Cinema Italia Variety

HOUSE OF GUCCI – nei cinema il film diretto da Ridley Scott la storia è una commedia di errori che si trasforma in tragedia

HOUSE OF GUCCI

nei cinema il film diretto da Ridley Scott
la storia è una commedia di errori che si trasforma in tragedia

House of Gucci si ispira alla scioccante storia vera della famiglia dietro l’impero della moda italiana. Quando Patrizia Reggiani (Lady Gaga), un’estranea dalle umili origini, si sposa con la famiglia Gucci, la sua ambizione sfrenata inizia a svelare l’eredità della famiglia e innesca una spirale spericolata di tradimento, decadenza, vendetta e infine… omicidio.

Dal visionario regista/produttore Ridley Scott (Alien, Gladiator, The Martian) arriva la vera saga dinastica, House of Gucci, una storia avvincente di ambizione, avidità, tradimento e omicidio ambientata sullo sfondo glamour dell’alta moda e dell’alta finanza. Il film visivamente elegante, che attraversa tre turbolente decadi nell’impero della famiglia Gucci, vanta un cast stellare guidato dalle nomination all’Oscar® Lady Gaga (A Star is Born) e Adam Driver (Marriage Story), i vincitori dell’Oscar® Al Pacino (The Padrino, Profumo di donna), Jared Leto (Dallas Buyers Club) e Jeremy Irons (Reversal of Fortune) la candidata all’Oscar® Salma Hayek (Frida) e Jack Huston (American Hustle) completano il cast stellare.

Metro Goldwyn Mayer Pictures presenta in associazione con BRON Creative una produzione Scott Free Un film di Ridley Scott “House of Gucci” Lady Gaga, Adam Driver, Jared Leto, Jeremy Irons, Jack Huston con Salma Hayek e Al Pacino. Musica di Harry-Gregson Williams. La costumista Janty Yates. A cura di Claire Simpson. Lo scenografo Arthur Max. Direttore della fotografia Dariusz Wolski, ASC. Produttori esecutivi Kevin Ulrich, Megan Ellison, Aidan Elliott, Marco Valerio Pugini, Aaron, L. Gilbert, Jason Cloth. Prodotto da Ridley Scott, p.g.a., Giannina Scott, p.g.a., Kevin J. Walsh, p.g.a., Mark Huffam, p.g.a. Basato sul libro “The House of Gucci” di Sara Gay Forden. Storia di Becky Johnston. Sceneggiatura di Becky Johnston e Roberto Bentivegna. Regia di Ridley Scott. Distribuito tramite United Artists Releasing. © 2021 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. Tutti i diritti riservati.

Oh che rete intricata che tessiamo
Quando per la prima volta ci esercitiamo a ingannare. – Sir Walter Scott

Dalle famiglie reali e dal lignaggio politico ai rampolli dei media, gli scandali e le tribolazioni di dinastie ricche e potenti hanno sempre esercitato un fascino: le famiglie della moda non sono diverse. Poco dopo la pubblicazione nel 2001 di “The House of Gucci: A Sensational Story of Murder, Madness, Glamour and Greeddi Sara Gay Forden, Scott Free, la prolifica società di produzione del visionario regista/produttore Ridley Scott, ha opzionato i diritti del lungometraggio. La sfarzosa ascesa e la caduta della famiglia Gucci attraverso tre generazioni, che includevano stravaganza, avidità, tradimento e, infine, omicidio, era un argomento irresistibile.

Il progetto è nato perché la moglie di Ridley, Giannina (uno dei produttori del film), ha inseguito il libro vent’anni fa”, afferma Kevin Walsh, presidente di Scott Free Productions e anche produttore di House Of Gucci. “Era affascinata dalla storia di Gucci e dalla lotta per il potere e da com’è per una famiglia gestire una dinastia di moda. È una vera testimonianza per lei come produttrice che è rimasta con il film fino al traguardo. Questo film è stato realizzato davvero grazie alla sua tenacia“.

Dice la produttrice Giannina Scott: “Avendo passato metà della mia vita in Italia ed essendo affascinata dalla moda, ero incuriosita da quanto fosse piena di passione questa tragica storia. Anche quando sbagliavano, tutto ciò che i personaggi principali facevano era pieno di passione“.

Il regista/produttore Ridley Scott aggiunge: “È stata un’affascinante storia familiare. La dinastia Gucci era quasi una regalità italiana all’interno dell’industria della moda e la sua distruzione è venuta dall’interno della famiglia e si è diffusa. Come potrebbe non essere interessante?

Nello sviluppo del film,lo scrittore che alla fine ci ha portato lì, per quanto riguarda la sceneggiatura, è stato Roberto Bentivegna“, afferma Walsh.Ha fatto un sacco di ricerche, ma alla fine ha creato le proprie dinamiche e relazioni di carattere“.

Roberto aveva un’affinità naturale per il materiale poiché è italiano ed è cresciuto in una famiglia che si occupa di moda”, aggiunge Giannina Scott.Ha messo molto del suo umorismo e della sua eredità nella storia e le sue idee erano totalmente in sintonia con la visione di Ridley“.

Sono cresciuto in Italia e mia madre era una stilista”, racconta Bentivegna. “Conosco anche molti dei luoghi glamour in cui la famiglia Gucci ha vissuto e ha avuto un ruolo. Ricordo di aver letto dell’omicidio e di aver pensato, wow, questo sarebbe stato un film fantastico“.

Bentivegna si è immerso nel resoconto definitivo di Forden e ha esaminato le centinaia di articoli scritti sulla dinastia Gucci e gli atti giudiziari del processo per omicidio. “La famiglia Gucci è molto conosciuta e ci sono molte informazioni su di loro“, dice.È stato affascinante sedersi con i principali quotidiani italiani come La Repubblica e leggere cosa avevano da dire sui diversi individui. Ho scoperto tante piccole pepite su di loro che non conoscevo prima, come l’ossessione per i piccioni di Paolo Gucci (interpretato da Jared Leto). Ha fornito un’ulteriore visione del suo personaggio“.

Per Bentivenga, la dinastia Gucci fa parte di una tradizione delle grandi famiglie toscane del Rinascimento, come i Medici o gli Sforza. “Si sono presi a pugni l’un l’altro senza rendersi conto che ciò che stavano facendo stavano distruggendo proprio ciò che avevano creato”, osserva. “E penso che, sia da un punto di vista letterario che cinematografico, la storia sia matura per un trattamento narrativo. Perché si tratta di tradimento. Riguarda ciò che le persone si fanno dietro le quinte e come si manipolano a vicenda“.

Roberto ha capito che la storia è una commedia di errori che si trasforma in tragedia”, afferma il regista Scott.

In Aldo Gucci troviamo il contrario di Rodolfo, sostiene Bentivegna. Sotto la sua guida, l’azienda della famiglia Gucci sembra essere fiorente e in continua espansione. Ma è in gran parte fumo e specchi. “Aldo è una volpe astuta e piuttosto fraudolenta, e questo è ciò che alla fine lo fa“. “Aldo vuole commercializzare l’attività“, afferma il produttore Walsh. “Vuole vendere cianfrusaglie, tazze e borsette contraffatte. Vuole aprire un centro commerciale in Giappone. Egli inietta la commercializzazione in Gucci che non tutti vogliono. Ma quando lo incrociano, incontrano una grande resistenza”.

Il figlio di Aldo, Paolo, può essere visto come il nobile sciocco. Nonostante Aldo ami suo figlio, lo considera un idiota, e non ha paura di dirlo apertamente, minando un ego già fragile. Come per Rodolfo e Maurizio, “Aldo è una presenza così grande che Paolo soffre di vivere costantemente all’ombra di Aldo“, afferma Bentivegna. “Aldo ama davvero suo figliodice il premio Oscar® Al Pacino.Ma allo stesso tempo, riconosce le sue inadeguatezze. Come dice lui, ‘mio figlio è un idiota, ma è il mio idiota“.

Mentre Rodolfo disprezza Patrizia, Aldo la vede come uno spirito affine. Qualcuno che è aggressivo e manipolatore. Insieme convincono il riluttante Maurizio ad entrare nell’azienda di famiglia. Con Patrizia che gli versa del veleno nell’orecchio, Maurizio diventa sempre più sicuro di sé ma anche cinico e spietato, eliminando dall’attività tutti gli altri membri della famiglia, compreso lo zio Aldo. “Alla fine si libera anche di Patrizia”, dice Bentivegna.

L’arco narrativo di Maurizio, sottolinea Bentivegna, ricorda quello di un altro erede di una dinastia familiare, Michael Corleone ne “Il Padrino”. “Come con Michael, c’è un fatalismo nell’ascesa al potere di Maurizio. Sa che, a un certo punto, tutto andrà terribilmente storto. C’è un senso di condanna per il suo ruolo nell’azienda di famiglia e la sua accettazione di esso“.

LONDON (PREMIERE), ENGLAND – NOVEMBER 09: (L-R) Jared Leto, Adam Driver and Lady Gaga attend the UK Premiere Of “House of Gucci” at Odeon Luxe Leicester Square on November 09, 2021 in London, England. (Photo by Gareth Cattermole/Getty Images for Metro-Goldwyn-Mayer Studios and Universal Pictures )

House of Gucciun cast da Sogno

Per il ruolo fondamentale di Patrizia Reggiani Gucci, Scott si è avvicinato alla superstar globale, multi-trattino, Lady Gaga, che ha entusiasmato il pubblico e la Motion Picture Academy nel suo debutto cinematografico, A Star is Born per il quale ha ricevuto una nomination all’Oscar® come miglior Attrice e ha vinto il premio per la migliore canzone originale.

Sono diventato curioso di Lady Gaga, in particolare dopo aver visto A Star Is Born“, afferma il regista Scott. “Ho pensato, ecco un formidabile talento – come intrattenitrice, come cantante, come produttrice e autrice del suo spettacolo. Un vero motore di creatività. Poi ci siamo incontrati e mi è piaciuta subito”.

Il ruolo della bellezza aggressiva e ambiziosa Patrizia Gucci in House of Gucci è molto diverso da quello dell’ingenua innocente e amorevole nel suo primo film, ma Scott ei suoi produttori erano convinti che fosse l’unica persona a incarnare Patrizia Gucci.

Lady Gaga è un talento straordinario e la gente deve ancora vedere questo lato di lei“, afferma il produttore Kevin Walsh. “Ha fatto un’incredibile quantità di ricerche sul personaggio ed è stata pienamente impegnata sin dal primo giorno. Sottilmente, mostra tutte le varie sfaccettature di Patrizia Gucci, mentre passa dall’essere affettuosa e amorevole a motivata e sicura, quasi psicotica, nel corso della storia. Ha interpretato tutte quelle sfumature magnificamente attraverso Patrizia ed è attraverso i suoi occhi che il film si svolge“.

Tra gli elementi che hanno attratto Lady Gaga al progetto c’era la complessità di Patrizia Reggiani, una donna fallibile e, a volte, moralmente compromessa che è, allo stesso tempo, sinceramente innamorata di Maurizio Gucci e desiderosa di aiutarlo a farsi strada. nell’azienda di moda di famiglia. “Prima di vedere il film, alcune persone potrebbero pensare che Patrizia sia una cercatrice d’oro“, afferma Lady Gaga. “Ma quando si sono sposati, la sua famiglia gli ha voltato le spalle. Quindi, non si è sposata per soldi, si è sposata per amore“.

È solo dopo che Maurizio ha ereditato metà della fortuna Gucci dal suo defunto padre, la sua ambizione ha preso piede e, anche allora, è scaturita da un bisogno di accettazione, secondo Lady Gaga. “Voleva così tanto essere presa sul serio dalla famiglia. Era intelligente e sentiva di sapere cosa fare per portare avanti l’azienda. Ma la loro accettazione era solo un’illusione. La stavano solo usando per arrivare a Maurizio e rafforzare il loro controllo. È sempre stata un’estranea, una donna in un mondo di uomini e c’è solo così tanto che potrebbe fare, come molte donne sanno. Il loro potere può spesso passare inosservato“.

E mentre la rappresaglia di Patrizia si è rivelata tragica, l’attrice ha trovato il modo di amare il personaggio per tutte le sue imperfezioni. “Credo che il tentativo di migliorare la sua posizione nella vita provenga da un a situazione innocente, non da una situazione colpevole. Tragicamente, alla fine, non solo non ha raggiunto il suo obiettivo, ma è finita molto al di sotto di dove si trovava quando ha iniziato“.

Non ha altro che elogi per il regista con cui ha intrapreso questo viaggio. Descrive Scott come unvisionario dell’architettura. È pittorico nel modo in cui si avvicina ai suoi film. Capisce anche il quoziente emotivo di una sceneggiatura e come lavorare con gli attori e navigare in ciò che stanno cercando di dire“.

La comprensione di Lady Gaga del ruolo e il livello di impegno erano evidenti a tutti nella produzione. “Siamo rimasti tutti sbalorditi da quanto fosse devota a questo ruolo“, afferma Giannina Scott. ”Ha preso Patrizia al cento per cento. Ha vissuto la parte dall’inizio alla fine“.

Il co-protagonista Jared Leto osserva che Lady Gaga ha portato un certo coraggio e dedizione nell’interpretare Patrizia. “Non l’abbiamo vista molto sullo schermo come attrice ed è eccitante perché non sai davvero cosa aspettarti. Ha quella capacità di sorprendere il pubblico. È una persona innamorata del processo creativo e che non ha paura di correre rischi audaci e coraggiosi“.

Lei possedeva quel personaggio”, aggiunge il co-protagonista Al Pacino.È così diverso da quello che ha fatto in ‘A Star is Born’. È una rivelazione totale“.

Parte del segreto del suo talento è che è speciale in tutto ciò che fa“, afferma la co-protagonista Salma Hayek.È ciò che la rende una vera artista. Lei va oltre il semplice essere una cantante, o semplicemente essere un’attrice. C’è un livello di impegno, passione e forza. Si butta completamente in tutto “.

L’ambizione e l’astuzia di Patrizia Gucci sono insite nella sua personalità, mentre Maurizio Gucci ha un arco drammatico più complesso. Inizialmente, è un introverso libresco, poi un uomo innamorato e, infine, un potente magnate. È un ruolo che richiede una presenza e una finezza uniche per trasmettere in modo credibile una trasformazione che potrebbe, in mani meno capaci, sembrare melodrammatica e eccessiva.

La seduzione è una parte importante del film“, afferma l’attore Adam Driver.Maurizio è sedotto da Patrizia, poi sedotto dal potere e poi dall’orgoglio. All’inizio è un po’ goffo e non molto elegante. Poi diventa più elegante e, presto, inizia a sentirsi più con i piedi per terra, che in realtà si adatta ai vestiti costosi che indossa. Ma in realtà, viene sedotto proprio da ciò che sa essere un male per lui“. All’inizio, i suoi sentimenti per Patrizia sono genuini, continua Driver. “Rifiuta tutto ciò che renderebbe la sua vita confortevole ma, alla fine, lui e Patrizia sono entrambi sedotti dall’irraggiungibile. Non è per progettazione. Lo eredita. Non ha la facoltà di reclamare il trono. Ma Patrizia lo fa perché è ambiziosa oltre la sua posizione”. Dopo aver completato due film con il regista Scott, Driver osserva: “Ridley si fida davvero dei suoi attori. E avere quel tipo di fiducia fa emergere cose buone, in me e anche in tutti gli altri attori“.

Adam è una razza rara“, afferma Scott. “È uno dei migliori nel settore in questo momento, un business in cui i giovani talenti vanno e vengono o si evolvono e continuano ad andare meglio e Adam si è evoluto per un po’ e continua a migliorare“.

LONDON, ENGLAND – NOVEMBER 09: (L-R) Salma Hayek, Jared Leto, Jeremy Irons, Lady Gaga, Adam Driver, Camille Cottin and Jack Huston attend the UK Premiere Of “House of Gucci” at Odeon Luxe Leicester Square on November 09, 2021 in London, England. (Photo by Tristan Fewings/Getty Images for Metro-Goldwyn-Mayer Studios and Universal Pictures )

Adam Driver è un attore di livello mondiale”, afferma il produttore Walsh. “La sua interpretazione di Maurizio è un modello fenomenale di moderazione. Avevamo appena lavorato con lui in The Last Duel ed è stato fantastico vedere come si è avvicinato a questi due ruoli totalmente diversi. Maurizio può essere molto calcolatore in un certo senso, ma è anche tranquillo e riservato. Tiene le carte molto vicine al petto. Nel corso del film, lo vediamo crescere da agnello mansueto a lupo“.

Il casting è essenziale per Ridley“, aggiunge Giannina Scott. “Adam è un attore eccellente e, fisicamente, sembra la parte. Ridley pensò immediatamente a lui. Avevano appena lavorato insieme e avevano già una stenografia”.

Una delle cose meravigliose della performance di Adam è che è così interiore con le sue emozioni, eppure riesce a trasmettere tutto ciò che Maurizio sta pensando, il che è una cosa molto difficile da fare perché gran parte non è verbalizzato“, dice lo scrittore Bentivegna.
Adam è grande”, afferma Pacino.Ha incarnato Maurizio e ha portato un’altra dimensione al film. C’era un livello in cui interpretava il ruolo che era così individuale. Sapevi sempre dov’eri quando eri con Maurizio. Ha portato da parte tanta solidarietà”.

La chimica tra Lady Gaga e Adam Driver è palpabile, secondo Walsh. “Sono totalmente credibili sia nel modo in cui interagiscono fisicamente sia nel modo in cui si allenano. Puoi vedere il passaggio dall’amore all’odio“.
Fin dal loro primo incontro, Adam e Lady Gaga sono stati subito amici“, afferma Giannina Scott.Il che è importante, perché la loro è una storia molto intima.” Lady Gaga e Driver hanno immediatamente trovato una connessione, ha detto. “Adam è sia istintivo che accademico, intellettuale e profondamente viscerale. Mi sono divertito moltissimo a creare questa storia d’amore con lui“.

Il personaggio di Aldo Gucci è volatile, giocoso e immancabilmente carismatico e chi meglio incarna quei tratti del poliedrico e talentuoso Al Pacino che, nel corso della sua carriera, ha accumulato nove nomination all’Oscar®, vincendo per Scent of a Woman nel 1993. Sebbene entrambi siano veterani del cinema, Scott e Pacino non avevano mai lavorato insieme, non si erano nemmeno incontrati, secondo Giannina Scott. “Uno dei momenti salienti del film per Ridley è stato finalmente lavorare con Al“.

Il regista Scott descrive Pacino comeun tour-de-force nel cinema e nel teatro americani, e anche l’uomo più gentile con cui vorrai mai lavorare. Ci siamo trovati benissimo. Ottiene immediatamente una scena che vola“.
Per Pacino, la sceneggiatura di House of Gucci raccontava molte storie e le ha sapientemente saldate insieme. “Si tratta di fiducia, tradimento e adulterio e di come le cose cambiano”, osserva.
Ma prima di tutto, è stato attratto dal progetto per vedere come ha preso vita sotto un regista che ammirava da tempo. “Ridley è un grande regista. Prende una sceneggiatura e ci porta tanta energia, dramma e umorismo”.

Aldo Gucci gestisce l’azienda con il fratello Rodolfo, ma è Aldo «che conosce il business a fondo», dice Pacino, «e sta lottando per mantenere a galla l’azienda di prestigio in un periodo di grandi cambiamenti e competizione nella moda. È sempre alla ricerca di una nuova prospettiva. È un manipolatore supremo. Se la cava perché ha un grande fascino ed eccentricità. È molto eclettico“.

Molte delle scene di Jared Leto nei panni del figlio di Aldo, Paolo, sono con Pacino. È una relazione padre-figlio complessa e disfunzionale e Leto ha assaporato ogni singolo momento. “Voglio dire, stiamo parlando di Al Pacino, ride.Non c’è niente di meglio di così.” Come collega artista, Leto nota che Pacino era “paziente, generoso e gentile e, ovviamente, esplosivo e pieno di fuoco e, come ci si aspetterebbe. Voglio dire, che regalo. Anche solo avere l’opportunità di lavorare con lui ed essere una piccola parte del suo viaggio è stato incredibile“.

Il ruolo del patrìzio Rodolfo Gucci, un uomo che abita quasi interamente nel passato e, allo stesso tempo, cerca di impedire al suo unico figlio, Maurizio, di andare avanti, sembrerebbe calzare a pennello al premio Oscar® Jeremy Irons. Avendo già lavorato con lui in Kingdom of Heaven, Scott dice: “Conoscevo l’eleganza di Jeremy e volevo che Rodolfo fosse superlativamente elegante e felice di vivere come un ‘negoziante’ gentiluomo“.

Irons è stato subito attratto dal personaggio per la sua complessità. “Rodolfo è comproprietario dell’azienda di famiglia con suo fratello, Aldo, ma non ha molto interesse in essa“, afferma Irons.Un tempo era un attore ed era sposato con un’attrice tedesca che era migliore di lui, quindi si è licenziato. Poi è morta e lui è diventato ossessionato da lei e dal passato. Passa tutto il suo tempo a ritagliare frammenti dei suoi film“.

Oltre a cercare di controllare il suo unico figlio e disapprovare il suo matrimonio, di cui poi si pente, Irons era affascinato dalla dinamica della famiglia Gucci. “Penso che fossero tutti sospettosi l’uno dell’altro. C’era, come in ogni famiglia italiana, un amore fondamentale. Ma all’interno c’era molta flessione muscolare. Non li descriverei come una famiglia felice“, dice Irons con la sua strana abilità per l’eufemismo.

Forse il ruolo più difficile nel film è quello di Paolo Gucci. L’unico figlio di Aldo è un sognatore ma anche tenero e pietosamente ingenuo. “Paolo è scritto in un modo molto divertente“, afferma Scott. “È quasi satira. Stavo spingendo leggermente il film nella direzione di essere satirico, sicuramente per quanto riguarda il rapporto tra Aldo e Paolo”.

Leto non era la scelta ovvia per Paolo fisicamente parlando, ma questo era vero anche per molti dei suoi ritratti trasformativi come il suo ruolo vincitore dell’Oscar Rayon, in Dallas Buyers Club. È stato lui ad avvicinare Scott per il ruolo di Paolo. “Ho chiesto a Jared, come hai intenzione di farlo“, dice Scott.E ha detto, beh, il trucco. Siamo stati fortunati a trovare un genio in Scandinavia, Göran Lundström, ed era lì alle 4:30 ogni mattina per il trucco e arrivava sul set come una persona completamente diversa”.

Le protesi e il trucco sono stati così trasformativi che la prima volta che Leto è entrato sul set nei panni di Paolo, il suo co-protagonista ha pensato che potesse essere un intruso. “Questo ragazzo viene da me, questa persona dall’aspetto strano e dice ‘Ciao papà‘”, racconta Al Pacino.Mi sono guardato intorno un po’ perplesso, perché non ero sicuro che appartenesse a quel posto. E poi qualcuno ha detto: “Sono Jared“. Era una persona completamente diversa. Voglio dire, ho già visto il trucco, ma questo è stato geniale. Volevo mettermi subito al lavoro. È stato così stimolante.”

Come Lady Gaga, Leto è sempre rimasto nel personaggio, secondo Giannina Scott, e come era vero per il suo co-protagonista, ha fatto davvero i compiti prima di affrontare il ruolo di Paolo. “Ha portato qualcosa di toccante e straordinario nel ruolo. Ha catturato perfettamente il tragico umorismo di chi era Paolo“.
Osserva Lady Gaga: “Jared ha creato un personaggio davvero adorabile. L’ho apprezzato perché, come me, non ama rompere il personaggio. Ci siamo divertiti molto insieme, sempre nel personaggio. Ed era molto affettuoso con me“.

Innanzitutto, dice Leto, Ho sempre voluto lavorare con Ridley Scott. Ci sono alcune persone creative i cui film mi parlano e quelli di Ridley lo hanno sempre fatto. Ha catturato la mia immaginazione sin da quando ero bambino. E mi sono subito connesso a Paolo. È la pecora nera della famiglia, un artista frustrato che ha il sogno di condividere il suo lavoro con il mondo. Potrei sicuramente relazionarmi con alcuni di questi.”

LONDON, ENGLAND – NOVEMBER 09: Lady Gaga attends the UK Premiere Of “House of Gucci” at Odeon Luxe Leicester Square on November 09, 2021 in London, England. (Photo by Gareth Cattermole/Getty Images for Metro-Goldwyn-Mayer Studios and Universal Pictures )

Mentre approfondiva il personaggio, Leto ha detto che ha imparato ad amare Paolo, le imperfezioni e tutto il resto. “Ho avuto davvero molta empatia per lui. Paolo mi ha spezzato il cuore in un certo senso. L’ho trovato pieno di umorismo e amore per le cose e le persone della sua vita. Ma c’è anche un lato tragico in lui, che ho trovato interessante da esplorare“.
Jared ha portato un profondo, profondo impegno nel ritrarre Paolo”, afferma Walsh. “Anche se porta un po’ di comicità al film, Paolo è molto triste. Vuole disperatamente essere apprezzato e apprezzato, ma sembra che non riesca a trovare la sua strada“.
La cosa che ho davvero ammirato di più è che amava il suo personaggio“, dice lo scrittore Bentivegna.Lo rispettava. Non ha preso in giro Paolo né lo ha umiliato in alcun modo. O trovare umorismo a buon mercato nei suoi fallimenti“.

Nei panni dell’enigmatica ed eccentrica sensitiva Pina Auriemma, Scott ha scelto un’attrice nominata all’Oscar® che era sicuro potesse esplorare appieno le contraddizioni e il fascino del personaggio, Salma Hayek. L’attrazione di Hayek per il ruolo è stata immediata.Pina era una donna molto interessante. Lei è chiaroveggente. Una sensitiva. Lei può predire il futuro. Quando lei e Patrizia si incontrano, entrano subito in sintonia, e qualcosa che inizia come un rapporto professionale diventa un’amicizia molto forte, importante per entrambi”. “Salma ha portato una vera umanità a Pina, una donna che si prende davvero cura di Patrizia. Avrebbe potuto interpretarla in modo molto cinico, come qualcuno che usa Patrizia solo per i suoi soldi”, dice Bentivegna. “Invece, Salma e Lady Gaga hanno sviluppato una vera alchimia, sia sullo schermo che fuori. È stato fantastico.

Come Patrizia, Pina viene da un ambiente modesto. “Sono entrambe donne sole a modo loro, e Pina riconosce il potenziale di Patrizia e la incoraggia”, afferma Hayek. “Ma anche nel momento in cui Patrizia ha tutto, Pina riconosce di essere sola e fragile. E mentre è ambiziosa, è la perdita dell’amore che spinge Patrizia alla follia“.

Scott ha avuto la stessa cura nel scegliere il ruolo per il quale ha scelto un attore elegante e attraente in un modo freddo e nobile. La francese Camille Cottin è meglio conosciuta dal pubblico di tutto il mondo per la commedia a sorpresa di successo della serie Netflix Call My Agent e più recentemente è stata vista al fianco di Matt Damon nel dramma di suspense Stillwater.

Cottin non aveva familiarità con la saga della famiglia Gucci, anche se ha rapidamente recuperato leggendo e guardando vari documentari per il suo ruolo di Paola, una vecchia amica di Maurizio Gucci che finisce per sostituire Patrizia nei suoi affetti.

Anche se i suoi sentimenti per Maurizio sono genuini“, dice Cottin, “Paola non è del tutto a suo agio con la famiglia, né è particolarmente a suo agio con la continua invadenza di Patrizia“. “Sono stata molto commossa da Paola. È una donna matura e il suo rapporto con Maurizio è molto reale”, afferma Cottin.Sa cosa vuole nella vita e non sta cercando di dimostrare nulla a nessuno. Ha una fiducia che Patrizia non ha, e questo non va d’accordo con la sua rivale“.

Non che fosse indifferente alla situazione di Patrizia. “Puoi sentire la brutalità di quello che le è successo e quanto freddamente sia stata abbandonata“, dice Cottin.Più sentiva che stava perdendo Maurizio, più lo metteva sotto pressione. La gelosia e la solitudine l’hanno portata agli estremi”.
La maggior parte delle scene di Cottin sono con Driver. “Adam è molto preciso e sottile e, allo stesso tempo, libero in quanto si permette di esplorare le possibilità del personaggio. Impressionante perché anche la performance è molto fondata e ben ponderata. E c’è anche qualcosa di teatrale nel modo in cui usa il suo corpo”.

House of Gucci – i luoghi delle riprese

HOUSE OF GUCCI è stato girato in quarantatré giorni e in sequenza, principalmente a Roma, con ulteriori location nel nord Italia.

Il regista/produttore Ridley Scott ha fatto appello al suo fidato team dietro la macchina da presa con cui ha lavorato a numerosi progetti e che sono noti per la loro devozione e professionalità in tutta l’industria cinematografica. “Non c’è una squadra di registi migliore al mondo perché sono riflessivi“, afferma il produttore Walsh. “Sanno come lavorare insieme e tenere il passo perché, come Ridley, eccellono nella preparazione. Può entrare in un set e girare con cinque o sei telecamere e finire una scena in meno di un’ora. Ecco perché siamo stati in grado di finire il film sotto budget e con una settimana di anticipo, anche se abbiamo girato il film sotto le restrizioni del COVID-19″.

Scott è famoso per il suo senso visivo. Solo un elenco parziale dei suoi film – Alien, Blade Runner, The Martian, Thelma & Louise, Gladiator e ora, House of Gucci – richiama alla mente immagini indelebili nella mente degli spettatori, ogni film unico e distintivo. Il motivo, secondo il produttore Walsh, è che “disegna a mano ogni singolo fotogramma del film. Quando arriva sul set ha fatto mesi di preparazione e tutti sanno esattamente cosa stanno facendo in un dato giorno. L’attenzione ai dettagli è sbalorditiva.”

Le immagini sono molto importanti per Ridley“, afferma Giannina Scott. “Come un pittore, vede l’umore attraverso il colore. In House of Gucci c’è tantissimo colore, soprattutto nella sezione iniziale. Poi, mentre scende nella tragedia, passa a colori più scuri”.
E quando si tratta di lavorare con i suoi attori, mette a frutto tutti i suoi decenni di esperienza, in modi che hanno sorpreso persino un professionista esperto come Pacino. “Ridley è magico”, afferma l’attore. “Stavamo girando questa scena e lui mi ha preso da parte e ha detto ‘perché non fai la scena dal centro e poi fai la prima parte alla fine. Nessuno mi ha mai detto niente del genere prima. E ho pensato -beh, questo è pazzesco-. Ma poi l’ho fatto. E ha funzionato!

È quasi come se il cast fosse composto da strumenti musicali tutti diversi“, afferma Lady Gaga,come un’orchestra, dalla batteria al basso, dagli ottoni ai legni e agli archi. E poiché siamo tutti così diversi come attori, Ridley è quello che dirige una sinfonia di tutti questi diversi elementi orchestrali“.

Scott utilizza un monitor grande e da sei a otto monitor inferiori, che gli consentono di montare il film dal vivo mentre lo sta girando, spiega Walsh. È una disciplina che ha imparato da anni di lavoro per la BBC e di regia televisiva in diretta. Ciò gli consente di completare una scena in una o due riprese. Poiché utilizza diverse fotocamere, ha tutta la copertura di cui ha bisogno. Un vantaggio per gli attori, che non sono gravati da una ripresa dopo l’altra, che indebolisce la loro energia creativa.

Osserva Jeremy Irons: “Avere più telecamere sempre in funzione significa che non devi girare in un modo e poi devi ricordare cosa stavi facendo quando riprendi da un’angolazione diversa, perché le telecamere catturano l’intera scena. Quando stavo recitando in una scena con Al Pacino, l’intera scena è stata girata. E se abbiamo deciso di fare un’altra ripresa in modo diverso, anche quella è stata completamente girata. Questo approccio è stato molto liberatorio per un attore“.

Una delle chiavi del processo cinematografico di Scott è creare una partnership di successo con Claire Simpson la migliore montatrice del settore, punto“, dice il regista.Hai bisogno di qualcuno di quella qualità e gusto. E Claire ha il miglior gusto“.
In House of Gucci e in altre loro collaborazioni, Scott fa tagliare il film da Simpson durante la produzione, “Perché, come ho imparato di nuovo dalla dura esperienza, devi mantenerti pulito e fresco. Se ti siedi nella sala di montaggio o nella sala di missaggio, tutto ciò che fai è diventare schietto. Ho sempre Claire che taglia mentre vado avanti perché poi so quello che ho. ”

La moda di House of Gucci

A differenza di molti film contemporanei o quasi contemporanei, le mode in HOUSE OF GUCCI sono parte integrante della storia e della verosimiglianza del film. Come con lo scenografo Max, il costumista del film, Janty Yates, è stato a lungo un membro stimato del team di produzione di Ridley Scott. “Janty è un genio assoluto ed è meraviglioso lavorare con lui“, afferma Lady Gaga. “I costumi mi hanno davvero aiutato a entrare nel personaggio. Abbiamo utilizzato la moda in così tanti modi diversi che è diventata quasi come la mia pelle. Ma come per le parrucche e il trucco, era sempre al servizio del personaggio. Era molto elegante, molto sfumata“.

In particolare, Scott era interessato all’aspetto del personaggio femminile centrale del film, Patrizia Reggiani Gucci, che nella vita reale è una grande appassionata di moda. “Per il film, Ridley voleva che Patrizia sfoggiasse un look classico“, afferma Yates. “Il team dei costumisti ha avuto la fortuna di poter vestire un attrice che era già una famosa icona della moda. Lady Gaga porta realisticamente la sua innata eleganza a tutto, dalla couture ai jeans e a una maglietta“, secondo Dominic Young, il costume cutter del film.

Secondo Yates, l’interpretazione dell’attrice su Patrizia era molto in accordo con i registi. “Lady Gaga voleva vestirsi come sua madre, che era molto attenta alla moda ed elegante. Il che significava che eravamo tutti d’accordo“.
In tutto, la produzione ha creato e/o curato più di settanta look per Patrizia e, poiché Scott gira con più telecamere da diverse angolazioni, anche l’insieme più fugace doveva essere perfettamente costruito e dettagliato: davanti, di lato e dietro.
Yates non ha altro che elogi per il suo rapporto di lavoro con Lady Gaga. Molti attori, spiega, entrano per le prove e se ne vanno, ma Lady Gaga, che ha sopportato sessanta ore di prove, è rimasta per aiutare ad accessoriare ogni ensemble: gioielli, borse, scarpe. Ha anche attinto dai suoi archivi personali e ha fornito al film alcuni abiti appropriati.

Gli accessori, in particolare i gioielli, erano essenziali per il look di Patrizia, sostiene Yates. “Invece di una collana, ne portava due, e sempre grandi orecchini. E uno spillo, di solito una spilla a forma di animale“.
La maggior parte dei gioielli è stata noleggiata da un importante gioielliere di Roma. Boucheron e Bulgari fornirono alcuni dei pezzi più preziosi. Le calzature di Patrizia sono state realizzate appositamente da un’azienda di scarpe romana chiamata Pompei,perché fanno le migliori scarpe del mondo“, secondo Yates.
La prima volta che il pubblico vede Patrizia Reggiani, sta uscendo da un’auto davanti all’azienda di autotrasporti di suo padre. Un gruppo di camionisti si è riunito e la ammirano non così sottilmente mentre passa. Uno dei motivi è dovuto a ciò che indossa, un abito aderente che Yates ha soprannominato “il suo vestito va-va-voom, un tributo alla creazione originale di Yves Saint Laurent su misura per la vita sottile e la figura a clessidra di Lady Gaga“.

Nella scena successiva cruciale di Patrizia, incontra il suo futuro marito, Maurizio Gucci a una festa e indossa un altro vestito lusinghiero e visivamente accattivante, questa volta in rosso fiammante. Basta uno sguardo a lei e il pubblico capirà perché Maurizio è subito colpito.

Una fonte di ispirazione del design per lo stile del personaggio in quella e in altre scene è venuta da una foto della famosa attrice italiana Gina Lollobrigida che il regista Ridley Scott ha presentato a Yates e che ha influenzato direttamente l’abito che Patrizia indossa alla festa di compleanno di Aldo Gucci sul Lago di Como – fino a la pettinatura e la vita stretta.

G_00924_RC Lady Gaga stars as Patrizia Reggiani in Ridley Scott’s HOUSE OF GUCCI A Metro Goldwyn Mayer Pictures film Photo credit: Fabio Lovino © 2021 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.

Una fotografia di moda di Helmut Newton del periodo ha dato origine all’ensemble che Patrizia indossa quando arriva per la prima volta nel suo attico a New York e balla sulla terrazza, secondo Yates. Anche l’abito da sposa di Patrizia, per il quale ogni pezzo di pizzo è stato applicato a mano, è un omaggio a Lollobrigida (nota come “La Lollo”). La vera Patrizia indossava un vestito molto più semplice, quindi Yates ne ha fatto una copia così come l’abito più elaborato. Quando ha mostrato le foto a Scott, ha scelto quest’ultima.

Ridley e Janty hanno pensato che anche se la scena era breve, era significativa per il personaggio, quindi l’outfit doveva avere immediatezza e impatto“, afferma Young. “L’abito in pizzo è molto italiano e molto voluttuoso, e trasmette subito che questo è stato il giorno più felice e importante della vita di Patrizia”. La maggior parte degli abiti di tutti i giorni di Patrizia nella parte del film degli anni ’80 si ispirava a una silhouette particolarmente classica e lusinghiera, ma in vari colori e tessuti. Un fianco stretto con stile, che Young afferma ha fornito al personaggio una certa “civetteria” quando si muoveva. Un altro motivo per la silhouette semplice e monocromatica degli outfit da giorno era perché facilitava l’accessorio. Yates ha costruito su ogni abito base con cinture, spille e gioielli, per catturare il look caratteristico di Patrizia. “Abiti abbastanza semplici da essere vestiti per trasmettere uno stile di vita stravagante piuttosto che un costume sgargiante” Due degli abiti di Patrizia provengono dagli archivi Gucci, uno dei quali indossa durante un viaggio nel centro di New York per osservare tutta la merce contraffatta Gucci. L’altro è utilizzato nella scena in cui Patrizia va a prendere sua figlia a scuola: un completo classico con una camicia a doppia G su una gonna di pelle. “Lady Gaga si adatta perfettamente a ogni outfit Gucci d’archivio“, afferma Yates. “In questo modo, siamo stati molto fortunati“.

Nel complesso, osserva Yates, i costumi per Patrizia non solo sottolineano la moda classica, ma riflettono anche il suo arco di personaggi nei tre decenni rappresentati nel film. Con il progredire della storia, i suoi vestiti diventano più eleganti e su misura, il che parla della sua crescente sicurezza di sé. Ad esempio, l’abito Gucci con la gonna di pelle, rafforza il personaggio, la incoraggia a resistere quando le vengono date le carte del divorzio alla scuola di sua figlia. Più avanti nel film, dopo che è divorziata e disperata, la caduta in disgrazia di Patrizia è trasmessa dalla ruvidezza del suo vestito, una giacca di pelle in stile biker e jeans. Sono finite le stravaganze e i gioielli che aveva sfoggiato in precedenza.

Nel complesso, l’abbigliamento maschile nel film è più conservatore, anche se non meno classico e, di nuovo, in gran parte realizzato su misura. “Le proporzioni di Adam Driver sono tali che nessun abbigliamento esistente, per quanto ben fatto, sarebbe adatto“, afferma Yates. “È alto un metro e ottantacinque, spalle larghe, un petto grande ma una vita molto sottile.”

G_05147_R Adam Driver stars as Maurizio Gucci and Lady Gaga as Patrizia Reggiani in Ridley Scott’s HOUSE OF GUCCI A Metro Goldwyn Mayer Pictures film Photo credit: Fabio Lovino © 2021 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved.

Gli abiti per Adam Driver, Pacino e Irons sono stati creati dallo stesso sarto di New York che Yates ha usato per Denzel Washington in “American Gangster. “È un inglese che una volta era un sarto a Saville Row e poi si è trasferito in America per aprire il suo negozio. I suoi abiti sono squisiti“. Altri abiti per Pacino e Driver sono stati realizzati da Zegna.

La sartoria per gli abiti di Paolo (Jared Leto), meno conservaore e più dandy, è stata creata dalla Sartoria Attolini a Napoli, in Italia. La maggior parte delle magliette sono state realizzate anche su misura da Anto a Beverly Hills. Gli abiti per le sfilate dello stilista rivale erano tutti realizzati su ordinazione, afferma Yates. “Abbiamo presentato la sfilata di Versace del 1984, che il mio designer associato, Stefano DeNardis, ha creato da zero. Ha fatto completamente tutto. Erano incredibilmente anni ’80: spalle enormi, fianchi molto stretti, tacchi alti, grandi cappelli. Un periodo glorioso».

DeNardis ha anche ricreato la sfilata di moda di Tom Ford 1995. “Ha fatto realizzare tutto”, dice Yates, “i più bei vestiti di velluto per gli uomini in giallo brillante, rosa, blu reale, giacche di pelle. Stefano, ha anche creato la sfilata di Paolo, che a quanto pare ha preso ispirazione da Cuba. Era molto fluttuante, ma aveva anche un sacco di terracotta terrosa e marroni.”
Come per tutti i personaggi centrali del film, la trasformazione del sempre giovane Jared Leto in Paolo Gucci, stranamente unico, si è concentrata su un certo grado di verosimiglianza, secondo Jana Carboni, la stilista di trucco e protesi di House of Gucci.

Lo svedese Göran Lundström ha effettivamente ideato le protesi per Leto, ma confessa che l’approccio dell’attore lo ha sorpreso all’inizio. “All’inizio, non mi rendevo conto che Jared non volesse affatto assomigliare a se stesso“, afferma Lundström. “È piuttosto raro. La maggior parte delle volte vogliono che tu veda che è un attore nel trucco. Ci è voluto un po’ per capire che Jared non voleva vedere se stesso truccato. Che voleva essere totalmente irriconoscibile“. Dopo tre settimane di collaborazione con Leto, e alcuni tentativi ed errori, Lundström e l’attore erano finalmente soddisfatti di aver escogitato un travestimento che non solo trasmettesse l’aspetto di Paolo Gucci, ma anche l’atmosfera del personaggio. Durante la produzione sono state apportate modifiche per trasmettere l’invecchiamento del personaggio, in particolare l’ingrigimento dei capelli di Paolo (calvi sopra, ma lunghi sui lati e sulla schiena). Lundström, Carboni e il team del trucco sono sempre stati attenti a osservare la linea sottile tra imitazione e caricatura. “Volevamo far sembrare Jared come Paolo senza che fosse evidente che indossava delle protesi. Ci volevano quattro ore o più ogni giorno per raggiungere questa verosimiglianza. Ma è stato l’attore stesso a riportare in vita Paolo in modo vivido. “Era sempre nel personaggio“, dice Carboni.

Poiché il film copre tre decenni, la sfida per il team di trucco è stata quella di trasmettere l’aspetto specifico di ogni epoca, che includeva variazioni nel trucco e nelle acconciature. Inoltre, avevano il compito di trasformare gli artisti in celebrità dell’epoca, da Grace Jones ad Andy Warhol e Karl Lagerfeld. “Sono molto orgoglioso della squadra e di ciò che sono stati in grado di realizzare, non solo con il cast centrale, ma con le persone reali che hanno dovuto trasmettere semplicemente da come sono apparse“. Il sottofondo musicale di House of Gucci utilizza una vasta gamma di pop, opera e persino un po’ di jazz. La colonna sonora originale di Harry Gregson-Williams (The Martian) si concentra principalmente sulle diverse fasi del rapporto tra Patrizia Reggiani e Maurizio Gucci, afferma il compositore. “Il concetto per la colonna sonora era che suonasse come un brano musicale italiano, dal momento che è lì che è ambientata gran parte del film. Inizia con Patrizia e Maurizio che si innamorano, si sposano, fanno affari insieme e, alla fine, vanno fuori dai binari».

House of Gucci dal 16 dicembre nei cinema italiani