Cinema FILM TV Italia Variety

ENCOUNTER – il film thriller sci-fi diretto da Michael Pearce arriverà nei cinema e su Prime Video

AMAZON ORIGINAL MOVIE
PRESENTA

ENCOUNTER

Diretto da
Michael Pearce
Scritto da
Joe Barton, Michael Pearce
Cast
Riz Ahmed, Octavia Spencer, Rory Cochrane, Lucian-River Chauhan e Aditya Geddada

Nel disperato tentativo di salvare i suoi due giovani figli, Jay e Bobby, da una misteriosa minaccia, il marine decorato Malik Khan (Riz Ahmed) li carica in un’auto e parte per un pericoloso viaggio attraverso gli Stati Uniti occidentali, ma mentre corre verso una base militare segreta in Nevada che potrebbe essere la chiave per la sicurezza, la famiglia incontra il pericolo ad ogni svolta. Rimanendo un passo avanti a un gruppo di agenti governativi, Malik e i ragazzi si ritrovano a legare in modi inaspettati.

Mentre i loro implacabili inseguitori si avvicinano, e con il tempo che sta per scadere, ognuno di loro deve affrontare dure verità sul mondo, costringendo Jay e Bobby a lasciarsi alle spalle la loro infanzia. Una storia avvincente della missione di un padre di proteggere i suoi figli a tutti i costi, Encounter è allo stesso tempo un avvincente thriller e un potente dramma su una famiglia alle prese con un nemico apparentemente inarrestabile.

Diretto da Michael Pearce (Beast) da una sceneggiatura di Joe Barton (The Ritual, “Giri/Haji”) e Michael Pearce, Encounter è interpretato da Riz Ahmed (Sound of Metal, “The Night Of ”), Octavia Spencer (The Help, Hidden Figure), Rory Cochrane (Argo, Hostiles), Janina Gavankar (The Way Back, “The Morning Show”), Lucian-River Chauhan (“Heartland”, “Gabby Duran & the Unsittables”) e Aditya Geddada.

Il film è prodotto da Derrin Schlesinger (American Animals, The Nest), Piers Vellacott (Dream Horse, Three Identical Strangers) e Dimitri Doganis (American Animals, Three Identical Strangers). I produttori esecutivi sono Fred Berger (La La Land, “Bad Education”), Kate Churchill (Spotlight, Timmy Failure: Mistakes Were Made), Jenny Hinkey (Holidate, Eli), Daniel Battsek (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri; Widows), Ollie Madden (The Informer, The Father), Julia Oh (Rocks, Limbo), Zander Levy (“Industry”, “Harley and the Davidsons”) e Katherine Butler (Frank, American Animals). Il direttore della fotografia è Benjamin Kračun (Promising Young Woman, Beast). Lo scenografo è Tim Grimes (You Were Never Really Here, Sleepless). La costumista è Emma Potter (Creed, “True Detective”). Il casting è di Avy Kaufman (“Mare of Eastown”, “Succession”). L’editore è Maya Maffioli (Rocks, Beast). La musica è di Jed Kurzel (The Babadook, Slow West).

Encounter uscirà nei cinema a Dicembre 2021 e su Prime Video

Encounter, è il seguito del suo film d’esordio Beast, vincitore del BAFTA 2017, del regista Michael Pearce, combina perfettamente elementi di fantascienza, thriller psicologico, dramma familiare e polizieschi in un’avventura on the road avvincente e stimolante. Quel mix unico di generi era una parte di ciò che ha attratto Pearce al progetto. “Mi piace quando un film ha una dinamica emotiva molto ricca ed è amplificato da elementi di genere che sovraccaricano la pressione sui personaggi“, spiega. Quindi far sentire Encounter come un’opportunità per allargare il tema e connettersi con una vasta gamma di pubblico“.

Pearce afferma di essersi identificato particolarmente con la relazione centrale tra un padre e due giovani figli. Per gran parte della sua infanzia, Pearce è cresciuto con un padre single e un fratello minore, proprio come Jay Khan, il ragazzo interpretato in Encounter dall’attore Lucian-River Chauhan. “Ho davvero capito la dinamica del triangolo familiare del film e mi sono relazionato ai personaggi perché potevo vedere mio padre, mio fratello e me stesso in loro“, dice lo sceneggiatore-regista. “Gran parte di essa mi è sembrata la mia infanzia, compreso il viaggio che fanno. Quindi c’era una grande quantità di materiale nella storia in cui sentivo di potermi immergere“.

Encounter è iniziato come una sceneggiatura scritta da Joe Barton, che è stata portata all’attenzione dei pluripremiati produttori Dimitri Doganis, Piers Vellacott e Derrin Schlesinger, i cui crediti includono il
La docuserie NetflixDon’t F**k with Cats: Hunting an Internet Killer” e i lungometraggi American Animals e The Imposter.

