Cinema Italia Variety

NO TIME TO DIE – nei cinema il film diretto da Cary Joji Fukunaga con Daniel Craig, il viaggio emotivo di Bond attraverso i precedenti titoli

NO TIME TO DIE

BOND 25
il viaggio emotivo di Bond attraverso i film precedenti

nei cinema il film diretto da
Cary Joji Fukunaga
scritto da
Neal Purvis & Robert Wade e Cary Joji Fukunaga
con
Daniel Craig

In No Time To Die, Bond ha lasciato il servizio attivo e si sta godendo una vita tranquilla in Giamaica. La sua pace è di breve durata quando il suo vecchio amico Felix Leiter della CIA si presenta chiedendo aiuto. La missione per salvare uno scienziato rapito si rivela molto più infida del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso criminale armato di una nuova pericolosa tecnologia.

La produzione

Laddove una volta i film di James Bond si svolgevano come avventure separate, collegate da personaggi sia malevoli che benigni, EON Productions voleva che la serie di Daniel Craig si svolgesse come un tutt’uno. Quantum Of Solace (2008) è stato ripreso subito dopo Casino Royale (2006), che aveva tracciato l’inizio di Bond nella vita di un agente double-O. Skyfall (2012) si è inserito nella serie per rivelare aspetti importanti della prima infanzia di Bond. Ora, il 25° film della serie EON, No Time To Die, inizia all’indomani di Spectre (2015), dove la conclusione del film ha visto Bond (Craig) e Madeleine Swann (Léa Seydoux) allontanarsi a bordo dell’Aston Martin DB5.

Quando Bond fa la sua prima apparizione in No Time To Die, lui e Madeleine sono a Matera, una città rocciosa in cima a una collina arroccata in Italia. Secondo il produttore della serie Michael G. Wilson, la narrazione avrebbe sempre ripreso con la relazione tra Bond e Madeleine. “La domanda era quando“, dice. La collega produttrice Barbara Broccoli spiega: “C’è stato un dibattito su come continuare a raccontare la storia d’amore ed esplorare i temi che sono diventati così centrali nei film di Daniel Craig”.

Nomi (Lashana Lynch) and James Bond (Daniel Craig) in NO TIME TO DIE, an EON Productions and Metro-Goldwyn-Mayer Studios film Credit: Nicola Dove © 2020 DANJAQ, LLC AND MGM. ALL RIGHTS RESERVED.

Con No Time To Die c’era una storia forte da concludere, un sacco di questioni in sospeso da chiudere“, dice Craig. “Penso che siamo riusciti a raccontare quella storia e a fare tutto insieme“.

I temi che esplorano i segreti, il tradimento e la fiducia hanno cucito insieme gli ultimi quattro film e spingono la narrazione verso la sua elettrizzante conclusione in No Time To Die. Dopo il crepacuore che ha sofferto con la perdita di Vesper Lynd (Eva Green) a Casino Royale, il suo rapporto fluttuante con M e MI6, e il dolore inflitto dalle rivelazioni impartite da Blofeld (Christoph Waltz), Bond ha corso un altro rischio, deludendo la sua guardia con Madeleine mentre tenta di provare ad amare di nuovo.

Paloma (Ana de Armas) in Cuba in NO TIME TO DIE, an EON Productions and Metro-Goldwyn-Mayer Studios film Credit: Nicola Dove © 2020 DANJAQ, LLC AND MGM. ALL RIGHTS RESERVED.

Se Bond ha intenzione di impegnarsi in una relazione, questo gli solleverà tante sfide emotive“, continua Broccoli. “Quindi la fiducia è il tema principale di questo film; prendere un impegno emotivo con qualcuno è molto difficile a causa della sua storia di legami, e poi il tradimento è una parte importante della rottura di quegli attaccamenti”.

Sebbene si stia impegnando nella sua relazione con Madeleine, No Time To Die inizia con Bond che ha interrotto la sua relazione più duratura, il suo impiego con l’MI6. Il produttore associato Gregg Wilson nota che il ritiro di Bond ha aperto i registi a una nuova realtà.

La pensione di Bond era un posto nuovo per noi“, dice, pensando a come sarebbe stato quest’uomo se non avesse avuto il suo lavoro quotidiano. Quando hai dedicato la tua vita al servizio, come Bond, qual è l’eredità che ti lasci dietro?

Per raccontare questa storia, i filmmakers si sono rivolti al regista visionario Cary Joji Fukunaga (Jane Eyre, Sin Nombre, True Detective), che è intervenuto dopo che la produzione si è separata dal regista Danny Boyle. Michael G. Wilson e Broccoli ammiravano da tempo il lavoro di Fukunaga sia come scrittore che come regista e incontrarono per la prima volta a New York poco dopo l’uscita di Spectre.

Quando ci siamo incontrati, Cary ha detto che prima o poi gli sarebbe piaciuto fare un film di Bond”, spiega Broccoli,Quindi quando Danny Boyle è uscito dal progetto, stavamo cercando un nuovo regista e lui ha contattato. Era incredibile che fosse disponibile. Il suo entusiasmo per il progetto e anche la sua abilità di scrittore sono entrati davvero in gioco. È andato tutto miracolosamente».

Fukunaga è il primo americano a dirigere un film di James Bond. “Penso che tutti i film di Cary siano incredibili ed è in grado di lavorare in qualsiasi genere“, spiega Michael G. Wilson, “ed è anche uno scrittore meraviglioso. È fantastico con i personaggi e con gli attori e porta un livello di complessità in tutto ciò che fa. È una persona molto internazionale. Parla diverse lingue, viaggia molto ed è anche una specie di anticonformista. È giovane ed entusiasta e lui è visivamente straordinario. Cary è anche in grado di rendere comprensibili cose molto complicate e che si adattano così bene a ciò che volevamo da questa storia“.

L’introduzione di Fukunaga alle storie di Bond è arrivata quando ha visto il canto del cigno di Roger Moore, A View To A Kill del 1985, nel suo cinema locale. “Ricordo di aver amato il finale sul Golden Gate Bridge“, ricorda. “Sembrava che Bond fosse entrato nel mio mondo. Era semplicemente un bel film con Roger Moore che spaccava il culo“.

Mentre la carriera di Fukunaga si sviluppava come scrittore, produttore e regista, quei ricordi sono rimasti e dice che ha sempre sperato di dirigere un film di Bond un giorno e, come i produttori, Fukunaga era particolarmente entusiasta del viaggio emotivo di Bond attraverso i film precedenti. “Quando stai cercando Casino, Quantum, Skyfall e Spectre, hai una buona idea dell’arco che il personaggio di Bond ha attraversato

James Bond (Daniel Craig) in NO TIME TO DIE, an EON Productions and Metro-Goldwyn-Mayer Studios film Credit: Nicola Dove © 2020 DANJAQ, LLC AND MGM. ALL RIGHTS RESERVED.

Per noi, questo film arriva cinque anni dopo Spectre. Il mondo è cambiato molto da allora e gran parte della nostra discussione riguardava come facciamo sentire questo film del tempo, ma anche dell’universo di Bond, che non è mai veramente specifico per un momento. Questo faceva parte delle primissime conversazioni che abbiamo avuto con i produttori e con Daniel. Vuoi anche portare qualcosa di nuovo nella storia e vuoi anche onorare tutti i film di Bond in termini di leitmotiv e aspettative“.

La principale tra queste aspettative è l’avventura e il pericolo associato. “Ogni film di Bond ha dei pericoli”, aggiunge il regista. “Prendi la cosa più spaventosa che puoi immaginare di fronte al mondo, e poi hai Bond da mettere di fronte e fermarlo. E ciò che è stato interessante nella corsa di Daniel Craig sono gli strati aggiunti che ha portato a quel personaggio“.

C’è complessità, c’è danno, c’è anche vulnerabilità che è stata insabbiata dal primo dei suoi film, quando Vesper Lynd è morto. Il suo processo decisionale è interessante per la sua ingegnosità e anche per i suoi difetti. Penso che la sua sia una storia davvero interessante“.

Con la storia che prendeva forma sotto la guida di Fukunaga e degli sceneggiatori di lunga data di Bond Neal Purvis e Robert Wade, i produttori e Daniel Craig hanno anche invitato il contributo della scrittrice e attrice Phoebe Waller-Bridge (Fleabag, Killing Eve), che ha portato ad assumere carattere e storia, pur mantenendo ciò che Broccoli descrive come “l’essenziale britannicità” di Bond.

Phoebe ha avuto un grande impatto sulla sceneggiatura e adoriamo lavorare con lei”, afferma Broccoli. Tutti gli scrittori hanno dato un contributo e Cary ha cercato di incorporare il più possibile il lavoro di tutti. La storia è molto complicata ma è raccontata in modo molto comprensibile. Le rivelazioni sono affascinanti“.

Lo sviluppo del personaggio è molto profondo e le relazioni sono complicate ma interessanti ed emotive. Penso che la sceneggiatura sia venuta benissimo“, aggiunge Broccoli. Con No Time To Die che riprende la storia subito dopo gli eventi di Spectre, Fukunaga afferma che la prima parte del film “sta seguendo la storia della luna di miele di Madeleine Swann e Bond una volta che è andato in pensione“.

Ovviamente le cose non vanno sempre secondo i piani. “Finiscono per prendere strade diverse“, continua Fukunaga.Poi abbiamo ripreso con lui cinque anni dopo e il mondo è cambiato. Il mondo è andato avanti. Anche l’intero panorama politico è cambiato».

C’è una minaccia in arrivo che coinvolge SPECTRE e alcuni altri elementi esterni, e Bond è coinvolto di nuovo nell’aiutare l’MI6 a impedire che un’arma diabolica esca nel mondo. È una storia affascinante con personaggi così brillanti, vecchi e nuovi“.

STORIA DI: Neal Purvis & Robert Wade e Cary Joji Fukunaga
BASATO SU: I romanzi e le storie di James Bond scritti da Ian Fleming e il 24 film di James Bond prodotti da Danjaq, LLC e dai suoi predecessori in interesse
CAST: Daniel Craig, Rami Malek, Léa Seydoux, Lashana Lynch, Ben Whishaw, Naomie Harris, Jeffrey Wright, Christoph Waltz, Ralph Fiennes
PROTAGONISTI ANCHE: Rory Kinnear, David Dencik, Ana de Armas, Billy Magnussen e Dali Benssalah
REGISTA: Cary Joji Fukunaga
SCENEGGIATURA DI: Neal Purvis e Robert Wade e Cary Joji Fukunaga e Phoebe Waller-Ponte
PRODUTTORI: Michael G. Wilson, p.g.a. e Barbara Broccoli, p.g.a.
COMPOSITORE: Hans Zimmer
MUSICHE: Steve Mazzaro

Con la canzone del titolo “No Time to Diescritta da Billie Eilish e Finneas O’Connell,
prodotto da Finneas O’Connell e Stephen Lipson.

immagine di copertina
James Bond (Daniel Craig) and Paloma (Ana de Armas) in
NO TIME TO DIE, an EON Productions and Metro-Goldwyn-Mayer Studios film
Credit: Nicola Dove © 2020 DANJAQ, LLC AND MGM. ALL RIGHTS RESERVED.