FILM TV Italia USA Variety

Good Night Oppy – il viaggio del Rover Opportunity alla ricerca di vita su Marte

Good Night Oppy

90 GIORNI DELLA MISSIONE
DIVENTANO 15 ANNI DEL VIAGGIO DI OPPORTUNITY

Regia: Ryan White
Scritto da: Helen Kearns e Ryan White
Con: Angela Bassett

il viaggio del Rover Opportunity alla ricerca di vita su Marte su Prime Video

Il 24 gennaio 2004, un team di scienziati e ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA ha osservato con ansia l’atterraggio del Mars Exploration Rover Opportunity per una missione pianificata di novanta giorni. Conosciuto dal gruppo come “Oppy“, il robot ha rappresentato anni di ingegno, lavoro di squadra e curiosità. Con il passare dei novanta giorni, è successa una cosa strana sulla superficie di un pianeta a milioni di miglia di distanza: Oppy ha superato ogni aspettativa e ha consegnato molto di più.

Con effetti visivi fotorealistici e animazioni di Industrial Light & Magic e la voce di Angela Bassett, Good Night Oppy traccia l’indimenticabile viaggio di Oppy e un legame indescrivibile che si è formato mentre il rover cercava la vita su Marte

Amazon Studios e Amblin Entertainment presentano con orgoglio Good Night Oppy, diretto da Ryan White, prodotto da White e Jessica Hargrave e prodotto da Darryl Frank e Justin Falvey di Amblin, Brandon Carroll e Matthew Goldberg di Film 45. Stephen Neely, Ryan Schiavo e Max Wagner sono i produttori esecutivi.

Good Night Oppy arriva su Prime Video dal 23 novembre

immagine da Good Night Oppy

La produzione di Good Night Oppy:

Nel gennaio 2004, il Mars Exploration Rovers Spirit and Opportunity della NASA ha completato un viaggio di sei mesi attraverso lo spazio ed è atterrato con successo sul Pianeta Rosso – Marte. I rover a sei ruote e un metro e mezzo, incarnazione di anni di dedizione, ingegno e lavoro di squadra, hanno intrapreso una missione di novanta giorni per raccogliere campioni geologici e atmosferici e trasmettere i dati a un team di scienziati ansiosi e nervosi e ingegneri del Jet Propulsion Laboratory (JPL). Sebbene empiricamente identici, Spirit e Opportunity esibivano le proprie personalità individuali: Spirit era ostinato e goffo; Opportunity era un successo. I gemelli attraversarono lentamente il terreno inesplorato e placarono le menti curiose a casa. E poi accadde qualcosa di inaspettato:

novanta giorni passarono e Spirit e Opportunity, meglio conosciuti come “Oppy“, sopravvissero…

immagine da Good Night Oppy

Nel marzo 2020, il regista Ryan White e la produttrice Jessica Hargrave si sono uniti al produttore Brandon Carroll nel quartiere Atwater Village di Los Angeles per una cena. In precedenza Carroll aveva collaborato con grande successo con Hargrave e White in The Keepers, una serie nominata agli Emmy sull’omicidio irrisolto di una suora cattolica, e Serena, un film sulla leggenda del tennis Serena Williams. Carroll sperava che White e Hargrave volessero unirsi a lui in una spedizione cinematografica su Marte:

Ci fidiamo dell’istinto e della sensibilità narrativa di Ryan“, afferma Carroll. “È un regista di buon gusto. Rispetta i soggetti. Mi fido solo di lui. E aiuta il fatto che abbiamo passato un paio d’anni di produzione insieme, quindi sappiamo come gli piace lavorare“.

Al momento dell’incontro, molti degli elementi fondamentali del documentario proposto erano già presenti. Nel 2019, i produttori esecutivi di Good Night Oppy, Stephen Neely e Max Wagner, hanno identificato la storia dell’incredibile viaggio di Oppy come un potenziale progetto da sviluppare per Film 45, una società di produzione nominata all’Oscar e vincitrice di un Emmy Award.

immagine da Good Night Oppy

Carroll e il collega produttore di Film 45 Matthew Goldberg hanno rafforzato lo sforzo collaborando con i produttori di Amblin Entertainment Justin Falvey e Darryl Frank. Amblin, l’azienda che ha introdotto E.T. Extra-Terrestrial, Ritorno al futuro e Jurassic Park nel mondo, hanno abbracciato i temi dell’immaginazione e della scoperta del progetto:  “Quando pensi al marchio Amblin, al logo e a ciò che l’azienda rappresenta, è stato un bersaglio . Non ci sono molte cose in arrivo che sono così precise in termini di meraviglia, avventura, esplorazione e portata epica“, osserva Frank.

Frank e Falvey hanno visto il potenziale per una rara esperienza cinematografica che le famiglie possono condividere insieme. “Cerchiamo sempre di fare cose che possano piacere a bambini e genitori allo stesso modo, e cose che uniscono l’intera famiglia“, dice Frank della sua immediata affinità per l’argomento.State entrambi guardando, entrambi vi divertite e nessuno scende a compromessi. Difficile trovare progetti del genere”.

L’incredibile storia di Opportunity ha creato una base di fan entusiasti e intergenerazionali: “Mio figlio aveva un Lego Oppy che ha costruito con la sua classe“, dice Falvey.Sapeva di più sul rover Opportunity della maggior parte degli adulti. Abbiamo riconosciuto che questa è stata una vera opportunità per parlare una lingua per tutte le generazioni”.
Una squadra si è formata rapidamente, allineata nel loro impegno per creare un film che mettesse in risalto rispettosamente le molte persone che hanno contribuito al successo di Oppy. Amblin e Film 45 hanno contattato la NASA, sottolineando che avrebbero presentato la storia di Oppy con grande cura: “Siamo andati alla NASA per convincerli a benedire il progetto. Erano entusiasti”, ricorda Carroll. “La NASA è stata di grande supporto e ha iniziato a fornirci alcune risorse e ricerche“.

GOOD NIGHT OPPY Courtesy of Prime Video

I produttori hanno ricevuto i materiali con discrezione e uno straordinario senso di responsabilità. “Volevamo che fosse reale e autentico, e che la NASA e il JPL sembrassero una rappresentazione accurata di ciò che è realmente accaduto”. dice Frank. “Abbiamo tutti sentito un’enorme responsabilità nei confronti del JPL e della NASA per farlo in modo credibile. Volevamo che lo vedessero e si sentissero bene.

Falvey osserva che la sensibilità e l’intelligenza dei documentari di White ispirerebbero ulteriore fiducia. “C’è una sicurezza in questo, riconoscendo che la storia sarà raccontata in modo rispettoso e appropriato e con tutta la dovuta diligenza richiesta“, commenta Falvey.

S.O.S – Good Night Oppy:

Durante il fine settimana successivo alla cena con Carroll, l’invadente pandemia di COVID ha spinto il mondo all’isolamento. White e Hargrave si sono consolati con una proiezione a casa di E.T. l’extraterrestre. “E.T. è stato uno dei miei film preferiti crescendo. Ci siamo incontrati a casa mia e non c’era corrente, ricordo Abbiamo guardato e singhiozzato alla fine”, ricorda White.
I realizzatori si sono chiesti se la produzione potesse procedere o meno. Hargrave spiega le loro misure per la risoluzione dei problemi: “Sapevamo di volerlo fare. Il passo successivo, quando abbiamo iniziato a realizzare questo nuovo mondo in cui vivevamo, è stato: “Possiamo ancora farlo?” E siamo stati fortunati a renderci conto che potevamo, perché i componenti chiave del film erano filmati d’archivio, interviste con persone che risiedono in gran parte a Los Angeles e lavorano al Jet Propulsion Laboratory, e poi all’elemento di effetti visivi.

Un’attenta e cauta pianificazione ha portato alla prima ripresa dal vivo di Good Night Oppy al lancio di Perseverance al Kennedy Space Center il 30 luglio 2020. “Quella è stata la nostra prima vera ripresa, il che è ironico perché è la fine del film“, White Commenti.È stato un bel modo di farlo. Per me vivere quell’esperienza emotiva al Kennedy Space Center e stare con il team quando stanno lanciando il loro nuovo bambino, e sentirlo con loro mi ha reso così entusiasta di raccontare la storia di Opportunity. Ha funzionato davvero emotivamente investire su di me come regista.

Con le riprese di Perseverance alle sue spalle, White e la redazione si sono tuffati in migliaia di ore di filmati d’archivio. “La NASA, a quanto ho capito, ha sempre l’istruzione e la sensibilizzazione come parte della sua missione“, afferma Hargrave.

Tutti i dipendenti che lavorano lì, e tutte le persone che abbiamo intervistato, riconoscono che parte del loro lavoro non è solo scienza e ricerca, è incoraggiare gli altri a fare lo stesso: essere ispirati dallo spazio e saperne di più a proposito.

Fanno un buon lavoro nel documentare e fornire l’accesso al lavoro che svolgono nella misura in cui possono. Avevano un direttore della fotografia nello staff per periodi di tempo. Anche lo staff era molto abituato a questo, il che è fantastico perché sono tutti così a proprio agio con la telecamera, con qualcuno che è sempre lì a filmarli.

immagine da Good night Oppy

Good night Oppy – Life on Mars? :

Quando Oppy si è spostato su Marte, ha trasmesso centinaia di migliaia di fotografie dalla sua macchina fotografica direttamente a Internet, dove sono ancora catalogate online. “Le foto sono arrivate direttamente su Internet nel momento in cui sono state scattate“, spiega White. “Non è stato possibile controllarle. Steve Squyres ha detto che spesso quando si svegliava qualcuno in Europa aveva scoperto qualcosa nelle foto. Avevano scoperto qualcosa che Steve avrebbe poi guardato alle 9 del mattino. È stato davvero come se la scienza e il pubblico unissero le forze con estrema trasparenza”. L’archivio fotografico di Oppy, scattato con una fotocamera che ora è tristemente obsoleta, è diventato un elemento fondamentale per le immagini mozzafiato di Good Night Oppy

