Eventi Culturali Svizzera Variety

EBU – pubblica il rapporto sul Giornalismo del Servizio Pubblico nell’era della disattenzione, dell’opinione e dell’abbondanza di informazioni

EBU
European Broadcasting Union

pubblica il rapporto sul
Giornalismo del Servizio Pubblico nell’era della disattenzione,
dell’opinione e dell’abbondanza di informazioni

Di seguito un breve estratto del rapporto realizzato dall’EBU News Report, prodotto da Eurovision News.
Il rapporto affronta varie tematiche cruciali sui media indipendenti, le nuove sfide sul racconto del cambiamento climatico da parte dei giornalisti, e le pressioni sull’informazione di alcuni Stati come la Bielorussia e altri Paesi dell’est Europa.


Nel nostro mondo molto travagliato e in rapida evoluzione, le notizie sono e rimangono la risorsa numero uno dei media di servizio pubblico. Durante quasi due anni di pandemia, abbiamo lavorato sodo e aumentato la fiducia del nostro pubblico.

Cosa c’è dopo? What’s next?
Tra le tante sfide che ci attendono, posso sceglierne due che ritengo dobbiamo concentrare collettivamente
molto di più su:

  • Una lotta cruciale comune contro la disinformazione, in particolare i contenuti odiosi che sta pericolosamente dividendo le nostre società.
  • Uno sforzo condiviso per aumentare ulteriormente i nostri rapporti sulla crisi climatica.

Il flusso infinito di contenuti di bassa qualità, non curati, non verificati e spesso fortemente supponenti sta lasciando il nostro pubblico disorientato, frustrato e soprattutto diviso.

Come media di servizio pubblico, dobbiamo essere visti come un faro in mezzo al rumore, un riferimento affidabile, un punto di riferimento sicuro. Dobbiamo agire per essere l’antidoto per filtrare bolle, cornici ideologiche, contenuti tossici e odiosi, offrendo informazioni e opinioni più diversificate, notizie di buona fonte, di qualità e basate sui fatti, nonché dibattiti seri e basati sull’evidenza che insieme costituiscono i pilastri di una sana democrazia.

Credo davvero che abbiamo anche un ruolo molto più importante da svolgere nella crisi climatica per creare un’alfabetizzazione climatica condivisa, che ci permetta di informare i cittadini con soluzioni e autorizzarli a chiedere ai nostri leader eletti di rendere conto delle loro promesse. Un punto di partenza è garantire che il cambiamento climatico faccia parte di tutte le squadre di notizie, non solo scienza, politica e affari, ma anche sport, stile di vita, cultura. L’integrazione dell’alfabetizzazione climatica deve essere parte del nostro valore pubblico e può anche contribuire a colmare il preoccupante divario intergenerazionale su questo tema.

Delphine Ernotte Cunci

Naturalmente, ci sono molte altre sfide molto importanti da superare, inclusa una migliore adozione dell’innovazione nella nostra nuova era digitale. Orientato alla soluzione e pieno di nuove idee, questo News Report annuale dell’EBU 2021-22 mostra la strada.

Insieme possiamo farcela!
Delphine Ernotte Cunci
President, European Broadcasting Union (EBU)

INTRODUZIONE WHAT’S NEXT?

C’è una narrativa comune sui media e sul giornalismo in questi giorni e questa è una storia di fiducia in declino. Lo ripetono i politici, i dirigenti del settore e persino i giornalisti. L’unico problema è che spesso è sbagliato. Dopo la copertura instancabile della pandemia da parte delle agenzie di stampa, i media nella maggior parte dei Paesi del mondo hanno visto un miglioramento significativo nelle loro cifre di fiducia. Anche in Francia, dove la popolazione ha mostrato un alto grado di scetticismo nei confronti dei media, la fiducia è cresciuta, anche se a livelli più bassi. I media di servizio pubblico sono stati i vincitori in questa categoria. All’inizio del 2021, alcuni di loro hanno registrato rating di fiducia dell’80% o anche superiori.

Ma questa non è la storia completa. Per alcuni Paesi, la crisi della fiducia è molto reale. In molte regioni, una piccola minoranza sta diventando sempre più radicale nel rifiuto dei giornalisti con cui non è d’accordo e persino dello stesso giornalismo indipendente. Personaggi influenti della politica e degli affari tentano di portare avanti la loro agenda alimentando la retorica delle “notizie false”, con il primo esempio dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Per alcuni nei cosiddetti movimenti “populisti” questo è andato anche oltre. Dipingono i media come una corsa nemica dalle élite.

Gli attacchi ai giornalisti negli spazi fisici e digitali sono aumentati, anche in Paesi guidati dal consenso come la Germania. E in alcuni Paesi, fa parte della politica esplicita di alcuni partiti politici ottenere il controllo o “riformare” i media, in particolare i media indipendenti finanziati con fondi pubblici. Tutti questi sviluppi costituiscono minacce ai media di servizio pubblico, non solo attraverso pressioni e controversie, ma direttamente attraverso interventi economici e politici. Per alcune organizzazioni può diventare una crisi che minaccia la loro legittimità e il loro futuro.

L’ampio sostegno pubblico delle emittenti pubbliche durante la pandemia ha aiutato. Tuttavia, la concorrenza è in aumento, per tutte le organizzazioni dei media. E questa competizione non viene principalmente da un collega editore o emittente della scena nazionale. Si presenta sotto forma di gigantesche società di piattaforme, molte delle quali con sede negli Stati Uniti, che inondano i mercati con più intrattenimento e altre modalità di disattenzione di quanto chiunque possa mai aver bisogno. Queste aziende controllano l’accesso al pubblico e definiscono gli standard per le esperienze degli utenti. Anche i media del servizio pubblico più dotati di risorse fanno fatica a tenere il passo con questi. A peggiorare le cose, ci sono anche attacchi aperti dall’interno del settore. Invece di collaborare per garantire un giornalismo di qualità, molti editori privati attaccano i media del servizio pubblico, che sono più facili da prendere di mira e ridurre rispetto ai pesi massimi della Silicon Valley da cui dipendono per la loro portata. Temendo per il proprio futuro commerciale, non vogliono che i media di servizio pubblico competano nello spazio digitale.

Allora, cosa fare di tutto questo? Qual è il futuro del giornalismo di servizio pubblico? Secondo il direttore generale dell’EBU Noel Curran, con cui abbiamo parlato per questo rapporto, i cambiamenti sono stati così rapidi e profondi negli ultimi anni che un piano quinquennale può solo costituire una guida approssimativa. Raccomanda che le strategie debbano essere altamente flessibili per stare al passo con questi sviluppi, così come la leadership. “Cosa c’è dopo – What’s next” diventa piuttosto programmatico in questo senso. Significa sperimentazione: provare qualcosa, valutare come funziona e partire da lì.

Questo rapporto spera di fornire una guida per quelle organizzazioni, team e individui coraggiosi che stanno riflettendo sui loro prossimi passi strategici. Si basa su ricerche all’avanguardia e su oltre 40 interviste condotte dagli autori con leader della comunità dei media del servizio pubblico e rinomati esperti nei settori dei media, del giornalismo e delle notizie di servizio pubblico. Inoltre, 16 casi di studio specifici e potenzialmente istruttivi mostrano come alcune organizzazioni hanno affrontato sfide che saranno familiari ad altri nel settore. Questi casi di studio si concentrano su ciò che funziona e fungono da chiamate a collaborare e impegnarsi. I loro principali protagonisti sono felici di condividere le loro esperienze con coloro che sono interessati e desiderosi di imparare.

Questo rapporto ha tre parti. Il primo, “Cosa c’è di nuovo nel mondo del giornalismo di servizio pubblico?” fa luce su alcune delle sfide politiche ed economiche che i media del servizio pubblico stanno affrontando. Esamina la frammentazione politica, la polarizzazione e le minacce alla libertà di stampa. Affronta le sfide che il nuovo panorama globale dei media e dell’intrattenimento pone ai media del servizio pubblico, anche nel loro rapporto con editori commerciali ed emittenti. E sottolinea anche il valore e l’importanza dei media indipendenti finanziati con fondi pubblici e il loro contributo per garantire che le persone siano cittadini ben informati e impegnati delle società democratiche.

La seconda parte, “Quali sono le prospettive per entrare in contatto con gli spettatori e il pubblico?” discute ciò di cui le persone hanno bisogno e si aspettano dal giornalismo e dai media e come le organizzazioni dei media nella comunità EBU stanno rispondendo a queste esigenze e aspettative.

Come afferma Pascal Doucet-Bon, vicedirettore delle notizie di France Télévisions:
la più grande sfida è ridefinire e riaffermare la nostra utilità. Perché le persone pagano il canone? È stato sempre più necessario rispondere a questa domanda. Dobbiamo smettere di presumere che la nostra utilità sia ovvia. Dobbiamo passare dall’implicito all’esplicito”.

C’è un ampio accordo tra i nostri intervistati sul fatto che il miglior argomento in assoluto contro i molti critici dei media di servizio pubblico è un forte legame con il pubblico e un impegno a servire una varietà di spettatori che altrimenti non sarebbe raggiunto.
È importante sottolineare che i media del servizio pubblico devono comunicare – e mostrare attraverso il loro lavoro – che alla fine servono un fine più alto e democratico che avvantaggia tutti. Costruire la fiducia con il pubblico e salvaguardare l’imparzialità è al centro della loro missione e dei loro sforzi.

La terza e ultima parte riguarda come arrivarci. In che modo i media del servizio pubblico possono cambiare internamente per raggiungere questi obiettivi generali? “Qual è il futuro della leadership e dell’innovazione?” consulta i leader dei media sulle loro esperienze nella gestione delle persone e nella guida del cambiamento, ma anche con esperti esterni che hanno familiarità con il settore. Qual è la migliore formula per il cambiamento? Come può un’organizzazione diventare una “macchina dell’immaginazione” che è allo stesso tempo reattiva alle sfide e creativa? Come possono i media di servizio pubblico attrarre e trattenere i talenti? E in che modo la pandemia ha influito su tutto questo? Questi argomenti saranno particolarmente rilevanti per coloro che ricoprono ruoli di leadership e quelli con aspirazioni di leadership.

Una nota di cautela: questo rapporto non offre progetti o ricette, per diversi motivi. Per prima cosa, non esistono soluzioni standard per molte delle sfide strutturali delineate nei capitoli seguenti. In secondo luogo, i media del servizio pubblico differiscono da Paese a Paese e non tutti affrontano gli stessi problemi. Ciò che potrebbe funzionare in un Paese non funzionerebbe necessariamente in un altro, anche se molte sfide per le organizzazioni dei media e il giornalismo sono sorprendentemente simili in tutto il mondo.
In terzo luogo, i media del servizio pubblico non sono sempre in grado di “fare qualcosa”, specialmente quando si tratta di sfide o minacce politiche.

Infine, tutti coloro che hanno così generosamente condiviso con noi le loro intuizioni ed esperienze sono infinitamente più esperti nel loro campo di quanto potremmo mai essere noi. In questo rapporto, condividiamo prove, esperienze di vita reale e apportiamo sfumature basate sull’evidenza alle narrazioni comuni che modellano l’industria dei media in generale e i media del servizio pubblico in particolare.
Anche se questo lavoro lascerà aperte molte domande, speriamo che contribuirà a stimolare conversazioni informate e persino appassionate tra coloro che sono interessati al futuro del giornalismo e della democrazia. Ci auguriamo che queste conversazioni contribuiranno a migliorare i media di servizio pubblico in modo che possano costituire una parte essenziale del mondo digitale, nella stessa misura in cui è stato al centro del mondo analogico democratico.

INTERVISTA A NOEL CURRAN EBU Director General

Quali sono secondo lei le principali sfide attuali per i media di servizio pubblico?

Il pubblico è sempre una sfida. Cambiano le abitudini del pubblico, cambiano i gusti. E abbiamo un problema con il pubblico più giovane. In secondo luogo, il mercato sta cambiando. Stiamo assistendo a consolidamenti, anche tra i big. Un evento come la fusione di Warner Media e Discovery di AT&T, con l’intenzione di diventare un leader globale nell’intrattenimento, ha un impatto significativo sul mercato europeo. Ci sono figure più grandi di quelli che abbiamo mai visto prima nel nostro settore. E terzo, c’è una crescente pressione politica in alcuni Paesi. C’è un senso che ai giornalisti dovrebbe essere detto cosa fare e che i governi dovrebbero avere una voce molto più ampia nel settore dei media. Il lato positivo è: conosciamo il nostro pubblico, abbiamo fiducia, abbiamo una connessione. Nulla è scritto nella pietra; possiamo modellarlo.

Il Covid-19 ha aumentato la fiducia nei media di servizio pubblico, ma gli attacchi sono comunque aumentati. Come si spiega?

Con il Covid-19, i media di servizio pubblico sono diventati portali per campagne di informazione pubblica. I livelli di fiducia sono aumentati alle stelle così come i dati sul pubblico. I governi di molti Paesi erano inizialmente molto felici. Quindi i media di servizio pubblico hanno fatto quello che fanno: hanno offerto una gamma di voci, comprese le voci di dissenso. I media di servizio pubblico consentono il dibattito e la critica. Questo è stato quando abbiamo visto alcuni governi voltarsi contro di loro.

Ci sono attacchi politici, anche in Paesi come la Svizzera e la Germania. Pensi che questo sia pericoloso?

La pressione politica è pericolosa. Tutti devono rendersi conto della portata della minaccia in alcuni paesi. I media di servizio pubblico sono diventati un bersaglio in alcuni Paesi, in particolare sul ritorno dei dati sull’audience durante la pandemia. Hai questa situazione pazzesca in cui i media di servizio pubblico hanno fatto bene, hanno fatto il loro lavoro e questo li ha resi una minaccia molto più grande.
La copertura dei media commerciali deve riconoscere la portata della minaccia all’indipendenza dei media di servizio pubblico in alcuni paesi.

Noel Curran

Qual è la strategia dell’EBU nell’affrontare gli attacchi alla libertà di stampa, in particolare nell’Europa orientale?

L’EBU è diventato più esplicito su questo tema. Facciamo dichiarazioni pubbliche; portiamo l’attenzione del pubblico sui casi in cui riteniamo che ci sia un’interferenza e in cui l’organizzazione dei media è sotto pressione. Siamo anche pronti a criticare i nostri stessi membri. Lo abbiamo dimostrato quando abbiamo rilasciato dichiarazioni a sostegno dei giornalisti in Bielorussia che si lamentavano dell’interferenza nella copertura elettorale. Lavoriamo con la Commissione europea proprio su questo tema, collaboriamo con il Consiglio d’Europa, con le organizzazioni di giornalisti, lavoriamo con i membri e aiutiamo i membri.

Quando si criticano i membri, come reagiscono di solito le organizzazioni? Ascoltano, cosa fanno?

Ci sono molti giornalisti in queste organizzazioni che stanno facendo del loro meglio. L’ultima cosa che vogliono è essere tagliati fuori dall’EBU. Alcuni dirigenti stanno cercando molto, molto duramente di mantenere la loro indipendenza quando i loro padroni politici hanno un’influenza eccessiva. Non c’è niente di bianco e nero in questa zona, c’è molto grigio. Devi prendere ogni organizzazione e ogni paese come un caso individuale.

La Bielorussia è un caso abbastanza estremo, e gli altri?

Quello che è successo nella Repubblica Ceca è piuttosto preoccupante. Si tratta di un nuovo fenomeno di pressione palese, ci sono minacce contro il management e gli incaricati agli organi di governo. Ti preoccupi se un Paese del genere si muove su questa strada, altri lo seguiranno. Ci sono stati molti esempi.

Quindi non parli di Ungheria e Polonia?

Penso che tu possa consultare una lista. Ci sono a questo livello di questo in tutta Europa.

Qual è la linea generale dei membri dell’EBU su questo tema? C’è solidarietà o i membri si preoccupano solo del proprio cortile?

Abbiamo 116 membri in oltre 50 Paesi; non c’è una visione uniforme. Alcuni membri ritengono che sia necessario adottare una linea più dura in caso di violazione dei valori. Altri membri ritengono che queste persone sotto pressione abbiano bisogno di aiuto, non di sanzioni. E altri sono solo occupati a sopravvivere. Non esiste un unico approccio uniforme. Abbiamo sospeso la Bielorussia. Questo è stato un passo molto significativo, sentivamo di non avere scelta. È stato un caso abbastanza eccezionale. Ha dimostrato che siamo pronti ad agire. Lo esamineremo nei prossimi anni.

In che modo i media del servizio pubblico dovrebbero affrontare gli attacchi più subdoli, come le pressioni sui finanziamenti? Cosa dovrebbero fare e cosa dovrebbero smettere di fare?

La maggior parte dei nostri membri ottiene la maggior parte del proprio finanziamento attraverso denaro pubblico: un canone o tasse. Quindi, c’è qualche rischio. Il modo migliore per proteggere i finanziamenti è avere una connessione forte e salda con il tuo pubblico: devono sentire che stai soddisfacendo le loro esigenze e che cambi e ti adatti a quelle che sono queste esigenze. Fare il caso pubblicamente per i media di servizio pubblico è importante. Ed è una questione di gestione delle nostre finanze. A tal fine, tutti i nostri membri devono rendersi conto che il passaggio al digitale è inarrestabile. Nella pandemia, abbiamo visto enormi cifre lineari. Temo che abbia portato a una sorta di compiacimento. Non credo che queste cifre siano sostenibili. Il passaggio dal lineare sta continuando.

Come deve rispondere la leadership a quel ritmo? Cosa hai imparato come leader?

Molte delle vecchie certezze sono andate. L’idea di strategie quinquennali sta diventando sempre più ridondante. L’approccio generale deve essere molto più flessibile. I leader devono guidare ciò che sta accadendo nel mercato. È importante che i leader non diventino compiacenti. I leader devono essere molto in sintonia con il proprio personale e motivarlo. Inoltre, i leader dovrebbero essere positivi. C’è già tanta negatività. La positività non è compiacimento.

Dove immagini l’EBU tra dieci anni?

L’EBU sarà ancora qui tra dieci anni. C’è stato un momento in cui non ne ero sicuro. Ma sento che siamo in una posizione forte. Se apportiamo i cambiamenti digitali necessari, l’EBU sarà qui nel fornire servizi, informazioni, contenuti. Sono molto fiducioso. Ma abbiamo bisogno che i membri si rendano conto di ciò che sta accadendo intorno a noi. Il cambiamento nel comportamento del pubblico è drammatico e dobbiamo essere drammatici nella nostra risposta. Abbiamo bisogno di mettere in comune risorse, competenze, conoscenze, avere uno scambio aperto. Abbiamo bisogno che le persone comprendano il concetto che siamo molto più forti insieme. Siamo di fronte a giganti.

CONCLUSIONI

Allora, what’s next? Se i media di servizio pubblico devono difendere il loro spazio in un ambiente sempre più denso di informazioni, intrattenimento e disattenzione, devono farlo in modo sicuro e collaborativo e, naturalmente, per il bene pubblico. In un’epoca di crescente frammentazione e – in alcune aree – polarizzazione, la ragion d’essere dei media di servizio pubblico dovrebbe essere quella di enfatizzare la connessione e il valore condiviso e di agire come il collante che tiene insieme comunità e società. Dovrebbero anche riflettere il fatto che le società e i valori sono in costante sviluppo e cambiamento. Devono guidare il pubblico in questo viaggio per aiutare le persone a sentirsi sicure di esplorare ciò che è possibile. Ogni organizzazione deve stabilire la ragione della sua esistenza, un “perché”. Solo allora possono raccogliere forza e supporto sufficienti per continuare ad andare avanti.

Poi c’è il “cosa – what”. I capitoli precedenti hanno tentato di delineare come potrebbe essere la carne e il sangue del giornalismo di servizio pubblico. Un servizio di notizie affidabile, indipendente e basato sui fatti che attraversi l’opinione e sia al servizio di tutti dovrebbe essere al centro. Un servizio che prospera con un giornalismo forte, vivace, aperto e inclusivo. Il suo scopo è informare, educare e illuminare. Ma questo deve essere inserito in un mondo di interessi condivisi e terreno comune che fornisca alle persone un senso di appartenenza. Questi includono musica, sport, fiction e altri indicatori di identificazione regionale e culturale.

Per farlo correttamente, devono essere sfruttate le possibilità della tecnologia moderna. Le comunità esistono attraverso la comunicazione. Mai prima d’ora ci sono stati così tanti canali da utilizzare e persone con cui connettersi. Ma l’accesso è una cosa; sfruttare le opportunità è un altro. I media di servizio pubblico devono stabilire incentivi per l’impegno pubblico. Dovrebbero facilitare l’interazione, la conversazione e la partecipazione piuttosto che limitarsi alla consegna. Come afferma l’ex caporedattore della CBC Jennifer McGuire: “Se i media pubblici non si concentrassero solo su ciò che possono contribuire, ma si concentrassero nuovamente sul giornalismo e sulla conversazione pubblica, essendo in grado di creare un discorso collettivo con punti di vista divergenti, sarebbe un vera opportunità».

Mentre il “cosa – what” richiederà probabilmente la maggior parte del lavoro, anche il “come – how” – la strategia – richiede un’intensa riflessione. Ci sono crescenti richieste che la leadership crei organizzazioni reattive, curiose, inclusive e lungimiranti che siano attraenti per il talento e oneste su dove sono. Il monitoraggio delle prestazioni è il primo passo per migliorarle. I media del servizio pubblico devono diventare più ambiziosi nella definizione, nel perseguimento e nella valutazione degli obiettivi, ma anche nello sviluppo dell’attenzione. Devono servire tutti, ma non con tutto. Mentre lo spirito umano, l’empatia, la ragione e la determinazione saranno al centro di questo, la tecnologia, ancora una volta, aiuterà in modo significativo.

Sfortunatamente, le minacce ai media del servizio pubblico e alla loro missione sono fin troppo diffuse e reali. Alcune forze politiche desiderano minare o abolire i media di servizio pubblico a causa delle loro preoccupazioni che un resoconto trasparente riveli le loro intenzioni e pratiche. Alcune di queste forze hanno già raggiunto questo obiettivo. La domanda è: cosa si può fare per aiutare gli individui coraggiosi all’interno di organizzazioni in difficoltà e, in definitiva, quelle società in cui i media di servizio pubblico non sono più percepiti come fornitori di un “servizio pubblico” ma come media di parte o apparati dello Stato. Poi ci sono i critici che pensano che il mercato fornirà al pubblico con ciò di cui hanno bisogno, inconsapevoli (o indifferenti) dei molteplici modi in cui il mercato può non servire il pubblico con notizie affidabili. Nel migliore dei casi, questi attori si impegnano in vigorosi dibattiti. Nel peggiore dei casi, manometteranno l’indipendenza dei media di servizio pubblico, erodendo così la loro credibilità e fiducia. Incoraggiati da entrambi sono le poche ma rumorose forze in molte società che trattano i giornalisti come il nemico, con molestie e attacchi che a volte si estendono dallo spazio digitale allo spazio fisico.

Una grande maggioranza di persone in molti Paesi è grata per i forti mezzi di servizio pubblico, in particolare nei momenti di bisogno. Trovano molti contenuti e servizi che li aiutano nelle scelte e nelle lotte della vita quotidiana. Ma ci sono margini di miglioramento. Non tutte le parti della società sono rappresentate come meritano. Come dice l’ex direttore di The Guardian, Alan Rusbridger, parte del giornalismo ha perso il suo legame con la gente diventando troppo accademico, troppo politicizzato, troppo “elite”. Ci è voluta una pandemia per dimostrare che la connessione esiste ancora. Ora spetta ai media del servizio pubblico capitalizzare questi guadagni. Le redazioni devono essere alleate del loro pubblico. Che tu sia un ottimista o un po’ meno fiducioso sul futuro potrebbe dipendere dalla personalità, ma forse ancora di più dall’ambiente in cui ti trovi.

Martin Řezníček della TV ceca esprime dubbi sul fatto che la popolazione ceca si sarebbe presentata a frotte per marciare per la sua emittente pubblica, come fece 20 anni fa quando l’emittente subì un attacco politico. Anche se apprezzano il suo lavoro: “Dubito che vedremmo quella risposta ora. Le persone sono più compiacenti. Il pubblico è pronto a inviare tweet, non a uscire; è un modello più ampio nella società; molte persone preferirebbero avere più paga e meno libertà”.

Anche Pascal Doucet-Bon di France Télévisions, che opera in un mercato con una fiducia eccezionalmente bassa nei media, è prudente: “Vedremo più disinformazione. È solo l’inizio. I deep fakes saranno un problema. (…) Vedremo più molestie informatiche; sta già aumentando ogni settimana. Vedremo anche un aumento della violenza fisica, soprattutto durante le manifestazioni”.

Marcel Gelauff, Head of News di NOS nei Paesi Bassi, sottolinea invece la speranza: “Siamo sempre più fiduciosi che come società abbiamo bisogno di organizzazioni affidabili e informazioni affidabili. È così fondamentale. La mia paura che possa svanire non è così grande come nei giorni di pioggia. Sono più ottimista di quanto non lo sia mai stato“.

Ci sono possibilità tecnologiche adatte ad alimentare quell’ottimismo. Secondo molti degli intervistati, uno dei prossimi passi sarà la crescente personalizzazione dei contenuti, grazie alle innovazioni nelle tecnologie dell’intelligenza artificiale. L’intenzione qui non è di dare alle persone solo ciò a cui sono interessate, ma di aiutarle a navigare in un ambiente mediatico di alta qualità. Questo è stato a lungo combattuto da editori le cui carriere sono stati spesi in piattaforme come giornali o televisione lineare. La radio era un po’ avanti rispetto agli altri media, fornendo una gamma più ampia di scelte per generazioni e gusti diversi. E ha dimostrato di essere abbastanza resiliente, avendo fornito mirati servizi per un pubblico diverso e possibilità di interazione sin dall’inizio. Le cifre di fiducia per la radio superano costantemente quelle di altri media. Ma la personalizzazione è stata uno dei concetti generali del mondo digitale. Qualsiasi settore che non superi questa tendenza avrà probabilmente difficoltà a sopravvivere.

In termini di giornalismo, il compito dei media di servizio pubblico potrebbe essere sempre più quello di unificare piuttosto che polarizzare, quest’ultimo è stato trasformato in un modello di business da alcuni media privati.

Maike Olij, ricercatore indipendente e uno degli autori dei precedenti EBU News Reports, è certo:
Si tratta di trovare il mezzo e non di polarizzarsi. Le persone si stanno davvero stufando delle differenze e di come queste vengono ampliate dai media”.

Ci sono infatti prove che la copertura mediatica della disinformazione ha portato le persone a credere che il problema sia molto più grande di quello che è. Inoltre, in molti Paesi, il dibattito sulla scomparsa della fiducia è stato forse più allarmante di quanto suggerissero i dati reali sulla fiducia.

Il giornalismo di servizio pubblico ha bisogno di trovare un migliore equilibrio tra riportare il dramma e presentare prospettive e sfumature. Molte redazioni stanno riponendo le loro speranze nel giornalismo costruttivo per combattere alcuni dei pregiudizi negativi nelle notizie. Questo sarà disperatamente necessario, specialmente con i reportage sui cambiamenti climatici, un argomento su cui i giornalisti stanno appena iniziando a prendere confidenza.

Le redazioni dovrebbero enfatizzare la segnalazione delle soluzioni alla sfida climatica piuttosto che evidenziare semplicemente le catastrofi. I giornalisti dovrebbero anche attenersi alla scienza piuttosto che presentarla come un campo di battaglia politico. Indubbiamente, questo sarà un compito difficile. Mentre i fatti sui cambiamenti climatici come risultato dell’attività umana sono incontrastati, le strategie per combatterlo probabilmente non lo saranno mai. Le redazioni devono elaborare un piano per coprire quello che è forse il tema più importante dei nostri tempi prima che venga annesso da coloro che vogliono inquadrarlo come una politica verde o di sinistra. I rapporti sui cambiamenti climatici metteranno alla prova il concetto di imparzialità e i media del servizio pubblico devono riempirlo di vita. Ciò significa che dovrebbero essere precisi sui fatti ma ampi e inclusivi nell’aprire spazi per i dibattiti. La sfida climatica offrirà molte opportunità per mostrare in cosa consiste la “dovuta imparzialità”.

La cooperazione internazionale renderà i media del servizio pubblico più forti e più resistenti agli attacchi.

Se c’era una cosa che emergeva più e più volte dalle nostre conversazioni, era il desiderio di una maggiore collaborazione oltre confine. Ciò è stato sottolineato in particolare dalle organizzazioni dei media più piccole con meno risorse finanziarie o da coloro che sono stati sottoposti a pressioni politiche. Molti degli intervistati hanno suggerito che l’EBU ha un impatto con i governi e i legislatori nazionali e, altrettanto importante, dà solidarietà e sostegno a coloro che lavorano per promuovere i valori e gli obiettivi del giornalismo di servizio pubblico.

Esiste un’ampia gamma di strumenti che l’organizzazione può utilizzare per rafforzare i propri membri e le persone che lavorano per loro e per responsabilizzare coloro che violano i valori del servizio pubblico. Promuovere azioni normative, aiutare chi è sotto pressione e promuovere campagne transnazionali sono alcuni di questi strumenti.

L’EBU è importante come piattaforma, come organizzazione di lobby che ci tiene uniti, che stimola uno scambio di giornalisti attraverso i Paesi“, afferma Marcel Gelauff di NOS.

Martin Řezníček di Czech TV suggerisce di sviluppare più prodotti insieme. “L’Eurovision Song Contest è il prodotto più noto rivolto al pubblico. Sì, è visto da milioni di persone, ma non ci dice molto sul resto di ciò che facciamo. Abbiamo sempre più cose in comune rispetto al passato“.

Benoît Balon-Perin di RTBF pensa sulla stessa linea: “Dovrebbe essere possibile produrre più contenuti insieme piuttosto che scambiare semplicemente contenuti“. ‘A European Perspective‘ è un progetto vetrina in questo senso che ha sbloccato un grande potenziale (pdf allegato vedi caso ‘A European Perspective, p. 151).

Anche Olle Zachrison di Sveriges Radio è aperto a una maggiore cooperazione: “Avere scambi costanti con partner all’interno della famiglia EBU è così importante. Abbiamo risorse di sviluppo limitate; se possiamo ottenere aiuto all’interno dei progetti EBU, è fantastico.

Ci sono stati suggerimenti per costruire una piattaforma europea comune di contenuti che vada oltre i media di servizio pubblico. Ma la maggior parte dei leader dei media sarebbe d’accordo sul fatto che aspettare un grande progetto a tutto campo non sarebbe una strategia valida, così come non è consigliabile che le aziende aspettino il prossimo Steve Jobs per risolvere i loro problemi. Invece, tutti devono iniziare subito se non hanno iniziato ieri.

La chiave del successo è la creazione di talenti. È fondamentale sviluppare e attrarre leader e manager che promuovano culture organizzative che siano reattive, ispiratrici, inclusive e capaci di promuovere l’innovazione.

Kai Gniffke afferma: “Uno dei miei motti è: vincono le persone migliori, non le strutture migliori. Quando i leader vivono e respirano uno stile di leadership diverso, possono operare all’interno di strutture obsolete per un po’. Alla fine queste strutture cambieranno”. È essenziale coinvolgere voci diverse che riflettano le società che cambiano, poiché aprirà prospettive ancora più ricche e più ampie di quelle che i media di servizio pubblico stanno già riflettendo. I leader dei media e i loro team saranno impegnati ad abbracciare il cambiamento difendendo i valori negli anni a venire. La pandemia ha fornito un’opportunità tanto necessaria per contrastare la narrativa del declino della fiducia. Ora l’industria deve concentrarsi su ciò che è possibile e mantenere la fiducia che è stata loro riposta.

Douglas Smith, che aiuta le redazioni con la trasformazione digitale, riflette: “Sono rimasto sorpreso da quanti giornalisti abbracciano e si attengono così facilmente alla narrativa di morte e oscurità. Abbiamo molti sviluppi entusiasmanti e positivi nel giornalismo. Pensa alle start-up online, al numero crescente di newsgroup legacy che cambiano le cose, all’entusiasmo dei più giovani e ai progressi reali con gli sforzi di gestione del cambiamento in tutto il mondo“.

Il direttore generale dell’EBU Noel Curran ha un messaggio simile: “È importante che i leader non siano compiacenti. E dovrebbero essere positivi. La positività non è compiacimento“. Nel pensare a cosa sarà il prossimo per il giornalismo e i media di servizio pubblico, un’indagine costruttiva e una sana dose di ottimismo dovrebbero rendere un viaggio emozionante.

‘EBU News Report è prodotto da Eurovision News e scritto dalla dott.ssa Alexandra Borchardt e Felix M. Simon, esplorando argomenti di fondamentale interesse per i giornalisti e l’industria dell’informazione in generale. Il rapporto è finanziato dalla riserva stanziata per le notizie approvata dal Comitato per le notizie.​

Autori e editori:

DOTT.SSA ALEXANDRA BORCHARDT
Alexandra Borchardt è l’autrice principale del rapporto di notizie EBU 2021 – 22. È giornalista senior, autrice di libri, docente e media advisor con 25 anni di esperienza in redazioni, 15 dei quali in ruoli di leadership. Ora lavora come coach per il World Association of News Publishers programma di trasformazione digitale WAN-IFRA Table Stakes Europe e per la Hamburg Media School, dove dirige il Journalism Innovators Program. È anche affiliata al Reuters Institute for the Study of Journalism presso
l’Università di Oxford come Senior Research Associate dopo aver lavorato come direttore dei programmi di leadership fino al 2019. In precedenza è stata caporedattrice di Süddeutsche Zeitung (SZ), il principale quotidiano di qualità della Germania. Alexandra è Professore Onorario di Leadership e Trasformazione Digitale presso la TUM School of Management di TU Munich, dove insegna “Leadership e Strategia nel 21° secolo”.

FELIX M. SIMON
Felix M. Simon è co-autore del rapporto 2021 – 22 EBU News. È giornalista, ricercatore e studente di dottorato presso l’Oxford Internet Institute (OII e Knight News Innovation Fellow presso il Tow Center for Digital Journalism della Columbia University. Lavora anche come assistente di ricerca presso il Reuters Institute for the Study of Journalism (RISJ e scrive e commenta regolarmente su tecnologia, media e politica per vari media internazionali. Come membro del Leverhulme Doctoral Center “Publication Beyond Print”, sta attualmente studiando le implicazioni dell’intelligenza artificiale nel giornalismo e nell’industria dell’informazione.

LIZ CORBIN
Liz Corbin è il vicedirettrice dei media e capo delle notizie presso l’Unione europea di radiodiffusione (EBU). Supervisiona l’Eurovision News and Sports Exchange, il Social Newswire, il team dei servizi di trasmissione di News Events e Radio News. Prima di entrare a far parte dell’EBU nel gennaio 2020, Liz ha lavorato alla BBC per 18 anni, più recentemente come Head of News presso il canale internazionale BBC World News. I ruoli precedenti includono Editor di BBC Reality Check, dove ha supervisionato una grande espansione del team. È stata anche la BBC Singapore Bureau Editor per quattro anni.

SENIOR EDITOR OF NEWS STRATEGY AND DEVELOPMENT, EUROVISION NEWS
Justyna Kurczabinska guida la strategia di notizie e lo sviluppo di Eurovision News presso l’European Broadcasting Union (EBU – la principale alleanza mondiale di media di servizio pubblico. L’iniziativa più recente che ha sostenuto mira a ridefinire la collaborazione online sulle notizie digitali tra le organizzazioni dei media di servizio pubblico con l’obiettivo di fornire al pubblico di tutta Europa un giornalismo di servizio pubblico potente e pertinente attraverso il progetto chiamato “A European Perspective -Una prospettiva europea”. Ha supervisionato l’iniziativa di giornalismo di servizio pubblico volta a rafforzare e supportare le notizie affidabili indipendenti dal 2017. L’annuale EBU News Report è diventato uno degli elementi cruciali di questa iniziativa.

ED MULHALL
Ed Mulhall è un consulente editoriale e consulente per i media. È un ex amministratore delegato di RTÉ News and Current Affairs e in precedenza ha lavorato come produttore radiofonico, produttore televisivo, redattore di programmi di notizie e caporedattore di TV News. È stato membro eletto del Comitato per le notizie dell’EBU per diversi mandati durante il suo periodo con RTÉ News. Da quando ha lasciato RTÉ ha lavorato come consulente editoriale e consulente, oltre a scrivere su argomenti di storia, letteratura e media. Ha agito come consulente editoriale per Eurovision News su molti progetti, inclusi i successivi EBU News Reports.

ESZTER CZIRJAK
Eszter Czirjak è ad interim News External Relations Manager presso l’European Broadcasting Union (EBU). Prima di assumere questa posizione, era responsabile delle operazioni relative ai media in occasione di importanti eventi internazionali come parte del team dei servizi di trasmissione di EBU News Events.
In precedenza ha lavorato come giornalista e redattrice di notizie straniere per organizzazioni di servizio pubblico e di media commerciali, MTVA e RTL KLUB, nonché per giornali in Ungheria e negli Stati Uniti.

Informazioni sull’EBU

L’European Broadcasting Union (EBU) è la principale alleanza mondiale di media di servizio pubblico – public service media (PSM). La nostra missione è rendere indispensabile il PSM. Rappresentiamo 115 organizzazioni dei media in 56 Paesi in Europa, Medio Oriente e Africa; e hanno altri 31 Associati in Asia, Africa, Australasia e nelle Americhe.

I nostri membri gestiscono quasi 2.000 canali televisivi e radiofonici insieme a numerose piattaforme online. Insieme, raggiungono un pubblico di oltre un miliardo di persone in tutto il mondo, trasmettendo in quasi 160 lingue. Ci sforziamo di garantire un futuro sostenibile per PSM, fornire ai nostri membri contenuti di livello mondiale dalle notizie allo sport e alla musica e costruire sulla nostra filosofia fondante di solidarietà e cooperazione per creare un centro per l’apprendimento e la condivisione. La nostra consociata, Eurovision Services, mira a essere il fornitore di servizi multimediali di prima scelta, offrendo modi nuovi, migliori e diversi per accedere e fornire contenuti e servizi in modo semplice, efficiente e senza soluzione di continuità. Abbiamo uffici a Bruxelles, Roma, Dubai, Mosca, New York, Washington DC, Singapore, Madrid e Pechino. La nostra sede è a Ginevra. https://www.ebu.ch/home