Italia Testi Canzoni Variety

GAUBE – MURO il nuovo singolo prog-rock politico anticipa il nuovo album

GAUBE

MURO

il nuovo singolo prog-rock politico anticipa il nuovo album

Muro artwork di Elena Marinozzi

Dopo l’EP d’esordio dello scorso aprile dal titolo Confini, Muro è il nuovo singolo di Gaube, in uscita sulle piattaforme digitali il 30 novembre per Bonimba/Santeria/Audioglobe realizzato con il sostegno di Italia Music Lab, che anticipa il prossimo album del giovane cantautore e musicista.

Artista decisamente engagé, nato e cresciuto in terra di Briganti, la Maremma, prima di trasferirsi nella “rossa” Bologna, Gaube è un outsider della nuova musica italiana, tanto disinteressato alle logiche dei click e delle views quanto convinto sostenitore di un approccio militante all’espressione artistica e di una musica politica che guarda con ammirazione a De Andrè e agli Area, ai Genesis e ai Pink Floyd, ma anche ai contemporanei Verdena e Iosonouncane.

Muro è un pezzo speculare al precedente singolo Confini, perché affronta di nuovo il tema delle migrazioni, evocando quelle meno raccontate che riguardano le frontiere balcaniche, dove centinaia di giovanissimi esseri umani tentano disperatamente di entrare in Europa, quella terra promessa che in realtà dimostra di essere un “Castello di false libertà”. Il brano parte con la voce ruvida e ombrosa di Gaube, fra mood darkwave dei primissimi ’80 e un cantato che si richiama al cantautorato politico degli anni’70, per poi deflagrare in un’esplosione di ritmi e sonorità che rimbalzano costantemente fra progressive rock e psichedelia, due coordinate che il nostro dimostra di conoscere bene, sia dal punto di vista artistico che tecnico.

Stream https://orcd.co/muro

Non ci sono ritornelli o strofe che si ripetono, il pezzo è in costante evoluzione e la struttura è completamente libera”.

Gaube ha uno stile di scrittura al tempo stesso poetico e asciutto, minimale e immaginifico:

Cani dietro le spalle / Quando le gambe vanno verso il muro oppure Tra capanne di lamiera /Tra neve e ghiaccio fuochi ricoperti / Da corpi corpi trasparenti / Corpi di fantasmi di esseri morenti”.

Frasi brevi ma dense che, insieme a un suono dominato da chitarre taglienti, sintetizzatori e organi elettrici, producono immediatamente atmosfere e immagini quasi cinematografiche.

L’arte deve tornare a farsi politica e per farlo deve necessariamente legarsi alle grandi questioni del presenteè il concetto che guida la produzione artistica di questo “attivista” musicale, alfiere del nuovo prog-rock dal sapore psichedelico.

Per questo motivo, Gaube arriva al momento giusto.

Biografia: Lorenzo Cantini, in arte Gaube (in omaggio al cognome della nonna di origini tedesche), è un cantautore di 27 anni proveniente da un piccolo borgo dell’Alta Maremma con l’urgenza espressiva di dar voce a temi e riflessioni che l’arte – la musica odierna più nello specifico – faticano o non vogliono raccontare.

Il suo primo EP Confini – che riunisce i singoli Motore, Palafitte e la title-track – ha rivelato un sincero amore e una precisa conoscenza dell’orizzonte musicale degli anni ‘70, sia come sonorità che come modalità di registrazione: le canzoni di Confini infatti sono state registrate quasi interamente in presa diretta con la band, fra strumenti acustici e organi Hammond. In uscita il 30 novembre 2022, Muro è il suo nuovo singolo.

Credits
Testi di Lorenzo Cantini
musica di Lorenzo Cantini e Lorenzo Chiarello

Lorenzo Cantini – voce, chitarra elettrica, sintetizzatore
Davide Sorresina – batteria e percussioni
Lorenzo Chiarello – basso, sintetizzatore, elettronica
Emilio Valentino – chitarra elettrica
Francesco Cerasi – pianoforte, organo elettrico

Registrato da Stefano Bechini presso Mulino Records (VT) e Davide Sorresina presso Bonimba Studio (RM)
Missato e masterizzato da Stefano Bechini presso Green Brain Studio (SI)
Prodotto da Lorenzo Cantini, Francesco Cerasi, Lorenzo Chiarello e Davide Sorresina
Bonimba ©℗
Artwork di Elena Marinozzi

Testo canzone Muro di Gaube

Cani dietro le spalle

Quando le gambe vanno verso il muro

Aldilà pochi compagni

ma molte facce sprezzanti del mio ruolo

Tra capanne di lamiera

Tra neve e ghiaccio fuochi ricoperti

Da corpi corpi trasparenti

Corpi di fantasmi di esseri morenti

Spinti da un vento di triste necessità

Attorno al castello di false libertà

Spinti da fame da fiamme d’inferno

Bloccati tra reti come pesci nell’oceano

Spinti da fame da fiamme d’inferno

Bloccati tra reti come pesci nell’oceano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: