Cinema UK Variety

Polite Society – l ‘emancipazione di una adolescente nel desiderio di diventare stuntwoman

Polite Society

l ‘emancipazione di una adolescente
nel desiderio di diventare stuntwoman

immagine da Polite Society

Prossimamente al Cinema il film Polite Society una commedia d’azione anarchica ambientata a Londra che segue Ria Khan, una sfacciata studentessa e apprendista di arti marziali che sogna di diventare una stuntwoman di fama mondiale.

4167_D047_00035_R Director Nida Manzoor, cinematographer Ashley Connor and actor Priya Kansara on the set of their film POLITE SOCIETY, a Focus Features release. Credit: Saima Khalid / © 2023 FOCUS FEATURES LLC.

Quando Ria vede sua sorella maggiore Lena rinunciare ai suoi sogni abbandonando la scuola d’arte e fidanzandosi, il mondo di Ria viene scosso. Crede di dover salvare sua sorella dalle catene del matrimonio nell’unico modo che conosce, chiedendo l’aiuto dei suoi amici e tentando di portare a termine il più ambizioso di tutti i colpi di matrimonio in nome della libertà e della sorellanza. Polite Society è un allegro miscuglio di affetto fraterno, delusione dei genitori e azione audace e sanguinosa.

immagine da Polite Society

Polite Society presenta un cast guidato da Priya Kansara (Bridgerton, Half Bad), Ritu Arya (Red Notice, The Umbrella Academy), Shobu Kapoor (We are Lady Parts), Ella Bruccoleri (Call the Midwife), Seraphina Beh (Top Boy) , Shona Babayemi, Nimra Bucha (Ms. Marvel), Jeff Mirza (We Are Lady Parts) e Akshay Khanna (Chloe).

LE ORIGINI DI POLITE SOCIETY

La scintilla dell’idea che alla fine è diventata Polite Society – una commedia d’azione immensamente divertente e originale su due sorelle che affrontano le aspettative culturali e dei genitori – è stata accesa per la prima volta dalla sceneggiatrice e regista Nida Manzoor più di dieci anni fa. Ha scritto la prima bozza della sceneggiatura poco più che ventenne, ma ci sono voluti gli anni che seguirono per trovare i partner perfetti per portare il film ad una vita vibrante e piena di azione sullo schermo.

immagine da Polite Society

È stata una lunga strada, ma ora sono riuscita a realizzare il lungometraggio dei miei sogni”, condivide la regista Manzoor.

Uno di questi collaboratori è stato il produttore Olivier Kaempfer, che è entrato a far parte della sua società Parkville Pictures per aiutare a sviluppare il progetto nella fase iniziale. Kaempfer si è subito innamorato del progetto e ha portato BFI a bordo come primi finanziatori dello sviluppo.

Ho incontrato Nida per la prima volta nel 2016 quando ho visto il suo cortometraggio, Arcade, che è ancora oggi uno dei miei cortometraggi preferiti“, ricorda Kaempfer. “Mi è subito sembrato così diverso e fresco rispetto a tanti altri cortometraggi che stavo vedendo. Era una regista che volevo incontrare e con cui idealmente sviluppare un lungometraggio e quel lungometraggio è diventato Polite Society.

immagine da Polite Society

LE SFIDE DI POLITE SOCIETY:

Polite Society segue Ria Khan – interpretata da Priya Kansara nel suo primo ruolo da protagonista – una ragazza che affronta le sfide dell’adolescenza senza mai perdere di vista il suo sogno di diventare una stuntman. Ria idolatra sua sorella maggiore Lena, interpretata da Ritu Arya, che ha recentemente abbandonato la scuola d’arte.

Volevo fare un film su due sorelle che raccontasse il loro affetto perché non credo che si possa vedere davvero in molti film”, spiega Manzoor.Ho attinto dalla mia relazione con mia sorella. È una relazione così stretta, intima e amorevole, ma quando litighi con i tuoi fratelli, quel tipo di combattimento può essere il più brutale.

immagine da Polite Society

Questa sensazione viscerale di battaglie emotive tra fratelli ha fornito un’incredibile quantità di terreno fertile per raccontare una storia e ha permesso a Manzoor di rendere omaggio al genere d’azione, radicando contemporaneamente la storia nelle sfumature specifiche della sorellanza e dell’amicizia.