White ha espresso a ILM Visual Effects Supervisors che voleva che Good Night Oppy fosse diverso da qualsiasi altro film mai ambientato su Marte, desideroso di mettere a frutto il duro lavoro di Oppy:Parte del nostro tono di questo film era che sarebbe stata una delle prime volte Il “vero Marte” è stato portato in vita. I film sceneggiati su Marte sembrano incredibili, ma sono per lo più girati in location nei deserti. Il nostro vantaggio era che avevamo centinaia di migliaia di fotografie all’altezza degli occhi del vero Marte dai rover, ma anche immagini satellitari ad alta risoluzione che ci fornivano dettagli sulla topografia. È stato fantastico avere tutte queste immagini autentiche a nostra disposizione, ma è stato anche molto impegnativo perché volevamo rimanere il più fedeli possibile alla realtà, il che significava che non potevamo semplicemente lanciare un cratere qui o alcune montagne là.

ILM Visual Effects ha utilizzato in modo forense le immagini e i dati per trasportare il pubblico su un autentico terreno marziano, gli stessi spazi che Opportunity e Spirit stavano effettivamente attraversando“.

Good Night Oppy il suono Dust in the Wind:

I ricchi suoni di Good Night Oppy sono il risultato di una collaborazione tra il compositore Blake Neely, il sound designer Mark Mangini, l’attrice Angela Bassett e alcuni artisti della musica pop classica, tra cui The Beatles e Billie Holiday.

Il successo del B-52 del 1989 Roam dà il via a Good Night Oppy. Le canzoni del risveglio presenti nel film sono legate agli eventi che hanno accompagnato, con un’eccezione: “I B-52 sono arrivati all’ultimo secondo quando abbiamo inserito Roam nell’apertura, cosa che adoro. È una bella canzone per iniziare a correre”, condivide White.

White osserva che le canzoni hanno offerto una straordinaria colonna sonora reale ai viaggi dei rover. “Un ottimo esempio è la scena degli ABBA che cantano S.O.S. quando stanno cercando di far rivivere lo Spirito. Questo è stato trovato nell’archivio dal nostro editore Rejh Cabrera. Vedere tutte queste persone in questa stanza, tutti questi ingegneri e scienziati, e sono così sconvolti dallo stato del loro robot, come se fosse un bambino, e l’emozione di quella canzone, e il riavvio di Spirit. La vera emozione vive in queste stanze. È scienza e numeri ma è anche emozione

immagine da Good Night Oppy

Il due volte premio Oscar Mark Mangini ha costruito i suoni di Marte da zero. “È un’esperienza incredibile lavorare con Mark, che è un sostenitore dell’autenticità. Era nel deserto con una squadra, creando repliche delle parti di Opportunity con i materiali che aveva comprato al negozio di ferramenta, registrando tracce audio ambientali reali. E così siamo stati in grado di dare vita a Marte in un modo che non avrei mai creduto possibile. È stato un sogno lavorare con uno dei migliori sound designer del settore“, afferma White.

Come con gli altri artisti dietro Good Night Oppy, Mangini è andato direttamente alla NASA per avere una guida. “Prima sfida: come suona effettivamente un rover su Marte? Questo mi ha dato l’opportunità di andare al JPL a Pasadena in diverse occasioni e registrare quello che chiamano il “banco di prova“, l’unico doppelganger rimasto di Oppy. Potevo registrare e ottenere i suoni dei suoi motori, motori, ruote e strumenti scientifici. Ho avuto modo di catturare il vero suono e dare vita a Oppy in un modo molto realistico, che penso sia un aspetto importante del mio lavoro, che è creare la sensazione che tu stia effettivamente ascoltando ciò che stai vedendo. ILM ha ugualmente cercato di creare un’immagine fotorealistica di come potrebbe essere guardare Oppy e vederlo su Marte“.

Mangini ha anche costruito il suono qui sulla Terra, in particolare nella sala di controllo del JPL. “Volevo che tutto sembrasse reale perché quando hanno catturato quel filmato d’archivio al JPL, è solo una videocamera portatile di uno scienziato con un microfono in alto. E volevo un suono coinvolgente. Volevo che ti sentissi come se fossi in quella stanza”, spiega Mangini.

Spero che le persone siano sbalordite da ciò che noi umani siamo stati in grado di fare. C’è così tanta tecnologia ora. Stiamo facendo atterrare cose su Marte che non sono nemmeno pilotate. Penso che ora siamo così indifferenti alla scienza e spero che questo renda le persone sbalordite da ciò che abbiamo fatto. Stephen Neely produttore esecutivo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: