si faceva strada in un oscuro mondo da favola, ma ovviamente ci mancava un ingrediente enorme: di cosa sarebbe stato il gameplay? Quindi, quando Klaus Lyngeled, responsabile dello sviluppo di Zoink, ci ha mostrato questo disegno di una ragazza con un dado che vagava in un gigantesco mondo di gioco da tavolo, ognuna delle nostre teste è esplosa di idee. Da lì, tutto è rapidamente andato a gonfie vele in un mondo governato da Random e dadi viventi!

Come definiresti questo tipo di storia a qualcuno?
Ambientato in un mondo da favola gotico basato sui dadi, giochi da tavolo giganti e casualità, Lost In Random racconta la storia di due giovani sorelle: Even e Odd. Il mondo soffre sotto i tiri e le regole dell’unico Vero Dado Oscuro della Regina, e quando un bambino compie 12 anni, Sua Maestà arriva nel loro villaggio e li fa tirare per vedere in quale dei sei regni di Random trascorreranno il resto della loro vita, Quando la sorella maggiore di Even, Odd, compie dodici anni, tira i dadi scuri della regina come tutti gli altri… e tira un sei! Ciò significa che non deve faticare in uno dei cinque distretti inferiori, ma trascorrere la sua vita a Sixtopia, nel regno dei sogni della Regina!

“Che fortuna!” esclamano tutti mentre la carrozza ragno gigante della Regina parte con Odd a bordo. Tutti tranne Even, che è devastata dal rapimento di sua sorella. Armata solo di una fionda, scappa dal suo distretto di Onecroft per trovare sua sorella e riportarla a casa.

Cosa c’era in Ryan North che ti ha fatto venire voglia di farlo entrare in squadra per questa partita? In realtà abbiamo lavorato con lui per molto tempo su diversi progetti! I rapporti sono iniziati (prima che lavorassi alla Zoink) tra lui e Klaus quando stavano realizzando un gioco per cellulare basato su Adventure Time e Klaus ha saputo che Ryan aveva lavorato su alcuni fumetti di Adventure Time. Dopodiché, Klaus ha chiesto se voleva scrivere qualcosa per il titolo originale dello studio Stick It to the Man! che è diventato il primo grande successo indipendente di Zoink.

Quando sono entrato in Zoink, uno dei miei primi lavori è stato quello di scrivere la storia per Flipping Death insieme a lui e Klaus, quindi è lì che ho avuto modo di conoscerlo personalmente e il suo modo incredibilmente intelligente e divertente di scrivere i dialoghi. Il mondo di Random è abitato da esseri con menti altrettanto casuali e complicate, e sapevamo che Ryan aveva le carte in regola per dare corpo a questi personaggi! Ogni albero di dialogo è come la propria equazione; una poesia con una sua curva drammatica, dal primo “ciao” all’ultimo “ciao per sempre!” Uno scrittore inventivo come Ryan è davvero difficile da trovare e tu, il tuo capo, tua nonna, tutti dovrebbero assumerlo!! (Solo, per favore, non imbrogliarlo: abbiamo bisogno di lui per i nostri titoli futuri. Lo senti, Ryan? Stiamo venendo per te.)

Di cosa parla Lost in Random? E cosa ha ispirato i suoi temi e personaggi? Alla base, Lost In Random è una storia di formazione sull’affrontare la paura della casualità. Tutti hanno incertezza nella loro vita e ci aggrappiamo a qualsiasi controllo possiamo ottenere, rimandando la realtà che tutto cambia. Sono stato particolarmente attratto dal tema in quanto anch’io sono una persona piuttosto preoccupata, che spesso cerco di prevedere un “lancio di dadi” dopo l’altro per proteggermi dai danni. È folle! Ma così umano e così comune. Ho molti amici, colleghi e persone care ansiose, quindi ho voluto approfondire questo aspetto in questa storia sulla paura di perdere il controllo rispetto al rotolare con i pugni e affrontare la mano che ti è stata assegnata. (Abbiamo un sacco di questi giochi di parole appena accumulati e in attesa di essere rilasciati a un pubblico ignaro, quindi per favore scusami.)

È anche una storia sulla fratellanza, che prende ispirazione da diverse storie di noi sviluppatori dello studio di avere fratelli a cui ti ispiri e la pressione di essere un fratello maggiore. Fin dai primi incontri con gli scrittori, si trattava sempre di due sorelle; uno di loro cerca di raggiungere l’altro, sia letteralmente che emotivamente. Il mondo di Random è come un personaggio enorme a sé stante, come una persona completa con tutti i suoi lati e stati d’animo diversi. Nascosto sotto l’esterno a volte stravagante o caotico, c’è un dolore nel mondo per aver perso la strada, o per non averlo mai trovato. Questo processo di pensiero ha guidato la scrittura dei personaggi e delle loro storie.

Lost in Random

Abbiamo anche guardato storie come Alice nel Paese delle Meraviglie e altre fiabe oscure in cui ogni personaggio che incontra il protagonista ha la sua storia e la sua vita uniche senza troppa esposizione. Abbiamo un mostro oscuro del folklore che ingabbia i bambini nella sua cassa toracica, un sindaco la cui seconda personalità sta letteralmente crescendo dal suo cappello e un dado con braccia e gambe come esempi. Tutto perché è visivamente sorprendente o aumenta il senso di meraviglia per il giocatore; la sensazione di entrare in una favola! Siamo uno studio guidato dall’arte e molte delle nostre storie e progetti di giochi iniziano con un artista che disegna qualcosa di strano che non possiamo fare a meno di voler esplorare ulteriormente.

Una scelta interessante è stata quella di inserire una sorta di ruota dei dialoghi nel combattimento stesso durante una parte del gioco. Puoi dirci qualcosa su questo e altre esperienze che rendono questo gioco così unico? Ad un certo punto durante l’esplorazione del personaggio di Royam, il malvagio sindaco capovolto di Two-Town, abbiamo deciso che avrebbe dovuto essere un pessimo rimatore e che il giocatore avrebbe dovuto insegnargli a fare rime per ottenere ciò di cui aveva bisogno da lui. Ricordo che abbiamo scherzato sul fatto di fare una battaglia in rima contro di lui, il che ha portato uno dei nostri Combat Designer, Alexander Linderson, a ricercare se fosse fattibile senza dover disturbare i nostri programmatori per qualsiasi tecnologia aggiuntiva – e così è stato! Poi, naturalmente, abbiamo il gioiello della corona di Dice Battles: le gigantesche arene dei giochi da tavolo, una delle prime idee di gioco che sapevamo di dover esplorare. Siamo rimasti davvero colpiti dal senso di scala e dalla sensazione di essere davvero piccoli e davvero potenti quando sconfiggevamo i grandi cattivi della Regina contro ogni previsione. Storicamente, queste cose erano tornei colorati ed epici a cui chiunque poteva partecipare, quindi abbiamo aggiunto questo vecchio stravagante banditore che annuncia cosa sta succedendo nel gioco in base al lancio dei dadi del giocatore.

Il mio gioco da tavolo preferito è quello che si trasforma in una specie di roulette gigante con grandi sfere che rotolano nel combattimento, mietendo scompiglio nell’arena. Divertimento stravagante!

I dadi sono una parte importante della tradizione in Random, giusto? Puoi dirci qualcosa su cosa pensa la gente di Random dei dadi magici? Di sicuro! Alcuni dicono che erano la forza vitale creativa di Random e che è una grande tristezza che siano stati banditi per sempre dalla Regina. Molti cittadini, tuttavia, affermano che i dadi sono pericolosi e giustamente banditi, e alcuni arriveranno persino a denunciare alle autorità chiunque dica il contrario. Fortunatamente per Even, molti hanno smesso di credere che esistano persino dadi diversi da quelli della Regina, tutto nella misura in cui scambieranno Dicey (i dadi partner di Even) per una piccola creatura vestita con un costume da dadi.

La maggior parte delle persone condivide la convinzione comune che il loro regno sia sicuro e giusto sotto i tiri dei dadi oscuri della Regina. Tutti hanno le stesse possibilità e nessuno deve prendere decisioni di vita davvero difficili, come chi essere e dove vivere. Sua Maestà lo farà per te! Che fortuna!

Lost in Random

Alla fine, però, questa è anche la storia di due sorelle e del loro legame. Cosa rende il loro legame così speciale e unico? Anche è tutt’altro che equilibrato; pieno di fuoco ed emozione. Quello che le manca in pazienza, lo compensa con grinta e determinazione. Mentre si comporta in modo duro e non le dispiace litigare, c’è ansia, insicurezza e paura nascoste sotto. Odd è sempre stata la sua stella guida, quindi Even non vede altra scelta che seguirla. Chi è lei senza Odd al suo fianco e come si inserisce in questo mondo casuale?

Odd è sempre stato quello cauto, tirando continuamente anche fuori dai guai in Onecroft. Ha sempre avuto una forte bussola morale e, essendo stata lei stessa vittima di bullismo, ha giurato di essere gentile con le persone a cui non è stata data una mano giusta. È più indulgente di sua sorella Even, in questo modo.

Ma ciò che è particolarmente unico nel legame che queste sorelle condividono è il modo in cui le collega anche a grandi distanze. Non molto tempo dopo che Odd è stato portato via, Anche ha un sogno su di lei così vivido e reale che sa nel suo cuore che qualcosa non va. I sogni sono il modo di Even e Odd di rimanere in contatto, e mantiene Even sulla buona strada e determinata a salvare sua sorella dal terribile abbraccio della regina. Inoltre, potrai giocarci!

C’è qualcos’altro che vuoi dire al mondo a nome della squadra? Solo che sono così felice che siamo qui a questo punto, alle porte di Random: il nostro gioco è stato completato e pronto per essere rilasciato. 3-4 anni di lavoro, non sono stato in grado di afferrarlo completamente fino ad ora! La banda di Zoink ringrazia per il supporto e speriamo che ti divertirai nel tuo viaggio attraverso il mondo caotico che abbiamo creato per te (sì, TU!) e che ti lascerà desiderare di più. Perché abbiamo molto di più che ci piacerebbe esplorare.