FILM TV Francia Italia Variety

ATHENA – su Netflix l’epica senza tempo della tragedia e del caos il film di Romain Gavras

ATHENA

Regia di
Romain Gavras
Scritto da
Romain Gavras, Ladj Ly, Elias Belkeddar
Cast
Dali Benssalah (Abdel), Sami Slimane (Karim),
Anthony Bajon (Jérôme),
Ouassini Embarek (Moktar), Alexis Manenti (Sébastien)

Dopo la morte del fratello più giovane a seguito di un presunto alterco con la polizia, Abdel (Dali Benssalah) viene richiamato dalla prima linea e trova la sua famiglia dilaniata.

Abdel fatica a calmare le crescenti tensioni, tra il desiderio di vendetta di suo fratello minore Karim (Sami Slimane) e le attività criminali del fratello maggiore Moktar (Ouassini Embarek), Con l’escalation della situazione, la loro comunità ATHENA si trasforma in una fortezza sotto assedio, diventando la scena di una tragedia sia per la famiglia e non solo… Per il suo terzo lungometraggio, il regista Romain Gavras propone una tragedia moderna coinvolgente, scritta da Ladj Ly ed Elias Belkeddar .

Il regista Romain Gavras rivela l’idea di fondo del film Athena:

Durante le mie radici e la mia educazione, sono stato ispirato dalla tragedia greca. Sono affascinato dal suo significato simbolico, unità di tempo e modo di trascendere la realtà (in termini filosofici). Volevo avvicinarmi a questo metodo di narrazione, tradurlo in immagini e creare un’esperienza cinematografica immersiva. Questa storia di una famiglia racconta una storia più ampia e questa forma era essenziale.

ATHENA è un film che parla ai sensi. Crea l’impressione del tempo reale attraverso riprese lunghe, guidando il pubblico insieme ai nostri personaggi che non hanno tempo per pensare, per vivere l’intensità del momento, per prendere lo spettatore per la gola e non lasciarlo andare.

Il film abbraccia l’epico e il personale. L’intensità dei volti e delle emozioni dei nostri eroi ci parla tanto quanto il suono smorzato del rumore che rimbomba fuori dallo schermo. Non teme l’eccesso, lo spettacolo, la potenza delle immagini.

ATHENA è ambientato in un ambiente favorevole alla tragedia ma non è un’analisi delle periferie o della polizia, né è uno studio sociologico. Il film è un pezzo operistico e coreografato che si muove rapidamente verso il caos, senza né cattivi né bravi ragazzi, ma un coro di personaggi diretti inesorabilmente verso la tragedia, spinti dal loro destino e dalla trappola che è stata loro tesa.

ATHENA, in arrivo su Netflix il 23 settembre

Quando abbiamo scritto questo film con Ladj ed Elias, volevamo un punto di partenza semplice: vivere in prima persona la scintilla che infiammerà la nazione, partendo dalla storia personale di un fratello il cui dolore e violenza si riverseranno nei progetti, e fuori dallo schermo sul Paese.

Ci sono molti modi per reagire al conflitto: cercare di prevenirlo, voler bruciare tutto, proteggere i propri interessi o cercare di scappare da esso. I nostri eroi sono simboli di ciascuno di questi aspetti.

Molto rapidamente, abbiamo voluto elevare la forma della storia, non trattarla come un documentario o una realtà sociale, ma rendere questa storia senza tempo e simbolica attraverso l’uso delle immagini.

ATHENA potrebbe aver avuto luogo in qualsiasi momento nel passato o nel futuro. Dietro ogni guerra si nasconde una manipolazione; una bugia. La storia si ripete, dalla guerra di Troia alle guerre contemporanee. Ci sono sempre forze nell’ombra che alimentano il conflitto. Queste forze sanno che quando il dolore intimo è troppo grande, la violenza acceca il pensiero e quando la nazione è fragile, è facile spingerla nel precipizio.

immagine dal film Athena

La Tecnica di ripresa del film:

Volevamo filmare una visione a tutto tondo dei progetti. IMAX è per grandi spazi e il suo utilizzo ci ha permesso di uscire da quei progetti, dal lato hip-hop e urban del film. La telecamera è certamente pesante, ma dà spazio e vita al filmato. Ci permette di stare all’interno del cinema classico. La fotocamera ci ha davvero aiutato a realizzare movimenti semplici e drammatici allo stesso tempo. L’abbiamo girato come un film che avrebbe potuto essere girato 30 anni fa e che potrà essere girato tra 50 anni. La scena dell’attacco della polizia antisommossa lo illustra meravigliosamente: abbiamo portato la gru più grande d’Europa dalla Repubblica Ceca; era alto più di 35 metri. Poi l’abbiamo caricata su un camion che normalmente trasportava mietitrebbie giganti. Che ha guidato in retromarcia nel mezzo di 250 comparse! Se ci siamo dati tutti questi problemi, è per creare un tipo di atemporalità. Per inciso, abbiamo preso l’ultimo IMAX disponibile in quel momento nel mondo – ce ne sono solo 50 – non deve rompersi! – spiega il direttore della fotografia Matias Boucard.

Le musiche del Film Athena sono ispirate alla tragedia greca:

I testi del coro nel film sono tutti in greco. Abbiamo lavorato con una cantautrice greca chiamata Noda Pappas. C’è una bella dimensione operistica. Volevamo creare qualcosa di ibrido con la musica sinfonica unita alla musica elettronica, cercando di mantenere questo senso di grandezza. In termini di strumentazione, c’era il desiderio di fare qualcosa di abbastanza grande. Abbiamo registrato gli ottoni e gli strumenti ad arco in sezioni molto grandi, più di 30. In totale, avevamo più di 40 persone nei cori.

Il protagonista del film è l’elemento umano. Nella musica, sono i cori. Le sezioni di archi e ottoni hanno aiutato a portare la potenza della colonna sonora attraverso gli elementi classici.

Abbiamo questa dualità con l’epica e anche gli insiemi più piccoli in parti più piccole che seguono lo svolgersi degli eventi e contrastano con la scala della spianata, il caos, i momenti più intimi in uno spazio chiuso, con una rappresentazione più stretta.

immagine dal film Athena

Troverete elementi distintivi della musica elettronica che non vengono utilizzati in questo tipo di colonna sonora. Molti degli elementi sono stati generati utilizzando sintetizzatori modulari, elementi ritmici che non sono mai stati usati nella musica orchestrale. È uno stile musicale che è andato avanti e indietro tra la musica orchestrale tradizionale e la musica più futurista e high-tech, cercando di creare un insieme coerente, che non riesce a separare i due. L’idea non è affatto quella di fare un remix elettronico di temi d’opera ma qualcosa di più sequenziale, ripetitivo, derivante dalla produzione rap che non chiude armonicamente certi temi, li riporta indietro e si allontana dall’armonia classica… Per quanto riguarda i fratelli, ci sono temi che emergono, legati a certi personaggi che vediamo svilupparsi in base al loro stato emotivo. Non è del tutto rigido, non completamente diviso e non è semplice come un tema per personaggio, ma ci sono motivi che ritornano in base ai personaggi. C’è un motivo di tre note che ritorna per Karim, più volte quando appare sullo schermo, non sistematicamente ma ritorna. Ci sono temi legati a diversi tipi di eventi. – racconta il compositore Surkin (GENER8ION)

La filmografia di riferimento del regista Romain Gavras:

ATHENA è un inno al cinema epico. Il regista Romain Gavras ha viaggiato nella storia del cinema per rendere omaggio ai film che lo hanno ispirato. Alcuni riferimenti cinematografici che si imprimono nella retina e nella memoria in ATHENA.

Ran, di Akira Kurosawa (1985) – “In Ran sono rappresentate battaglie militari ben ordinate”, ricorda Romain Gavras. Per noi in ATHENA, la polizia antisommossa assomiglia ai samurai dei giorni nostri, dove i giovani sono tutti in tuta da calcio”. Rimanere credibili e utilizzare codici contemporanei raccontando una storia senza tempo è stato lo stimolo per il progetto.

Il Gladiatore, di Ridley Scott (2000) – “Sono attratto dai film in cui ci sono cavalli, spade. Il gladiatore è logicamente parte di questo. Mi sono ispirato al film per il suo lato tragico, il sangue, la guerra, la famiglia… Al suo interno ci sono i temi della vendetta, dei personaggi radiosi e travagliati. Ci sono anche questi momenti quasi “troppi“, con questi flashback girati in seppia. Sono una caricatura, ma funziona. Su ATHENA, abbiamo cercato di stare tra l’eleganza e il clou. È un equilibrio, perché appena si percorre la via dei classici e dei cori bisogna lasciare andare i cavalli”.

