Italia Testi Canzoni Variety

GIORGIENESS – presenta l’album MOSTRI riconoscendo il tuo mostro puoi lasciare che altri lo amino

MOSTRI

È IL NUOVO ALBUM DI

GIORGIENESS

Giorgieness presenta il nuovo album “Mostri”, disponibile su tutte le piattaforme digitali da oggi 28 ottobre 2021 , Sound To Be. Fuori oggi anche il video ufficiale del singolo omonimo.

Giorgia D’Eraclea, voce e penna del progetto, ha dato vita a un disco più maturo, ricercato, meno arrabbiato e sempre più consapevole. Un disco diverso nel linguaggio, in cui l’artista ha cercato di dipingere più che di scrivere, di raccontare più che descrivere. I racconti riguardano tante persone, il passato in diverse forme e il futuro incerto, la speranza di fare qualcosa che rimanga e la voglia di rimanere in disparte, fuori da un mondo che forse non sta bene addosso, ma «mi sta bene attorno», dice. I brani raccontano di famiglia, di amore – per se stessi e per gli altri – in tutte le sue forme, di dolore, di prepotente rinascita.

«Ho scritto questo album in un momento di quiete, in modo molto diverso dagli altri», racconta Giorgieness. «Oggi sento di poter dire dire di aver composto le canzoni che avevo bisogno di ascoltare, forse ancora più che di scrivere. I mostri siamo noi, tutti, soprattutto quelli come me, un po’ rotti e un po’ troppo profondi, quelli che ridono quando stanno male e piangono quando sono arrabbiati. Siamo tanti e mi sono resa conto che se c’è una cosa che voglio fare con la mia musica è dare un posto a chi sente di non averlo, dare sollievo a chi si trova nella tempesta, come spesso capita a me. Ed è un disco che ho scritto “alla fine dei vent’anni”, fase che sto vivendo come un passaggio di stato, come un capodanno da cui ripartire.I mostri di cui parlo sono tutti reali, e sono gli unici a farmi paura davvero. Non è ciò che non conosco che temo, ma quello che ho imparato e capito, quello che è già successo e vorrei non succedesse più. Così la mancanza si fa monito, la nostalgia la mia migliore amica, il dolore mio padre e la speranza mia madre. Tutte le emozioni che proviamo sono valide e meravigliose, bisogna solo mettersi alla giusta distanza, anche se siamo tutti stanchi, c’è sempre un nuovo sforzo da fare per cui ne vale la pena. E se è l’immagine che hanno gli altri di noi ad affossarci, deve diventare quella che hai di te stesso a mandarti avanti. Solo guardandoti allo specchio e riconoscendo il tuo mostro puoi lasciare che altri lo amino. Perché, alla fine, preferisco essere libera che compresa

Per questo nuovo capitolo del progetto, Giorgia ha deciso di circondarsi quanto più possibile di artiste donne: è tutto al femminile infatti il team delle Scapigliate (Serena Debianchi, Anna Mancari, Elisabetta Amicucci e Monica Carlone), che ha curato la grafica della copertina del singolo. Di loro, l’artista racconta: «Non sono solo donne splendide: sono tutte artiste con un’estetica definita e una creatività viva e d’impatto. Nel mio lavoro cerco sempre di coinvolgere persone che siano prima di tutto amiche e professioniste che stimo, perché penso sia bellissimo unirsi e dire che ci siamo e ribadire che le donne non sono le peggiori nemiche delle donne: il patriarcato è il peggior nemico delle donne. Ci siamo confrontate e mettendo insieme le idee abbiamo curato ogni aspetto dello shooting, dal concept allo styling, facendoci aiutare da Maria Pisani, che curò le grafiche del mio primo album e spesso mi salva la vita.».
La maschera – passamontagna è stata realizzata a mano da Chiara (@andwhatif su Instagram).

Il video ufficiale di Mostri è un video realizzato da Giorgieness stessa, ed è tratto proprio da momenti della giornata trascorsi con le Scapigliate, come racconta l’artista:
«Si è creata una sinergia speciale tra me e le Scapigliate nella giornata di shooting che non potevo non farne tesoro. Così ho messo insieme immagini di quel giorno e altre che mi hanno ricordato come mi sentivo mentre scrivevo “Mostri” e ne ho fatto un viaggio. Mi piaceva mettere in contrasto la spensieratezza con cui abbiamo ballato in costume su un cavalcavia e i fuochi d’artificio che fanno i nostri cuori quando scoppiano, quando sentono quei mostri ed iniziano ad amarli. L’ho scritto, diretto, montato e colorato con amore, spero faccia viaggiare anche voi!»

stream https://lnk.to/_Mostri

MOSTRI TRACKLIST

  1. HOLLYWOO –
  2. IL GIARDINO DEL TORTO –
  3. MOSTRI –
  4. MALEDETTA –
  5. SUPEREROIANIMA IN PIENA –
  6. GILDA –
  7. COSE PICCOLE –
  8. SUCCESSO –
  9. TEMPESTA –
  10. QUELLO CHE VI LASCIO

MOSTRI  raccontato TRACK BY TRACK da Giorgieness

1 HOLLYWOO “Hollywoo” è, al contrario di quello che esprime musicalmente, uno dei pezzi più  scuri che ho scritto per questo album. Volevo restituire uno spaccato di vita, il  ritratto di una solitudine, quella di chi spesso da fuori sembra avere tutto o  comunque molto più di altri ma poi si trova a fare i conti con sé stesso. La  canzone nasce da un sentimento che io stessa ho vissuto. Rapportandomi a nomi molto più grandi del mio, immaginandone le problematiche, le insicurezze, gli  spazi enormi in cui dovevano stare da soli, ho elaborato la mia sensazione. Tra i miei pensieri sono apparsi personaggi come Marilyn – direttamente citata nel video del brano – alla più anagraficamente vicina Amy Winehouse, ma anche a personaggi fantastici come Bojack di cui abbiamo un po’ ricreato la sigla.  Insomma, tutti quei nomi un po’ maledetti che per colpa di questa solitudine  spesso ci hanno lasciati prima del tempo o sono diventati quello che non  avrebbero mai voluto essere. Nella canzone vagano, assieme a piccoli momenti  autobiografici, i fantasmi di questi personaggi. 

2 IL GIARDINO DEL TORTO  Il giardino del torto è quel posto dove sei totalmente te stesso, con tutto lo schifo e con  tutta la bellezza che ti porti dentro. Non tutte le persone posso entrarci, solo quello come te, quelle tutte storte ma vive. Non importa quando, non importa dove, lì ci si torna  sempre, come fosse uno stato d’animo condiviso, una stanza in cui togliersi le maschere  ed essere i mostri che ci portiamo dentro. Non necessariamente in senso negativo, anzi,  più in senso liberatorio. Perché ci sono persone con le quali non serve, persone che hanno visto la tua zona cieca  e che ti hanno mostrato la loro, con le quali magari non è sempre possibile starsi vicino per quanto fa male, ma che avranno sempre una sedia per te nel loro giardino del torto. 

3 MOSTRI Davvero dell’altro ci fa paura la diversità o spesso è proprio ciò che in loro riconosciamo di noi, a spaventarci? Quando tu sei il nemico di te stesso e non puoi fidarti delle tue sensazioni, chi sono i mostri di cui avere paura? È difficile fare entrare qualcuno nella propria vita, ancora peggio lasciare che veda quello che di noi ci spaventa, quello che cerchiamo di nascondere anche allo specchio. Cosa vuoi tu da me? Come puoi pensare di volermi nella tua vita? Chi ti dà il diritto di farmi stare bene se tanto poi te ne andrai? Così ci complichiamo i rapporti, perdiamo chi vorremmo tenere vicino mettendolo costantemente alla prova, li bombardiamo coi nostri difetti e scappiamo davanti all’amore, quello vero, quello che poi ti porta a impegnarti. E poi mandiamo i messaggi la notte, quando bisognerebbe dormire e invece ci chiediamo come fai? Come fai a spingermi sulla soglia delle mie paure? Come fai a farmi venire voglia di buttarmi nel vuoto dicendomi che ci saranno le tue braccia a prendermi? Perché siamo noi i mostri, siamo rivali, perché siamo soli e siamo uguali.

4 MALEDETTA  Era fine estate, sul tappeto dove sono cresciuta a casa di mia madre. Non  scrivevo da un mese, immagazzinavo vita, paesaggi, salsedine, sorrisi,  persone, volti amici, vita. Fuori dalla veranda, il mondo al tramonto. Dentro,  alcune delle persone a cui tengo di più. Ho pensato a tutte le volte che ci si delude senza farsi male, ai cambiamenti necessari, a quanto poco ci  conosciamo, al falso mito della coerenza che spesso è una scusa per non  saltare nel vuoto, a come la vita mi ricordi un treno sul quale qualcuno  scende e qualcuno sale, ma senza fermate, anzi, solo una, si spera il più  lontano possibile. Sono cambiata tanto in questo lungo silenzio, quanto mi è  servito lo capisco solo ora”, prosegue la cantautrice, che aggiunge: “Ho plasmato la rabbia in determinazione, il rumore in vento leggero, distorto  quanto basta. Più di tutto ho trovato la voce che ha il mio viso di oggi e l’ho usata tutta, senza paura di parlare piano”. “Maledetta sono io, maledetta sei  tu, maledetti siamo noi ogni volta che portiamo qualcuno al limite, senza  superarlo, sapendo chiedere scusa.

5 SUPEREROI La quotidianità dell’amore è un tema poco esplorato ma in realtà ricco di spunti. Di questo parla “Supereroi”, proprio perché non lo siamo, anzi, forse siamo l’esatto  opposto. Parla della fatica di lavorare su una relazione, dei piccoli compromessi che si fanno, delle  cose che non si dicono e di quelle che non ti stanchi mai di ripetere. Come una partita a carte lunga tutta la vita.  

6 ANIMA IN PIENA Per gli affezionati ai vecchi album, questa è la conclusione della storia che a lungo vi ho raccontato. È lo spazio in cui, alla fine, se ci credi davvero nel rapporto con una persona, può prendere una forma nuova e solida. È un guardarsi negli occhi e dirsi: siamo stati bravi, siamo stati veri, siamo stati, saremo. L’ho scritta in venti minuti in studio, cosa che non ho mai fatto, dopo una doccia di consapevolezze, mettendo insieme ricordi e nuove sensazioni. L’ho suonata a Marco e Ramiro, abbiamo pianto tutti e l’abbiamo registrata subito. Sapevo di avere in mano un pezzo importante per l’album, quello che idealmente chiude il cerchio, non avevo questa sensazione da “Non Ballerò”. Sul finale, la voce rotta è proprio perché non ho ancora imparato a non emozionarmi troppo nel cantarla, ma lo abbiamo tenuto così.

7 GILDA  È una vita che che mi sento dire da mia madre: tu sei Gilda, Gilda del film!  Non aveva torto, in effetti, mi ci è voluta mezza vita a capirlo. A capire quanto avessi  lasciato che fossero gli uomini della mia vita – da mio padre in poi – a determinare in  qualche misura chi fossi, cosa mi spettasse e cosa no. Così l’amore è sempre stato una  prova di forza, un esame di maturità, qualcosa da cui difendersi e che comunque non ti  spetta. Un copione, che avevo imparato a recitare e che nello schifo che faceva era anche  diventato una comfort zone. Sarà stata la terapia? Sarà stato che il mio mondo ad un certo punto è crollato e ho  dovuto ricostruirlo? chissà. Ma ho capito che so chiedere scusa, ma non devo farlo anche  quando mi feriscono. Che ho pazienza, ma non posso lasciare che diventi il tempo la mia  unica speranza. Ho imparato a non aver paura del mio corpo, ad averne invece cura, così  come tutte quelle cose che odiavo di me, iniziano a diventare le uniche certezze che ho.  E allora, cari voi, datemi tutta la colpa, io me la prendo, ballerò sorridendo e vi lascio  anche pensare di essere stupida. Non voglio più che convincere qualcuno del mio valore  diventi la priorità della mia vita.  

8 COSE PICCOLE Buffo che una canzone che parla di ambulanze sia stata scritta prima del covid, eppure è così. Ero sul balcone di casa dei miei, felice, leggera, di notte quando tutti dormivano. È  passata questa ambulanza e ho pensato a come si sentono i genitori quando i figli sono  fuori la sera, quando non tornano e sentono le sirene. Forse ho capito quanto il cuore si  riempie al contrario, nel sapere che stanno tutti bene. E in quel momento tutte le persone  care le sapevo al sicuro e ho sentito un forte senso di pace. Mi sono anche accorta che finalmente mi sentivo di nuovo me stessa, il buco nero era  finito, le cose stavano tornando al loro posto e potevo dire grazie solo a me stessa, alla  forza che ci ho messo per ripartire e alle persone che ho scelto di includere nel mio nuovo  viaggio. Così ho trovato pace nelle cose piccole.  

9 SUCCESSO  “Successo” è il mio dissing alla discografia, che tanto ancora deve imparare sull’arte. Esterna con ironia la ciclica frustrazione di chi, come me, vive e lavora nel mondo della musica, che ho scoperto non essere solo mio ma un sentimento condiviso che, ogni tanto, viene a bussare alle nostre porte. Ma questa canzone racconta anche  tanto altro: col tempo mi sono accorta che parla di così tante cose che sarebbe riduttivo dare una chiave di lettura unica. Altre dinamiche, fatti di cronaca, politica, storie di mille persone, di rapporti, di sogni. ”Successo” è semplicemente una fotografia di quello che ho attorno, quello che ho visto in questi ultimi anni, quello che accade nel mio mondo e oltre. Vorrei che fosse il manifesto di chi lavora con tenacia a testa alta, di quelli che non mollano mai nonostante le difficoltà.

10 TEMPESTA  “Tempesta” rende l’idea di quello che sono. Scritta quattro anni fa, una notte in cui mi sono  svegliata di colpo e ho capito che mi ero chiusa in una gabbia dorata, fatta di bugie che  raccontavo a me stessa. Al mio fianco la persona con cui condividevo un pezzo di strada che  inevitabilmente doveva dividersi. Non c’era più niente da darsi.   “Tempesta” non parla di lui, parla di me e di tutte le mie componenti, dei momenti di immobilità e  di quelli di piena, di questo mare in tempesta che travolge tutto e tutti.  Questa è la mia libertà. 

11 QUELLO CHE VI LASCIO  Unico pezzo scritto durante il lockdown ma soprattutto in una giornata nera come la pece.  Forse per questo è diventato il mio preferito, quello più sincero che ho scritto. Penso che la chiave, l’interlocutore con cui parlo, sia proprio il tempo. Il mio. Che ho scoperto non  essere infinito. Allora mi chiedo, e ci passo le notti, cosa sto lasciando? Se sto facendo abbastanza. Quanto di quel tempo che mi sono rubata è andato davvero perso e quanto invece  serviva solo ad arrivare qui.  

GIORGIENESS  BIOGRAFIA UFFICIALE

Con il lancio del progetto Giorgieness nel 2011, Giorgia D’Eraclea inizia a farsi largo sulla scena musicale italiana imponendosi con passionalità e vigore. Penna e voce dei brani è la stessa giovane cantautrice, affiancata da validi collaboratori sia in studio, sia sul palco.Dopo l’album di debutto “La Giusta Distanza”, uscito nel 2016, il 20 ottobre 2017 Giorgieness lancia “Siamo Tutti Stanchi”, disco che consacra il progetto nella scena indie nazionale. Entrambi i lavori sono pubblicati dall’etichetta Woodworm/Audioglobe. Dalla collaborazione con i produttori americani Bryan Senti & Justin Moshkevich, il 5 Ottobre 2018 esce per Ja.La Media Activities l’EP “Nuove Regole”, che comprende tre rework di brani contenuti nel suo secondo disco e un inedito, “Questa città”. Ma è con il prossimo album in studio, “Mostri”, in uscita il 28 ottobre 2021 e anticipato dal singolo omonimo, che Giorgieness decide di allargare ancora di più il campo aprendosi a scenari cantautorali dalle sonorità pop già testimoniati dai singoli “Maledetta”, “Hollywoo”, “Successo” e “Tempesta”. Nel corso della sua carriera  Giorgieness ha suonato in oltre 300 concerti nei principali club e festival Italiani, condividendo il palco con alcuni dei nomi più noti del panorama alternativo italiano e internazionale come Cristina Donà, Edda, Tre Allegri Ragazzi Morti, Verdena, Morgan, Il Pan Del Diavolo, Fast Animals And Slow Kids, The Kooks, Garbage, American Football, Placebo, White Lies e Savages.

IG @giorgieness