FILM TV Italia Variety

THE LAST DUEL – il film diretto da Ridley Scott sarà disponibile in digitale 4K UHD, Blu-ray e DVD

THE LAST DUEL

il film diretto da Ridley Scott sarà disponibile in digitale
4K UHD, Blu-ray e DVD

Dalla 20th Century Studios e dal regista visionario Ridley Scott arriva “THE LAST DUEL“, un avvincente racconto di tradimento e vendetta, contro la brutalità ambientato nella Francia del XIV secolo. Basato su eventi reali, l’epopea storica svela ipotesi di vecchia data sull’ultimo duello autorizzato della Francia tra Jean de Carrouges e Jacques Le Gris, due amici diventati acerrimi rivali.

The Last Duel” vede la partecipazione del vincitore dell’Oscar® Matt Damon (“Good Will Hunting”, “Ford v Ferrari”), del due volte candidato all’Oscar Adam Driver (“Marriage Story”, “BlacKkKlansman”), della vincitrice dell’Emmy® Jodie Comer (“Killing Eve”, “Free Guy”) e il due volte premio Oscar Ben Affleck (“Argo”, “Good Will Hunting”). Il film è diretto dal quattro volte candidato all’Oscar® Ridley Scott (“The Martian”, “Black Hawk Down”, “Il Gladiatore”, “Thelma & Louise”).

La sceneggiatura è della candidata all’Oscar® Nicole Holofcener (“Can You Ever Forgive Me?”) & Ben Affleck & Matt Damon basata sul libro di Eric Jager. Il film è prodotto da Ridley Scott, p.g.a., Kevin J. Walsh, p.g.a. (“Manchester by the Sea”), Jennifer Fox, p.g.a. (“Nightcrawler”), Nicole Holofcener, p.g.a., Matt Damon, p.g.a., Ben Affleck, p.g.a. con Kevin Halloran (“Ford v Ferrari”), Drew Vinton (“Promised Land”), Madison Ainley (“Justice League”) come produttori esecutivi.

Il film sarà disponibile in digitale il 30 novembre e in 4K UHD, Blu-ray e DVD il 14 dicembre

Caratteristiche bonus di The Last Duel di 20th Century Studios*
• The Making of The Last Duel – Con il documentario “The Making of The Last Duel”, ottieni un accesso senza precedenti al famoso regista Ridley Scott mentre collabora con il cast e la troupe per prendere decisioni critiche su location, cinematografia e spettacoli.

*le funzionalità bonus variano in base al prodotto e al rivenditore

UNA STORIA SECOLARE

Francia, 1386 E.V. – La violenza e la devastazione della Guerra dei Cent’anni con l’Inghilterra hanno travolto il Paese. Jean de Carrouges (Matt Damon) è un rispettato cavaliere della Normandia, nato dalla nobiltà e noto per il suo coraggio e la sua abilità sul campo di battaglia. Il suo amico, Jacques Le Gris (Adam Driver), figlio di uno scudiero normanno, è un cortigiano la cui intelligenza ed eloquenza lo rendono uno dei nobili più ammirati a corte. Quando il conte Pierre d’Alençon (Ben Affleck), cugino del re e barone alla corte di Argentan, si schiera con Le Gris per un’aspra disputa sulla proprietà, lo status di Le Gris inizia a salire, con grande sgomento di Carrouges. La relazione continua a inasprirsi quando Pierre promuove Le Gris su Carrouges e mette Le Gris a capo dei suoi affari, e il narcisismo e il comportamento sconsiderato di Carrouges lo fanno espellere dalla corte.

RACCONTARE LA STORIA

L’avvincente libro del 2004 di Eric Jager, “The Last Duel: A True Story of Crime, Scandal, and Trial by Combat in Medieval France“, è una storia vera basata su fonti storiche su un leggendario duello all’ultimo sangue, l’ultima traccia ufficialmente registrata da combattimento del suo genere. Il libro riporta in vita il turbolento Medioevo con dettagli sorprendenti.

Quando il galateo, le aspirazioni sociali e la giustizia erano guidate dai codici cavallereschi, le conseguenze per aver sfidato le istituzioni dell’epoca – la Chiesa, la nobiltà a corte, un Re adolescente – potevano essere gravi. Per una donna che stava attraversando questi tempi violenti, una che non aveva una posizione legale senza il sostegno di suo marito, la posta in gioco era ancora più alta.

L’ampia ricerca di Jager ha coinvolto 10 anni di tracce, traduzione e scrutinio di documenti storici secolari: dalle cronache, ai documenti legali e agli atti di proprietà, alle ricevute militari, ai piani architettonici e alle mappe storiche. “Ho trovato alcuni documenti contenenti errori o omissioni. Ho anche trovato documenti che erano stati completamente trascurati o erano stati menzionati solo in luoghi molto oscuri e che non sembravano far parte di ciò che storici e studiosi sapevano del caso“, afferma Jager.Quindi una delle prime grandi sorprese per me è stata che ciò che storici e giuristi hanno detto per secoli, che Marguerite si sbagliava, o anche che aveva mentito, non mi sembrava essere vero”.

Ben Affleck as Pierre d’Alençon, Adam Driver as Jacques Le Gris, and Matt Damon as Jean de Carrouges in 20th Century Studios’ THE LAST DUEL. Photo by Jessica Forde. © 2021 20th Century Studios. All Rights Reserved.

L’autore ha compiuto numerosi viaggi nella regione della Normandia, dove ha visitato l’attuale castello dove risiedeva la famiglia di Jean de Carrouges, il palazzo reale dove il Parlamento si era riunito per assistere alla richiesta di duello e Saint-Martin des Champs (l’antico monastero riadattato per ospitare il duello stesso). Jager è stato anche in grado di visualizzare la registrazione originale, manoscritta, della testimonianza legale, che, grazie alla robusta pergamena utilizzata nel XIV secolo, era molto ben conservata e chiaramente leggibile. “il duello è ricordato come una vecchia tragedia familiare“, afferma Jager.È come parte della storia della regione della Normandia, parte della vita lì. Hanno festival in cui gli appassionati di scherma rievocano il duello. Le persone lì, vivono vicine alla storia e ne sono affascinate”. Il libro di Jager è stato elogiato per le sue descrizioni incredibilmente dettagliate della leggendaria giostra e degli eventi che l’hanno preceduta, e ha attirato l’attenzione di Matt Damon, che ha immediatamente visto il suo potenziale cinematografico e ha immaginato che Ridley Scott prendesse il timone. Scott è il regista venerato che ha accumulato decine di film acclamati dalla critica in tutti gli stili e generi, film che continuano ad emozionare e commuovere il pubblico oggi.

Avendo lavorato con Scott in “The Martian” nel 2015, Damon sapeva che la sua sensibilità visiva e l’esperienza con grandi epopee storiche nel corso di quattro decenni a Hollywood erano perfettamente adatte a questa storia. L’attore ha collaborato con Ben Affleck, che, come Damon, viene da Boston e con cui è amico da oltre 40 anni. Nel 1997, la loro prima sceneggiatura scritta insieme, Good Will Hunting, ha vinto l’Oscar® per la migliore sceneggiatura originale. Con Scott come regista, hanno trascorso i mesi successivi a parlare con alcuni meravigliosi sceneggiatori, ma alla fine hanno deciso di affrontarlo da soli.

Sapevamo che era una storia incredibile, la domanda era come raccontarla in un modo che sarebbe stato davvero interessante“, dice Damon.Ed è allora che abbiamo avuto l’idea delle prospettive e, in definitiva, è lo specchietto per le allodole, in cui hai due terzi di un film con questi due uomini solo per scoprire che questa donna è in realtà l’eroina dell’intera storia.

Jodie Comer as Marguerite de Carrouges in 20th Century Studios’ THE LAST DUEL. Photo by Patrick Redmond. © 2021 20th Century Studios. All Rights Reserved.

Damon e Affleck hanno presto collaborato alla sceneggiatura con Nicole Holofcener, una sceneggiatrice/regista (“Lovely & Amazing”, “Friends with Money”) e una sceneggiatrice nominata all’Oscar® (“Can You Ever Forgive Me?”), con ciascuno scrivendo dal punto di vista di Carrouges, Le Gris e Marguerite, rispettivamente, per garantire che la storia catturasse efficacemente tutte e tre le voci. Secondo Holofcener, “Il motivo per cui sono entrata è perché Matt e Ben non sono donne. Non che non potessero scrivere donne fantastiche, molti uomini lo fanno, ma penso che sia quello che ho potuto aggiungere: la mia prospettiva di donna, e anche un occhio diverso e una voce diversa“. Uomini come Jean de Carrouges e Jacques Le Gris erano gli eroi delle loro stesse storie, ma narratori inaffidabili della storia. La prospettiva di Marguerite è essenziale, offrendo una correzione necessaria alle visioni incontrastate degli uomini di se stessi e del mondo che li circonda.

Questi ragazzi sono nati nel mezzo di una guerra di cento anni. Conoscevano solo questa vita incredibilmente violenta, parte della quale era letteralmente lo stupro e il saccheggio, che erano, e sono tuttora, armi da guerra, ma quello era il mondo in cui vivevano questi ragazzi“, dice Damon. Era incredibilmente, incredibilmente violento, quindi quando ho letto il libro mi è sembrato che l’unica storia che valesse la pena raccontare fosse la sua; il suo incredibile coraggio sotto questa terribile pressione, essere interrogata in quel modo, essere svergognata in quel modo, ma non cedere mai e, in quella cultura, dire la verità su quello che le è successo.

Quando Marguerite de Carrouges viene attaccata, è traumatizzante a molti livelli. Holofcener dice: “Dopo che è stata violentata, il mondo diventa diverso per sempre per Marguerite. È stata brutalizzata; era quasi il culmine della vita di una donna in quel momento, perché non aveva diritti, nessun controllo e nessun potere ed era trattata come un pezzo di carne, anche dal marito. Quindi lo stupro è stata l’ultima goccia. Penso che a quel punto non le importasse nemmeno cosa le fosse successo se avesse detto la verità. Sapeva che avrebbe potuto ucciderla, solo per averlo detto e sapeva che sarebbe finita nel modo in cui sarebbe finita senza che lei lo dicesse.

Ammette al marito di essere stata violentata, una decisione incredibilmente coraggiosa e rischiosa per qualsiasi donna nella Francia del XIV secolo“, afferma il produttore Kevin J. Walsh.Le donne a quel tempo avevano pochi diritti sociali ed erano comunemente sotto la tutela legale degli uomini. Una donna che ha avuto il coraggio di parlare di violenza sessuale è stata spesso terrorizzata e vulnerabile a ulteriori violenze da parte del marito e dell’intera comunità per motivi di infedeltà, promiscuità e disobbedienza. Considerando questi gravi rischi, la decisione di Marguerite di farsi avanti e dire la verità è stata ancora più eroica”.

Aggiunge Affleck: “Abbiamo scoperto che tanti aspetti del patriarcato formale e codificato dell’Europa occidentale del XIV secolo sono ancora presenti in modi vestigiali (e in alcuni casi quasi immutati) nella società di oggi. Inoltre, abbiamo voluto esaminare come le istituzioni, l’acculturazione e le norme sociali abbiano avuto e continuino ad avere un effetto così profondo su come un individuo percepisce la realtà ed esplorare l’idea che questi fattori avessero molto a che fare con i resoconti storici ampiamente diversi del tempo così come usare la prospettiva per drammatizzare quei momenti privati che non sono stati registrati dalla storia”.

Filmare con sensibilità

The Last Duel” è basato sulle esperienze di Marguerite de Carrouges più di 600 anni fa. Era una persona, ma la sua storia è un potente promemoria dell’eredità dei sopravvissuti – e di tutti coloro che hanno combattuto silenziosamente, ma fermamente per la giustizia – nel corso della storia.

L’Europa medievale era un luogo brutale e spietato per le donne, come documentato in numerosi documenti storici e manoscritti. L’integrità di una donna era determinata dalla sua castità e lealtà verso il marito, e conformarsi a queste aspettative era cruciale per la sopravvivenza. Il termine “stupro” è stato usato raramente e le donne che si sono fatte avanti con accuse di stupro o hanno subito qualsiasi tipo di abuso sessuale sono state spesso discriminate. Quando Marguerite ha parlato – con dettagli vividi e inequivocabili – di ciò che le è successo, ha messo in pericolo sia la sua reputazione che la sua vita. Come molti sopravvissuti ad aggressioni sessuali, ha affrontato un onere straordinario nel dimostrare la verità, così come il giudizio della sua comunità. “Il crimine è stato orribile, ma la morte per suo marito e per se stessa non si adatta al crimine“, afferma Nicole Holofcener. “Per gli standard odierni, è stata vittima di un crimine orribile, eppure è l’ego e l’orgoglio di questi due uomini (Jean de Carrouges e Jacques Le Gris) che diventa il vero incentivo per il duello“.

Sebbene l’aggressione sia una parte importante della storia di Marguerite, lei non si lascia definire e il film ha lavorato per portare la sua personalità in primo piano. Per garantire che il film rimanesse fedele alla storia di Marguerite come sopravvissuta, lo studio ha chiesto consiglio a diverse organizzazioni di difesa sulla rappresentazione della storia di abusi sessuali, sopravvissute e di recupero. La produzione ha assunto il coordinatore dell’intimità Ita O’Brien (“Sex Education”) per assistere alla preparazione, la sicurezza e il comfort di tutti durante le riprese principali. “Il coordinatore dell’intimità è un professionista che apporta abilità, un processo e una struttura al contenuto intimo del film, proprio come farebbe un coordinatore di stunt per le scene di combattimento“.

O’Brien ha lavorato a stretto contatto con il cast e i registi per assicurarsi che tutti capissero come certe sequenze sarebbero apparse al pubblico e che la rappresentazione della violenza sessuale e della violenza contro le donne sullo schermo fosse gestita con sensibilità. Il resoconto di Marguerite di ciò che le è successo era stato offuscato dai cronisti storici e dai membri del clero nei secoli successivi, quindi Ridley Scott ha ritenuto importante descrivere la violenza per non lasciare dubbi su ciò che ha passato. Girata da due prospettive, ma inequivocabile sul crimine, questa scena è stata girata senza alcuna nudità, poiché i registi erano più interessati a catturare il bilancio emotivo dell’esperienza di Marguerite senza sfruttarlo. Scott ha scelto di filmare le scene in tempo reale e anche in ordine cronologico. Le sceneggiature e i fogli di chiamata erano chiaramente contrassegnati da quale prospettiva veniva filmata e quando. “Abbiamo sempre parlato delle diverse prospettive con Ridley prima di girare, perché l’intenzione cambia a seconda della prospettiva in cui ti trovi… sempre, anche in piccoli modi“, dice Damon. “Le prospettive non divergono selvaggiamente, tranne in termini di intenzione, che quindi informano la comprensione dei personaggi di ciò che sta accadendo“.

Richiedeva agli attori di modificare le loro esibizioni durante le riprese delle scene per il punto di vista di un altro personaggio, poiché avevano bisogno di capire come ti vede il personaggio di quel particolare. Come spiega: “È così importante che in ogni prospettiva il pubblico creda davvero a qualsiasi personaggio lo stia narrando, e questo è stato davvero interessante da fare. È stato anche un po’ vertiginoso, perché a volte scattavi tre prospettive nello stesso giorno“.

Continuavo a interrogarmi, chiedendomi se mi stessi appoggiando troppo a certe scene o meno, ma spetta a Ridley e ai ragazzi in sala di montaggio decidere quale sia più veritiera”,commenta la protagonista Jodie Comer. Scott ha incontrato il suo cast principale prima delle riprese per esaminare la sceneggiatura riga per riga, poiché voleva assicurarsi che nessuno si presentasse sul set e si rendesse conto di essere a disagio con una certa scena. Alla fine, è stato un ambiente incredibilmente collaborativo, con Jodie Comer che ha lavorato a stretto contatto con gli sceneggiatori per onorare la verità di Marguerite.

Matt Damon as Jean de Carrouges in 20th Century Studios’ THE LAST DUEL. Photo by Patrick Redmond. © 2021 20th Century Studios. All Rights Reserved.

Le armature nel Film The Last Duel

L’armiere supervisore Tim Lewis (“Outlaw King”, “Transformers: The Last Knight”) ha lavorato a stretto contatto con la costumista Janty Yates per assicurarsi che le armi trasportate dai due uomini si adattassero a l’aspetto generale dei loro personaggi. L’aspetto di Jean de Carrouges, nel complesso, è un po’ più rustico, mentre Jacques Le Gris è più urbano, e Yates voleva essere sicuro che le loro armi lo riflettessero. Secondo Yates, le spade sono di qualità da museo. Lewis, che è abbastanza esperto di armi medievali, dice: “Non c’è molto di questo periodo che esiste ancora, e ciò che esiste non è in ottime condizioni. Propongo progetti e poi, dopo che sono stati approvati da Ridley, iniziamo la produzione. Realizziamo fisicamente tutto noi“. Le armi che ogni duellante portava con sé sulla propria persona consistevano in una lancia, una spada lunga, una spada corta, un pugnale e un’ascia. Il pugnale di Carrouges è un po’ più terreno, che gioca nella sua reputazione di guerriero, e la lunga spada di Le Gris è più ostentata dei suoi avversari, riflettendo l’arco del suo personaggio nel film.

Sono state create versioni in gomma dura di ogni arma, ognuna dipinta a mano per corrispondere il più possibile all’originale. “Tutto è tagliato, scolpito, fuso e cucito a mano“, afferma Lewis. “I ragazzi fanno un lavoro fantastico modellando e fondendo le versioni di combattimento di gomma delle armi, e abbiamo una grande squadra di pittori che fanno un così buon lavoro che quando li vedi sulla fotocamera è spesso difficile dire che sono di gomma e non reale“.

Dovevano essere create più versioni degli scudi, che ogni duellante usava per proteggersi durante la giostra, poiché Scott sapeva che avrebbe dovuto filmare più riprese del danno inflitto durante il duello. C’erano versioni pronte per la telecamera e separatiste (progettate per rompersi sempre nello stesso posto) e diversi scudi per le diverse parti del combattimento. Ogni scudo è stato dipinto con le armi della famiglia per abbinare il cappotto ricamato indossato sopra la loro armatura.

Il team di Lewis ha creato anche le lance staccabili, che erano tubi cavi di schiuma poliuretanica pieni di legno di balsa, quindi quando colpiti si rompevano ed esplodevano al contatto. “La chiave era colpirli correttamente“, afferma Lewis. Alla fine, Lewis progettò e creò oltre 50 scudi diversi, migliaia di pezzi di armi, oltre 40 scudi separabili e più di 150 lance staccabili. “Lavorare a un film come questo è tutto basato sui dettagli“, dice Lewis.Senza i dettagli, il regista e gli attori non hanno nulla con cui lavorare. Se riesci a spiegare a un attore perché il suo personaggio ha qualcosa, lo aiuta a definire ulteriormente il suo personaggio“.

Le musiche di The Last Duel

Il celebre compositore Harry Gregson-Williams, che ha lavorato numerose volte con Ridley Scott negli ultimi dieci anni, ha creato una colonna sonora originale per “The Last Duel” eseguita da una grande orchestra e coro, oltre a utilizzare un gruppo di strumenti medievali, un rinomato ensemble vocale e alcuni dei principali solisti vocali. La partitura è stata registrata a Los Angeles con musicisti e una serie di strumenti d’epoca come flauti in legno, dulcimer, un insieme – consorte di viole (i precursori del violino, della viola e del violoncello) insieme a un organo da cattedrale e un liuto.

I cantanti includevano Grace Davidson, uno dei principali soprani britannici e l’eccezionale controtenore Iestyn Davies. Ad accompagnare questi solisti c’era un ensemble vocale londinese chiamato Voces8. “Ce ne sono solo otto, e sono molto, molto precisi (per necessità), e il suono che producono ha una purezza e un’accuratezza che è tanto unica quanto meravigliosa“, afferma Gregson-Williams.

Il materiale tematico principale del film proviene da una canzone eseguita da Davidson per la scena finale del film, che presenta Marguerite all’indomani del duello. Gregson-Williams ha scritto la canzone mentre il film era in produzione in Irlanda e Francia. “Ho inviato la canzone a Ridley e lui ha reagito molto bene, quindi abbiamo deciso di utilizzare la melodia della canzone come fonte di materiale tematico che potrebbe essere utilizzato in tutta la colonna sonora“.

Il compositore ha anche un ottimo rapporto di lavoro con il regista. “Ridley è un artista, prima di tutto, e so che dipinge piuttosto bene. Potrebbe parlarmi usando espressioni e linguaggio che si applicano alla pittura, ma che hanno una connotazione simile all’interno della musica. Ad esempio, mentre discute la primissima scena del film – una scena molto intensa – potrebbe ascoltare ciò che ho scritto e guidarmi verso dove voleva che fosse la musica discutendo su come potrebbe essere il tono di ciò che sta ascoltando più scuro o più pesante, quasi si riferisse a una tavolozza di colori su una tela”. Una volta terminate le riprese principali, il team VFX, guidato da Gary Brozenich e Jessica Norman, si è messo al lavoro, che prevedeva l’installazione digitale di scenari di sfondo con il team o immagini generate al computer di Parigi e della Francia nel 14° secolo.

immagine di copertina

Adam Driver as Jacques LeGris and Matt Damon as Jean de Carrouges in 20th Century Studios’ THE LAST DUEL. Photo by Patrick Redmond. © 2021 20th Century Studios. All Rights Reserved.