All’inizio della storia, vedi due sorelle che hanno la migliore amicizia che tu possa immaginare, e nel corso del film quell’amicizia viene davvero distrutta dopo che Lena rinuncia ai suoi sogni di diventare un’artista e decide di sposarsi ”, afferma Manzoor.E così Ria cerca di rompere il matrimonio semi-combinato di sua sorella eseguendo un’elaborata rapina e lanciandosi in un folle combattimento di kung-fu! Ma sebbene sia una commedia esagerata, si concentra davvero sulla sorellanza e sull’amicizia perché non riusciamo a vederli spesso, specialmente non in un film con numeri di danza e azione. È stata un’opportunità per me di mescolare tutti i film con cui sono cresciuta – film di Jackie Chan, film di Bollywood, The Matrix, e mescolarli in un film selvaggio sulla sorellanza che è stato così eccitante“.

I BRILLANTI COSTUMI DI POLITE SOCIETY:

Polite Society è un pezzo di cinema unico e visivamente accattivante che ha richiesto un team dedicato di artisti incredibilmente dotati per creare, mostrando un lato diverso della vita londinese. “Il guardaroba, il design, la cinematografia e la coreografia sono tutt’uno“, afferma il produttore Tim Bevan. “E quando entri nelle sequenze di combattimento c’è una natura poetica e balistica in esse della varietà del grande schermo. Una delle ultime sequenze di combattimento del film ha tutte queste persone che vi partecipano in tradizionali costumi colorati con bellissime sete che volano nel cielo. È un’esperienza molto cinematografica“.

4167_D025_00028_R Priya Kansara stars as Ria Khan in director Nida Manzoor’s POLITE SOCIETY, a Focus Features release. Credit: Parisa Taghizadeh / © 2023 FOCUS FEATURES LLC.

Quando il design dell’aspetto esteriore di Ria ha iniziato a prendere forma, ha indubbiamente aiutato Kansara a trovare il suo personaggio. “È stata una parte così importante per me entrare in Ria“, ricorda.Avevamo il team più incredibile ed erano così collaborativi nel loro processo. Ad esempio, avere i capelli di Ria come fa ogni giorno è stata una tale boccata d’aria fresca. L’ho adorato così tanto perché si limita a raccogliere i capelli in una coda di cavallo, non pensa nemmeno a dove mette il fiocco per la scuola, è così che va.

Con tutte le sue scene scolastiche, volevamo mantenerla molto giovane e fresca”, conferma la makeup designer Carter. “Aveva un trucco minimo e la direzione è venuta da Nida per renderla sempre un po’ trasandata. A volte, le persone ci dicevano sul set: “Hai bisogno di sistemare i capelli?” E il mio team diceva: “No, è così che dovrebbe essere, disordinata!

Prima delle riprese, Kansara ha lavorato con la coreografa Nileeka Bose, specializzata in danze dell’Asia meridionale e di Bollywood, per provare il ballo nuziale. “Avevo un’idea di come volevamo che fosse la danza perché doveva riflettere la danza di Devdas, ma è stato davvero divertente lavorare con Nileeka perché è un’incredibile coreografa“, afferma la giovane protagonista Kansara.

E mentre Manzoor riflette sul suo film, spera che le persone possano trovare qualche ispirazione in mezzo all’umorismo e all’azione. “Spero che il pubblico apprezzi la storia, lo spettacolo e il divertimento di un film che è una storia d’amore tra due sorelle dell’Asia meridionale e la loro sorellanza. È qualcosa che non vediamo spesso, soprattutto non all’interno di questo genere, ed è stato davvero eccitante per me. Crescendo sentendo il peso di essere una giovane donna ben educata e la pressione che deriva dalle aspettative di una “società educata”, trovo profondamente catartico realizzare film che mescolano i generi, sono anarchici, irriverenti e non rispettano alcuna regola e norme. Il cinema può essere qualunque cosa tu voglia che sia e chiunque può farcela.

Regia Nida Manzoor
Sceneggiatura Nida Manzoor
Produced by Tim Bevan, Eric Fellner, Olivier Kaempfer
Executive producer John Pocock
Music by Tom Howe, Shez Manzoor
Director of photographyProduction Ashley Connor
Design by Simon Walker
Art Direction by James Cross
Art director Ellie Jones, Sophie Lockwood
Makeup designer Claire Carter

immagine di copertina Priya Kansara stars as Ria Khan and Ritu Arya as her sister Lena in director Nida Manzoor’s POLITE SOCIETY, a Focus Features release. Credit: Saima Khalid / © 2023 FOCUS FEATURES LLC.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: