FILM TV Italia Variety

WILDCAT – la storia di salvezza di un gattino ocelot, un veterano di guerra e una scienziata su Prime Video

Prime Video e Amazon Studios
Presentano

WILDCAT

Diretto da
Melissa Lesh e Trevor Beck Frost

la storia di salvezza di un gattino ocelot, un veterano di guerra e una scienziata su
Prime Video dal 30 Dicembre

Un viaggio in un mondo raramente visto, spesso frainteso, di straordinaria bellezza, lussureggiante biodiversità e profonda emozione, Wildcat segue il viaggio di un’improbabile insieme familiare: un veterano traumatizzata della guerra in Afghanistan, una scienziata in cerca di rifugio dalla sua caotica infanzia, e un gattino ocelot orfano con poche possibilità di sopravvivere senza il loro aiuto.

Girato principalmente nella foresta pluviale amazzonica del Perù, Wildcat esplora il potere redentore della natura selvaggia attraverso gli occhi di questi tre singolari esseri.

Samantha Zwicker – Wildcat

Quando il veterano dell’esercito britannico Harry Turner è tornato dal servizio attivo, gli orribili eventi a cui ha assistito lo hanno lasciato alle prese con il disturbo da stress post-traumatico e la depressione cronica. Ossessionato da pensieri di autolesionismo e persino suicidio, Harry sembrava scomparire nel deserto, dove un incontro casuale con l’ambientalista Samantha Zwicker gli ha offerto una seconda possibilità.

Samantha e Harry salvano insieme un ocelot di un mese dal mercato nero e decidono di reintrodurre il gatto in natura. Innamoratosi sia del gattino che di Samantha, Harry accetta di diventare la “madre” adottiva dell’ocelot e trascorre 18 mesi in un remoto complesso nel profondo della giungla, dedicandosi interamente al gatto. Dall’allattamento al biberon alla prima caccia di roditori di successo del gatto, Harry celebra le loro pietre miliari. Ma Harry deve lottare con i suoi stessi demoni se lui e il gatto sopravviveranno.

Diretto da Melissa Lesh e Trevor Beck Frost (che ha anche collaborato al film del National Geographic Person of the Forest), Wildcat è prodotto da Frost, Lesh, Alysa Nahmias (Art & Krimes by Krimes, Unrest) e Joshua Altman (All These Sons, Minding the Gap).

Sentivo che la vita non valeva la pena di essere vissuta e forse avrei dovuto fare le valigie e andare dove nessuno conosce il mio nome.” – Harry Turner, Wildcat

Samantha Zwicker – Wildcat

Il regista, fotografo e ambientalista Trevor Beck Frost è inizialmente arrivato nell’Amazzonia peruviana per documentare il leggendario anaconda, il serpente più pesante e più lungo del mondo. Con sede nella città di Puerto Maldonado, nella regione di Madre de Dios in Perù, ha collaborato con gente del posto e scienziati per attraversare remote paludi e foreste alla ricerca del serpente. Dopo aver cercato per 40 giorni i segni del gigante acquatico, Frost e il team non avevano trovato nulla. ”Mentre tornavamo in città per riorganizzarci, un collega ha indicato un giovane nella hall di un hotel. “Vedi quel tizio?” gli disse l’amico di Frost. “Non crederai mai alla sua storia.”

L’uomo era Harry Turner, un veterano dell’esercito britannico che era venuto in Sud America per scomparire – e invece ha trovato uno scopo che avrebbe plasmato il suo futuro. Il momento sarebbe l’inizio di un viaggio di quattro anni in un viaggio pericoloso, a volte scoraggiante e alla fine redentore per tutti i soggetti coinvolti, inclusi i registi Melissa Lesh e Frost, e i loro colleghi produttori Alysa Nahmias e Joshua Altman.

Harry Turner Wildcat

Lesh, da tempo interessato a documentare le relazioni tra esseri umani, fauna selvatica e luoghi selvaggi, si è reso conto di aver trovato una storia unica e avvincente. “Trevor e io provenivamo da un background nel campo della scienza e della conservazione“, dice. “Sentivamo che con le nostre esperienze personali avremmo potuto dare sfumature a una storia complessa”.

Dopo essersi arruolato nell’esercito a soli 18 anni, un traumatico turno di servizio in Afghanistan ha lasciato Turner alle prese con il disturbo da stress post-traumatico e una grave depressione ricorrente. Sebbene un viaggio in Sud America abbia temporaneamente alleviato le sue sofferenze, ha avuto una ricaduta dopo essere tornato a casa in Inghilterra.

La vita, dice nel film, non valeva la pena di essere vissuta. Dopo un fallito tentativo di suicidio, decise di andare in Perù con un vago piano per porre fine alla sua vita lì.

La storia di Turner ha dato particolare risonanza alla situazione per i registi. “Una delle cose principali che collegava Harry e me è che ho lottato con la depressione per circa un decennio“, spiega Frost.

Nel 2015, durante uno dei numerosi viaggi in Sud America lavorando con organizzazioni non profit, Turner ha incontrato Samantha Zwicker, una dottoranda singolarmente determinata presso l’Università di Washington e fondatrice di Hoja. Nueva (spagnolo per “New Leaf”), un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla protezione dei popoli, della flora e della fauna della regione. Anche Zwicker aveva cercato rifugio in Sud America, nel suo caso per un trauma precoce legato a suo padre.

Ha reclutato Turner per aiutarla a fare qualcosa che non era mai stato realizzato prima: insegnare a un ocelot orfano le abilità di cui avrebbe bisogno per sopravvivere in natura.

All’epoca non c’erano opzioni reali per riportare alla vita selvaggia un gattino ocelot”, afferma Samantha Zwicker. “Avremmo dovuto mandarlo in uno zoo o in una struttura di soccorso che funzionasse come uno zoo. Ho iniziato a cercare qualcuno che fosse davvero bravo nella giungla e che si preoccupasse profondamente degli animali. Harry in realtà amava l’isolamento, vivere nel profondo della foresta pluviale e ovviamente si preoccupa profondamente per gli animali.

Turner, che ha incontrato Zwicker per la prima volta quando ha chiesto il suo aiuto per impostare i suoi sistemi di fototrappole, dice che stava semplicemente cercando un’opportunità per fare del bene.

Non potevo permettere che l’ocelot andasse al mercato nero, o in una fattoria didattica o a casa di qualcuno. Non sapevo se avrei potuto farlo, ma sapevo che ci avrei provato al 100%, qualunque cosa accada.

Diventare di nuovo umani: “È stata una sensazione incredibile sapere che [lui] non sarebbe andato al mercato nero, sapere che i suoi artigli non sarebbero stati tagliati, i suoi denti non sarebbero stati macinati“. Harry Turner

Wildcat

Uno dei luoghi più ricchi di biodiversità al mondo, l’Amazzonia peruviana comprende quasi i due terzi della massa continentale del paese, ma ospita meno del cinque percento della popolazione umana, insieme a quasi 4.000 specie uniche e minacciate. Tra le sue creature più sfuggenti e belle c’è l’ocelot, un gatto selvatico che ricorda un piccolo giaguaro. Un cacciatore solitario e crepuscolare, l’ocelot un tempo era comunemente trovato dagli Stati Uniti sudoccidentali attraverso le foreste pluviali del Sud America, ma la deforestazione, la caccia, gli incidenti stradali e il commercio di pellicce e animali domestici hanno ridotto drasticamente la loro portata e il loro numero.

Turner originariamente venne in Sud America per trovare rifugio. “È stata una decisione di salute mentale per me“, dice.Dopo l’Afghanistan, non volevo più stare in Inghilterra. Volevo stare dove c’erano animali selvatici e natura, perché quelli sono i luoghi che mi curano di più. Vorrei che più persone si sentissero a proprio agio nella natura. Molte persone non capiscono o apprezzano più la vita all’aria aperta, e se la situazione continua a peggiorare, potrebbe scomparire in 50-100 anni“.

Samantha Zwicker è atterrata nella regione di Madre de Dios per studiare e fotografare i giaguari utilizzando trappole fotografiche (note anche come fotocamere da pista) per catturare immagini della fauna selvatica con la minima interferenza umana possibile. Si è innamorata della foresta pluviale amazzonica ed è diventato il suo sogno ridare vita con successo al primo ocelot orfano. “Sono cresciuta con genitori che portavano a casa un procione ferito e cercavano di riabilitarlo“, dice. “Sono andata al college pensando che sarei diventata una veterinaria, ma conoscere il cambiamento climatico, la biodiversità e la conservazione alla fine mi ha messo sulla strada per uno dei luoghi più ricchi di biodiversità del pianeta“.

Senza precedenti tentativi riusciti di *rewilding di ocelot a cui attingere, Zwicker e Turner hanno sviluppato un protocollo che limiterebbe il contatto del gatto con umani diversi da Turner. “Abbiamo dovuto capire tutto da soli“, dice Zwicker.C’erano state alcune prove relative a linci e gatti africani, ma mai ocelot.

*Le attività di rewilding, o re-wilding, sono sforzi di conservazione volti a ripristinare e proteggere i processi naturali e le aree selvagge.

E quelle prove avevano più a che fare con ciò che era stato fatto di sbagliato. Il progetto è diventato un processo di apprendimento per Zwicker e Turner, nonché per l’intera comunità di rewilding. Il loro primo passo è stato ottenere l’aiuto dei veterinari locali, che hanno richiesto i permessi al governo per procedere. La dottoressa Miryam Quevado e il dottor Jesús Lescano hanno accettato di entrare e lavorare con loro. “Miryam rimane il nostro principale consulente veterinario fuori Lima“, afferma Zwicker. “Gestiamo insieme il programma di formazione veterinaria per la fauna selvatica. Da allora è stata super coinvolta in Hoja.” Il successivo passo era trovare un sito remoto ma accessibile che potesse fornire rifugio a tutti loro. Ma più di ogni altra cosa, era essenziale che il gattino formasse un forte legame con una sola persona per evitare che si abituasse troppo agli umani.

Wildcat

È emozionante guardarli in tempo reale mentre cercano di capire come fare qualcosa che non è stato fatto prima“, afferma Frost. “Hanno svolto un’enorme quantità di ricerche, ma per la maggior parte del tempo erano soli. Una delle cose più difficili era che Harry diventasse il custode principale pur mantenendo una distanza sufficiente per consentire all’ocelot di diventare indipendente.

In un periodo di due anni, Lesh e Frost hanno fatto 13 viaggi in Perù per filmare Zwicker e Turner in un sito sulle rive del fiume Las Piedras. Le sistemazioni erano semplici: una remota piattaforma di legno con letti a castello e tende. Hanno lavato i piatti e fatto il bagno in un piccolo ruscello e durante i tempi morti hanno guardato i film che avevano scaricato sui telefoni.

Non è un posto facile per girare un film, questo è certo“, dice Frost.Non c’era accesso al mondo esterno tranne un telefono satellitare, quindi era difficile rimanere aggiornati su tutto a casa. L’umidità non è l’ideale per le macchine fotografiche, le lenti si sono danneggiate, la nostra tenda è stata mangiata dagli insetti“.

I primi giorni di ogni viaggio sono stati difficili, dice, ma con il passare del tempo ha iniziato ad apprezzare i panorami, i suoni e gli odori unici della natura selvaggia amazzonica.

Credo che quell’esperienza sia stata una parte enorme dei viaggi di Harry e Sam“, afferma il regista.Per me, ho iniziato a sentirmi come se stessi diventando di nuovo umano. Ti svegli quando c’è luce, vai a dormire quando è buio e segui il tuo percorso biologico più vero. È un’opportunità per distaccarsi temporaneamente dalla realtà attuale.

Lesh e Frost catturano sia la bellezza che le difficoltà della vita nel campo remoto, ma erano in qualche modo limitati nel tempo che potevano trascorrere sul posto perché dovevano partire periodicamente per tornare indietro. riprese e finanziamenti sicuri per continuare la produzione. E a causa delle sue responsabilità accademiche e di raccolta fondi, Zwicker ha trascorso una parte significativa del tempo viaggiando.

Abbiamo dovuto dipendere da Harry per continuare a filmare mentre eravamo via e per accendere la telecamera su alcuni momenti davvero fragili della sua vita“, dice Lesh.Inizialmente pensavamo che sarebbe stata la nostra più grande sfida. Ma alla fine ci siamo resi conto che era uno dei maggiori punti di forza del progetto“. Turner ha registrato circa un terzo del filmato utilizzato nel film, racconta, filmando i suoi incontri con il gatto, dalla sua introduzione a una palla di pelo di 1,6 libbre con zanne e artigli impressionanti, attraverso i suoi sforzi per riportarlo in libertà. Insegna all’animale cosa mangiare (principalmente lucertole, rane, insetti e piccoli roditori), lo incoraggia ad arrampicarsi nella volta della foresta e come evitare i molti pericoli della vita in Amazzonia.

Quelle scene catturano ciò che non avremmo mai potuto avere“, afferma Lesh. Era solo nella foresta e la macchina fotografica è diventata la sua compagna durante i periodi di isolamento e un modo per lui di parlare con noi quando non c’eravamo. Ci ha aiutato ad andare più in profondità“.

Il video diario di Turner cattura alcuni dei suoi momenti più intimi, siano essi intermezzi romantici con Zwicker, la sua disperazione quando il gatto scompare, un assalto di insetti o gli inevitabili mal di stomaco.

La giungla trova sempre nuovi modi per ucciderti“, dice Altman. Harry era terribilmente malato durante alcune delle riprese, ma ha continuato ad andare avanti. È stato gravemente ustionato dall’acido della batteria, aveva almeno 12 moscerini conficcati nella schiena, ma non ha mai dimenticato che la sua missione era proteggere l’ocelot.

Nonostante queste difficoltà, la dedizione di Turner all’ocelot gli ha dato un motivo per alzarsi ogni giorno, crede Frost.Avere qualcosa o qualcuno di cui prendersi cura è molto importante. Siamo biologicamente cablati con la necessità di uno scopo, ma la depressione e il disturbo da stress post-traumatico possono far sembrare impossibile trovarlo. Harry è stato in grado di sfuggire a un certo tipo di realtà perché doveva essere completamente impegnato ogni giorno con il gatto.

Nonostante la dedizione di Turner al processo, tuttavia, non c’era modo di prevedere l’esito di quello che era essenzialmente un esperimento, affermano i registi. “Non sapevamo cosa sarebbe successo o come si sarebbe trasformato durante il periodo delle riprese“, spiega Lesh. Cercare di riportare un animale in un habitat naturale è all’avanguardia, e man mano che gli habitat cambiano e perdiamo più specie, diventa ancora più importante“.

Note di produzione dei registi:

Nel 2018 Wildcat è iniziato, quando siamo stati irresistibilmente attratti da due persone straordinarie, Samantha Zwicker e Harry Turner, che vivevano nell’Amazzonia peruviana salvando e riabilitando la fauna selvatica orfana destinata al commercio illegale di animali domestici. È diventato chiaro che le loro relazioni con gli animali selvatici e il loro livello di investimento nel successo di queste creature – in particolare l’ocelot al centro della storia del nostro film – andavano più in profondità di quello che sembrava.

C’era qualcosa di essenziale in questo lavoro per ognuno di loro che, nel corso della produzione, ha ampliato la nostra visione della storia e ci ha fatto riflettere sul nostro rapporto con il mondo naturale e il nostro passato.

Fin dall’inizio abbiamo abbracciato un processo di profonda collaborazione con Samantha e Harry. A causa delle regole e dei protocolli che avevano riguardo agli estranei che interagiscono con gli animali selvatici, non siamo stati in grado di filmare con l’ocelot, che all’inizio ha rappresentato una grande sfida. Rapidamente, tuttavia, ci siamo resi conto che erano naturali con le fotocamere e siamo stati in grado di catturare momenti che altrimenti non potevamo fare. Harry e Samantha sono diventati non solo partecipanti al film, ma cineasti. Abbiamo trascorso ore a parlare tra noi quattro di cinematografia, tecniche di registrazione del suono e costruzione di scene.

Ci siamo rivolti a film come Virunga, Evelyn, Minding the Gap, Grizzly Man e Jane per ispirazione e tecniche su come costruire la storia. Scrittori come Bessel Van Der Kolk, M.D. – The Body Keeps the Score – insieme a Frans de Waal, Wade Davis, Richard Louv e Robin Wall Kimmerer, hanno fornito ulteriori punti di vista mentre esploravamo idee più ampie ed esploravamo concetti come l’intelligenza animale, disturbo da deficit di natura, crescita post-traumatica e, più in generale, la nostra connessione umana con la natura. Abbiamo abbracciato un POV(First person point of view) in prima persona per avvicinarci al viaggio e abbiamo dotato Samantha e Harry di telecamere a infrarossi per catturare i comportamenti notturni.

Le giustapposizioni visive nella cinematografia avevano lo scopo di enfatizzare il contrasto tra la società e la foresta pluviale, utilizzando fotogrammi bloccati e distanti nelle città rispetto a riprese più fluide e intime nella natura selvaggia. Allo stesso modo è stata utilizzata una tavolozza di colori caldi e vivaci per la vita in natura per accentuare l’emozione e il senso di connessione in contrasto con una tavolozza molto più fredda e seria per la vita nella società. I microfoni ambisonic sono stati impiegati sul posto per catturare un paesaggio sonoro completamente immersivo, conferendo al film una specificità udibile per ogni uccello, rana, scimmia e insetto.

Le conversazioni sui nostri traumi passati e le lotte per la salute mentale hanno anche influenzato il modo in cui ci siamo avvicinati alla narrazione. L’intimità del filmato e lo sguardo risoluto sulla salute mentale sono il risultato di forti amicizie e vulnerabilità condivisa forgiate tra noi come registi e Harry e Samantha attraverso quasi 200 giorni di vita insieme su una piccola piattaforma di legno in Amazzonia. Questo livello di isolamento – con elettricità limitata, niente Internet e quasi nessun’altra persona intorno a noi – ha contribuito alla profondità della nostra connessione e al modo in cui la storia ha preso forma.

In alcuni casi la macchina fotografica è diventata una compagna, uno sbocco attraverso il quale siamo stati in grado di esprimere ed esplorare le emozioni, nonché uno strumento per catturare il processo di reintroduzione dell’ocelot. Abbiamo accettato che il film contenesse prospettive sia in prima che in terza persona al suo interno, ed eravamo tutti interessati ai reciproci punti di vista. Il film non esisterebbe se non fosse per il filmato creato

In Wildcat assistiamo in tempo reale alla difficoltà del lavoro di conservazione della fauna selvatica, e anche ai motivi per cui deve essere perseguito. Allo stesso tempo, i viaggi interiori di Samantha e Harry parlano dei dolori del lasciarsi andare, delle sfide di convivere con un trauma, diventare maggiorenni e contribuire a qualcosa di più grande di noi stessi. Impariamo da Harry e Samantha che ciò con cui lottiamo non ci definisce e che nonostante le nostre lotte possiamo ancora ottenere lo straordinario. – Melissa Lesh e Trevor Frost, registi di Wildcat

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: