UK Variety

Bananarama – il fenomeno pop UK torna con l’album Masquerade ora nei digital store FAVOURITE

Bananarama

il fenomeno pop UK torna con

l’album Masquerade

ora nei digital store

FAVOURITE

Il 2022 vede la leggendaria pop band Bananarama celebrare 40 anni sensazionali di pubblicazione musicali, segnando 30 sorprendenti successi nelle classifiche e 30 milioni di vendite record. Per celebrare questa importante occasione, la band pubblicherà il nuovissimo album “Masquerade”.

L’album uscirà il 22 luglio in un’edizione limitata di vinile blu e rosso, cassetta, CD e formati digitali. Per celebrare l’annuncio dell’album, oggi viene pubblicata una nuova canzone “Favorite” come regalo per i fan.

Il brano è stato scritto dalla figlia di Sara, dalla cantautrice Alice Dallin-Walker (Alice D) e da Oscar Scheller, ed è apparso originariamente nell’album del 2018 di Alice “Narcissus“. Alice ha anche collaborato con Dallin in molte altre tracce dell’album.

È solo una brillante canzone pop“, dice Keren. “Abbiamo fatto una versione diversa, ma con Alice alla voce di supporto perché non potevamo non usare le sue improvvisazioni, sono semplicemente troppo belle“.

Stream https://slinky.to/Favourite

Bananarama ha sempre avuto modo di fare dei remake – nel 1986, la loro rivisitazione Hi-NRG di “Venus” di Shocking Blue ha raggiunto la vetta delle classifiche statunitensi – ma Woodward dice che è stato particolarmente gratificante fare una cover di una canzone che “è così personale per noi“.

Sara Dallin e Keren Woodward stanno celebrando i 40 anni delle Bananarama nel miglior modo possibile: con un nuovo eccellente album, ‘Masquerade’, e una serie di emozionanti spettacoli dal vivo con altre sorprese durante il prossimo anno.

pre-order https://slinky.to/MasqueradeLP

Quando abbiamo iniziato, non avremmo mai potuto prevedere che avremmo fatto questo per 40 anni“, dice Dallin.Ricordo che all’inizio avevo 26 anni all’epoca e qualcuno in un’intervista ha detto che ci stavamo avvicinando ai 30 e stavamo diventando un po’ vecchie per fare musica. Le donne nell’industria musicale erano viste come aventi una durata di conservazione“.

Le Bananarama hanno dimostrato che si sbagliavano in un modo piuttosto spettacolare: se hanno una durata di conservazione, quella che non è affatto finita. Masquerade è il loro dodicesimo album in studio; hanno collezionato 30 successi nelle classifiche britanniche e in testa alle classifiche statunitensi, e si sono costruite la reputazione di travolgenti spettacoli dal vivo che deliziano il pubblico ovunque, da Glastonbury al Manchester Pride e al Gran Premio di Singapore.

Sono impegnate quest’estate con gli spettacoli dei festival a Kenwood House, Kew The Music, Rewind Scotland, 80s Party in the Park – nientemeno che nella tenuta di Queen’s Sandringham – e molto altro ancora. “Abbiamo ancora così tante incredibili opportunità e ci sentiamo così fortunate a farlo“, dice Dallin.

Masquerade vede il duo riunirsi con il produttore Ian Masterson, con il quale hanno anche lavorato a In Stereo del 2019 – il loro album con le classifiche più alte dalla fine degli anni ’80 – e Viva del 2009, sede del clamoroso successo da club “Love Comes“. Inizialmente avevano concepito questo ultimo progetto come un EP, ma quando la pandemia ha cancellato il loro programma dal vivo nel 2020, hanno continuato a scrivere e Masquerade è diventato un album di 11 tracce elegante e coeso. Amo scrivere canzoni, probabilmente è la mia parte preferita. Richiudermi e trovare idee e poi raccontare una storia in meno di 4 minuti, è davvero un’arte, dice Dallin. “L’arrangiamento della musica, della voce e delle armonie è davvero il nostro forte“, aggiunge Woodward.

Il risultato è un album di electro-dance tremendamente divertente che suona sia fresco che tipicamente Bananarama. La title track e il singolo principale è una fetta pulsante di club pop con un accenno di Pet Shop Boys nel suo DNA musicale e testi che attingono alla nostra crescente consapevolezza dell’identità.

“Quando ero in isolamento, c’erano molte conversazioni che avevano a che fare con l’inclusività, la diversità, il genere e l’uguaglianza razziale“, spiega Dallin. “E questo tipo di cose ha portato a questa idea di ‘masquerade’: come ti presenti in modo diverso modi a seconda della situazione, ma in realtà vuoi solo che le persone vivano come vogliono vivere. È una canzone di cui siamo davvero molto orgogliosi“.

L’album è sia malinconico che un inno. “Stay wild, stay wild and free – you are evergreen“, cantano nella scintillante ‘Stay Wild‘. Altri momenti salienti come “Bad Love” e “Let’s Go Outside” hanno un luccichio sfacciato nei loro occhi. Quest’ultimo ha un ponte brillante con una pausa perfettamente sincronizzata: “I’ve got a feeling in my soul that you and me are gonna be something a little more… than friends“.

Bananarama ha sempre tenuto le cose sul personale. Pubblicata nell’ottobre 2020, la loro autobiografia congiunta Really Saying Something: Sara & Keren – Our Bananarama Story ci ricorda che questo gruppo è costruito su un’amicizia che dura tutta la vita. Ripercorre anche il viaggio straordinario di Dallin e Woodward dalle studentesse punk – notoriamente, nei primi anni ’80 vissero per un periodo al di sopra di quello che era lo spazio per le prove dei Sex Pistols a Soho – al successo globale con successi che hanno definito l’era tra cui “Cruel Summer” , ‘Shy Boy‘, ‘Robert De Niro’s Waiting‘, ‘Love in the First Degree‘ e ‘I Heard a Rumour‘. Non è esagerato definire le Bananarama una delle grandi storie di successo del pop britannico.

Sono anche una delle band più durature. Quando la collega co-fondatrice Siobhan Fahey lasciò il gruppo all’inizio del 1988, Dallin e Woodward reclutarono la vecchia amica Jacquie O’Sullivan e intrapresero il loro primo tour mondiale in assoluto. Dal 1991, hanno operato come un duo solido, segnando altri successi tra cui “Movin’ On“, “Look on the Floor (Hypnotic Tango)” e “Move in My Direction“.

Nel 2017 Dallin e Woodward hanno chiesto a Fahey di unirsi a loro per “The Original Line Up Tour“. È stato un trionfo e questa breve riunione esultante è stata resa ancora più commovente dal fatto che Fahey non si era mai esibita dal vivo con le Bananarama negli anni ’80.

All’epoca, quando l’industria musicale era ancora guidata da enormi vendite di dischi fisici, il tour non era considerato una priorità così alta.

A quarant’anni dalla pubblicazione del loro singolo di debutto “Aie a Mwana“, l’amicizia di Dallin e Woodward è ancora alla base di tutto ciò che fa Bananarama e, soprattutto, lo rende divertente.

Dall’età di 18 o 19 anni, essere in grado di viaggiare per il mondo e scrivere ed eseguire musica, è stato davvero incredibile“, afferma Dallin. “Sì, c’è un sacco di duro lavoro e alcune cose che preferiremmo non dover fare, ma abbiamo ottenuto così tanto e abbiamo avuto alcuni momenti esilaranti lungo la strada. E sembrano non fermarsi mai!” Woodward dice che i membri della loro band sanno sempre quando sono arrivati all’aeroportoperché possono sentire arrivare le risate“. E possa continuare a lungo: come mostra Masquerade, la fiamma creativa delle Bananarama brucia più che mai.

Instagram: @bananarama_official