FILM TV Italia Variety

THE GUILTY – da oggi su Netflix il film thriller con Jake Gyllenhaal diretto da Antoine Fuqua

THE GUILTY

da oggi su Netflix
il film thriller con Jake Gyllenhaal diretto da Antoine Fuqua

Jake Gyllenhaal

Sei anni dopo il dramma sulla boxe Southpaw, l’attore Jake Gyllenhaal e il regista Antoine Fuqua si riuniscono per il nuovo thriller Netflix The Guilty. Basato sull’omonimo film danese del 2018, Gyllenhaal interpreta un detective della polizia in difficoltà che viene retrocesso al servizio di operatore del 911 e si arrampica per salvare un chiamante in difficoltà durante una giornata straziante di rivelazioni e calcoli.

A causa della premessa unica – con molte scene drammatiche che si svolgono con Gyllenhaal al telefono – l’intera ripresa ha richiesto solo 11 giorni e tre membri del cast sullo schermo, tra cui Gyllenhaal, che ha anche prodotto il film con Fuqua. In vista dell’uscita di Netflix del 1° ottobre di The Guilty, il duo ha discusso di cosa li ha portati al progetto, della loro ricerca dietro le quinte e delle molte sfide uniche del film.

Gli attori raccontano il loro coinvolgimento nel film The Guilty

Ho ricevuto una telefonata dal mio amico Jake, e mi ha detto che aveva una sceneggiatura per la quale pensava fossi perfetto. L’ho letto quella notte e l’ho chiamato, credo, il giorno dopo e gli ho detto: “Ci sto”. Ovviamente, lavorare di nuovo con Jake è stato un grande vantaggio. Amo il ragazzo, e l’argomento era perfetto come ha detto che sarebbe stato per me.Antoine Fuqua

Antoine ed io condividiamo qualcosa di veramente speciale, qualcosa di indescrivibile. Abbiamo un istinto quando c’è del buon materiale. C’era qualcosa che sentivo di aver capito su The Guilty, qualcosa sotto cui mi sono sempre relazionato molto profondamente, mi ha entusiasmato e ispirato. E quindi, è stato un gioco da ragazzi e anche una sorpresa che Antoine si sia impegnato così velocemente come ho fatto io. Era l’unica altra persona oltre a me, che, non appena ha letto la storia, ha detto “Ci sto”. E quel legame che abbiamo, difficile da esprimere a parole, si manifesta nel film. È meraviglioso poter lavorare con qualcuno più di una volta e sapere che ti fidi già di loro, sapere che arriveranno fin dove arriverai tu e viceversa.Jake Gyllenhaal

THE GUILTY: BEHIND THE SCENES with ANTOINE FUQUA (DIRECTOR). CR: GLEN WILSON/NETFLIX © 2021.

Note di regia di Antoine Fuqua

Sia io che Jake abbiamo amici in questo mondo che conosciamo da molto tempo, e quello che dovevo fare era andare in un call center del 911, quindi sono andato a West Valley e il capitano, Dave Storaker, ci ha aiutato Un sacco. Ci ha guidato attraverso il call center e ci ha presentato alcune delle persone, e ci ha fornito alcuni spunti su ciò che affrontano quotidianamente a livello personale, e molte cose tecniche, ovviamente, dovevamo conoscere le cuffie e come Funziona. La cosa più sorprendente è stata proprio la connessione umana quando vai in un posto come quello e vedi persone che assomigliano a tua madre, o tuo fratello, o tuo cugino – e non sei solo una voce al telefono – che doveva vivere con il trauma di qualcun altro ogni giorno, ascoltare le persone che chiamano ovviamente, nel giorno peggiore della loro vita. E anche le persone che chiamano al centro di emergenza si fanno carico di questo stress.

È un film sul suono, sull’ascolto, su ciò che si sente e su qual è la realtà. Catturare questa è tutta un’altra storia, praticamente, perché a quel tempo stavamo girando, era durante il culmine del COVID, quindi non potevamo avere attori che andavano su uno stage normale a registrare, quindi abbiamo dovuto trovare un sistema con il nostro tecnico del suono su come portare queste scatole speciali agli attori che erano in tutto il mondo, e poi ottenere la loro registrazione, ma poi farlo dal vivo con Jake mentre è in una stanza a esibirsi, senza alcun problema.

Beh, non è successo affatto. Penso che avesse circa cinque o sei voci diverse nell’orecchio allo stesso tempo a causa dei problemi tecnici. Abbiamo dovuto lavorare anche con il sistema Zoom. L’abbiamo capito alla fine. Penso che Jake avesse probabilmente recitato ogni scena come se fosse una commedia, costantemente, ancora e ancora e ancora, perché le chiamate erano continuative. Non ci sono molti tagli tra ogni chiamata, quindi abbiamo dovuto fare quasi l’intera sceneggiatura, in alcune sezioni, come una commedia, con le voci nell’orecchio. È stato impegnativo, ma è stato fantastico per ciò che accade naturalmente. Usiamo molti dei dialoghi delle prime chiamate Zoom, perché le esibizioni sono così crude e molte delle esibizioni di Jake sono state così intense.

Le osservazioni di Jake Gyllenhaal

Quando ho inviato per la prima volta la sceneggiatura ad Antoine, quello che ho detto è stato: “Giriamo questo film in cinque giorni“. Ci ha davvero entusiasmato, l’idea che avremmo potuto girare il film in un periodo di tempo molto breve, la pressione sarebbe stata alta, proprio come è sul personaggio di Joe Baylor. E se c’è qualcosa che so su Antoine, lui ama quella pressione, ed entrambi prosperiamo in quello spazio. Quindi, abbiamo fissato questo obiettivo per noi stessi e, lentamente, quei 5 giorni si sono trasformati in 11 giorni. Quindi abbiamo girato il film e l’abbiamo programmato per 11 giorni, e abbiamo progettato l’idea di suddividerlo in cinque sezioni e ognuna sarebbe di circa 15-20 pagine, e giravamo una di quelle sezioni ogni giorno. Quindi, preparare la Sezione 1, 2, 3, 4, e chiamare Antoine in segreto e dire: “Ho memorizzato da 1 a 4“. per tutta risposta: “Non dirlo a nessuno. Abbiamo ancora 11 giorni. Forse possiamo girarlo in 9″.

The Guilty è disponibile dal 1° ottobre su Netflix.