Uno del nostro team ci ha portato la sceneggiatura di Joe circa otto anni fa e abbiamo capito subito che dovevamo provare a realizzarla“, afferma Doganis.Era una storia di genere che mostrava incredibili promesse“. Dopo aver visto Beast, i produttori hanno pensato che la sceneggiatura di Barton sarebbe stata perfetta per Pearce. Dopo aver letto la sceneggiatura, Pearce ha presentato la sua interpretazione del progetto a Barton e ai produttori. “Ho fornito loro alcuni esempi di cosa avrei cambiato o di cose che sono successe alla mia famiglia durante i nostri viaggi e di come avrei potuto portare tutto questo nella storia”, dice Pearce. “Ho anche visto l’opportunità di amplificare gli elementi del genere. All’epoca era più un film a budget medio-basso, che era davvero forte, ma pensavo che potesse salire di livello e, così facendo, raggiungere un pubblico più ampio mantenendo l’integrità dei personaggi“.

Secondo Doganis, i cambiamenti suggeriti da Pearce si basavano in gran parte sulla sua capacità unica di giocare con le aspettative degli spettatori sulle convenzioni di genere e sulla sua connessione personale con i personaggi. “Così è salito a bordo e ha iniziato a lavorare sulla sceneggiatura di Joe per aggiungere la sua visione alla storia. Nelle mani di Michael, il film è diventato molto più di quel momento in cui i bambini realizzano che i loro genitori sono fallibili e imperfetto.”

Pearce ha deciso di riscrivere la sceneggiatura di Barton, aspettandosi che ci sarebbero voluti alcuni mesi. Ma per affinare le complesse emozioni della storia e le avvincenti sequenze di suspense ci sono voluti quasi due anni. Dopo aver scritto diverse bozze, Pearce ha concluso con una versione che combinava perfettamente cuore, umorismo e umanità. Il risultato finale è valsa la pena aspettare, secondo il produttore esecutivo Fred Berger, candidato all’Oscar® per la produzione di La La Land. Riferendosi alla sceneggiatura come “un vero cambiamento“, Berger afferma di essere rimasto colpito dal modo in cui Pearce ha mescolato i disparati generi del film mantenendo una tensione mozzafiato dall’inizio alla fine. “Incontro ti tiene con il fiato sospeso e offre un sacco di spettacoli da godere, ma la vera ragione per cui le persone adoreranno questo film e lo guarderanno più e più volte è che saranno così commossi dalla famiglia in cui si incontrano il viaggio. Alla fine ti ritroverai a piangere”.

Berger, i cui numerosi crediti di produzione includono anche Seberg, Destroyer e Honey Boy, afferma che le sorprese di Encounter lo distinguono dagli altri thriller. “Questo non è un film in cui nei primi cinque minuti saprai esattamente come andranno a finire tutte le battute. Ma nonostante sia un’imprevedibile corsa sulle montagne russe, c’è un vero senso di coesione e coerenza nella storia e non c’è mai un momento di falsità “.

Un potente ritratto psicologico

Encounter è un entusiasmante thriller psicologico su un uomo che affronta pressioni inimmaginabili, e Pearce e Ahmed si sono proposti di ritrarre la lotta interiore di Malik nel modo più realistico possibile in ogni momento. Per il regista, ciò significava trovare modi creativi per soggettivizzare il punto di vista di Malik per il pubblico. “I miei film di genere preferiti sono quelli che usano il genere per portarti in un profondo viaggio interiore nella mente di un personaggio, perché per me, il personaggio è sempre la vera stella polare di un film“, afferma Pearce.Quindi ho fatto delle scelte deliberate che ho messo direttamente nella testa di Malik. Voglio che il pubblico capisca totalmente e inequivocabilmente quali sono le sue motivazioni: vedere il mondo attraverso i suoi occhi e sentire che farebbero le stesse scelte che fa lui in circostanze simili“.

Durante la riscrittura della sceneggiatura, Pearce ha letto i libri di testo di psicologia per creare un ritratto comprensivo e veritiero di ciò che sta accadendo nella mente di Malik sullo schermo. Poi ha inviato le citazioni chiave di quei libri ad Ahmed in modo che potessero discuterne. “Ho sentito che era importante per noi capire il terreno che stavamo esplorando e come lo avremmo visualizzato concettualmente sullo schermo“, afferma il regista. Ahmed ha anche messo in contatto Pearce con suo fratello Kamran, uno psichiatra. “Abbiamo avuto diverse conversazioni approfondite“, ricorda Pearce.Kamran si è consultato sulla sceneggiatura e ci ha fornito un feedback su come Malik e le sue condizioni sono rappresentate nel film“.

Uno dei conflitti centrali in Encounter è che Malik sta vivendo minacce che gli altri personaggi non comprendono appieno. Pearce ha scoperto che era uno spazio affascinante in cui collocare il pubblico. “Costringe gli spettatori a mettere in discussione ciò che è reale e ciò che non lo è, e ti mette nei panni dei figli di Malik, che sono in quel viaggio per scoprire qual è la verità”, dice. “Sembrava un’odissea molto avvincente per coinvolgere il pubblico”.

La capacità di Ahmed di navigare contemporaneamente su più livelli di un personaggio ha contribuito anche al ricco ritratto psicologico di Malik. A titolo di esempio, Pearce indica la scena in cui Malik va a prendere i suoi figli per la prima volta. “Il modo in cui Riz lo interpreta, puoi dire che Malik vuole davvero avere un vero momento di connessione con i due ragazzi, ma allo stesso tempo vedi i suoi ingranaggi mentali girare, perché ha un disperato bisogno di farli uscire da quella casa. In quelle scene, Riz cattura magnificamente l’intenso disagio psicologico che si nasconde appena sotto la superficie“.