Soy Cuba di Mikhaïl Kalatozov (1964) – “Questo film russo girato a Cuba è la Bibbia per le riprese lunghe. La telecamera è stata fissata e spostata con delle gru; è il punto di riferimento importante per tutti coloro che fanno riprese lunghe. Nel film, tutto è fatto meccanicamente e funziona bene poiché abbiamo anche avuto il desiderio di non usare troppo il 3D“.

Apocalypse Now, di Francis Ford Coppola (1979) – “Per il tentativo di eccesso, di avere una tragedia, qualcosa di terribile infondendo poesia e lirica.”

Bloody Sunday, di Paul Greengrass (2002) – “Anche se la forma di Bloody Sunday è molto diversa, c’è l’impressione di trattenere il respiro per tutto il film. Questa sensazione continua mentre la storia va avanti e ci dirigiamo verso una tragica fine

Amarcord, di Federico Fellini (1973) – ”Ad un certo punto del film, Zio Teo che è su un albero grida per la prima volta “Voglio una donna!” Più tardi, lo vediamo a cavallo questa volta dove grida di nuovo “Voglio una donna”. È un riferimento diretto all’idiota del villaggio che grida a squarciagola dicendo: ‘Voglio una donna, voglio una donna’“.

E… Romain Gavras!
C’è anche un po’ di autoreferenzialità, mi sono reso conto poco a poco che questo porta a conclusione 15 anni di ossessione personale per le folle, intorno al tema della violenza, al simbolismo delle immagini e delle cose che ho potuto esplorare in alcuni video musicali, in alcuni vecchi progetti che ho realizzato. Una delle sfide di questo film a livello personale è stata determinare come provare a raccontare la storia in modo maturo per tracciare una linea sotto queste ossessioni che continuano a tornare”.

Prodotta da
Iconoclast: Charles-Marie Anthonioz, Mourad Belkeddar, Jean Duhamel,
Nicolas Lhermitte
Prodotto da
Ladj Ly e Romain Gavras
Direttore della Fotografia
Matias Boucard
Musica originale
Gener8ion
Editore
Benjamin Weill
Scenografo
Arnaud Roth
Costumista
Noémie Veissier

Note Biografiche di Romain Gavras:

Co-fondatore di Kourtrajmé, collettivo creato nel 1995 da Kim Chapiron, Toumani Sangaré, Ladj Ly e Romain Gavras, all’interno del quale Gavras crea decine di progetti.

Films
Our Day Will Come (2010)
The World Is Yours (2018)
ATHENA (2022)

Video Musicali
Changer le monde – Rocé (2002)
Pour ceux – Mafia K’1 Fry (2003)
Y en a des biens – Didier Super (2004)
I Believe – Simian Mobile Disco (2007)
Stress – Justice (2007)
Signatune – DJ Mehdi (2007)
The Age of The Understatement – The Last Shadow Puppets (2008)
Born Free – M.I.A. (2010)
Bad Girls – M.I.A. (2012)
No Church in the Wild – Jay-Z & Kanye West feat Frank Ocean (2012)
Gosh – Jamie xx (2016)
Neo Surf – Gener8ion (2021)

Documentari

Les Mathématiques du roi Heenok, co-diretto con Mohamed Mazouz (2008) A Cross the Universe, co-diretto con So_Me (2008)

Dali Benssalah
A Faithful Man by Louis Garrel (2018)
Street Flow by Kery James and Leïla Sy (2019)
Savages (Season 1) by Rebecca Zlotowski and Sabri Louatah (2019)
No Time to Die by Cary Joji Fukunaga (2021)
My Brothers and I by Yohan Manca (2021)
The Line by Ursula Meier (2022)

Anthony Bajon
The Prayer by Cédric Kahn (2018)
In the Name of the Land by Édouard Bergeon (2019)
Les Méchants by Mouloud Achour and Dominique Baumar (2021)
A Radiant Girl by Sandrine Kiberlain (2021)
Another World by Stéphane Brizé (2021)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: