Italia SERIE TV Svezia Variety

CLARK – le immagini della serie svedese del rapinatore che ha ispirato La sindrome di Stoccolma

NETFLIX

CLARK

le prime immagini della serie svedese del rapinatore
che ha ispirato

La sindrome di Stoccolma

Clark Netflix

Clark, una serie svedese diretta da Jonas Åkerlund e interpretata da Bill Skarsgård nei panni di Clark Olofsson – il famigerato rapinatore di banche svedese e l’uomo le cui azioni hanno ispirato l’espressione “La sindrome di Stoccolma” – arriverà su Netflix il 5 maggio 2022.

La serie drammatica di fantasia Clark segue gran parte della vita del rapinatore che ha ingannato tutta la Svezia mentre le persone erano affascinate da lui, da qui le definizione “La sindrome di Stoccolma“, nonostante innumerevoli traffici di droga, tentato omicidio, aggressione, furto e dozzine di banche rapine.

Clark Netflix

Basata sulle verità e le bugie rivelate nell’autobiografia di Clark Olofsson e diretta da Jonas Åkerlund, la serie fornisce una versione immaginaria di una delle personalità più controverse della storia svedese contemporanea.

Clark Netflix

Cast: Bill Skarsgård, Adam Lundgren, Sandra Ilar, Vilhelm Blomgren, Peter Viitanen, Hanna Björn, Isabelle Grill, Alida Morberg, Björn Gustafsson, Malin Levanon, Sofie Hoflack, Alicia Agneson, Robin Nazari, Linus Wahlgren, Claes Malmberg, Alexander Karim, Christoffer Nordenrot, Daniel Hallberg, Rachel Mohlin,

 Clark Netflix

Henrik Lundström, Arja Saijonmaa, Emil Algpeus, Hans Erik Dyvik Husby, Agnes Lindström Bolmgren, Babben Larsson, Peter Järn, Henrik Hjelt, Kristian Luuk, David Batra, Peter Apelgren, Staffan Kihlbom Thor, Rikard Ulvshammar, Freja Beha Erichsen, Amalie Bruun, Wilson Gonzalez, Lukas Wetterberg and Kolbjörn Skarsgård.

Screenwriters: Jonas Åkerlund, Fredrik Agetoft, Peter Arrhenius
Producers: Börje Hansson and Julia Stannard
Line producer: Birna Paulina Einarsdottir
Music: Mikael Åkerfeldt
Executive producers: Hans Engholm, Jonas Åkerlund and Bill Skarsgård
Production company: Scandinavian Content Group
Based on: Clark Olofsson’s autobiography “Vafan var det som hände”